Perchè Facebook, Instagram, WhatsApp e Messenger sono crashati? Il parere di un esperto di Open Data

"L'errore globale si è verificato perché è stato segnalato che 'i record DNS che indicano ai sistemi come trovare Facebook.com o Instagram.com sono stati rimossi dalle tabelle di routing globali.'

“L’errore globale si è verificato perché è stato segnalato che ‘i record DNS che indicano ai sistemi come trovare Facebook.com o Instagram.com sono stati rimossi dalle tabelle di routing globali.’

Questa è la spiegazione data da Ivan Begtin, uno massimi esperti russi nel campo degli open data e direttore di ANO “Infoculture”:

“Il problema è sorto per il fatto che gli amministratori di Facebook si sono rivelati negligenti e hanno commesso un errore nelle impostazioni della sottorete che fanno riferimento ai loro name server. Si tratta di server DNS, grazie ai quali, quando digiti facebook.com, il tuo computer capisce che devi contattare questo particolare server, confronta il nome di dominio con un insieme di indirizzi IP per cui si trova. I server responsabili di ciò sono finiti su questa sottorete. È stato effettivamente escluso dallo scambio di traffico con Internet e tutti quei domini che erano legati a questi server DNS,

Instagram, Facebook, WhatsApp e un sacco di altre infrastrutture sono andati fuori servizio. Inoltre, questo è successo in un tempo abbastanza breve. Il problema è stato aggravato dal fatto che la pandemia ha ridotto il numero di ingegneri dislocati nei data center. Di conseguenza, gli specialisti di Facebook non sono riusciti a entrare in questo data center per diverse ore. L’azienda ha trovato un punto debole.

Tutto si è sviluppato così ed è stato peggiorato dalla pandemia. Di conseguenza, il ripristino dei lavori ha richiesto diverse ore.

ANO “Infoculture” Ivan Begtin

Ma perché anche tutti gli altri servizi sono scomparsi? Molte persone usavano Facebook come messenger, quando si “è saltato”, le persone iniziarono a passare a Telegram, VKontakte e altri servizi, il carico su di loro crebbe improvvisamente bruscamente e non tutti sono riusciti a sostenere il carico improvviso.

Inoltre, un numero enorme di servizi su Internet è legato in un modo o nell’altro ai server di Facebook. Quando non possono accedervi, i dispositivi degli utenti iniziano a bussare forte e a chiedere costantemente informazioni. Pertanto, anche molte applicazioni e siti che utilizzavano l’autorizzazione di Facebook hanno iniziato a crashare. Questo è il motivo principale. Forse qualche altro evento ha coinciso e si è sovrapposto a questa storia. Forse il problema della sottorete era più complesso e avrebbe potuto influire su qualcos’altro.

Mi sembra che anche se Facebook non funzionasse da un mese, nessuno tranne gli inserzionisti si farebbe seriamente male, perché ci sono troppe alternative. La maggior parte delle persone di solito mantiene cinque o sei messaggistiche istantanee sui propri telefoni. Quindi quello che è successo ieri non è una catastrofe globale. Infatti, abbiamo Google, Amazon, Cloudflare, Microsoft e altri quattro o cinque servizi oltre a quelli elencati, la cui caduta ha riguardato davvero il mondo intero. (…)

diversi dipendenti di Facebook, che hanno rifiutato di essere identificati e avevano perso l’accesso ai propri strumenti a causa dell’interruzione, hanno dichiarato a Reuters che ritenevano che l’interruzione fosse causata da un errore interno nell’instradamento del traffico al DNS (Domain Name System) server.

Gli esperti di sicurezza informatica hanno stimato che il guasto fosse probabilmente dovuto a un errore di configurazione, probabilmente interno, senza escludere l’ipotesi teorica di sabotaggio. Un attacco proveniente dall’esterno sembrava loro molto meno plausibile, perché supponendo una coordinazione massiccia o una tecnica molto innovativa.

Se accadesse la stessa cosa con Google e non fosse disponibile per diverse ore, tutti lo sentirebbero all’istante. Lo stesso accadrebbe se Microsoft si bloccasse. Gran parte dell’infrastruttura interna della maggior parte dei servizi è legata ad essi.  (…)

“L’errore globale si è verificato perché è stato segnalato che ‘i record DNS che indicano ai sistemi come trovare Facebook.com o Instagram.com sono stati rimossi dalle tabelle di routing globali.’ Mark Zuckerberg ha attribuito questi problemi a un problema tecnico all’interno della rete Facebook, ma finora ci sono dubbi che questa potrebbe anche essere un’interferenza esterna. Anche se l’attacco hacker è stato negato sia dallo stesso Zuckerberg che dai servizi speciali americani.

Quindi la domanda è aperta, cosa fosse veramente e chi l’ha fatto. È possibile che la gente comune non conosca la verità. Una cosa è chiara: se un simile guasto è possibile, se porta alla chiusura di molti sistemi e servizi in tutto il mondo (anche alcune compagnie aeree americane hanno annunciato problemi, e questo è già gravissimo), allora il problema della sicurezza l’Internet globale viene alla ribalta.

Se immagini che improvvisamente la rete globale smette di funzionare in tutto il mondo – questo significa il crollo dell’economia globale, un arresto dei trasporti e più avanti lungo la catena. Dopotutto, ora tutto è legato a una rete di lavoro stabile. Se Internet scompare improvvisamente, causerà enormi problemi a tutti, dalla popolazione e dalle imprese alle agenzie governative e ai sistemi di armi. Il fallimento di ieri è un esempio di una vulnerabilità che deve essere risolta molto rapidamente e non consentita in futuro”.

(l’intera intervista è pubblicata su Rosval.ru – https://www.rosbalt.ru/moscow/2021/10/05/1924587.html)

Exit mobile version