Bibbiano: come piegare la realtà a proprio piacimento

Bibbiano e la psicopolizia

di Enrica Perucchietti

Per alcuni eminenti giornalisti ci si è occupati ampiamente (sic.) dell’inchiesta di Bibbiano. Sempre secondo costoro è in atto una sconsiderata campagna di persecuzione contro i carnefici della vicenda: ci sarebbero cioè dei cittadini che starebbero avvelenando i pozzi diffondendo sui social fake news ma soprattutto chiedendo che se ne parli.
Tradotto: basta parlare di Bibbiano! Non si deve continuare a scavare nella vicenda. Non si devono portare alla luce dettagli scabrosi che possano delineare quello che lo scandalo di Bibbiano è: la punta dell’iceberg di un sistema malato e criminoso.

Quando il fatto di cronaca serve a vendere giornali o a distrarre le masse, allora puntate in prima serata, plastici della scena del delitto, violazione della privacy e nessuna etica, nessuna pietà.
Quando invece il fatto di cronaca conduce all’identificazione di un sistema criminale con un’ideologia ben precisa di fondo, con connivenza di lobby intoccabili, protezioni politiche e altro, allora se ne deve parlare il meno possibile. Perché è rischioso: i cittadini potrebbero capire da che gente infame e senza scrupoli sono governati. E potrebbero iniziare a inutire che dietro la patina di buonismo si cela l’indifferenza del potere che manipola le menti cercando di eterodirigere le masse in modo che diano fastidio il meno possibile.

La diffusione delle fake news viene ovviamente strumentalizzata per silenziare la ricerca della verità. Il potere ha i suoi mastini, moderni psicopoliziotti che si sono improvvisati inquisitori e detentori della verità.
Che poi siano i media mainstream a criminalizzare la diffusione di fake news è quantomeno imbarazzante, essendo proprio i media di massa i primi a fare becera propaganda e a diffondere bufale.
Ve le ricordate le incubatrici kuwaitiane? La strage di Timisoara? Le armi di distruzione iraquene? Le bufale sulla Corea del Nord? Potrei andare avanti all’infinito.
Se esistesse il reato di diffusione di panzane, molte redazioni sarebbero vuote.

Come scrivevo nei giorni passati, sembra di essere precipitati in un mondo inverso in cui le vittime vengono dimenticate e i carnefici difesi, tutelati, persino giustificati (sono stati tutti abusati da piccoli, scrivono!).
Ci sono giornalisti che da anni denunciano il sistema corrotto e ideologicamente perverso che è emerso in queste settimane. Eppure sono rimasti inascoltati finora. Come quelle famiglie che sono state stravolte e distrutte dalla furia diabolica di menti perverse.

Genitori morti di crepacuore, suicidi, bimbi plagiati e cresciuti con la convinzione che mamma e papà non li volessero più vedere.
Questo abominio deve essere scandagliato fino in fondo.
Non ci può essere pietà per costoro ma soprattutto nessun giornalista che si rispetti può fermarsi di fronte a ciò che sta emergendo. A meno che non sia il burattino di un Sistema che ha il volto di una piovra e i tentacoli ovunque.
A meno che non sia una prostituta intellettuale.

Dalla montagna dello zucchero progressista si alza feroce la nuova polemica: il popolo dei “sovranisti italici” (sic.) tiene alta l’attenzione sull’inchiesta di Bibbiano per mero opportunismo politico (come se per indignarsi dei fatti raccapriccianti accaduti si debba essere di destra! Basta avere una coscienza e non essere stati riprogrammati dal Grande Fratello progressista per sentirsi disgustati).
Tradotto: se parli di Bibbiano e chiedi che si faccia luce su un disegno criminale e collaudato con radici in tutta Italia, sei liquidato come uno di “estrema destra” (sic.) o un “analfabeta funzionale” (doppio sic.). Insomma, sei un idiota fascista e ti devi vergognare di proteggere i bambini e attaccare i poveri carnefici che sono stati abusati da piccoli (i carnefici non i bimbi strappati alla famiglie)!
Ergo, per la psicopolizia su Bibbiano deve calare il sipario affinché i tentacoli della piova buonista possano tornare a fare i loro porci comodi a spese dei bambini e delle famiglie.
Ripeto, questa vicenda non ha colore politico. Questi sono mezzucci infami, squallidi e disgustosi per censurare un caso che potrebbe far tremare le fondamenta di un sistema (o forse DEL Sistema).
Si attaccano con i soliti epiteti (fascista, omofobo, complottista, analfabeta funzionale, retrogrado, ecc.) coloro che chiedono che la vicenda non venga dimenticata per creare un clima di terrore e spingere le persone a non esporsi.
La psicopolizia con questo atteggiamento isterico rende palese che non si vuole le indagini vengano rese pubbliche per non svelare all’opinione pubblica l’ideologia fintamente buonista, ipocrita e criminosa che vi è dietro. Approfondire l’ideologia che ha sorretto questo piano diabolico sarebbe rovinare i piani di chi sta spersonalizzando e riprogrammando le masse.
E’ proprio in questi casi che, invece, si deve tirare dritto e chiedere a gran voce che giustizia venga fatta.

Fonte: Enrica Perucchietti – Facebbok