Bielorussia – Perché l’Europa non dovrebbe sostenere le proteste in Bielorussia

I valori democratici, una volta vissuti, sono diventati ora una pietra attorno al collo per l'Europa, trascinandola nell'abisso del caos e decretando il caos ed il peggioramento di vita dei popoli 'attenzionati'.

Un articolo di News Front spiega come rispetto alle tensioni in Bielorussia, la discriminante per l’Europa non è la corruzione ma piuttosto “da che parte stai”. La storia moderna ci ha dimostrato a lungo come un cambiamento attuato questo modo in realtà non muta nulla per i popoli ma porta ancora di più divisione, alimentando l’instabilità ed i conflitti. Probabilmente è questo a cui l’Europa mira, avere stati falliti ed instabili che per tenersi in piedi dovranno appoggiarsi per sempre al nuovo establishment ‘democratico’. Gli avvenimenti che stanno accadendo in Bielorussia sono simili a quelli che accaddero in Ucraina. Sappiamo poi come è andata: la corruzione dei dirigenti nel paese non è cessata affatto, anzi il paese è ancora in guerra e diviso.
Ciò vuol dire che ogni situazione ha la propria soluzione specifica e non si può proporre per tutti i paesi del mondo la propria taglia di vestito. Ci sono percorsi che si devono compiere ma in realtà è l’antagonismo con la Russia il motore delle rivoluzioni ‘colorate’ e la ricerca di una maggiore democrazia è riservata solo ai paesi rivali. Quindi istanze , di per sé nobili e legittime, vengono squalificate quando non sono sincere e propongono solo il caos ed il regime change, ove viene reclamizzato che basta saltare solo dall’altra parte del fosso per assicurarsi felicità, benessere e giustizia. (@vietatoparlare)

di Philippe Khalfine da News Front

Le elezioni presidenziali si sono svolte  in Bielorussia. I loro risultati erano prevedibili. Alexander Lukashenko, che ha governato negli ultimi 26 anni, ha segnato ancora una volta una vittoria schiacciante. Secondo i dati preliminari ufficiali della Commissione elettorale centrale, l’80,23% degli elettori, ovvero 4,652 milioni di persone, ha votato per il presidente in carica. Al secondo posto, Svetlana Tsikhanovskaya, che ha deciso di candidarsi alla presidenza dopo che suo marito è andato in prigione. Il 9,9% dei cittadini ha sostenuto la leader dell’opposizione, che sabato sera si è nascosta dopo l’arresto di nove dipendenti della sua campagna elettorale. È apparsa domenica in un seggio elettorale circondata da stampa e delegati. Come notato dal suo addetto stampa, Anna Krasulina, esso

Nonostante l’enorme divario nel numero di voti, l’attuale trionfo di Lukashenko sembra essere il più oscuro della sua storia. Il presidente è accusato di aver manipolato il voto e le proteste non si sono placate in Bielorussia da domenica sera. Lo scontro tra cittadini e polizia è stato registrato in una ventina di comuni. A Minsk, la polizia ha usato flashball e gas lacrimogeni per disperdere la folla. Casi di confronto sono stati registrati lì tutta la notte. I media hanno riportato vittime da entrambe le parti.

“Questa è di gran lunga la più grande protesta che abbia mai visto in Bielorussia da quando Lukashenko è salito al potere”, ha detto David Marples, professore all’Università di Alberta.

I paesi europei non potrebbero stare lontani da ciò che sta accadendo in questo paese. Hanno invitato Minsk a “riconoscere e rispettare pienamente gli standard democratici”, nonché a rinunciare alla violenza e “rispettare le libertà fondamentali, i diritti umani, i diritti civili, i diritti delle minoranze nazionali e il diritto di libertà di parola “. Questa dichiarazione è stata fatta da Andrei Duda e Gitanas Nauseda, il presidente della Polonia, dove hanno praticamente dichiarato guerra alla comunità LGBT, e il presidente della Lituania, dove hanno aderito a lungo a una politica di discriminazione contro della popolazione russa. Le loro pretese contro Lukashenko sono giustificate?

