Afghanistan – Analisi del nuovo governo, chi è entrato nel governo talebano

Quella che segue è una esauriente analisi sul nuovo governo in Afghanistan, dalla pubblicazione omonima, ‘Afghanistan.ru’.

@vietatoparlare


La scorsa settimana i talebani hanno annunciato la composizione del governo: è praticamente monoetnico e metà della lista è sotto le sanzioni del Consiglio di sicurezza dell’ONU. Abbiamo analizzato chi è entrato al governo, cosa potrebbe esserci dietro questa scelta e come il mondo ha reagito al nuovo governo.

Perché ritardare la formazione del governo?

La composizione della nuova amministrazione è stata annunciata dai talebani  il 7 settembre, 23 giorni dopo la presa di Kabul. Alcuni addetti ai lavori hanno visto la ragione di questo ritardo nella continua resistenza della provincia del Panjshir, mentre altri – nei disaccordi all’interno del movimento stesso tra l’ala radicale, guidata da Haqqani , e i talebani moderati, sostenitori del Mullah Baradar.… Le contraddizioni interne erano così forti da provocare diverse sparatorie a Kabul. Il 3 settembre, 17 persone sono state uccise in uno scontro del genere, più di 40 sono rimaste ferite e la scorsa settimana, secondo testimoni oculari, c’è stata una sparatoria ad Arga, il palazzo presidenziale. I media indiani hanno riferito che il Mullah Baradar è stato gravemente ferito nella sparatoria ed è stato  inviato in Pakistan per le cure. Dopo di che, voci insistenti si sono sparse in tutta Kabul e dicevano che Baradar fosse morto.

Per riconciliare le parti in guerra, secondo gli addetti ai lavori, il capo dei servizi segreti pakistani, il generale Faiz Hamid, è volato a Kabul, e letteralmente un giorno dopo la sua partenza, è stata annunciata la composizione del governo.

Poco dopo, sui media e sui social media è circolato un messaggio vocale in cui un uomo – la cui voce era simile a quella di un leader talebano – si lamentava della composizione del nuovo governo e criticava il Pakistan per “aver distrutto tutto”. La persona nell’audio diceva che i talebani stavano pianificando un governo diverso e più inclusivo, ma il capo dell’ISI Hamid Faiz “ha distrutto l’intero futuro dell’Afghanistan e si prevede una nuova guerra”.

Non è possibile verificare l’autenticità della registrazione, ma la registrazione audio è diventata virale, poiché il suo messaggio ha coinciso con la percezione prevalente che il Pakistan non stia solo aiutando i talebani con la fornitura di armi e equipaggiamento militare.

Questo non vuol dire che tutti i talebani siano pronti ad ascoltare le istruzioni di Islamabad. Alcuni addetti ai lavori sono convinti che i talebani moderati in genere si siano opposti alla visita del capo dell’Isi (e molti non dubitano dell’autenticità della registrazione audio, poiché risponde ai sentimenti di una parte dei talebani). In precedenza, gli stessi talebani moderati si erano opposti alla visita del ministro degli Esteri pakistano Shah Mahmoud Qureshi a Kabul.

Gli addetti ai lavori sono fiduciosi che la visita di Qureshi a Kabul avrebbe dovuto dimostrare a tutti gli attori esterni il ruolo guida del Pakistan e il livello della sua influenza sui talebani. Questo è particolarmente importante per Islamabad oggi, quando la regione sta affrontando una seria concorrenza tra Qatar e Pakistan .

La maggior parte dei paesi occidentali ha già trasferito le proprie missioni diplomatiche a Doha, il che aumenta l’importanza del Qatar e incide positivamente sull’immagine di questo Stato, che sta costruendo la sua politica indipendente nella regione del Golfo Persico. Ed è importante che Islamabad dimostri i vantaggi nella mediazione pakistana tra paesi occidentali e talebani.

Sabato 11 settembre il capo dell’ISI ha invitato i colleghi dei paesi della regione, compresa la Russia, a un incontro per discutere l’agenda afghana. In precedenza, il ministro degli Esteri pakistano ha anche riunito i colleghi della regione per un incontro online, anche con l’intenzione di sviluppare una strategia regionale sull’Afghanistan.

