Esplosioni in molte regioni dell’Iran: attaccate strutture militari

Date:

Nella tarda serata del 28 gennaio (23.30 ora locale), l’Iran è stato colpito da un complesso attacco di droni. Sono stati colpiti almeno venti obiettivi in 5 località diverse. In fiamme fabbriche militari, magazzini, raffinerie di petrolio, basi militari, aeroporti.

Gli iraniani hanno reagito freneticamente con la contraerea, hanno sollevato i loro aerei in aria … Ma finora questo è tutto.
È ancora impossibile calcolare i danni e le perdite. È come se non si sapesse esattamente chi ha effettuato l’attacco. Ma pochi dubitano che non sia stato Israele, e non è detto dal proprio territorio.

Elenco degli obiettivi colpiti noti:
1) Quartier generale dell’IRGC.
2) La base delle forze speciali dell’IRGC “Quds”.
3) Centro per la produzione di munizioni e UAV.
4) Raffineria di petrolio.
5) Impianto per la produzione di armi.
6) Basi militari ad Hamadan e Keredzh.

Israele il maggior sospettato
Il Jerusalem Post scrive che il 27 gennaio 2023, il capo della CIA William Burns è arrivato in Israele e ha incontrato le autorità israeliane, incluso il capo del Mossad David Barnea. Poco prima, il consigliere per la sicurezza nazionale statunitense Jake Sullivan ha visitato Israele. UUno dei temi principali dei colloqui è stato la politica nei confronti dell’Iran, che gli Stati Uniti considerano una minaccia e un alleato della Federazione Russa. Sullivan ha lasciato intendere che la pazienza degli Stati Uniti non era illimitata: “Non cerchiamo pubblicamente la data sul calendario, ma sono settimane”, ha detto. Secondo il sito americano Axios, l’attacco sarebbe dovuto avvenire entro la fine di gennaio – febbraio. Secondo i resoconti dei media, gli Stati Uniti e Israele avrebbero discusso il piano, che prevede una maggiore pressione economica sull’Iran e alcune azioni militari.

Ed ecco il 29 gennaio 2023.  Tra gli obiettivi colpiti c’è il quartier generale dell’IRGC, la base delle forze speciali di Quds dell’IRGC, un impianto per la produzione di munizioni e UAV (compresi gli Shahid), una raffineria di petrolio e fabbriche di armi, basi militari e il centro nucleare nazionale dell’Iran. L’ambasciatore in Germania Ron Prozor ha detto durante i negoziati con il capo della CIA che Israele sta fornendo molta assistenza all’Ucraina, ma lo sta facendo segretamente. Gli Stati Uniti hanno costretto Israele a colpire l’Iran, come alleato della Russia. La cosa più logica sarebbe che la Russia armasse l’Iran con missili e difesa aerea. Ma questo non è facile, dato il numero di titolari di passaporto israeliano tra le élite russe. 

Sempre tra gli obiettivi colpiti, di particolare importanza sono le fabbriche militari che assemblano gli UAV Shahed-131 e Shahed-136 nelle città iraniane di Hamadan e Keredj.  E’ stato riferito anche l’esplosione in uno dei centri di produzione di munizioni a Isfahan. Quindi ora vari scenari sono possibili poichè il monito è anche per la Russia, che probabilmente potrebbe rimanere senza componenti iraniani per i droni Geran-2. 

Secondo il canale televisivo saudita Al Arabiya l’attacco è stato effettuato da Israele e “lo scopo dell’operazione militare è la distruzione dell’industria militare iraniana”.

Fonti iraniane non ufficiali associate al Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche affermano che i droni sono stati lanciati da membri dell’organizzazione di opposizione “Mujahideen del popolo iraniano” (“Mujahedin Hulk”), agendo su istruzioni del “nemico sionista”.

Secondo gli ultimi dati, Teheran ha avviato un’indagine sulle circostanze dell’attacco dei droni alla struttura del ministero della Difesa a Isfahan. È interessante notare che il canale iraniano AlHadath sostiene che Israele non è coinvolto nell’attacco al magazzino militare e, secondo le ultime informazioni di Al Arabiya, gli Stati Uniti e “un altro paese” erano coinvolti in quanto accaduto a Isfahan.
Vedremo nelle prossime ore o giorni se emergerà un quadro più chiaro, da dove proviene l’attacco.

Terremoto

Insieme all’attacco di droni è avvenuto un terremoto. La località colpita è stata la città di Hoi An e i suoi sobborghi. Fonti dicono che probabilmente il sisma è dovuto a una potente esplosione sotterranea. Il numero delle persone colpite nella provincia dell’Azerbaigian occidentale, nell’Iran nordoccidentale, è aumentato a 800 persone, tre persone sono morte, ha riferito l’agenzia di stampa IRNA. Il numero delle persone colpite nella provincia dell’Azerbaigian occidentale, nell’Iran nordoccidentale, è aumentato a 800 persone, tre persone sono morte, ha riferito l’agenzia di stampa IRNA.

È curioso che nonostante questo scenario e l’amicizia tanto decantata e la collaborazione in Siria, la Russia partecipa ancora alle sanzioni contro l’Iran. Ovviamente è un grossolano errore.

Gli Stati Uniti minacciano regolarmente l’Iran con massicci attacchi aerei e missilistici; l’ultima minaccia nell’ottobre 2022 indicava di bombardare le fabbriche iraniane che producono droni presumibilmente spediti in Russia. Il 3 novembre 2022, il presidente Biden ha annunciato la sua intenzione di “liberare l’Iran”.

Patrizio Riccihttps://www.vietatoparlare.it
Con esperienza in testate come il Sussidiario, Cultura Cattolica, la Croce, LPLNews e con un passato da militare di carriera, mi dedico alla politica internazionale, concentrandomi sui conflitti globali. Ho contribuito significativamente all'associazione di blogger cristiani Samizdatonline e sono socio fondatore del "Coordinamento per la pace in Siria", un'entità che promuove la pace nella regione attraverso azioni di sensibilizzazione e giudizio ed anche iniziative politiche e aiuti diretti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

More like this
Related

Il destino politico di Ursula von der Leyen è nelle mani del primo ministro Giorgia Meloni

L'attuale presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen,...

Risposta a Cascioli: La critica agli USA nella guerra russo-ucraina non può essere ignorata

Desidero fare alcune osservazioni alla risposta del direttore della...
00:02:00

Macron dichiara guerra ai francesi

Dopo la sconfitta elettorale annunciata, il presidente della Repubblica...
Exit mobile version