AIEA: Non è vero che sono i russi a voler far saltare la centrale di Zaporozhye, ma i media mainstream fanno orecchie da mercante

Dal sito ufficiale da AIEA… cos’altro vogliono i nostri media per invertire la narrazione!?

Gli esperti dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) finora non hanno trovato indicazioni visibili di mine o altri esplosivi attualmente collocati nella centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhya (ZNPP), ma hanno ancora bisogno di un ulteriore accesso per effettuare ulteriori controlli di questo tipo sul sito, ha affermato il direttore generale. Lo ha detto oggi Rafael Mariano Grossi.

Il team di esperti IAEA ha potuto oggi ispezionare parti del sistema di raffreddamento dell’impianto, tra cui alcune sezioni del perimetro del grande bacino di raffreddamento e la saracinesca di isolamento del canale di scarico della vicina Zaporizhzhya Thermal Power Plant (ZTPP). Sia questo canale che lo stagno di raffreddamento contengono riserve d’acqua che rimangono disponibili per l’uso da parte dello ZNPP nonostante la distruzione della diga di Kakhovka a valle più di tre settimane fa.

Gli esperti dell’AIEA hanno anche condotto visite regolari nelle sei unità del reattore e in altre aree intorno al sito. È comunque previsto l’accesso ad ulteriori aree, comprese parti delle sale turbine e alcune parti dell’impianto di raffreddamento.

Come indicato in precedenza , l’AIEA è a conoscenza di rapporti secondo cui mine e altri esplosivi sono stati collocati all’interno e intorno allo ZNPP, comprese le mine vicino al bacino di raffreddamento.

Prendiamo molto sul serio tutti questi rapporti e ho incaricato i nostri esperti del sito di esaminare la questione e richiedere l’accesso di cui hanno bisogno per svolgere il loro lavoro. Fino ad ora non hanno osservato mine o altri esplosivi. Sarà ancora necessario un ulteriore accesso“, ha affermato il direttore generale Grossi.

Come ha detto la scorsa settimana il direttore generale Grossi , durante la sua visita allo ZNPP il 15 giugno, la terza in meno di dieci mesi, non sono state osservate mine nel sito. Tuttavia, l’AIEA era a conoscenza di un precedente posizionamento di mine al di fuori del perimetro dell’impianto, di cui l’Agenzia ha riferito in precedenza, e anche in particolari punti all’interno.

I cinque principi fondamentali per la protezione della più grande centrale nucleare d’Europa (NPP) che il Direttore Generale Grossi ha stabilito il 30 maggio al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite affermano che non vi deve essere alcun attacco da o contro la centrale e che essa non deve essere utilizzata come deposito o base per armi pesanti: lanciarazzi multipli, sistemi di artiglieria e munizioni e carri armati.

“Abbiamo bisogno di pieno accesso per poter confermare che i cinque principi non sono stati violati e continueremo a richiedere l’accesso necessario a tutte quelle aree essenziali per la sicurezza e la protezione nucleare in modo da poter adempiere a questo mandato, compreso che il l’impianto non dovrebbe essere utilizzato come deposito o base per armi pesanti e munizioni”, ha affermato il direttore generale Grossi, aggiungendo che il team dell’AIEA non ha segnalato alcun bombardamento o esplosioni nell’ultima settimana e che la presenza militare nel sito appare invariata.

“Stiamo rafforzando la nostra presenza presso l’impianto per monitorare il rispetto di questi principi che sono di fondamentale importanza per proteggere l’impianto e prevenire un grave incidente nucleare durante la guerra”, ha affermato.

Da quando la diga di Kakhovka è stata violata il 6 giugno, provocando un rapido abbassamento del livello del serbatoio, lo ZNPP ha fatto affidamento su riserve separate di acqua detenute vicino o nel sito, in particolare il canale di scarico dello ZTPP.

Attualmente, i sei reattori dell’impianto continuano a essere raffreddati utilizzando il sistema di raffreddamento essenziale, che ora viene rifornito con acqua sotterranea pompata dal sistema di drenaggio del sito, ha affermato il direttore generale Grossi. Per le altre esigenze idriche del sito, l’impianto è recentemente passato dall’utilizzo del canale di scarico ZTPP al grande bacino di raffreddamento adiacente al sito.

Di conseguenza, l’altezza dello stagno di raffreddamento ZNPP sta diminuendo fino a 1 centimetro al giorno a causa dell’utilizzo del sito e dell’evaporazione, ma viene utilizzata anche l’acqua del sistema di drenaggio per reintegrare questo specchio d’acqua, rallentando così il tasso di riduzione in il livello dell’acqua. L’attuale livello dell’acqua dello stagno è poco più di 16,5 metri.

In data 23 giugno, come indicato nell’Aggiornamento del Direttore Generale 167 , la ZNPP ha avviato le normali pompe di circolazione per portare l’acqua dal canale di immissione della ZTPP – che prima era collegato direttamente al serbatoio ma da questo è stato poi staccato – nella stessa struttura canale di scarico, ma dovette presto interrompersi perché il livello dell’acqua era troppo basso per far funzionare queste pompe. È stato il primo tentativo del genere dall’8 giugno.