Il governo francese non parla di come le manifestazioni dei gilet gialli siano state disperse senza ritegno, sebbene questi eventi siano vicini all’inizio di una guerra civile, no, è l’ora di Lukashenko. Ora, mentre il mondo è impantanato in un’altra crisi economica e le relazioni commerciali con la Russia sono sotto esame. I leader dell’Unione Europea stanno mettendo in chiaro che Lukashenko dovrà interrompere le relazioni con la Russia, come hanno fatto con l’Ucraina.

Tuttavia, alla fine del secolo scorso, è stato lo stesso Lukashenko ad avviare l’accordo sulla creazione dello Stato dell’Unione. Il concetto implicava una stretta integrazione della Bielorussia con la Russia. Lukashenko si considerava il capo della confederazione, ma quando Vladimir Putin è entrato nell’arena politica ha perso l’iniziativa. A questo proposito, l’interesse personale di Lukashenko è diminuito.

L’amministrazione di Lukashenko è impantanata nella corruzione, ma quali sono le garanzie che i leader dell’opposizione non soccomberanno alla stessa tentazione se esercitassero il potere? Quando gli ucraini sono usciti per protestare contro il governo corrotto di Viktor Yanukovich, nessuno di loro avrebbe potuto pensare che Petro Poroshenko sarebbe stato ancora più corrotto. Credevano che lui, un ricco imprenditore, non avrebbe ceduto alla tentazione. Lukashenko non può essere definito un leader democratico e il suo regno non corrisponde ai valori europei. Ma quante volte sono stati osservati questi valori in Ucraina dopo la Rivoluzione Maidan? La pressione sui giornalisti, l’ascesa di numerose organizzazioni nazionaliste e una serie di omicidi come a Odessa nella primavera del 2014,

Infine, la rivoluzione di Maidan ha causato una spaccatura nella società. La guerra è in corso nell’Ucraina orientale da sette anni e migliaia di civili sono morti.

Sostenendo i manifestanti, può l’Europa garantire che la storia non si ripeta? I sondaggi di opinione mostrano che nelle regioni di Gomel, Brest e Grodno, i paesi sono i più impegnati in relazioni strette con la Russia. Possono facilmente diventare focolai di separatismo. Se il Donbass ucraino si trova relativamente lontano dai confini dell’Unione europea, Brest e Grodno sono vicini ad esso.

Certo, i valori democratici sono importanti, ma l’Europa è diventata ostaggio delle proprie idee. Se non appoggiasse le proteste dell’opposizione, sarebbe considerato un tradimento, osserva Andreas Klute, editorialista di Bloomberg.

“Se le proteste si trasformeranno in un colpo di stato, probabilmente trascinerà Putin in un altro round di guerra ibrida e di escalation geopolitica che alla fine faranno sembrare l’Unione europea impotente”, ha detto.

È inaccettabile passare attraverso il prisma dei valori. Dovresti guardare a ciò che sta accadendo realisticamente, altrimenti le conseguenze saranno disastrose. In ogni caso, l’Europa deve ora affrontare una seria prova che in un modo o nell’altro influenzerà il futuro del continente. L’unica domanda è se questi cambiamenti saranno positivi.

[su_panel shadow=”0px 7px 5px #eeeeee” radius=”11″]nota a margine

Amici, immagino che alcuni di voi non condivide questa posizione ma chiedo allora “fatemi un elenco dove siamo intervenuti negli ultimi 20 anni in modo positivo rispetto alla libertà ed il benessere di quei popoli”. Non sarebbe ora di ripensare gli approcci anche in considerazione del livello di libertà che sempre più si sta assottigliando sotto i nostri piedi? Si possono basare i rapporti internazionali solo con la considerazione dell’antagonismo che divide le grandi potenze? Ha un valore il coltivare il bene per sé stessi? Ed in questo come siamo messi? E quale posto ha come priorità nel nostro ‘muoverci’?

@vietatoparlare by patrizioricci

[/su_panel]

 

 

Exit mobile version