Nel frattempo, il ministro degli Esteri del Qatar Muhammad bin Abd al-Rahman al-Thani è diventato il primo dei suoi funzionari di livello a visitare l’Afghanistan dopo che i talebani sono saliti al potere, e ha incontrato il nuovo primo ministro Mullah Mohammad Hasan Akhund, il vice primo ministro Abdul Salam Hanafi, Il ministro degli Esteri Amir Khan Mutaki, il ministro della Difesa Mullah Yakub e il ministro degli Interni Sirajuddin Haqqani. Il mullah Baradar non era presente all’incontro, che ha riacceso le voci sulla sua possibile morte.

L’assenza di Baradar a un importante incontro con il ministro del Qatar potrebbe indicare che l’inimicizia tra il clan Haqqani e il primo vicepremier non si placa.

Successivamente, il ministro del Qatar ha incontrato l’ex presidente afghano Hamid Karzai e l’ex capo del Consiglio supremo per la riconciliazione nazionale Abdullah Abdullah.

I leader del nuovo governo e il blocco di potere

Abbiamo analizzato chi è entrato nel governo afghano: abbiamo guardato la nazionalità, la biografia e la presenza nelle liste delle sanzioni del Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Sono stati pubblicati 33 cognomi, tra i quali la maggioranza sono pashtun, un uzbeko e due tagiki. Non una sola donna .  In tutto sono incluse 17 persone nell’elenco delle sanzioni dispoiste dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Composizione del governo.

Il primo ministro è il mullah Muhammad Hassan Akhund. pashtun. Nato a Kandahar, uno dei fondatori dei talebani. Fu membro dell’Alto Consiglio del movimento. Era considerato il più stretto collaboratore e consigliere politico del Mullah Omar, il fondatore del movimento, vicino all’attuale leader spirituale dei talebani, il Mullah Haybatullah Akhundzad. Durante il suo precedente regno, ha servito come Primo Vice Primo Ministro, Ministro degli Affari Esteri, Governatore di Kandahar. È sulla lista delle sanzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Negli anni precedenti non ha svolto attività pubbliche, ha vissuto, secondo i media afgani, in Pakistan.

Primo Vice Primo Ministro – Mullah Abdul Ghani Baradar. pashtun. Nato a Uruzgan, cresciuto a Kandahar. Uno dei fondatori del movimento, era vicino al mullah Omar. Ha servito come ministro della Difesa, il vice mullah Omar, a capo dell’ala militare dei talebani. Dopo il rovesciamento del regime talebano – il leader della Quetta Shura. Operazioni organizzate dei talebani contro il governo afghano e la Forza internazionale di assistenza alla sicurezza. Baradar è stato arrestato in Pakistan nel 2010, rilasciato su pressione degli Stati Uniti nel 2018 e subito dopo è stato a capo dell’ufficio politico del movimento in Qatar. Baradar era rispettato da tutte le fazioni del movimento e il suo rilascio e nomina sembravano un tentativo degli Stati Uniti di far rispettare gli accordi di Doha da parte di tutti i membri del movimento. È nella lista delle sanzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Secondo Vice Primo Ministro – Maulawi Abdul Salam Hanafi. uzbeko. Nativo di Faryab. Ha ricevuto la sua educazione religiosa in Pakistan. Per molti anni ha svolto un ruolo importante nello stabilire contatti tra i talebani e gli uzbeki dell’Afghanistan. Durante il governo dei talebani, è stato viceministro dell’istruzione, dal maggio 2007 – il governatore ombra della provincia di Jowzjan. Gli informatori delle Nazioni Unite ritengono che abbia supervisionato il traffico di droga. È nella lista delle sanzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Negli ultimi anni è stato membro dell’ufficio del Qatar.

Ministro degli Esteri – Maulawi Amir Khan Mottaki. pashtun. Nativo di Helmand. Durante il precedente governo dei talebani, è stato a capo dell’apparato governativo, è stato ministro dell’informazione e della cultura. Era un membro dell’Alto Consiglio dei talebani. È nelle liste delle sanzioni del Consiglio di sicurezza dell’ONU, negli ultimi anni, un membro dell’ufficio del Qatar e una delle figure chiave nei negoziati di Doha. Dopo la cattura di Kabul, la sua influenza aumentò notevolmente.

