Canada – I manifestanti hanno occupato il centro di Ottawa

I manifestanti contro il governo canadese hanno bloccato completamente il centro della capitale del Paese. A Ottawa è stato dichiarato lo stato di emergenza. L polizia non è numero sufficiente per risolvere la situazione.

Nel fine settimana è proseguito ad Ottawa il “convoglio della libertà”: in segno di protesta contro le restrizioni del coronavirus, 5mila persone con l’aiuto di camion e altre auto hanno bloccato il centro cittadino, scrive il Washington Post. Le autorità della capitale canadese hanno dichiarato lo stato di emergenza, ma allo stesso tempo sottolineano che la situazione è “completamente fuori controllo” e richiede “il sostegno di altre giurisdizioni e livelli di governo”.

A causa delle proteste dei camionisti che, per la seconda settimana consecutiva, hanno interrotto la normale vita a Ottawa utilizzando i loro veicoli e bloccando il traffico nel centro della città, è stato dichiarato lo stato di emergenza.

Il sindaco Jim Watson ha detto: “La dichiarazione dello stato di emergenza dimostra che i rappresentati delle proteste in corso  sono un grave pericolo che minaccia la società e la sicurezza dei residenti e indica la necessità del sostegno di altre giurisdizioni e livelli di governo. ” Secondo il capo di Ottawa, lo stato di emergenza darà maggiore manovrabilità all’amministrazione.

Lo stesso giorno, in un’intervista, il sindaco ha notato che i manifestanti stavano “incalzando” e le autorità stavano “perdendo la battaglia”. Il dipartimento di polizia metropolitana ha avvertito che chiunque tenti di fornire supporto “materiale” ai manifestanti, inclusa la consegna di benzina e cibo, rischia di essere arrestato.

Secondo la pubblicazione, le proteste di sabato e domenica scorso contro le restrizioni sul coronavirus, secondo la polizia, hanno dimostrato “comportamenti estremamente distruttivi e illegali”: bloccare le strade con camion, lanciare fuochi d’artificio, guidare sui marciapiedi e “suonare continuamente il clacson”. In totale, circa 5.000 persone hanno preso parte ai raduni di Ottawa nel fine settimana e almeno un migliaio di camion e altri veicoli hanno bloccato le strade. I manifestanti chiamano il loro movimento un “convoglio per la libertà” e manifestazioni di solidarietà si sono svolte anche in altre città canadesi, tra cui Toronto, Quebec e Vancouver.

Secondo le autorità di Vancouver, i manifestanti hanno lanciato pietre e uova, preso a calci le auto e sparso chiodi sulle strade. Mentre si prevede che i manifestanti diminuiranno nei giorni feriali, la polizia nella città più popolosa del Canada, Toronto, afferma che continuerà a bloccare le strade del centro per mantenere la sicurezza pubblica e mantenere libere le strade di accesso per gli operatori sanitari.

Secondo il Washington Post, c’è un chiaro senso di impotenza nelle dichiarazioni delle autorità locali. “Al momento la situazione è completamente fuori controllo, perché tutto è gestito da individui del movimento di protesta”, ha commentato il sindaco di Ottawa durante la sua intervista. Il membro del consiglio comunale Jeff Leiper ha descritto la situazione come una “vergognosa occupazione” che rappresenta “una vera minaccia per molti, paralizzando i movimenti e mettendo sotto pressione lo stato mentale dell’intera città”, ha scritto il politico sul suo account Twitter, rivolgendosi al primo ministro del Paese Justin Trudeau e al primo ministro della provincia dell’Ontario, di cui la città appartiene, Doug Ford.

Secondo il quotidiano, Trudeau, contro il quale era diretta la maggior parte delle proteste, non ha risposto all’appello, e Ford nel suo stesso tweet ha spiegato che la dirigenza dell’Ontario non può disporre della polizia, ma ha fornito a Ottawa tutto ciò che ha richiesto e continuerà a fornire aiuto.
sono stati gettati allo sbando dalle rivolte. “Qualcosa sembra essersi rotto in Canada questa settimana. Sembra che un paese che si è sempre vantato dei suoi valori di buone maniere e rispetto sia scomparso, ed è stato sostituito da qualcosa che sembra molto più americano che canadese”, ha scritto Robin Sears, editorialista del Toronto Star, nella sua colonna.

Come ricorda il Washington Post, il “convoglio della libertà” è iniziato originariamente come una protesta contro le richieste statunitensi e canadesi di vaccinazioni obbligatorie per i camionisti che attraversavano il confine. Tuttavia, da allora questo si è evoluto in un movimento più ampio contro tutte le restrizioni sanitarie.

Nel suo documento programmatico, Canada Unity, una delle principali forze trainanti delle proteste, ha invitato il Senato e il Governatore Generale, rappresentante della regina britannica in Canada, a revocare le restrizioni o a far sì che il governo si dimetta, andando ben oltre il loro poteri.

“Lasciatemi rassicurare la gente di Ottawa che non intendiamo rimanere qui un giorno più del necessario. La nostra partenza dipenderà dal fatto che il Primo Ministro farà la cosa giusta: annulli tutte le richieste e le restrizioni alle nostre libertà “, ha affermato Tamara Lich, una degli organizzatori del Freedom Convoy.

Il Canadian Anti-Hate Network avverte che alcuni degli organizzatori della protesta non sono affatto camionisti e hanno opinioni di estrema destra.

Secondo la polizia, i residenti di Ottawa sono spesso presi di mira per intimidazioni e attacchi razzisti a causa delle proteste. «È solo un inferno. Rumore tutto il tempo. A casa, le stanze odorano di gas di scarico, i cani hanno paura. Inoltre, normalmente non possiamo uscire senza che qualcuno ci dica qualcosa”, ha affermato Karen Nielsen, residente a Ottawa.

Come notato dal Washington Post, gli organizzatori delle proteste hanno deciso di stabilirsi saldamente nelle loro posizioni fino a quando le loro richieste non saranno soddisfatte. I partecipanti alle manifestazioni montano tende, cucine da campo e persino attrezzano saune. Criticato da molti per l’inerzia, il capo della polizia di Ottawa Peter Sloly ha espresso preoccupazione per il fatto che se la situazione instabile dovesse degenerare, le forze dell’ordine potrebbero non essere sufficienti. Tuttavia, Trudeau ha precedentemente affermato che non utilizzerà ancora l’esercito.

La pubblicazione ricorda che, secondo i sondaggi, il pubblico canadese era piuttosto favorevole ai requisiti per la vaccinazione e in Canada si registra una delle percentuali più alte della popolazione vaccinata al mondo. La Canadian Road Freight Association respinge le proteste e sottolinea che la maggior parte dei suoi conducenti è vaccinata. Secondo la polizia di Ottawa, il “convoglio” riceve supporto logistico e finanziario sia a livello nazionale che dall’estero, anche in larga misura dagli Stati Uniti.

Exit mobile version