Parlare di maschio e femmina significherà commettere un crimine contro l’umanità?

In questo articolo pubblicato su C-Fam, Stefano Gennarini ci spiega come presso l’ONU si stia svolgendo un dibattito sulla revisione della definizione del concetto di genere che servirà testo come base per i negoziati tra gli Stati su un nuovo trattato sui crimini contro l’umanità.

Ecco l’articolo nella traduzione di Sabino Paciolla. 

La Commissione per il diritto internazionale ha accettato di abbandonare la tradizionale definizione di genere contenuta nello Statuto di Roma della Corte penale internazionale del 1998 in un progetto di trattato sui crimini contro l’umanità.

Lo Statuto di Roma del 1998 definiva notoriamente il “genere” come riferito ai “due sessi, maschile e femminile, nel contesto della società”. Il dibattito sul significato del genere è stato così controverso quando il trattato è stato negoziato, escludendo espressamente “qualsiasi significato diverso da quanto sopra”.

Gli attivisti LGBT stanno ora rivendicando una vittoria perché la Commissione ha deciso di abbandonare questa definizione in un nuovo trattato. Ma la loro celebrazione potrebbe essere prematura. La decisione non è definitiva e potrebbe non sopravvivere alla revisione da parte dell’Assemblea Generale del lavoro della commissione di questo autunno.

L’anno scorso la commissione, un organo consultivo dell’Assemblea Generale, ha presentato la prima bozza del trattato agli Stati per commenti. All’epoca, conteneva la definizione maschile e femminile del “genere” dello Statuto di Roma.

Il mese scorso, la commissione ha provvisoriamente accettato di eliminare la definizione di genere nello Statuto di Roma a seguito delle pressioni dei gruppi delle lobby LGBT e dei governi che li sostengono. Questa decisione dovrebbe essere confermata mentre la commissione conclude la sua sessione di Ginevra di questo mese.

Quando ha iniziato a lavorare sul trattato nel 2015, la Commissione ha deciso di non cambiare nessuna delle definizioni della Statua di Roma. Ora, tuttavia, la Commissione sta dicendo che il genere dovrebbe essere un’eccezione perché il significato di genere si è “evoluto” nel diritto internazionale dei diritti umani.

La commissione ha notato in particolare come il procuratore della Corte penale internazionale interpreti già la definizione dello Statuto di Roma come comprendente non solo donne e uomini, ma anche l’”orientamento sessuale” e l’”identità di genere”.

Sottolineando l’importanza della ridefinizione del genere nel diritto internazionale, oltre 700 organizzazioni LGBT hanno esercitato pressioni sulla commissione per eliminare la definizione binaria di genere.

Al contrario, solo 33 paesi hanno presentato osservazioni sulla prima bozza della commissione. Diciannove di questi paesi hanno chiesto alla Commissione di cambiare la definizione di genere. Diverse agenzie delle Nazioni Unite hanno anche esercitato pressioni sulla commissione per questo cambiamento, compreso l’Ufficio dell’Alto Commissario per i diritti umani.

L’Assemblea Generale esaminerà il lavoro della Commissione Internazionale in autunno e deciderà se utilizzare il lavoro della commissione come base per i negoziati tra gli Stati su un nuovo trattato sui crimini contro l’umanità.

Tale decisione sarà spinosa. Oltre 50 Stati membri dell’ONU hanno lavorato in modo indipendente su un trattato parallelo sui crimini contro l’umanità. Ed è ulteriormente complicato dall’opposizione di circa metà dell’Assemblea Generale a fare dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere categorie di non discriminazione ai sensi del diritto internazionale.

Circa la metà dell’Assemblea Generale sostiene che il diritto internazionale dei diritti umani protegge tutti gli individui allo stesso modo come uomini e donne, non sulla base di categorie soggettive di identità di genere e preferenze sessuali.

Inoltre, la decisione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite alla IV Conferenza mondiale sulle donne di Pechino del 1995, che è ancora valida, era che il genere dovesse essere compreso solo secondo il suo uso ordinario.

Fonte: C-Fam

L’articolo Parlare di maschio e femmina significherà commettere un crimine contro l’umanità? proviene da Il blog di Sabino Paciolla.

Source link