Vice Ministro degli Esteri – Sher Mohammad Abbas Stanakzai. pashtun. Nato in provincia di Logar. Negli anni ’70 si è laureato all’Accademia militare di Kabul, ha ricevuto un’ulteriore istruzione militare in India. Secondo notizie non confermate, era un membro della fazione Khalq del PDPA: i media hanno scritto che è stato riconosciuto da ex attivisti del PDPA che vivono in Occidente. Lo stesso Stanakzai non commenta questo. Durante gli anni precedenti del governo talebano, è stato viceministro degli esteri, ha lavorato nei ministeri della sanità e dell’aviazione civile. E’ incluso nell’elenco delle sanzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Il ministro della Giustizia è Maulawi Abdul Hakim Haqqani. pashtun. Nato a Kandahar. Era considerato un amico personale del fondatore del movimento, il mullah Omar. Il nome di Abdul Hakim Haqqani è diventato noto dopo l’inizio dei negoziati inter-afghani a Doha: ha guidato inaspettatamente la delegazione talebana in molti.

Ministro della Difesa – Mullah Muhammad Yakub Mujahid. pashtun. Nato a Kandahar, figlio del fondatore del movimento, il mullah Omar. Mulla Yakub ha circa trent’anni e gode di grande prestigio. Ha ricevuto la sua educazione religiosa nella madrasa della città di Karachi. Dopo l’elezione del Mullah Haybatullah come leader spirituale del movimento, il Mullah Yakub divenne il capo della commissione militare talebana e divenne membro del consiglio direttivo del movimento.

Vice Ministro della Difesa– Mullah Muhammad Fazel Mazlum. pashtun. Nato nella provincia di Uruzgan. Uno dei comandanti sul campo più influenti del movimento negli anni Novanta, il più stretto collaboratore del Mullah Omar, uno dei fondatori del movimento. Ha lavorato nel campo di addestramento “Al-Farouk”, creato da “Al-Qaeda” . Secondo gli storici afgani, il mullah Fazel Mazlum ha svolto un ruolo chiave nella conquista delle province settentrionali negli anni novanta. Ha ricoperto le cariche di Vice Ministro della Difesa e Vice Capo di Stato Maggiore dell’Esercito. Gli abitanti del nord del Paese e alcuni attivisti per i diritti umani associano il suo nome a rappresaglie contro gli sciiti a Mazar-i-Sharif. Sotto la guida di Fazel Mazlum, c’erano circa 3.000 militanti nella provincia di Takhar. Dopo il rovesciamento dei talebani nel 2001, è stato catturato dalle forze di Abdul Rashid Dostum, che lo hanno consegnato alla parte americana. Fu tra il Mullah Fasel e il maresciallo Dostum che ci fu una scaramuccia durante una riunione a Mosca nel marzo 2021, dopo la quale Dostum ha lasciato il vertice prima del previsto. Mazlum è incluso nell’elenco delle sanzioni del Consiglio di sicurezza dell’ONU.

Ministro degli Interni– Mullah Sirajuddin Haqqani. pashtun. Nativo della provincia di Khost. Sirajuddin Haqqani è il figlio di Jalaluddin Haqqani, il leader della Rete Haqqani , una delle fazioni più preparate e addestrate del movimento. Gli esperti occidentali separano la rete Haqqani dai talebani, è anche elencata separatamente negli elenchi delle Nazioni Unite, ma tutti gli anni precedenti i suoi leader erano alla guida dei talebani. Haqqani è associato al terrorista Al-Qaeda e Jaish-i-Mohammed . Secondo gli addetti ai lavori delle Nazioni Unite, le operazioni speciali della sua unità sono state finanziate non solo dai talebani, ma anche dalla mafia della droga. È un collegamento tra gruppi terroristici in Afghanistan e nella Zona Tribale. Ha partecipato attivamente agli attacchi contro la Forza internazionale di assistenza alla sicurezza, funzionari e civili afgani. È sulla lista delle sanzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

I viceministri degli interni sono Maulavi Nur Jalal e Mullah Abdul Haq, quest’ultimo incaricato della lotta alla droga.