Invece, ha detto il direttore generale Grossi, l’impianto si sta preparando a utilizzare pompe sommergibili più piccole per accedere all’acqua da questo canale di ingresso e riempire il canale di scarico ZTPP, il cui livello era in calo di circa 10 centimetri al giorno fino a quando l’impianto non ha iniziato a utilizzare il bacino di raffreddamento. La sua altezza si è ormai stabilizzata a poco meno di 17 metri, aiutata anche dalle recenti piogge e dal clima più fresco.

Il pompaggio di ulteriore acqua nel canale di scarico fornirebbe un buffer aggiuntivo per lo ZNPP, i cui sei reattori sono tutti spenti ma necessitano comunque sia di alimentazione che di acqua di raffreddamento.

Per aiutare a preservare queste risorse esistenti ma ancora limitate, l’impianto ha anche ridotto il più possibile il consumo di acqua che non è necessaria per le funzioni essenziali di sicurezza nucleare.

“Sebbene il sito disponga attualmente di riserve idriche sufficienti per alcuni mesi, l’impianto deve agire già ora per garantire acqua sufficiente a lungo termine. L’impianto sta lavorando per affrontare questo problema, ma è un’impresa complessa, a cui abbiamo assistito ancora una volta la scorsa settimana “, ha affermato.

Lo ZNPP rimane dipendente da un’unica linea elettrica esterna operativa da 750 kilovolt (kV) per l’elettricità di cui ha bisogno per raffreddare i reattori e altre funzioni essenziali di sicurezza e protezione nucleare, rispetto alle quattro linee prima del conflitto armato in Ucraina. Se questa linea dovesse guastarsi di nuovo – come è successo più volte negli ultimi mesi – il sito attualmente dispone solo di generatori diesel di emergenza per l’elettricità necessaria per pompare l’acqua che raffredda i reattori e le vasche del combustibile esaurito.

Cinque dei sei reattori della ZNPP sono in arresto a freddo. L’unità 5 rimane in arresto a caldo per generare il vapore necessario per il sito. Gli esperti IAEA hanno visitato ieri la sala di controllo principale dell’Unità 5 e hanno confermato lo stato di spegnimento a caldo. Gli esperti sono stati inoltre informati che l’impianto sta ancora valutando la necessità di vapore per determinare quale tipo di generatore di vapore esterno potrebbe essere installato ed eventualmente consentire l’arresto a freddo dell’unità 5. L’AIEA è inoltre a conoscenza del fatto che il regolatore ucraino ha apportato modifiche al le licenze di alcune delle unità di ZNPP, compreso il fatto che il funzionamento dell’Unità 5 sia effettuato in uno stato di arresto a freddo.

L’AIEA ha anche squadre di esperti presenti in modo permanente presso le altre centrali nucleari dell’Ucraina per assistere negli sforzi per mantenere la sicurezza e la protezione nucleare durante il conflitto.

Il 13 giugno è avvenuta la consegna di pezzi di ricambio per i generatori diesel di emergenza della centrale nucleare dell’Ucraina meridionale. Questi pezzi di ricambio sono essenziali per la manutenzione e la funzionalità dei generatori diesel di emergenza, quindi il loro corretto funzionamento è garantito per prevenire un incidente nucleare dovuto alla perdita di alimentazione fuori sito. La consegna ha seguito gli accordi concordati il ​​5 maggio tra l’AIEA, la Francia e l’Energoatom ucraino. Ulteriori parti di ricambio previste da questo accordo saranno presto consegnate.

Ieri l’AIEA ha coordinato la sua 19a consegna di equipaggiamento durante il conflitto, consistente in cinque unità di decontaminazione per i servizi statali di emergenza dell’Ucraina, procurate con il sostegno dell’Unione Europea. Altre cinque unità sono state acquistate con altri fondi e sono in attesa di essere spedite in Ucraina.

FINE CITAZIONE

***

nota a margine:

Mentre si stavano ritirando, l’Ucraina ha danneggiato l’impianto con bombardamenti, esplosivi e ha appiccato incendi. Ma gli incendi furono spenti e i danni mitigati. 
Tuttavia l’Ucraina ha altre 3 centrali nucleari con cui potrebbe condurre una politica di Terra bruciata. È stato riferito che usano queste infrastrutture per immagazzinare armi, questo perché sanno la Russia non li prenderà di mira.
L’Ucraina potrebbe facilmente usare la centrale di Zaporozhe (ZNPP) come distrazione e far saltare in aria un’altra centrale nucleare, incolpando la Russia. La ledership ucraina ha dimostrato più e più volte di essere abbastanza malvagia da causare un disastro totale di questo tipo.
L’Ucraina può anche tenere quelle piante come una spada sopra la testa della NATO, per ottenere più armi. Quindi, abbiamo due percoli, una intensa campagna disinformativa e la volontà perenne di nuocere , sempre più incurante delle conseguenze.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.