Ucraina – L’occidente è in grado di capire la gravità della situazione? La risposta è no

La minaccia nucleare di Putin

di Scott Ritter (ex ufficiale dell’intelligence del Corpo dei Marines degli Stati Uniti)

Vladmir Putin è un pazzo. Ha perso la ragione. Almeno questo è ciò che i leader dell’Occidente vorrebbero che tu credessi. Secondo la loro narrativa, Putin – isolato, solo, confuso e arrabbiato per il disastro militare in corso che la Russia stava subendo in Ucraina – si è scagliato, apparentemente minacciando il mondo intero di annientamento nucleare.  

In un incontro con i suoi massimi generali domenica, il presidente russo assediato ha annunciato : “Ordino al ministro della Difesa e al capo di stato maggiore delle forze armate russe di mettere le forze di deterrenza dell’esercito russo in una modalità speciale di servizio di combattimento .”

La ragione di questa azione, ha osservato Putin , era incentrata sul fatto che “i paesi occidentali non stanno solo intraprendendo azioni ostili contro il nostro paese nella sfera economica, ma alti funzionari dei principali membri della NATO hanno rilasciato dichiarazioni aggressive riguardo al nostro paese” in relazione a la situazione in corso in Ucraina.

Le “forze deterrenti” di cui parla Putin si riferiscono all’arsenale nucleare russo.

Ciò che ha fatto risuonare ancora di più le parole del presidente russo è stato che giovedì scorso, nell’annunciare l’inizio della “operazione militare speciale” russa contro l’Ucraina, Putin ha dichiarato che “nessuno dovrebbe avere dubbi sul fatto che un attacco diretto al nostro Paese porterà alla distruzione e orribili conseguenze per qualsiasi potenziale aggressore”. Ha sottolineato che la Russia è “una delle più potenti potenze nucleari e ha anche un certo vantaggio in una gamma di armi all’avanguardia”.

Quando Putin ha lanciato quella minaccia il Washington Post l’ha descritta come “vuota, una semplice rivelazione di zanne”. Il Pentagono, coinvolto com’era nella sua stessa revisione della posizione nucleare degli Stati Uniti progettata per affrontare minacce come questa, non è sembrato perplesso, con un funzionario anonimo che ha notato che i responsabili politici statunitensi “non vedono una minaccia maggiore a tale riguardo”.

La risposta della NATO

Da parte della NATO, l’alleanza militare transatlantica, che è al centro dell’attuale crisi, ha rilasciato una dichiarazione in cui osservava che:

“Le azioni della Russia rappresentano una seria minaccia per la sicurezza euro-atlantica e avranno conseguenze geostrategiche. La NATO continuerà ad adottare tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza e la difesa di tutti gli alleati . Stiamo schierando ulteriori forze difensive terrestri e aeree nella parte orientale dell’Alleanza, nonché ulteriori risorse marittime. Abbiamo aumentato la prontezza delle nostre forze a rispondere a tutte le contingenze ”.

Nascosto in fondo a questa affermazione, tuttavia, c’era un passaggio che, se esaminato da vicino, sosteneva il ragionamento dietro la flessione dei muscoli nucleari di Putin. “[Abbiamo] tenuto consultazioni ai sensi dell’articolo 4 del Trattato di Washington”, si legge nella dichiarazione. “Abbiamo deciso, in linea con la nostra pianificazione difensiva per proteggere tutti gli alleati , di adottare ulteriori misure per rafforzare ulteriormente la deterrenza e la difesa in tutta l’Alleanza”.

Ai sensi dell’articolo 4 , i membri possono sottoporre al tavolo di discussione in seno al Consiglio del Nord Atlantico qualsiasi questione di interesse, in particolare relativa alla sicurezza di un paese membro. I membri della NATO Estonia, Lettonia, Lituania e Polonia hanno avviato la consultazione sull’articolo 4 in seguito all’incursione russa in Ucraina. In una dichiarazione rilasciata venerdì, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha ampliato la dichiarazione iniziale della NATO, dichiarando che la NATO era impegnata a proteggere e difendere tutti i suoi alleati, inclusa l’Ucraina .