Il capo dell’intelligence è Abdul Haq Wasik. pashtun. Nativo di Ghazni. Ha studiato alla madrasa di Quetta. Durante il precedente governo talebano, era il vice capo dei servizi segreti, dove era responsabile dei rapporti con i combattenti stranieri associati ad Al-Qaeda e dei loro campi di addestramento in Afghanistan. Dopo il rovesciamento del regime, è stato detenuto a Ghazni durante un’operazione speciale statunitense e trasferito a Guantanamo. Secondo alcuni rapporti, in precedenza era un membro del Partito islamico dell’Afghanistan (IPA). Incluso nell’elenco delle sanzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

I vice capi dell’intelligence sono il Mullah Taj Mir Javad, il vice per gli affari amministrativi è il Mullah Rahmatullah Najib.

Capo di Stato Maggiore – Kari Fasikhuddin. tagico. Nato a Badakhshan. Negli ultimi anni è stato il governatore ombra della sua provincia natale. È considerato uno dei comandanti più popolari, ha guadagnato fama negli ultimi anni. Le sue truppe hanno svolto un ruolo importante nella cattura di un certo numero di province settentrionali e di Kabul. Fasihuddin comandò l’operazione contro il Panjshir.

Ministro delle frontiere e degli affari tribali – Mullah Nurullah Nuri. pashtun. Nativo della provincia di Zabul. Negli anni novanta è stato il comandante chiave dei talebani nel nord del Paese, in particolare ha comandato l’operazione a Balkh e dopo qualche tempo è stato governatore di questa provincia. Ha anche lavorato per qualche tempo come governatore della provincia di Laghman. Il suo nome è anche associato ai massacri di sciiti a Mazar-i-Sharif negli anni novanta. Nel 2001, insieme al Mullah Fasel, fu catturato da Dostum, che li consegnò agli americani. Incluso nell’elenco delle sanzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Settore finanziario ed economico

Ministro delle finanze – Mullah Hidayatullah Badri. Non ci sono informazioni su di lui.

Ministro dell’Economia – Qari Dean Mohammad Hanif. tagico. Nato a Badakhshan, ha studiato in una madrasa a Peshawar. Durante il precedente governo talebano, è stato ministro della pianificazione e ministro dell’istruzione superiore. Dopo l’arrivo degli americani, guidò le forze talebane a Badakhshan e Takhar, e in seguito divenne membro della commissione militare e del consiglio direttivo del movimento. Incluso nell’elenco delle sanzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Ministro della ripresa e dello sviluppo dell’agricoltura – Mullah Mohammad Yunus Akhundzada. pashtun.

Il capo del ministero delle risorse naturali è il mullah Mohammad Isa (Essa) Akhund. pashtun. Durante gli anni precedenti del governo talebano, è stato governatore della provincia di Paktika, ministro dell’approvvigionamento idrico, dei servizi igienico-sanitari e dell’energia. Incluso nell’elenco delle sanzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Ministro delle risorse idriche e dell’energia – Mullah Abdul Latif Mansour. pashtun. Durante gli anni precedenti del governo talebano, è stato governatore della provincia di Paktika e ministro dell’agricoltura. Dopo l’arrivo degli americani, fu membro dell’Alto Consiglio del movimento e capo della Commissione politica, nonché governatore ombra della provincia di Nangarhar. Incluso nell’elenco delle sanzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Ministro dei trasporti e dell’aviazione civile – Mullah Hamidullah Akhundzada. pashtun.

Il capo della Banca centrale è il mullah Mohammad Idris.

settore sociale

Ministro dell’Istruzione – Sheikh Maulawi Nurullah Munir. pashtun. Nato a Kandahar. Non ci sono informazioni su cosa abbia fatto durante il precedente governo talebano e durante la presenza americana. Noto per la sua affermazione che il livello di istruzione e i titoli accademici non giocano un ruolo importante.

Ministro dell’istruzione superiore – Abdul Baki Haqqani. pashtun.

