IRAQ – Le problematiche delle passate sanzioni all’Iraq permangono ancora oggi

Photo by Md Mahdi on Unsplash

PERSINO LE MATITE ERANO STATE BANDITE: GLI EFFETTI DELLE SANZIONI SUL SISTEMA EDUCATIVO IRACHENO

Iraq ‘ sistema educativo s è stato una volta salutato come il golden standard per l’istruzione in Medio Oriente, ma da allora è peggiorata sotto la devastazione di lunga durata del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ‘ (UNSC) sanzioni s degli anni 1990. Il governo iracheno ha a lungo evitato qualsiasi cambiamento sostanziale al sistema educativo, di cui molti iracheni sono estremamente insoddisfatti. Un curriculum obsoleto, infrastrutture scolastiche deteriorate, grave carenza di insegnanti e centinaia di migliaia di bambini non in grado di accedere alla scuola sono alcuni dei problemi che affliggono il sistema educativo iracheno. Per attuare la riforma, il governo iracheno deve iniziare ad affrontare queste questioni urgenti, nonché aumentare la dotazione di bilancio nazionale per l’istruzione.

Negli anni ’70, l’Iraq iniziò a sviluppare una campagna di alfabetizzazione per costruire una forza lavoro per i suoi settori in espansione, in particolare il petrolio. Il Ba ‘ ath partito voleva nazionalizzare la forza lavoro e impiego iracheni, piuttosto che dover lavorare di importazione. Nel 1977, la dotazione per l’istruzione nel bilancio nazionale dell’Iraq è aumentata dell’84%. Questa massiccia dotazione ha consentito la costruzione di quasi 700 scuole primarie e 300 scuole secondarie. L’importanza attribuita all’istruzione e all’alfabetizzazione in Iraq è stata codificata per legge dalla legge pubblica 118, che autorizzava l’istruzione obbligatoria gratuita per tutti i ragazzi dai 6 ai 15 anni. Nel 1978 fu promulgata la National Comprehensive Campaign for Compulsory Literacy Law, che proponeva l’eradicazione dell’analfabetismo come questione nazionale. Il sistema educativo si è espanso negli anni ’80, anche durante la guerra Iran-Iraq. Secondo l’UNESCO, negli anni ’80 l’Iraq ha destinato all’istruzione il cinque per cento del suo budget nazionale. Questo era superiore alla dotazione di bilancio media per l’istruzione nella maggior parte dei paesi in via di sviluppo, che all’epoca era del 3,8% .

Prima delle sanzioni, l’Iraq stava facendo passi da gigante nella lotta all’analfabetismo femminile nel paese. Secondo l’UNICEF, l’analfabetismo femminile è sceso da quasi il 92% nel 1957 a quasi il 12% nel 1990. Dopo che sono state applicate le sanzioni e molte ragazze sono state ritirate dalla scuola, l’analfabetismo è aumentato di quasi il 30% nel 1997, quasi il triplo della percentuale in pochi anni prima. Sebbene i tassi di analfabetismo e l’iscrizione alle scuole secondarie abbiano avuto un impatto negativo, l’UNICEF ha stimato che l’iscrizione delle donne all’istruzione superiore in realtà è aumentata leggermente dal 6% nel 1987 al 7,7% nel 2000. Ciò potrebbe essere spiegato dall’enfasi posta sull’istruzione superiore come mezzo di socializzazione. mobilità. Le donne irachene, cercando di aumentare le loro possibilità di lavoro, hanno iniziato a iscriversi a università finanziate con fondi pubblici.

Dopo l’Iraq ‘ s invasione del Kuwait e l’imposizione di sanzioni contro il paese, la società irachena ha sofferto. L’Iraq non poteva vendere il suo petrolio e ha dovuto mettere in atto un programma di razioni alimentari per evitare una carestia. Nel 1995, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha adottato la risoluzione 986, nota anche come ” programma Oil for Food”, che consentirebbe all’Iraq di scambiare petrolio con cibo, medicine e aiuti umanitari. Le deplorevoli condizioni di vita hanno portato ad un aumento dei tassi di mortalità infantile. In un sondaggio condotto  dall’UNICEF nel 1999 , la mortalità infantile era passata da 47 su 1.000 nati a 108 su 1.000 nati. Si ritiene che 500.000 bambini sotto i cinque anni siano morti durante le sanzioni.

