SIRIA – Per il governo siriano Daraa resta una vera bomba a orologeria

SIRIA - Per il governo siriano Daraa resta una vera bomba a orologeria 1

La Siria meridionale non vuole la pace

fonte: Regnum – Giovanni Daina

Continua la guerriglia nella provincia siriana di Daraa. Cellule militanti “dormienti” attaccano gli edifici amministrativi, tendono imboscate alle colonne dell’esercito governativo e uccidono funzionari locali e personale militare di alto rango.

Lo scontro a Daraa può trasformarsi in ostilità su vasta scala in qualsiasi momento, soprattutto perché un certo numero di potenze straniere sostiene i gruppi terroristici locali. Finora le autorità siriane non sono state in grado di eliminare questa minaccia.

Le forze governative siriane nell’estate del 2018 hanno liberato il territorio della provincia di Deraa con una serie di operazioni offensive. Per l’esercito siriano, il territorio della provincia era un obiettivo strategicamente importante, poiché fin dall’inizio della guerra civile Deraa divenne una delle roccaforti dei terroristi nel Paese. Per molto tempo, la popolazione locale ha praticato il contrabbando oltre il confine con la Giordania e Israele e si è sempre distinta per i rapporti tesi con le autorità statali. Pertanto, il popolo di Deraa ha sostenuto le proteste antigovernative del 2011 e in seguito ha preso le armi contro il governo di Damasco.

I radicali hanno immediatamente il controllo di parte del confine di stato con i paesi vicini e organizzato la fornitura di armi e equipaggiamento militare. Inoltre, quasi l’intero territorio della provincia passò sotto il loro controllo, ad eccezione della parte settentrionale della città di Daraa e dell’autostrada che collega Daraa e Damasco. Nella parte meridionale della città di Deraa e in altre città della provincia fu introdotto il governo dei radicali di un certo numero di gruppi, che in seguito si unirono nel cosiddetto “Fronte meridionale“. Per molti anni i radicali sono riusciti a respingere con successo tutti i tentativi delle truppe governative di riportare la provincia sotto il proprio controllo.

Dopo che la Russia è intervenuta nel conflitto e ha liberato un certo numero di territori nelle vicinanze di Damasco, il comando dell’esercito siriano nel giugno 2018 è stato in grado di liberare forze sufficienti per attaccare Daraa. La difesa dei militanti non ce la fece e cominciò a sgretolarsi. Pertanto, il comando dei radicali fece un patto: offrì la resa del territorio in cambio di garanzie di immunità e il trasporto a Idlib, roccaforte dei militanti nel nord della Siria. Per coloro che non volevano lasciare la regione, il governo siriano pose una condizione: deporre le armi e “regolare” il proprio status.

Molti hanno colto l’occasione per tagliare i legami con i radicali e iniziare una nuova vita. Tuttavia, tra coloro che decisero di approfittare dell’amnistia, rimase un gran numero di sostenitori dei radicali. Questi consegnarono solo una parte delle armi alle truppe governative e si nascosero in attesa di nuovi ordini da parte della leadership. Quindi, dopo che la maggior parte delle truppe fu trasferita in altre regioni del paese, i radicali ricominciarono il contrasto armato, ma questa volta in forma partigiana.

In diversi insediamenti, infatti, da allora si instaurò un doppio potere: di giorno si applica le leggi della Siria e di sera le leggi dei militanti. La situazione ha raggiunto il culmine alla fine di luglio 2021, quando numerose cellule “dormienti” hanno inaspettatamente attaccato decine di posti di blocco delle truppe governative in tutta la provincia, sequestrando armi e munizioni. Infatti, Damasco perse improvvisamente il controllo sul 50% del territorio della provincia di Daraa.

Tuttavia il comando dell’esercito siriano prese la minaccia molto sul serio. Le formazioni dell’esercito d’élite furono trasferite a Deraa e solo con la partecipazione attiva dei mediatori russi le parti riuscirono a raggiungere un compromesso. Alcuni dei radicali furono inviati a Idlib e a Daraa fu nuovamente stabilita una pace traballante.

All’inizio dell’inverno, la situazione nella regione ha ripreso a peggiorare. A causa del fatto che il governo siriano è costretto a mantenere le truppe in diverse regioni del Paese, le cellule radicali hanno nuovamente alzato la testa a Daraa. A fine dicembre 2021 il sindaco della città di An-Naima, nella provincia di Daraa, è stato ucciso in un attentato terroristico. Il 17 gennaio i terroristi hanno fatto saltare in aria l’auto di un alto comandante della milizia governativa, due giorni dopo un autobus con dei soldati è stato fatto saltare in aria da una mina. Inoltre, i militanti sparano di notte ai posti di blocco del governo e terrorizzano la popolazione locale, così come la popolazione delle province vicine, provocando spesso scontri armati.

La situazione è complicata dal fatto che i militanti utilizzano ancora canali consolidati per la fornitura di armi dal territorio di Israele e Giordania, e sono anche impegnati nel traffico di droga, riescono così a guadagnare soldi per le spese militari. Per i residenti locali, la produzione di droga e il contrabbando sono quasi gli unici mezzi di sussistenza.

Per il governo siriano Deraa resta una vera bomba a orologeria, poiché qualsiasi aggravamento potrebbe portare al ripetersi degli eventi del 2011-2012, quando la provincia cadde sotto il controllo dei radicali. Tuttavia, per ora, le truppe governative ei servizi di sicurezza sono costretti a coprire una serie di aree e non possono concentrarsi sulla risoluzione di questo problema.

Pertanto, il prossimo aggravamento della situazione nella regione resta solo questione di tempo. Fino a quando Damasco non sarà in grado di chiudere ermeticamente il confine con la Giordania ed eliminare i leader locali dei gruppi terroristici.

24 gennaio 2022
Giovanni Daina

Regnum – (https://regnum.ru/news/polit/3485826.html)

Exit mobile version