Ministro delle Comunicazioni – Najibullah Haqqani. pashtun. Durante il precedente governo talebano è stato viceministro delle finanze e viceministro dei lavori pubblici. Nel 2009, ha comandato le forze talebane nella provincia di Kunar e in seguito è diventato il governatore ombra della provincia di Laghman. È sulla lista delle sanzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Ministro della Cultura e dell’Informazione – Mullah Khairullah Khairkhwa. pashtun. Nato a Kandahar. Sotto il precedente governo talebano, era il governatore delle province di Herat e Kabul, il presidente del regime talebano e il ministro degli Interni. Nel 2011, è stato catturato dagli americani, ha trascorso diversi anni a Guantanamo, nel 2014 è stato rilasciato. Negli ultimi anni è stato membro della delegazione negoziale dei talebani ed è stato membro dell’ufficio del Qatar. Gode ​​di autorità sia tra le forze armate che tra le cariche politiche. Ha parlato ripetutamente con i comandanti sul campo del gruppo. Incluso nell’elenco delle sanzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Vice Ministro della Cultura e dell’Informazione – Zabiullah Mujahid. pashtun. Negli ultimi anni è stato un portavoce del movimento. Esiste una versione secondo cui “Zabiullah Mujahid” è uno pseudonimo sotto il quale persone diverse hanno lavorato in periodi diversi. Lo stesso Mujahid ha recentemente affermato di aver vissuto tutti gli anni precedenti a Kabul. A questo proposito, gli osservatori hanno ricordato le parole di uno dei capi dei mujaheddin, Rasul Sayyaf, espresse durante il regno di Hamid Karzai. Sayyaf ha poi accusato le autorità di inerzia, affermando che il portavoce dei talebani viveva nella capitale afghana.

Ministro degli affari religiosi – Nur Mohammad Sakib. pashtun. Sotto il precedente governo talebano, era il presidente della Corte suprema. Era un membro dell’Alto Consiglio dei talebani e ne dirigeva il Comitato per gli affari religiosi, che è l’organo giudiziario dei talebani. Incluso nell’elenco delle sanzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Il ministro dell’orientamento islamico è lo sceicco Mohammad Khalid. pashtun.

Il ministro dei lavori pubblici è il mullah Abdul Manan Omari (Umeri). pashtun.

Ministro della migrazione – Khalil al-Rahman Haqqani. pashtun. Nativo della provincia di Khost. Uno dei comandanti chiave della rete Haqqani. Dopo il rovesciamento del regime talebano, è stato arrestato e trasferito a Guantanamo. Secondo alcuni rapporti, il 15 agosto, il suo popolo è stato il primo ad entrare a Kabul, che ha stabilito il controllo sulle principali strutture amministrative della capitale. I giornalisti hanno notato che recentemente Khalil al-Rahman porta costantemente con sé una mitragliatrice americana M-16 e non se ne separa nemmeno durante le trattative con i politici. Incluso nell’elenco delle sanzioni del Consiglio di sicurezza dell’ONU, sono stati promessi fino a 5 milioni di dollari per chi aiuterà nella cattura.

Il capo dell’amministrazione è il mullah Ahmad Jan Ahmadi.

È interessante notare che il ministro della Salute non è nella lista.

Reazione del mondo

Dopo l’annuncio del governo, Zabiullah Mujahid, viceministro della Cultura e dell’Informazione, ha spiegato ai giornalisti che questa composizione è temporanea e che in futuro tutti gli strati della società afghana, comprese le minoranze etniche, saranno rappresentati nel governo. Tuttavia, anche se temporaneo, questo governo non si adattava alla stragrande maggioranza dei paesi e delle organizzazioni internazionali: finora solo Pechino e Tashkent hanno mostrato il desiderio di cooperare con il nuovo governo talebano. In Uzbekistan ha espresso la disponibilità “a sviluppare un dialogo costruttivo e una cooperazione pratica con le nuove autorità governative dell’Afghanistan”. La PRC ha definito la formazione di un governo “un passo necessario” nella ricostruzione del Paese.

Gli altri non hanno fretta, anche quei paesi sul cui sostegno i talebani, sembrerebbe, potrebbero contare. La Turchia ha detto che non avrebbe fretta di riconoscere i talebani: il ministro degli Esteri Mevlut Cavusoglu ha chiarito che il nuovo governo dovrebbe essere inclusivo e includere rappresentanti di tutti i gruppi etnici. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha osservato che si tratta di un governo temporaneo e “non sappiamo quanto durerà”.

Il rappresentante permanente della Russia all’ONU, Vasily Nebenzya, ha affermato che il governo formato dai talebani non è stato ancora riconosciuto da nessuno e non è legittimo. Il ministero degli Esteri russo sottolinea che questo governo è temporaneo e osserva che Mosca “sostiene costantemente la dovuta considerazione degli interessi di tutte le forze etnopolitiche in Afghanistan nella costruzione di un nuovo stato”.

