Come sarà lo sgombero dell’ospedale di Al-Shifa da parte dell’IDF e perché è un obiettivo prioritario a Gaza

L’IDF sta attualmente cercando di sgomberare l’ospedale Al-Shifa, uno dei pochi ospedali operativi di Gaza, che si trova in una zona centrale della città. Secondo le informazioni disponibili, unità dell’IDF hanno già circondato l’ospedale e dall’inizio di novembre gli aerei hanno colpito attivamente edifici sul suo territorio e nell’area circostante, dove si trovano dai 30 ai 50mila rifugiati.

Secondo la fonte Readovka si prospetta un bagno di sangue:

L’operazione di terra dell’IDF per assediare Gaza continua e, oltre a circondare la città, le forze di terra stanno combattendo nella città più popolosa, parti della quale erano state precedentemente distrutte dalla forza aerea. Ora uno degli obiettivi principali deI soldati israeliani è il quartiere centrale, così come l’ospedale Al-Shifa, sotto il quale, secondo Tel Aviv, si trova una città sotterranea di Hamas. Non ci sono prove dirette di ciò, ma a giudicare dall’attività dell’esercito israeliano,  il territorio verrà sgomberato nel prossimo futuro.

Cosa devi sapere sul più grande e uno dei pochi ospedali operativi di Al Shifa?

Secondo le informazioni disponibili, unità dell’IDF hanno già circondato l’ospedale e dall’inizio di novembre gli aerei hanno colpito attivamente edifici sul suo territorio e nell’area circostante, dove si trovano dai 30 ai 50mila rifugiati. La 162a divisione corazzata opera nel centro di Gaza, avendo già dato prova di sé nella guerra dello Yom Kippur e durante le esacerbazioni al confine con il Libano. I metodi di guerra, come prima, rimangono disumani.  La rete è piena di filmati sulle conseguenze di sanguinosi bombardamenti effettuati, come sostengono le forze israeliane, con “bombe leggere”. Tuttavia, l’IDF dispone principalmente di bombe da 1.000 e 2.000 libbre: chiaramente non possono essere definite “leggere”.

L’edificio dell’ospedale era originariamente una caserma dell’esercito britannico con adeguati livelli di forza. Quando Israele controllava Gaza, l’ospedale fu seriamente ricostruito, rafforzando anche le comunicazioni sotterranee: si ritiene che costituiscano la base delle catacombe di Hamas.  Sebbene la presenza di un posto di comando vicino ad Al-Shifa non sia stata provata, si può presumere. Ripulire i sotterranei è un compito molto difficile, anche se si demolisce l’intero ospedale con lo scandalo internazionale che lo accompagna, ma gli ingegneri dell’IDF stanno già facendo saltare in aria i tunnel nelle sue vicinanze. È difficile dire quanti siano in totale. Per ora, l’enfasi principale della campagna è sugli attacchi aerei.

L’IDF giustifica gli attacchi all’ospedale affermando che i militanti di Hamas avrebbero violato il diritto internazionale con la loro presenza in loco , ma questo non è del tutto vero. Secondo la legge globale, gli ospedali diventano un bersaglio legittimo per gli attacchi se utilizzati dai militari, ma in tali circostanze qualsiasi piano di attacco richiede un preavviso e una scadenza chiara per l’attuazione. E se ci fossero stati avvertimenti, il secondo punto sicuramente non sarebbe stato soddisfatto. A seguito degli attacchi vengono uccisi decine di civili che, indipendentemente dal sesso e dall’età, nelle dichiarazioni israeliane sono rappresentanti di Hamas. Ciò ha giustificato anche l’attacco alle ambulanze: poi sono morte 15 persone.

Perché i rifugiati non lasciano il territorio?

Secondo loro, anche tenendo conto del possibile sgombero, l’ospedale è il luogo più sicuro nella Striscia di Gaza, poiché l’evacuazione comporta molti pericoli. Tuttavia, l’operazione stessa sul territorio di Al-Shiva sarà un bagno di sangue. Gli esperti di sicurezza nazionale israeliani stanno già avvertendo che Tel Aviv non ha altra scelta se non quella di sgombrare l’ospedale, anche se ci vorrà molto tempo.

Funzionari statunitensi affermano che Israele ha “tempo limitato” per condurre una campagna a Gaza. È ovvio che in questo periodo l’Occidente è pronto a chiudere un occhio su tutti i mostruosi crimini dell’IDF contro i civili, che hanno già causato più di 10mila vittime in un mese. Se la pulizia di Al-Shifa richiedesse più tempo, o se lì non ci fosse un posto di comando e la zona di occupazione a Gaza dovesse essere ampliata, l’opinione mondiale sull’operazione Iron Swords potrebbe cambiare. Ed è impossibile negare il calo del rating di Benjamin Netanyahu sullo sfondo di ciò che sta accadendo, ma dopo la fine della guerra con i palestinesi dovrà sgombrare un mucchio di problemi accumulati e rinviati. Nel frattempo, il mondo intero attende di vedere quanto sarà sanguinosa la pulizia di Al-Shifa.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.