Tre cose di questa affermazione sono emerse. In primo luogo, invocando l’articolo IV, la NATO si stava posizionando per una potenziale azione militare offensiva; i suoi precedenti interventi militari contro la Serbia nel 1999, l’Afghanistan nel 2001, l’Iraq nel 2004 e la Libia nel 2011 sono stati tutti effettuati ai sensi dell’articolo IV della Carta della NATO. Vista in questa luce, la premessa che la NATO sia un’organizzazione esclusivamente difensiva, impegnata nella promessa di un’autodifesa collettiva, è infondata.

In secondo luogo, mentre le protezioni dell’articolo V (difesa collettiva) si estendono solo ai membri effettivi della NATO, cosa che l’Ucraina non è, l’articolo IV consente di estendere l’ombrello della protezione della NATO a quei membri non NATO che l’alleanza considera un alleato, una categoria Stoltenberg chiaramente collocato l’Ucraina.

Infine, l’unzione dell’Ucraina come alleato della NATO da parte di Stoltenberg è avvenuta nello stesso momento in cui ha annunciato l’attivazione e il dispiegamento della forza di risposta della NATO di 40.000 uomini , alcuni dei quali sarebbero stati schierati sul fianco orientale della NATO, a ridosso dell’Ucraina. L’attivazione della Forza di risposta è senza precedenti nella storia della NATO, un fatto che sottolinea la serietà a cui una nazione come la Russia potrebbe attribuire all’azione.

Visti in questa luce, i commenti di Putin giovedì scorso sono stati misurati, sani e responsabili.

Cosa succede se vengono colpiti i convogli della NATO o i jet dell’UE?

Da quando sono iniziate le consultazioni sull’Articolo IV, i membri della NATO hanno iniziato a fornire all’Ucraina aiuti militari letali, con la promessa di ulteriori aiuti nei giorni e nelle settimane a venire. Queste spedizioni possono accedere all’Ucraina solo attraverso una rotta terrestre che richiede il trasbordo attraverso i membri della NATO, tra cui Romania e Polonia. Inutile dire che qualsiasi veicolo che trasporta equipaggiamento militare letale in una zona di guerra è un obiettivo legittimo ai sensi del diritto internazionale; ciò si applicherebbe integralmente a qualsiasi spedizione o consegna affiliata alla NATO effettuata da un membro della NATO di propria volontà.

Cosa succede quando la Russia inizia ad attaccare le consegne di armi NATO/UE/USA/Alleati quando arrivano sul suolo ucraino? La NATO, agendo ai sensi dell’articolo IV, creerà una zona cuscinetto in Ucraina, utilizzando la forza di risposta mai mobilitata? Uno segue naturalmente l’altro…

Lo scenario diventa ancora più terribile se l’UE mantiene la sua promessa di fornire all’Ucraina aerei e piloti per combattere i russi. Come sarebbero stati schierati in Ucraina? Cosa succede quando la Russia inizia ad abbattere questi aerei non appena entrano nello spazio aereo ucraino? La NATO ora crea una no-fly zone sull’Ucraina occidentale?

Cosa succede se una no-fly zone (che molti funzionari in Occidente stanno promuovendo) viene combinata con il dispiegamento della Forza di risposta per creare un territorio de facto della NATO nell’Ucraina occidentale? E se il governo ucraino si stabilisse nella città di Lvov, operando sotto la protezione di questo ombrello aereo e terrestre?

La dottrina nucleare russa

Nel giugno 2020, la Russia ha pubblicato un nuovo documento , intitolato “Sui principi di base della politica statale della Federazione Russa sulla deterrenza nucleare”, che delineava le minacce e le circostanze che potrebbero portare all’uso da parte della Russia di armi nucleari. Sebbene questo documento dichiarasse che la Russia “considera le armi nucleari esclusivamente come mezzo di deterrenza”, delineava diversi scenari in cui la Russia ricorrerebbe all’uso di armi nucleari se la deterrenza fallisse.

Sebbene il documento di politica nucleare russo non richieda l’uso preventivo delle armi nucleari durante i conflitti convenzionali, ha dichiarato che “in caso di conflitto militare, questa politica prevede la prevenzione di un’escalation delle azioni militari e la loro cessazione a condizioni accettabili per la Federazione Russa e/o i suoi alleati”.

