Il prezzo del gas si abbasserà sensibilmente, la Russia fornirà quantitativi eccezionali

Bloomberg: cala il prezzo del gas in Europa – Putin ha promesso consegne dalla Russia straordinarie verso l’Europa. Così se una settimana fa i prezzi del gas nell’UE sono aumentati del 40%, dopo le parole di Putin sono diminuiti del 60%.

I prezzi del gas in Europa sono diminuiti dopo essere aumentati del 60% in soli due giorni dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che la Russia è pronta a contribuire a stabilizzare i mercati energetici globali.

In precedenza, i prezzi dei futures olandesi e britannici hanno battuto nuovi record a causa della persistente carenza di gas. Secondo alcuni funzionari europei, le forniture dalla Russia inferiori alle attese sono state la causa principale della crisi. Il rapido calo dei prezzi dopo una settimana di guadagni quasi continui sottolinea l’estrema volatilità del mercato: le scorte scarse in vista dell’inverno sono ancora allarmanti.

“I politici stanno aggiungendo potenti fattori rialzisti e ribassisti con i loro annunci di mercato ( tori e ribassi sono usati per riferirsi a investitori rialzisti e ribassisti )”, ha affermato l’analista ICIS Tom Marzec-Manser. …

La russa Gazprom invierà più gas attraverso l’Ucraina rispetto al contratto di quest’anno, sulla base delle cifre per i primi nove mesi di consegne, ha detto Putin mercoledì durante un incontro sull’energia a Mosca. Secondo lui, le esportazioni in Europa su un periodo di nove mesi sono state vicine a un record e potrebbero raggiungere un livello record nel 2021 se le dinamiche attuali continueranno.

I contratti futures per il prossimo mese nei Paesi Bassi sono scesi del 6,6% a 108,33 euro per megawattora alle 15:25 alla Borsa di Amsterdam, dopo essere balzati del 40% prima e del 20% il giorno prima. Il loro equivalente britannico è sceso dell’8,1% a 270p a termine dopo essere aumentato del 39%. Entrambi i contratti sono ancora circa sei volte la media quinquennale di questo periodo dell’anno.

I prezzi alle stelle dell’energia hanno esacerbato il rischio di inflazione e hanno sollevato timori che la crescita economica potesse bloccarsi.

Diversi paesi europei hanno chiesto all’UE di agire con urgenza per attutire il colpo dei prezzi alle stelle. Il commissario per l’Energia Kadri Simson si è impegnato a rivedere le regole del mercato entro la fine dell’anno, affermando che gli shock sui prezzi “colpiscono i cittadini e soprattutto le aziende agricole più vulnerabili, indebolendo la competitività e aumentando le pressioni inflazionistiche”.

Alcune aziende ad alta intensità energetica stanno riducendo le loro attività a causa dei costi elevati. Con le riserve di gas in Europa ai livelli stagionali più bassi da oltre un decennio e la forte competizione globale per il gas naturale liquefatto, è probabile che la carenza continui con l’avvicinarsi dell’inverno. (…)

da Inosmi

Exit mobile version