VP News – 'vietato parlare' – Blog di Patrizio Ricci

Detenuti in Libano ex membri dei cosiddetti ‘ribelli siriani’

Detenuti in Libano ex membri dei cosiddetti 'ribelli siriani' 8

Il 28 gennaio 2021, durante i disordini a Tripoli, in Libano, sono state arrestate almeno 10 persone. Tra loro c’erano ex membri dell’Esercito siriano libero (FSA).
L’arresto è già avvenuto da parecchi mesi, come potete vedere. Ma è questa una buona occasione per ricordare chi sono gli arrestati e inseriti in che gruppo queste persone operavano in Siria.


Uno di loro – Anas Idris, 41 anni, soprannominato “Ahmad al-Qusayr” – nell’aprile 2011, si è unito alle proteste antigovernative in Siria: è diventato giornalista e ha seguito le battaglie nell’ovest della provincia di Homs. Fino a febbraio 2012, Idris è stato presidente del Consiglio rivoluzionario di Homs.

Fadi Soni e Anas Idris – https://nabd.com/

Alcune fonti affermano che fu anche uno dei fondatori delle Brigate Al-Farouq. Il gruppo operava, tra l’altro, nelle vicinanze della natia Quseir, al confine con il Libano.

Dopo che l’FSA è stato sconfitto dalle forze governative nel 2013/2014, l’ex membro del Consiglio rivoluzionario ha lasciato la Siria e si è trasferito in Libano, dove ha continuato a svolgere attività giornalistiche.

Non è la prima volta che Idris viene all’attenzione delle forze dell’ordine libanesi. Nel 2016 la polizia lo aveva già detenuto a Tripoli, ma in seguito è stato stato rilasciato.

Nella foto sopra a sinistra e qui sotto Fadi Soni, un altro ex membro dell’FSA all’epoca detenuto a Tripoli.

All’inizio della guerra civile siriana, Fadi Soni era anche giornalista e lavorava per il centro media nella città di Qusayr, allora sotto il controllo dei gruppi dell’opposizione armata.

Questi media, erano sovvenzionati dall’occidente, come del resto Aleppo Media Center e altri.

Brigate al-Farouk

Le Brigate al-Farouk, alle quali sarebbe stato associato Anas Idris, furono una delle prime fazioni di opposizione nella guerra civile siriana. È stata fondata da un gruppo di disertori dell’esercito siriano, tra cui Abdul-Razzak Tlas, nipote dell’ex ministro della Difesa Mustafa Tlas.

Dall’estate del 2011, le Brigate al-Farouk hanno operato in battaglie urbane a Homs. Successivamente, sezioni del gruppo sono apparsi nelle montagne del Kalamoun occidentale vicino al confine libanese, nella campagna di Homs, nonché a Daraa e vicino al confine turco.

In principio, la fazione ebbe successo. Un ruolo importante per ottenere il successo, è stato svolto dagli attivisti dei media, tra cui i già citati Anas Idris e Fadi Soni. I giornalisti hanno seguito le battaglie delle Brigate Al-Farouk e creato dai militanti un’immagine spettacolare dei “giusti rivoluzionari siriani”.

La popolarità del gruppo è cresciuta e il denaro è confluito nei suoi fondi dai paesi dell’Occidente e del Golfo Persico. Secondo le loro stesse dichiarazioni, al culmine della loro esistenza, le fila delle Brigate al-Farouk erano composte da oltre 10 mila militanti.

Nel 2012, le Brigate Al-Farouk sono persino entrate a far parte del Fronte islamico per la liberazione della Siria, un’alleanza finanziata dall’Arabia Saudita di fazioni islamiste radicali fino a 35.000 persone.

Tuttavia, nel tempo, le Brigate Al-Farouk iniziarono a subire sconfitte. Nel marzo 2012 il gruppo di Homs lasciò l’area di Bab Amr, che era la propria roccaforte nella città. Nell’aprile 2013, un’offensiva su larga scala dell’esercito siriano e degli Hezbollah libanesi iniziò nel Qalamoun occidentale.

Durante i combattimenti, l’FSA persero il controllo della città e dell’area circostante di Qusayr, che era una delle roccaforti chiave delle Brigate Al-Farouk.

Nel 2014, la fazione della Brigata al-Farouk aveva completamente perso la sua influenza e praticamente aveva cessato di esistere. I distaccamenti sopravvissuti alle battaglie con l’esercito siriano ei gruppi islamici radicali si unirono ad Ahrar al-Sham e Hay’at Tahrir al-Sham (HTS).

Gli scandali hanno afflitto la “Brigata Al-Farouk”  per tutto l’arco della sua esistenza. Nell’agosto 2012 è apparso in rete un video in cui il leader del gruppo, Abdul-Razzak Tlas, faceva sesso su Skype: l’incidente gli è costato un posto di comando. La fazione è stata associata a numerosi casi di rapine, rapine e rapimenti.

E’ utile ricordare che battaglione della morte ‘Farouq’ appartenente al Free Syrian Army, era incaricato appositamente di uccidere i prigionieri governativi a livello ‘industriale’.

In proposito, ricordo che la corrispondente da Beirut (Libano) dello Spiegel Ulrike Putz (http://www.spiegel.de/politik/ausland/0,1518,823382,00.html) incontrò in ospedale nella città libanese di Tripoli un certo Hussein, un 24enne che faceva parte dei “plotoni di esecuzione” di Homs e aveva ucciso sgozzandoli parecchi soldati caduti nelle mani del cosiddetto “esercito siriano libero”.

Hussein, ferito alle spalle nella fase finale dell’offensiva governativa su Baba Amro, Hussein precisò che invece torturare non era compito suo bensì di una “brigata interrogatori”, e rivendica la sua appartenenza alla “brigata Faruk”, una delle unità più “mediatizzata” fra i gruppi armati. Secondo uno dei “superiori”, Abu Rami, la brigata di Hussein avrebbe ucciso almeno duecento “traditori” (sunniti “spioni” o “cittadini di Homs che non stavano con la rivoluzione”).

Ma l’episodio più rumoroso è stata la pubblicazione di un video con un militante di una delle unità della Brigata Al-Farouk.Su di esso, un membro del gruppo Khaled al-Hammad, soprannominato Abu Sakkar, di fronte all’operatore, ha tagliato e mangiato il cuore di un soldato alawita siriano ucciso. Più tardi, in un’intervista con la BBC britannica, ha minacciato che se l’Occidente non avesse fornito all’opposizione siriana armi pesanti e una no-fly zone, i militanti dell’FSA iniziare a intraprendere atti ancora più scioccante.


Successivamente, Abu Sakar è stato ucciso in battaglie nel nord di Latakia nell’aprile 2016: a quel tempo aveva dimenticato da tempo gli “ideali laici della rivoluzione siriana” ed era un membro di Jabhat al-Nusra.

Questo è solo una delle formazioni che pretendevano di portare la democrazia in Siria esautorando il cattivissimo Assad.

Forse Anas Idris e Fadi Soni volevano portare la democrazia anche il Libano, anche qui con poca fortuna a quanto pare…

nota a margine

Ecco i gruppi che hanno operato in Siria all’inizio della proxy war dei paesi del Golfo e occidente:

I principali gruppi ribelli

Milizie combattenti

Exit mobile version