In breve, la Russia potrebbe minacciare di utilizzare armi nucleari per scoraggiare “l’aggressione contro la Federazione Russa con l’uso di armi convenzionali quando l’esistenza stessa dello stato è in pericolo”.

Nel definire le preoccupazioni per la sicurezza nazionale della Russia sia per gli Stati Uniti che per la NATO lo scorso dicembre, Putin è stato chiarissimo su dove si trovava quando si trattava dell’adesione dell’Ucraina alla NATO. In un paio di bozze di documenti del trattato, la Russia ha chiesto alla NATO di fornire garanzie scritte che avrebbe interrotto la sua espansione e assicurato alla Russia che né all’Ucraina né alla Georgia sarebbe mai stata offerta l’adesione all’alleanza.

In un discorso pronunciato dopo che le richieste della Russia sono state consegnate , Putin ha dichiarato che se gli Stati Uniti ei loro alleati continuano la loro “posizione ovviamente aggressiva”, la Russia prenderebbe “misure tecnico-militari appropriate di ritorsione”, aggiungendo che ha “tutto il diritto di farlo. ”

In breve, Putin ha chiarito che, quando si trattava della questione dell’adesione dell’Ucraina alla NATO, dello stazionamento di missili statunitensi in Polonia e Romania e degli schieramenti della NATO nell’Europa orientale, la Russia sentiva che la sua stessa esistenza era minacciata.

La disconnessione

L’invasione russa dell’Ucraina, vista dal punto di vista della Russia e della sua leadership, è stata il risultato di una lunga invasione da parte della NATO dei legittimi interessi di sicurezza nazionale dello Stato e del popolo russo. L’Occidente, tuttavia, ha interpretato l’incursione militare come poco più che l’azione irrazionale di un dittatore arrabbiato e isolato che cerca disperatamente importanza in un mondo che sfugge al suo controllo.

La disconnessione tra queste due narrazioni potrebbe rivelarsi fatale per il mondo. Sminuendo la minaccia che la Russia percepisce, sia da una NATO in espansione che dalla fornitura di assistenza militare letale all’Ucraina mentre la Russia è impegnata in operazioni militari che ritiene fondamentali per la sua sicurezza nazionale, gli Stati Uniti e la NATO corrono il rischio di non comprendere la gravità mortale delle istruzioni di Putin ai suoi vertici militari in merito all’innalzamento del livello di prontezza da parte delle forze nucleari strategiche russe.

Lungi dal riflettere il capriccio irrazionale di un uomo disperato, gli ordini di Putin riflettevano la logica estensione di una posizione di sicurezza nazionale russa concertata anni in divenire, in cui l’opposizione geopolitica all’espansione della NATO in Ucraina era sposata con una posizione nucleare strategica. Ogni affermazione che Putin ha fatto nel corso di questa crisi è stata legata a questa politica.

Mentre gli Stati Uniti e la NATO possono discutere la legittimità delle preoccupazioni russe, respingere la strategia di sicurezza nazionale di una nazione che è stata sottoposta a controlli burocratici dettagliati come nient’altro che l’ira di un autocrate fuori contatto rappresenta un pericoloso disprezzo della realtà , le cui conseguenze potrebbero rivelarsi fatali per gli Stati Uniti, la NATO e il mondo.

Il presidente Putin si è spesso lamentato del fatto che l’Occidente non lo ascolta quando parla di questioni che la Russia ritiene di fondamentale importanza per la sua sicurezza nazionale.

L’Occidente ora sta ascoltando. La domanda è: è in grado di comprendere la gravità della situazione?

Finora, la risposta sembra essere no.

Scott Ritter è un ex ufficiale dell’intelligence del Corpo dei Marines degli Stati Uniti che ha prestato servizio nell’ex Unione Sovietica attuando trattati sul controllo degli armamenti, nel Golfo Persico durante l’operazione Desert Storm e in Iraq supervisionando il disarmo delle armi di distruzione di massa.

Exit mobile version