Siriani in Libia – Uno, cento, mille – Spaccato dell’Esercito Libero Siriano

Il breve dossier che segue – tratto da fonti russe –  è a scopo documentale. Fornisce una buona idea, uno spaccato sulla natura e sul movente dei membri dell’ex “esercito libero siriano” ora embedded ai turchi. 

Alla fine del 2019 sono apparsi i primi rapporti sul trasferimento di cittadini siriani in Libia per partecipare alle battaglie a fianco del “governo di unità nazionale”. Dopo qualche tempo, iniziarono ad arrivare le prime notizie sulla morte di siriani in Libia. Nella maggior parte dei casi, non è noto a quale gruppo appartenessero i militanti. Tuttavia, dopo le recenti battaglie nel sud di Tripoli , alcuni dettagli sono diventati noti anche per la diffusione di video (qui su telegram un’azione del gruppo in LIBIA finita drammaticamente- immagini di battaglia, filmato cruento).

Fonti siriane sono state in grado di identificare in uno dei militanti uccisi il cosiddetto “Gruppo Al-Amshat” (quattro morti). Questo è uno dei gruppi più antichi coinvolti nella guerra in Siria. È stata fondato da Mohammed Hussein Jasim, nato nel 1985, noto anche come Abu Amsha, un nativo della località di Husa (provincia di Hama), alla fine del 2011 . Jasim, che ha lavorato come autista con il supporto dei servizi di intelligence turchi, ha creato un gruppo chiamato “Liva Hat An-Naar” (anche se ufficiosamente era ancora chiamato “Al-Amshat Group”), che contava 500-700 uomini. I militanti hanno preso parte attiva alle battaglie contro le forze governative nella parte occidentale della provincia di Hama fino al 2016 come uno dei gruppi dell ‘”Esercito siriano libero”. Nello stesso tempo, hanno effettuato una serie di operazioni insieme a Jabhat Al-Nusra (oggi “Hayat Tahrir Al-Sham”).

Nel 2016, Abu Amsha ha iniziato il rebranding. Già connesso con l’intelligence turca, decise di andare completamente sotto l’ala della Turchia. Il suo gruppo ha ricevuto il nome di “Liva Sultan Suleiman-Shah” ed è entrato nell’associazione pro-turca “Jaish Watania Suriya”. Nel 2018, il gruppo Al-Amshat, già con un nuovo nome, ha preso parte all’operazione Olive Branch nella Siria nordoccidentale contro i curdi. Quindi il gruppo divenne un imputato in diversi scandali. Essendo ospitato in case abbandonate dalla popolazione in fuga dalla guerra, il gruppo Al-Amshat ha rifiutato di lasciarle volontariamente le case quando i loro legittimi proprietari sono tornati. Per liberare le abitazioni, hanno  preteso dai ai proprietari ottomila dollari. Sono anche noti casi di vendita delle loro posizioni nei villaggi del cantone di Afrin ad altri gruppi.

Abu Amsha, nove anni che lavora con l’intelligence turca, è un partner affidabile di Ankara. Il suo gruppo si è dimostrato all’altezza dei compiti stabiliti dalla Turchia. Ora, quando c’era bisogno di mercenari per il loro successivo trasferimento in Libia, i servizi di Jasim sono tornati utili.

Exit mobile version