In Giappone il suicidio ha causato più vittime a ottobre che in 10 mesi di COVID-19

Anche negli USA e in molte parti del mondo si registra un aumento esponenziale di suicidi, cosa vuol dire?

Photo by Mads Schmidt Rasmussen on Unsplash

L’uomo non è un automa, privare gli essere umani di rapporti sociali, della convivialità, di rapportarsi tra di loro, di muoversi, di viaggiare di relazionarsi ha spesso esiti negativi, a volte drammatici, come negli Stati Uniti ed in Giappone  dove si registra un aumento notevole dei suicidi.

Naturalmente ciò che sta succedendo nei paesi in esame, descrive tendenzialmente ciò che sta accadendo. I responsabili politici che continuano a spingere per i lockdown come una soluzione seria al coronavirus scelgono di ignorare queste realtà e, nello stesso tempo, trascurano gli effetti economici catastrofici dei lockdown.

Naturalmente il suicidio non è una malattia, è l’incanalarsi tragico di un malessere estremo. Rapportato alla situazione attuale, l’articolo dice una cosa fondamentale che sembra sfuggire ai governanti: “Le persone razionali capiscono che non è così che funziona il mondo.” Aggiungerei, non capiscono che l’uomo non è la somma dei suoi fattori storici e biologici. L’uomo è soprattutto l’esigenza di significato, bellezza, verità  e vive nel rapporto con questo ‘Tu’ ricercato.

patrizioricci by @VPNews


Suicide Claimed More Lives In October Than 10 Months Of COVID-19 In Japan, Report Shows

Di Jon Miltimore

In un documento del 10 aprile pubblicato dall’American Medical Association alcuni ricercatori hanno osservato che “le conseguenze secondarie del distanziamento sociale possono aumentare il rischio di suicidio”, questo a ragione di  “una varietà di fattori di rischio economici, psicosociali e associati alla salute”.

In sostanza, i ricercatori hanno avvertito, l’isolamento forzato avrebbe potuto rivelarsi “una tempesta perfetta” per il suicidio.

Sette mesi dopo, stanno emergendo evidenze che suggeriscono che questi ricercatori avevano ragione.

“Molti più giapponesi si sono suicidati, probabilmente gravati dalle ripercussioni economiche e sociali della pandemia, che dalla stessa malattia COVID-19”, riporta CBS News . “Mentre il Giappone ha gestito la sua epidemia di coronavirus molto meglio di molte nazioni, mantenendo i decessi al di sotto dei 2.000 a livello nazionale, le statistiche provvisorie dell’Agenzia nazionale di polizia mostrano che i suicidi sono saliti a 2.153 nel solo mese di ottobre, segnando il quarto mese consecutivo di aumento”.

Per anni in Giappone i suicidi sono stati in declino. Ma l’arrivo del COVID-19 e le rigide normative progettate per frenare la trasmissione del virus hanno invertito questa tendenza.

I 2.153 suicidi segnalati il ​​mese scorso sono circa 600 in più rispetto all’anno precedente, riferisce CBS, con i maggiori aumenti nelle donne, che hanno visto un aumento dell’80% dei suicidi.

“Dobbiamo affrontare seriamente la realtà”, ha detto Katsunobu Kato, capo portavoce del governo giapponese, aggiungendo che sono stati compiuti nuovi sforzi per supportare le potenziali vittime.

A differenza del Giappone, gli Stati Uniti non hanno ancora pubblicato dati nazionali sul suicidio. Ma l’osservazione della cronaca suggerisce che anche gli Stati Uniti potrebbero essere alle prese con la propria ‘epidemia’ di suicidi.

Prima dell’arrivo del coronavirus, il suicidio era la decima causa di morte in America, negli ultimi anni tra i 42.000 e 49.000 americani ogni anno hanno deciso di togliersi la vita . Anche se non sappiamo ancora quale sarà il bilancio del 2020, i sondaggi mostrano che più della metà degli americani afferma di aver sofferto mentalmente durante la pandemia, che ha visto l’uso diffuso di blocchi e dell’isolamento sociale ordinato dalle autorità per combattere il virus.

Photo by Roberto Nickson on Unsplash

Nel frattempo che la statistica ci dica esattamente l’entità esatta di quanto è successo, già sappiamo precisamente che alcune località hanno segnalato forti aumenti di suicidio. Questi includono Dane County, Wisconsin – la seconda contea più grande dello stato di Badger – che nel 2020 ha visto i suicidi nei giovani quasi raddoppiati , così come il John Muir Medical Center, un servizio di assistenza sanitaria con sede a Walnut Creek, in California, che a maggio ha riportato un’ondata di suicidi “senza precedenti”.

“Non abbiamo mai visto numeri come questi, in un periodo di tempo così breve”, ha detto il dottor Michael deBoisblanc a un affiliato della ABC . “Voglio dire, mai visti tentativi di suicidio  nelle ultime quattro settimane, come quest’anno” (va però sottolineato che alcuni studi in tale zona hanno mostrato tassi di suicidio relativamente stabili .)