Teheran non intende ancora riconoscere il governo afghano: il rappresentante permanente dell’Iran presso le Nazioni Unite ha affermato che i talebani hanno agito duramente nel Panjshir, ha definito l’attacco “infondato e fratricida” e ha ribadito che “nessun governo salito al potere in Afghanistan con la forza può essere riconosciuto.” Ali Shamkhani, segretario del Consiglio supremo di sicurezza nazionale dell’Iran, ha spiegato in modo chiaro: “L’ignoranza [talebana] della necessità di un governo inclusivo, dell’intervento straniero e dell’uso di mezzi militari invece del dialogo per soddisfare le richieste dei gruppi etnici e sociali sono le principali preoccupazioni degli amici del popolo afghano”.

Il ministro degli Esteri tagiko Sirojiddin Mukhriddin ha affermato che Dushanbe accetterebbe solo un governo inclusivo in Afghanistan, in cui sarebbero rappresentati tutti i gruppi etnici, compresi i tagiki.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha espresso preoccupazione per la composizione del governo afghano e “i collegamenti e l’esperienza di alcune persone”; Washington ha osservato che nella nuova amministrazione esclusivamente membri dei talebani o loro stretti collaboratori, le donne non sono incluse in essa.

La Francia si rifiuta di riconoscere il governo talebano. Il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian ha detto apertamente che “la Francia rifiuta di avere qualsiasi rapporto con questo governo” e ha accusato i talebani di mentire: “Hanno detto che avrebbero permesso ad alcuni stranieri e afgani di lasciare il Paese liberamente, hanno parlato di integrazione e governo rappresentativo, ma mentono”. Il ministro ha aggiunto che la Francia ha avuto “negoziati tecnici con i talebani per garantire l’evacuazione di circa 3.000 persone da Kabul, ma non si tratta di riconoscimento”.

Anche la Repubblica Ceca non ha riconosciuto il governo talebano, il ministro degli Esteri Jakub Kulganek ha affermato che “non riconosciamo in alcun modo i talebani, ma è chiaro che sarà necessario mantenere in qualche modo i contatti con esso”. Come molti alti funzionari, il capo del ministero degli Esteri ceco aderisce all’idea che è necessario prestare attenzione alle azioni e non alle dichiarazioni dei talebani.

Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha affermato che le Nazioni Unite sostengono un governo inclusivo in Afghanistan, a cui dovrebbero partecipare tutti i rappresentanti della società afghana, e che l’attuale governo talebano “non fa una tale impressione“. Anche il capo della Missione di assistenza delle Nazioni Unite in Afghanistan (UNAMA), Deborah Lyons, ha confermato che il “cosiddetto governo” dei talebani non è inclusivo: non ci sono donne, “non ci sono coloro che non sono rappresentanti del Talebani, non ci sono quelli che facevano parte del governo precedente, non ci sono leader di gruppi di minoranza”.

L’ UE dichiarazione di politica estera ha detto che il nuovo governo “non sembra una struttura inclusiva e rappresentativa che riflette la ricchezza della diversità etnica e religiosa dell’Afghanistan”.

Il mancato riconoscimento del governo talebano è quasi l’unica leva di pressione politica sul nuovo regime afghano, che la comunità mondiale ha lasciato. Allo stesso tempo, tutti, anche i paesi fedeli ai talebani, chiamano a vigilare sul movimento, poiché non solo inizia a violare i suoi obblighi, come con un governo inclusivo, ma dichiara anche le sue ambizioni geopolitiche, cosa che prima non avveniva.

Ad esempio, il portavoce dei talebani Enamullah Samangani ha affermato in un’intervista al canale Tolo TV che il leader spirituale dei talebani, Haybatullah Akhundzad, che ha lo status di Amir ul-Momominin, l’emiro di tutti i fedeli, è il leader spirituale di tutti i musulmani , non solo afgani. Samangani ha aggiunto che attualmente i talebani non imporranno questo punto di vista ai paesi vicini, ma gli osservatori si chiedono se sia solo questione di tempo. Inoltre, nello stesso Afghanistan si sentono già voci in difesa dei diritti dei musulmani in Asia centrale.


Fonte: Afghanistan

Exit mobile version