Dopo l’incontro Biden/Putin la Russia presenta le proprie valutazioni e richieste

Dopo l'incontro Biden/Putin la Russia presenta le proprie valutazioni e richieste 1

Dopo il colloquio di Putin con Biden, il Ministero degli Esteri russo ha diffuso una nota che è stata pubblicata sul sito del Ministero:

I rapporti tra Russia e Occidente sono arrivati ​​a un punto critico, il comportamento irresponsabile della NATO provoca rischi, fino a un conflitto su larga scala

Prendiamo atto dell’espressione espressa dal Presidente degli Stati Uniti J. Biden durante colloqui con il presidente Vladimir Putin il 7 dicembre di quest’anno sulla disponibilità a stabilire un dialogo serio su questioni relative alla garanzia della sicurezza della Federazione Russa. Tale dialogo oggi è urgentemente necessario, quando le relazioni collettive tra la Russia e l’Occidente continuano a deteriorarsi e sono giunte a un punto critico. Nello stesso tempo, negli ultimi giorni, si sono moltiplicate diverse libere interpretazioni della nostra posizione. A tal proposito, si ritiene necessario chiarire ancora una volta quanto segue.

Inventare uno scontro con il nostro Paese è assolutamente inaccettabile. Come pretesto viene utilizzata la situazione in Ucraina, in relazione alla quale l’Occidente ha intrapreso la strada di incoraggiare la russofobia, mentre si schermano le azioni del regime di Kiev per interrompere gli accordi di Minsk e preparare uno scenario di attacco nel Donbass.

Invece di frenare i loro protetti ucraini, i paesi della NATO stanno spingendo Kiev a compiere passi aggressivi. Non c’è altro modo di interpretare le esercitazioni fuori programma sempre più frequenti degli Stati Uniti e dei suoi alleati nel Mar Nero. Gli aerei degli Stati membri della NATO, compresi i bombardieri strategici, effettuano regolarmente sorvoli provocatori e manovre pericolose vicino ai confini della Russia. Nello stesso tempo, continua lo sviluppo militare del territorio dell’Ucraina, il rifornimento del paese di armi.

È stato intrapreso un percorso per attirare l’Ucraina nella NATO, questo comporterà la comparsa di sistemi missilistici d’attacco con un tempo di volo minimo verso la Russia centrale e altre armi destabilizzanti. Tale comportamento irresponsabile crea minacce inaccettabili alla nostra sicurezza, provoca gravi rischi militari per tutte le parti coinvolte, fino a un conflitto su larga scala in Europa.

Nello stesso tempo, si sostiene che la questione dell’ipotetica adesione dell’Ucraina alla NATO riguardi esclusivamente Kiev e l’alleanza, e nessuno dovrebbe interferire in questo processo. Ricordiamo, tuttavia, che oltre al Trattato di Washington, i paesi della NATO hanno anche impegni riguardo l’indivisibilità della sicurezza nell’area euro-atlantica, in tutta l’area dell’OSCE. Questo principio è stato prima affermato nell’Atto finale di Helsinki, e poi riaffermato e rafforzato nella Carta di Parigi per una Nuova Europa nel 1990, e nel 1999, al vertice OSCE di Istanbul, fu adottata la Carta per la sicurezza europea, in cui si sottolineava che: “La sicurezza di tutti è indissolubilmente legata alla sicurezza di tutti gli altri”.

Tutti questi documenti sono stati firmati dai massimi leader degli Stati partecipanti all’OSCE, compresi tutti i paesi della NATO. Tuttavia, in violazione del principio dell’indivisibilità della sicurezza – nonché in violazione delle promesse fatte alla leadership sovietica – in tutti questi anni la NATO si è costantemente spostata verso est, ignorando le preoccupazioni espresse da Mosca, e ogni volta che al potenziamento con armamenti della NATO si è aggiunta una frenetica carica anti-russa.

Abbiamo a lungo richiamato l’attenzione sull’inammissibilità di un tale sviluppo di eventi. Negli ultimi decenni, è stato suggerito più di una volta di concordare e rendere giuridicamente vincolante il principio della sicurezza uguale e indivisibile nello spazio euro-atlantico, poiché l’Occidente chiaramente non è in vena di adempiere agli obblighi politici sopra menzionati. Ed infatti, sono stati invariabilmente rifiutati.

