SIRIA – Riepilogo combattimenti 3 maggio 2019

Pubblicità

I gruppi terroristici che operano nella zona di Idlib de-escalation nel nord-ovest della Siria si stanno preparando ad attaccare le città di Hama.

Il fronte nazionale di liberazione nazionale (FLN) ha inviato un grande convoglio di rinforzi all’asse Idlib-Hama. Secondo un rapporto, il fronte nazionale di liberazione ha riassegnato truppe provenienti da diverse aree della Siria nordoccidentale, tra cui i governatorati di Aleppo e Idlib. Si dice che i ribelli turchi abbiano schierato per lo più i rinforzi agli assi nord e nord-Ovest di hama.
Da parte sua anche l’ esercito arabo siriano sta facendo affluire rinforzi di proprie truppe. Alla battaglia parteciperanno anche diversi gruppi paramilitari fedeli al governo siriano, l’obiettivo è quello di espellere le formazioni di Tahrir al-Sham e il Fronte di Liberazione nazionale dalla zona demilitarizzata, come previsto dall’accordo siglato tra Russia, Turchia e Iran a Sochi.
La zona demilitarizzata è stata istituita per la prima volta a metà settembre e doveva essere pienamente implementata entro ottobre; tuttavia, le forze ribelli si sono rifiutate di ritirarsi dalla zona ed hanno iniziato gli attacchi sulle posizioni siriane e sui villaggi contro obiettivi civili.

I preparativi per un imminente scontro si registra su entrambi gli schieramenti. Nella città di Kalaat al-Madik, che è sotto il controllo dei militanti, sono arrivati veicoli con equipaggiamento militare. Domani la maggior parte dei militanti si riverseranno nello stesso posto. Secondo tutte le stesse fonti, i residenti locali riferiscono  un imminente attacco che si va preparando  nella regione di Hama .

@vietatoparlare

Secondo il report giornaliero di ANNA News le forze di Hurras ad-Din e Hayat Tahrir ash-Sham (una coalizione di gruppi controllati dai militanti di al Qaeda) prenderanno parte all’attacco . Non lontano dalla città siriana, è sempre più possibile osservare i movimenti dei militanti che si preparano per un attacco alle forze governative.

Negli ultimi giorni, la situazione nel sud della zona di de-scalation di Idlib ha raggiunto un punto critico. Le forze governative continuano a rispondere ai bombardamenti di razzi e artiglierie lungo l’intero confine sud-occidentale di Idlib. Durante la scorsa settimana, la base aerea russa  di Khmeimim è stata fatta oggetto di numerosi attacchi con droni armati: è successo 12 volte in un mese.

ribelli siriani sostenuti dall’occidente Tharir al Sham (al Qaeda in Siria)

In un video, pubblicato dai militanti, possiamo vedere come i terroristi sparano con i lanciarazzi multipli  MLRS. La parte siriana ha confermato il bombardamento, a seguito del quale un civile è stato ucciso e altri tre sono rimasti feriti. Secondo la nostra fonte locale,  tutti i razzi sono stati abbattuti o abbattuti alla periferia della base aerea.

Secondo Avia Pro, l’efficienza significativamente maggiore dei sistemi di difesa aerea presso la base aerea di Khmeimim potrebbe essere associata all’apparizione del nuovo complesso Pantsir-SM sul territorio della struttura militare russa. Secondo le stime degli esperti, dato che il complesso Pantsir-SM ha completato i test di stato, avrebbe potuto facilmente essere inviato in Siria per il test in condizioni di combattimento reali. Tuttavia, va sottolineato che non ci sono prove concrete che la Russia abbia effettivamente inviato i complessi Pantsir-SM in Siria.

Pubblicità

A sua volta, i velivoli da combattimento russi Russia ieri sera hanno continuato a colpire il personale e le posizioni dei terroristi. Quindi, nel video trapelato nella rete, un attacco aereo notturno: questo è un duro colpo per il villaggio di  Al-Ashim, nel nord di Hama [dove erano ammassati i terroristi]. E secondo Al Masdar News, gli aerei militari russi e siriani oggi continuano a lanciare attacchi  devastanti sui punti chiave dei terroristi. Agli attacchi prendono parte la maggior parte degli aerei da combattimento situati sul territorio della base aerea di Latakia. L’obiettivo principale è concentrato sui rifornimenti ai militanti, situato tra Maarat en-Numan e Khan Sheikhoun; e l’area della piana di Al-Gaab, da dove viene la più grande minaccia per il raggruppamento dell’esercito russo in Siria. Allo stesso tempo, i jihadisti colpiscono le zone pro-governative nella parte settentrionale di Hama, sparando su una centrale elettrica a Mhard.

I dati sulle perdite dei militanti di HTS e di altri gruppi non sono ufficialmente annunciati, ma vista la regolarità degli attacchi, si stima che dall’inizio di questa settimana le perdite di terroristi possono ammontare a diverse centinaia di persone.