A causa del peggioramento delle condizioni economiche, molti studenti hanno dovuto abbandonare la scuola per lavorare e fare soldi per le loro famiglie. Si stima che circa il 30% dei bambini in età scolare abbia abbandonato durante questo periodo di tempo. La spesa pubblica ha influito sugli stipendi degli insegnanti, facendo scendere lo stipendio medio a 6 dollari al mese . Nel 1998, il portavoce delle Nazioni Unite Eric Falt ha dichiarato che circa 8.000 edifici scolastici dovevano essere riabilitati a causa dei danni causati dalla guerra e dal sovraffollamento che hanno causato la necessità di costruire più di 5.000 nuove scuole. Le scuole non disponevano di servizi igienici di base come l’acqua corrente e l’acqua potabile pulita. A un certo punto, l’ elenco degli articoli di cui è vietato l’importazione in Iraq includeva le matite, perché si credeva che la grafite in piombo potesse essere usata dal partito Ba’ath per creare armi.

Le conseguenze delle sanzioni sul sistema scolastico iracheno sono ancora visibili fino ad oggi. Poco dopo l’invasione del 2003, l’Unesco in Iraq ha pubblicato un rapporto che delinea le sfide più importanti che riguardano l’Iraq ‘ sistema educativo s. I piani d’azione includevano il lavoro per aumentare la frequenza scolastica, aumentare il tasso di alfabetizzazione, ridurre i tassi di abbandono scolastico e rivedere libri di testo e curriculum. Dopo quasi due decenni di guerre e occupazione, l’istruzione è ancora inaccessibile ad alcuni iracheni. Non solo ci sono problemi infrastrutturali per il sistema scolastico, ma ci sono costi psicologici per la violenza che ostacolano la capacità di apprendimento degli studenti.

 Ci sono molti bambini sfollati interni in Iraq che non hanno accesso a nessuna forma di istruzione pubblica. A quando riferisce Rapporto UNICEF 2016 , si ritiene che ci siano 355.000 bambini sfollati interni che non vanno a scuola nel Paese, specialmente nelle province che negli ultimi anni sono state afflitte dal conflitto per mano di Dash. Per accogliere il numero enorme di bambini a scuola, le scuole hanno dovuto creare più turni per tenere le lezioni durante il giorno. L’investimento nell’istruzione da parte del governo non è affatto sufficiente. Attualmente, l’Iraq ha uno dei sistemi educativi con i fondi stanziati più bassi del Medio Oriente, anche se nel 2019 aveva un PIL di oltre 234 miliardi di dollari.

Mentre l’Iraq continua a svilupparsi dopo decenni di guerre, conflitti e sanzioni, è imperativo che il governo inizi a concentrarsi sul settore dell’istruzione. Questo non include solo il livello primario e secondario, ma anche l’istruzione superiore. Secondo il Barometro arabo 2018, alla domanda sulla propria soddisfazione per il sistema educativo, il 46% degli intervistati ha dichiarato di essere completamente insoddisfatto. Il governo iracheno deve concentrarsi su soluzioni che responsabilizzino i giovani e forniscano eque opportunità educative. I bambini sfollati e la loro inaccessibilità alla scuola dovrebbero essere una delle principali preoccupazioni del governo. 

Le sanzioni hanno esercitato un’enorme pressione sul sistema educativo e ne hanno bloccato la crescita e lo sviluppo. Il curriculum e i metodi di insegnamento sono obsoleti da decenni e necessitano di riforme e aggiornamenti. Inoltre, il governo iracheno deve affrontare la grave carenza di insegnanti e scuole in tutto il paese. L’istruzione è un diritto tutelato dalla costituzione per tutti e ogni iracheno dovrebbe avere un accesso equo ad esso.

scritto da GHAZI GHAZI  (Studi sul Medio Oriente presso l’Università di Harvard) e pubblicato su ‘Iraqi thoughts’.

Exit mobile version