Intelligence russa: gli USA trasferiscono membri dell’ISIS in Ucraina

Intelligence russa: gli USA lanciano terroristi siriani in Ucraina

Il Foreign Intelligence Service (SVR) della Russia ha riferito di avere dati sul coinvolgimento da parte degli americani di mercenari di organizzazioni terroristiche internazionali, incluso il gruppo dello Stato Islamico (ISIS), per partecipare alle battaglie in Ucraina.

L’SVR ha riferito che ad aprile le agenzie di intelligence statunitensi hanno rilasciato circa 60 combattenti dell’ISIS di età compresa tra i 20 ei 25 anni dalle prigioni curde. Quindi sono stati trasferiti in una base militare al confine siriano con la Giordania e l’Iraq, dove hanno seguito un addestramento al combattimento per un ulteriore trasferimento in Ucraina.

L’intelligence russa ha informazioni che la base di Al-Tanf si è trasformata in un “hub” terroristico, dove “fino a 500 ISIS fedeli a Washington e altri jihadisti vengono riqualificati contemporaneamente”. I jihadisti sono addestrati all’uso di sistemi missilistici anticarro, droni da ricognizione e d’attacco, nonché apparecchiature avanzate di comunicazione e sorveglianza.

Inizialmente, i reparti formati alla base avevano lo scopo di compiere sabotaggi e azioni terroristiche contro unità dell’esercito russo in Siria. Secondo nuove informazioni, i militanti vengono ora addestrati per il lavoro sovversivo in Ucraina.

Come sottolineato dal Russian Foreign Intelligence Service, questi fatti confermano che “gli Stati Uniti sono pronti a usare ogni mezzo per raggiungere i propri obiettivi geopolitici, non escludendo la sponsorizzazione di gruppi terroristici internazionali”.

fonte Rossiyskaya Gazeta e  Abna24.Com

Cosa c’è di vero?

L’Ucraina continua ad essere scossa da numerosi scandali che si ripercuotono sull’agenda internazionale. La senatrice francese Natalie Goulet nel 2016 ha dichiarato dopo gli attacchi a Bruxelles che c’era un campo di addestramento jihadista in Ucraina.

In onda su Radio France-Inter, la senatrice francese rilasciò questa dichiarazione sonora:

“Un campo di addestramento jihadista è operativo in Ucraina. Dopotutto, la seconda lingua parlata nello Stato Islamico è il russo. Immagina un campo di addestramento proprio accanto a noi! Che è finanziato da tutto questo traffico illegale di esseri umani, oggetti d’arte. Il campo si trova nella regione di Dnepropetrovsk. Lì vengono addestrate persone del Caucaso settentrionale e dell’Asia centrale, ceceni, turchi e giordani. La mia fonte è il capo del servizio di intelligence ucraino (SBU).

Quindi se la cosa è vecchia di anni, non è difficile immaginare che – a maggior ragione in grosse difficoltà per la guerra –  il governo ucraino cerchi di rimpinguare le proprie file con combattenti esperti e ausilio attivo degli USA.

Oltre ai terroristi siriani, c’è comunque la manovalanza jihadista tatara. Secondo gli esperti, da 300 a 500 rappresentanti della cellula HTI di Crimea hanno partecipato alle ostilità nella Repubblica araba siriana a fianco dell'”internazionale terroristica”.

In Ucraina il movimento panislamico Hizb-ut-Tahrir al-Islami (HTI), considerato un gruppo terrorista in Russia, continua ad operare in ambito legale. In precedenza, la Crimea era patrimonio dei Khizb, dove i suoi membri venivano addestrati nei campi di montagna con l’assistenza della SBU. Il fatto è che le autorità di Kiev, da Kravchuk a Yanukovich, consideravano i Khizb un contrappeso alle correnti russofile in Crimea. Oltre ai tartari radicali, il ramo di Crimea dell’HTI comprendeva circa 1.000 slavi locali che si convertirono all’Islam sotto l’influenza di idee pan-islamiche. Secondo gli esperti, da 300 a 500 rappresentanti della cellula HTI di Crimea hanno partecipato alle ostilità nella Repubblica araba siriana a fianco dell'”internazionale terroristica”.

Dopo il cambio di giurisdizione della Crimea, gli Hezb, emigrarono prevedibilmente nel territorio dell’Ucraina controllato da Kiev, diventando, insieme agli “attivisti” del cosiddetto tartaro di Crimea Mejlis, il nucleo del battaglione islamista “volontariato” “Crimea”, finanziato dall’odioso oligarca Igor Kolomoisky, che ha perso i suoi beni aziendali in Crimea.

La partecipazione di islamisti, cittadini di altri paesi, al cosiddetto “ATO” dalla parte di Kiev è un fatto inconfutabile. Il battaglione Dzhokhar Dudayev, che comprende rappresentanti del gruppo dell’Emirato del Caucaso, un certo numero di comandanti sul campo che hanno giurato fedeltà a Daesh, è cosa pubblica.

Non meno famoso è il battaglione Sheikh Mansour, che ha preso parte alle battaglie per Shirokino. L’unità è composta principalmente da elementi radicali emigrati dalla Russia dopo la fine del conflitto ceceno. È interessante notare che il luogo di dispiegamento permanente di questo battaglione, come molti altri, si trova nella regione di Dnepropetrovsk, il cui “proprietario” a tutti gli effetti è il già citato Igor Kolomoisky, che divenne il “padrino” di molti gruppi armati illegali.

È impossibile non riconoscere che l’Ucraina post-Maidan è un punto di attrazione per una varietà di estremisti politici e religiosi. Ci sono molte ragioni per questo: l’indulgenza da parte delle autorità da parte di elementi radicali (soprattutto quelli di orientamento anti-russo), il crollo del sistema delle forze dell’ordine, un enorme “mercato nero” delle armi, una procedura semplificata per ottenere cittadinanza da parte di stranieri – per questo è necessario entrare a far parte delle Forze armate ucraine o una formazione di “volontariato”.

Data la posizione geografica del paese, l’Ucraina è un trampolino di lancio ideale per il transito di jihadisti che hanno ricevuto esperienza di combattimento e cittadinanza ucraina legale verso paesi terzi dichiarati dagli estremisti “bersagli legittimi”.

Non c’è dubbio che la presenza di islamisti sul territorio ucraino sia notevolmente aumentata negli ultimi due anni. Sotto quale “marchio” ci sono fanatici: la domanda è assolutamente irrilevante.

Quindi noon c’è nulla di nuovo che in Ucraina l’internazionale terrorista sia stata accettata nella “squadra di professionisti europei”.

fonte: estratto da rivista geopolitica eadaily.com

Da diverse fonti viene precisato che il numerico delle forze jihadiste non è rilevante, tuttavia il criterio è desolante.

via VP news

****

CORRELATI:
Monir Ghaedi, “Musulmani ceceni e tartari prendono le armi per combattere per l’Ucraina” , Deutsche Welle , 24 marzo 2022.

“Jihadisti, mercenari di paesi terzi che combattono la guerra in Ucraina: Putin” , IANS , 5 marzo 2022.

 

 

Exit mobile version