A questo proposito, come sottolinea il presidente Vladimir Putin, insistiamo sullo sviluppo – in un determinato periodo di tempo e sulla base del principio di eguale e indivisibile sicurezza – di serie garanzie legali di lungo periodo, escludendo ogni ulteriore avanzata della NATO verso est e il dispiegamento di minacciosi sistemi d’arma ai confini occidentali della Russia.

Nell’interesse fondamentale della sicurezza europea, è necessario sconfessare formalmente la decisione del vertice NATO di Bucarest del 2008 secondo cui “Ucraina e Georgia diventeranno membri della NATO“, in quanto contraria all’impegno dei leader di tutti gli Stati partecipanti all’OSCE di “non rafforzare la loro sicurezza a scapito della sicurezza degli altri”.

Insistiamo sul consolidamento legale dell’accordo sul non dispiegamento da parte degli Stati Uniti e di altri paesi della NATO di sistemi d’arma d’attacco che rappresentano una minaccia per la Federazione Russa sul territorio dei paesi vicini, sia membri che non membri del Nord Atlantico Alleanza.

Insistiamo inoltre per ricevere una risposta concreta della NATO alle nostre precedenti proposte per ridurre le tensioni in Europa, tra cui, in particolare:

ritiro di aree di esercitazioni operative a distanza concordata dalla linea di contatto Russia-NATO;

coordinamento della distanza massima di avvicinamento di navi da guerra e aerei per prevenire attività militari pericolose, principalmente nelle regioni del Baltico e del Mar Nero;

ripresa di un dialogo regolare tra i ministeri della difesa sulla falsariga di Russia-USA e Russia-NATO.

Chiediamo a Washington di aderire alla moratoria unilaterale russa sullo spiegamento di INF a terra in Europa, concordare e introdurre le misure necessarie per verificare l’adempimento degli obblighi reciproci.

In queste aree, la Russia presenterà presto bozze di documenti legali internazionali per avviare i negoziati nei formati appropriati.

In particolare, presenteremo una proposta globale sulle garanzie di sicurezza giuridica in preparazione del prossimo round del dialogo russo-americano sulla stabilità strategica. Sosterremo una discussione sostanziale degli aspetti militari della garanzia della sicurezza attraverso i ministeri della difesa con la partecipazione delle agenzie per gli affari esteri della Russia e dei paesi della NATO.

Riteniamo necessario che l’OSCE, dove sono rappresentati tutti i paesi della regione euro-atlantica, non rimanga in disparte dalle discussioni sulla risoluzione dei problemi di sicurezza europea.

Vi esortiamo a considerare attentamente le proposte russe e ad avviare seri negoziati per raggiungere accordi che garantiscano un giusto e stabile equilibrio di interessi nel nostro spazio comune.

https://www.mid.ru/ru/foreign_policy/news/-/asset_publisher/cKNonkJE02Bw/content/id/4991520

neretto: VP news blog site

Nota:E gli ultimi treni con grano e minerale di ferro andarono dall’URSS alla Germania il 22 giugno 1941“, si legge in un commento sui social da un utente russo. Speriamo vivamente che non sia ancora così. Ciò che si vede è che la Russia da tempo sta facendo di tutto per non scontrarsi con l’occidente, ma senza risposta: gli eventi ci dicono questo.

Del resto, ci troviamo davanti ad una crisi senza precedenti e la Nato mantiene le tensioni in modo irresponsabile. Ma adesso – dopo l’incontro Putin/Biden, ci sarà una interruzione? No, al comando della nave non c’è nessuno, c’è solo l’apparato militare industriale e ci sarà il vertice delle democrazie, a cui naturalmente la Russia non è stata invitata.

Quindi continuerà la retorica dell’aggressiva Russia, sconfessata dalla stessa Cia. Alle dittature, le crisi e le emergenze permettono di consolidare il potere ed avere mani libere. Quindi aspettiamoci ancora pandemie e guerre, fredde o calde. C’è una logica in tutto questo, perversa, ma predeterminata nei grandi ‘pensatoi’.

Vp News

Exit mobile version