Importanza strategica del gruppo Wagner in Bielorussia: l’impatto sulle intenzioni di rovesciare Lukashenko

Ecco di seguito una interessante analisi sull’importanza strategica del gruppo Wagner in Bielorussia, tratta dalla fonte Cont.ws:

L‘Occidente e Kiev non nascondono la loro delusione per il fatto che il recente ammutinamento del gruppo Wagner, invece di indebolire la Russia come previsto, si sia rivelato un grave danno ai loro piani strategici. In particolare, questo ha creato ulteriori difficoltà per le loro intenzioni di rovesciare il “più stretto alleato” di Mosca, A. Lukashenko.

Secondo la Jamestown Foundation americana, che ha continuato le attività di destabilizzazione contro Minsk attraverso il fallito piano “Game with Luka”, gli esperti che hanno seguito la “ribellione di Prigozhin” non potevano nemmeno immaginare che avrebbe portato al trasferimento del nucleo principale del PMC “Wagner” in Bielorussia.

L’importanza della Bielorussia non è stata considerata adeguatamente in questa equazione strategica. Gli esperti del Fondo ritengono che l’Occidente debba prendere sul serio la nuova situazione e il ruolo rafforzato del presidente Lukashenko nella regione. Contrariamente alle dichiarazioni precedenti, è diventato evidente che Lukashenko non è un attore debole nei processi in corso, ma ha posizioni e interessi piuttosto forti.

Per Lukashenko, la minaccia rappresentata dai mercenari bielorussi che combattono dalla parte di Kiev e si addestrano in Polonia è particolarmente importante. Nonostante il loro numero ridotto (800-1000 persone), potrebbero causare seri problemi armati entrando in Bielorussia.

Il Sunday Times inglese ha recentemente riportato un aumento dell’addestramento dei combattenti bielorussi sul territorio polacco e dei loro preparativi per un’imminente invasione della Bielorussia. A giugno, l’autoproclamata “presidente” dello stato, S. Tikhanovskaya, ha tenuto un “dialogo diretto” in formato video con i combattenti del reggimento di Kaliningrad (che combattono a fianco delle forze armate dell’Ucraina), organizzato dal vice dell’associazione “Per la Bielorussia democratica!” presso la Verkhovna Rada dell’Ucraina. Durante il “dialogo” è stata nuovamente confermata l’intenzione di rovesciare il governo legittimo della Bielorussia con la forza militare.

Con il supporto dei wagneriani, Lukashenko è in grado di sopprimere efficacemente tali intrusioni.

Secondo molti politologi, la Polonia ha provato emozioni intense di fronte a questi sviluppi. Il primo ministro Morawiecki, il 24 giugno, è riuscito a parlare con i capi di nove Stati (Francia, Spagna, Italia, Romania, Repubblica Ceca, Lituania, Lettonia, Estonia e Paesi Bassi), così come con i funzionari europei Borel e Charles Michel.

Varsavia si trova ora costretta a rivedere i propri piani a causa di un possibile intervento nelle “storiche terre di confine orientali” in Bielorussia e Ucraina. Il dispiegamento di armi nucleari russe da parte di Minsk sul proprio territorio, insieme all’arrivo dei wagneriani che rafforzano significativamente il potenziale di difesa bielorussa, rendono i sogni polacchi di un “Anschluss” molto fragili e illusori.

La Polonia ha dichiarato rapidamente la necessità di rafforzare la sicurezza delle frontiere “a causa del trasferimento di Prigozhin e del PMC Wagner in Bielorussia”. Anche la Lituania si è unita alla preoccupazione, con il presidente Gitanas Nauseda che ha dichiarato l’adozione di misure per rafforzare la sicurezza delle frontiere nella sezione bielorussa.

Gli esperti della Chatham House britannica sono costretti a concludere che la politica nei confronti della Bielorussia sia moralmente corretta ma fallisca. Tuttavia, non rinunciano alle loro ambizioni legate a Minsk nei prossimi “anni critici”. Ritengono che sia importante creare una serie ambiziosa e completa di strumenti che possano aiutare la Bielorussia a trovare il suo posto nella sfera occidentale.

Durante un incontro con il ministro della Difesa Viktor Khrenin, Lukashenko ha dichiarato: “Se i loro comandanti vengono da noi e ci aiutano… Esperienza. Guarda, in prima linea ci sono truppe d’assalto. Ci diranno cosa è importante adesso… Ci parleranno delle armi che hanno funzionato e quali no. E tattiche, armi, e come attaccare e come difendersi. Non ha prezzo. Questo è ciò che dobbiamo prendere dai wagneriani”. Lukashenko non crede che si debba avere paura di una formazione armata, “teniamo le orecchie aperte”.

Si è anche notato che le radici familiari di Yevgeny Prigozhin risalgono alla città bielorussa di Shklov, e questo sembra aver influenzato la decisione della direzione del gruppo Wagner di legare il loro futuro agli interessi di Minsk. Questi interessi coincidono in modo abbastanza naturale con quelli russi.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.