SIRIA – Nuovo attacco israeliano, colpito l’aeroporto di Damasco

Nelle prime ore del 10 giugno, i media di stato siriani hanno riferito che l’esercito israeliano ha lanciato attacchi missilistici contro obiettivi a sud di Damasco. Le difese aeree siriane, secondo la televisione di stato siriana, hanno abbattuto la maggior parte dei missili tuttavia si segnalano dei feriti e danneggiamenti.

L’agenzia di stampa siriana SANA riporta citando una fonte militare: “Oggi alle 4:20 il nemico israeliano ha effettuato un attacco missilistico dall’aria dalle alture del Golan occupate, colpendo alcuni obiettivi a sud della città di Damasco, provocando danni materiali. “

Fonti governative siriane affermano che le infrastrutture civili sono state danneggiate e ci sono civili tra le vittime (probabilmente a causa della caduta degli antimissilistici siriani).

A fronte di questo nuova aggressione si nota una notevole moderazione informativa e politica, sia parte dell’Iran che da parte della Federazione Russa.

C’erano solo informazioni laconiche su una conversazione telefonica tra i ministri degli esteri di Siria e Iran, durante la quale l’Iran ha assicurato alla Siria che avrebbe cercato di prevenire ulteriori attacchi israeliani.

Molto più tardi, è apparso un messaggio dell’Ministero della Difesa russo, in cui, ovviamente, aggressività israeliana è stata stigmatizzata.

A seguito dei danni provocati dall’attacco, il ministero dei Trasporti siriano ha sospeso l’esercizio dell’aeroporto di Damasco per “danni alle apparecchiature tecniche”. La compagnia aerea siriana “Cham Wings” è stata costretta a trasferire temporaneamente i suoi voli all’aeroporto di Aleppo. SouthFront  riferisce che entrambe le corsie dell’aeroporto di Damasco sono danneggiate e i voli sono sospesi per 48 ore.

Dall’esame della foto satellitare si nota che le piste sono state colpite in maniera stranamente geometrica, quindi è plausibile che uno degli obiettivi degli attacchi è stata la disabilitazione della operatività dell’aeroporto internazionale.

È da notare che Israele non solo attacca le forze iraniane in Siria , ma preme in maniera molto intensa per far naufragare i colloqui sul nucleare iraniano:

Il Consiglio dei governatori dell’Agenzia nucleare delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione in cui accusa l’Iran di non collaborare con l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA).
La risoluzione, proposta dagli Usa e dai suoi alleati, è stata approvata mercoledì con 30 voti favorevoli, due contrari e tre astenuti.

La fonte Southfront riferisce che l’aeroporto internazionale di Damasco ” (…) è stato oggetto di numerosi attacchi israeliani in aprile e maggio. Israele afferma che il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche dell’Iran ha spedito armi strategiche avanzate a Hezbollah in Libano attraverso l’aeroporto.

Israele ha intensificato i suoi attacchi alla Siria questo mese. Il 6 giugno, una serie di attacchi aerei israeliani ha preso di mira posizioni militari vicino alla città di al-Kiswah, a sud di Damasco. L’8 giugno, i carri armati israeliani sono avanzati nella zona cuscinetto monitorata dalle Nazioni Unite nel governatorato di al-Quneitra e hanno aperto il fuoco contro un posto di osservazione militare vicino alla città di al-Malgah.”

Gli attacchi israeliani alla Siria sono diventati così standardizzati che anche un attacco a un aeroporto di Damasco non può attirare l’attenzione o la condanna dell’Occidente che ama “l’ordine internazionale basato sulle regole”. Le regole consentono e persino incoraggiano la violenza contro gli stati disobbedienti.

VPNews

Exit mobile version