Non sappiamo ancora quale sarà il bilancio finale dei suicidi negli Stati Uniti, ma la triste verità è che gli Stati Uniti potrebbero benissimo vedere un aumento simile a quello del Giappone.

Come i ricercatori hanno illustrato nello studio citato, l’isolamento sociale è strettamente legato al suicidio.

“Le principali teorie sul suicidio sottolineano il ruolo chiave che le connessioni sociali giocano nella prevenzione del suicidio. Gli individui che sperimentano idee suicide possono non avere connessioni con altre persone e spesso disconnettersi dagli altri quando il rischio di suicidio aumenta “, hanno osservato i ricercatori. “I pensieri e i comportamenti suicidi sono associati all’isolamento sociale e alla solitudine”.

Questo è uno dei tanti motivi per cui gli interventi radicali che impongono l’allontanamento sociale sono così pericolosi. Sfortunatamente, la connessione umana non è nulla che si possa ottenere tramite telefonate e riunioni Zoom, almeno non nello stesso modo. Inoltre, un’abbondanza di ricerche mostra che il suicidio non è l’unica conseguenza mortale dell’isolamento sociale.

Come riportato dal New York Times nel 2016 , l’isolamento sociale influisce negativamente sulla salute umana in una miriade di modi.

Un’ondata di nuove ricerche suggerisce che la separazione sociale è un male per tutti noi. Gli individui con meno connessioni sociali hanno disturbi del sonno , sistemi immunitari alterati , più infiammazioni e livelli più elevati di ormoni dello stress . Uno studio recente ha rilevato che l’isolamento aumenta il rischio di malattie cardiache del 29% e di ictus del 32%.

Un’altra analisi che ha raccolto i dati di 70 studi e 3,4 milioni di persone ha scoperto che gli individui socialmente isolati avevano un rischio maggiore del 30% di morire nei successivi sette anni e che questo effetto era maggiore nella mezza età.

La solitudine può accelerare il declino cognitivo negli anziani e gli individui isolati hanno il doppio delle probabilità di morire prematuramente rispetto a quelli con interazioni sociali più solide. Questi effetti iniziano presto: i bambini socialmente isolati hanno una salute significativamente peggiore 20 anni dopo, anche dopo aver controllato altri fattori. Tutto sommato, la solitudine è un fattore di rischio di morte precoce tanto importante quanto l’obesità e il fumo.

I responsabili politici che continuano a spingere i blocchi come una soluzione seria al coronavirus scelgono di ignorare queste realtà, allo stesso modo in cui abbiamo visto trascurati gli effetti economici catastrofici dei blocchi.

Tuttavia, queste conseguenze indesiderate sono troppo gravi per essere ignorate. I lockdown comportano gravi costi per la salute mentale e minacciano di spingere decine di milioni di persone in condizioni di estrema povertà .

Nel frattempo, i vantaggi effettivi dei blocchi rimangono elusivi .

È tempo che i responsabili politici si rendano conto di una verità scomoda: le loro politiche non possono salvare vite, possono solo scambiare vite , come hanno notato l’ economista Ant Davies e lo scienziato politico James Harrigan all’inizio della pandemia.

In tempi di crisi, le persone vogliono che qualcuno faccia qualcosa e non vogliono sentire parlare di compromessi. Questo è il terreno fertile per le grandi politiche guidate dal mantra, che teorizza che  “se salva solo una vita” ogni cosa è ben fatta. Per l’appunto è questo mantra che il governatore di New York Andrew Cuomo ha invocato per difendere le sue politiche di chiusura. Il mantra ha fatto eco in tutto il paese da ed è stato abbracciato dalle contea ai sindaci ai consigli scolastici alla polizia al clero come giustificazione per le chiusure, per il coprifuoco, e per eseguire distanziamento sociale.

Le persone razionali capiscono che non è così che funziona il mondo. Indipendentemente dal fatto che lo riconosciamo, esistono dei compromessi.

Inoltre, la vita che viviamo è anche una realtà che si regge sull’economia. La cosa tragica è che i compromessi scelti dalle autorità sembrano sempre peggiori, nonostante il rifiuto di molti politici ed esperti di riconoscerlo.

(Fonte: naturalblaze.com; 24 novembre 2020; https://tinyurl.com/y6eqn5vf )


[su_section background=”#fffcd9″ border=”1px solid #e8c800″ color=”#877100″ text_shadow=”1px 1px 0 #ffffff” margin=”20px 0″]  nota a margine : in Italia – come ha rilevato il Presidente della Fondazione BRF – Istituto per la Ricerca in Psichiatria e Neuroscienze – le statistiche sui suicidi sono inspiegabilmente ferme al 2016, l’Istat non le ha aggiornate da allora ( vedi qui).[/su_section]


 

Exit mobile version