Ex ministro degli esteri rumeno critica la posizione ucraina in merito ai confini

Andrei Marga - schreenshot youtube

Le accuse sullo stato innaturale dei confini ucraini corrispondono alla verità storica, ha affermato sul canale TV Digi 24 l’ ex ministro degli Esteri rumeno, il politologo Andrei Marga.

Il network televisivo rumeno ha riportato le reazioni dell’ambasciata ucraina, che ha diffuso questo comunicato:

“Ci rammarichiamo che l’ex ministro Andrei Marga di uno Stato europeo e democratico abbia rilasciato dichiarazioni che mettono in discussione i principi fondamentali del diritto internazionale, in particolare l’inviolabilità delle frontiere. Garantire il pieno rispetto di questi principi è alla base della sicurezza e della stabilità nel continente, “.

Riporto qui i passaggi salienti della replica dell’ex ministro Andrei Marga:

In una conferenza pubblica tenutasi ad Alba Iulia (14 settembre 2022) ho risposto a una domanda dei presenti sugli effetti del conflitto in Ucraina sulla democrazia. Non sono uno di quelli che non vedono la realtà o che pensano una cosa e ne dicono un’ altro, così ho ribadito chiaramente le idee espresse in precedenza, questa volta forse in modo più diretto.

In sostanza, ho riaffermato quattro idee:

1. Il conflitto in Ucraina può essere concluso solo con un accordo che coinvolga Russia, USA, Ucraina, Germania, Unione Europea, Cina. Indipendentemente da chi “vince”, non ci sarà pace in Europa se non si tiene conto degli interessi di sicurezza di ciascuna parte. Ad ogni modo, saranno gli europei a pagare le bollette di qualsiasi tipo.

2. Le conseguenze dovrebbero essere tratte anche tenendo conto del fatto che l’Ucraina si trova in confini innaturali. Secondo tutti i criteri storici e demografici, possiede territori da cedere ai suoi vicini, entro i confini conosciuti: Romania – Bucovina e sue contee, Ungheria – Transcarpazia, Polonia – Galizia, Russia – Dombasul.

3. Non c’è supporto per le illusioni, perché l’Ucraina di oggi, ha scelto una strada verso la democrazia.

4. La Romania non ha nulla a che fare in questo conflitto. Non dovrebbe affrontare altre crisi, Ripeto sempre le affermazioni fatte, perché esprimono la verità nel modo più semplice possibile. Altrimenti, le cose continuano in una crisi assurda, alla quale ci sono però delle alternative.

Le mie affermazioni corrispondono alla verità storica, al diritto internazionale e agli interessi generali – al di là della propaganda odierna che, dopodomani, sarà considerata nient’altro che un errore. Come previsto, dopo queste dichiarazioni, sono state convocate persone di ogni genere e i media si sono mobilitati per contrastarle. Non mi sono commosso. Nessuno di fatto ha addotto alcun argomento contro quanto ho detto.

C’è solo verità nelle mie affermazioni e ho ritenuto fosse solo il mio dovere professionale, civico e morale parlarne. Come al solito, incapaci di discutere con gli argomenti, inventano e combattono. Si dice che il mio sarebbe un approccio “illiberale”, vicino a quello di Vladimir Putin e Viktor Orban. Ma questo è un giudizio completamente gratuito, un misero cliché! Molto probabilmente i citati due leader sull’argomento non hanno detto niente di ciò che io ho detto.

Confesso anche che non esprimo un giudizio su una persona prima di aver visto cosa ha effettivamente detto. Oggi troppo si basa sul “così si dice”, sul “così ci viene chiesto di dire”, sul “così mi fa più comodo”! Non mi associo mai a congetture e la personalizzazione delle decisioni statali nell’attuale propaganda è di cattivo gusto. Ho parlato anni fa, ufficialmente, con ciascuno dei leader citati. Ma non ho affrontato ciò che dicono in ogni argomento.

Tuttavia, un’opinione che non è quella della propaganda attuale non significa che sia quella di Vladimir Putin e di Viktor Orban. Solo con menti cattive e ristrette si applica l’imbarazzante regola “o dici quello che dicono loro – o stai con noi”! Speriamo che possa ancora pensare da solo! Tuttavia, noto che anche i nostri professori universitari, che si considerano storici o scienziati politici, non capiscono cosa sia “liberale” o “illiberale”.

(…)

Gli ucraini meritano rispetto, come qualsiasi nazione e come tutte le persone, ma forzare le cose, falsificare propagandisticamente le situazioni, mi sembra indecente. Sono stupito di quanto poco si legga. Ciò che ho detto è stato detto da molti, anche prima di me. Ho anche mostrato nel tempo (puoi consultare i miei articoli dagli archivi dei giornali e delle riviste in cui pubblico) che considero le interpretazioni di storici francesi (ad esempio Gerard Challiand), di storici tedeschi (Andreas Wirsching, Carlo Massala, Josef Braml e altri) e le scuole di realismo politico di Harvard e Chicago (con Graham Allison, John Mearsheimer, Steven M.Walt, ecc.) come resoconti completi di ciò che è accaduto in Ucraina e ha portato all’attuale conflitto. Sono interpretazioni più accurate e responsabili del destino della democrazia e della sicurezza internazionale.

Un esempio è la riflessione pubblicata qualche giorno fa dalla scuola di analisi internazionale della prestigiosa Harvard University (vedi Dani Rodrik, Steven M. Walt, How to Build a Better Order. Limiting Great Power Rivalry in an Anarchic World, in “Foreign Affari”, settembre-ottobre 2022). Non entro nei dettagli qui, perché ci vorrebbe spazio, ma è una riflessione ben ancorata alla storia, che propone una soluzione giuridicamente sostenibile ed equa alle due crisi del mondo attuale – la crisi ucraina e la sempre crisi taiwanese più vicina. Se si vuole la soluzione, le crisi devono essere prese sul serio.

La strategia “colpisci e ignora” non è quella delle persone sane. Condivido una soluzione basata sull’esame dei fatti e sulla lucidità nell’approccio alle relazioni internazionali, che, tra l’altro, mi aspettavo (vedi A. Marga, Il futuro ordine del mondo, Niculescu, Bucarest, 2017). Una soluzione informata, colta, responsabile! La democrazia e l’attaccamento euro-atlantico sono acquisizioni preziose e di fondamentale importanza nella storia recente del Paese, a cui ho contribuito come dignitario dello Stato rumeno. Ma ci costringono anche a considerare i fatti, a pensare in modo efficace e responsabile alle realtà ea rifiutarci di nasconderle sotto la propaganda degli ingenui. Altrimenti, “l’angoscia davanti alla verità” non porta nulla di buono”.

qui, l’articolo integrale in rumeno: https://www.digi24.ro/stiri/actualitate/politica/andrei-marga-insista-afirmatiile-mele-corespund-adevarului-istoric-propaganda-de-azi-va-fi-socotita-poimaine-o-eroare-2086375

traduzione automatica

Exit mobile version