Salvataggio di civili o terroristi? Perché il “corridoio umanitario” siriano è così dubbio?

Sanzioni e corridoi umanitari: una contraddizione in termini

Il valico di frontiera di Bab al-Hawa, che porta direttamente dalla Turchia a Idlib siriana, dovrebbe cessare di esistere il mese prossimo, ma gli Stati Uniti vogliono mantenerlo ad ogni costo. La Russia è contraria, poiché considera questo un altro tentativo di aiutare i terroristi per prolungare la guerra contro la Siria. L’autore analizza le posizioni delle parti e le loro intenzioni.
Condivido il giudizio della pubblicazione croata ‘Advance’, di cui riporto il testo qui di seguito.

@vietatoparlare


Perché il “corridoio umanitario” siriano diventerà presto il motivo dell’aggravarsi della situazione a Idlib, così come dei rapporti tra Washington e Mosca?

D. Marjanović – fonte: Advance

Anche all’incontro Biden-Putin di Ginevra uno dei temi discussi sono stati i corridoi umanitari in Siria. Si tratta, infatti, di un solo valico di frontiera “Bab al-Hawa”, che dalla Turchia porta direttamente a Idlib.

Permettetemi di ricordarvi che questa è una regione della Siria nordoccidentale [ove si collocata il valico], che è sotto il controllo di vari gruppi estremisti, alcuni dei quali sono riconosciuti come terroristi da tutto il mondo. Inoltre, le truppe turche in quella zona esercitano illegalmente il loro controllo e stanno attivamente aiutando i militanti.

Questo corridoio, concordato con il Consiglio di sicurezza dell’ONU, dovrebbe cessare di esistere il mese prossimo, ma gli Stati Uniti vogliono preservarlo ulteriormente ad ogni costo. In altre parole, vogliono che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite approvi la sua estensione.

La Russia minaccia di porre il veto e, come spesso accade, la Cina può sostenerlo. Ma perché dovrebbero interferire con il “corridoio umanitario”? In qualche modo gli USA e gli alleati dicono che questo è disumano. E se ci Russia e Cina riusciranno a bloccare il transito, molto probabilmente saranno rimproverati per la loro disumanità. Ma c’è anche la seconda faccia della medaglia.

In primo luogo, Damasco, cioè le autorità siriane, sostengono che gli aiuti umanitari dell’ONU dovrebbero passare esclusivamente attraverso l’autorità legittima del paese, poiché qualsiasi interferenza dall’esterno viola direttamente la sovranità siriana. È vero, questo argomento sembra poco convincente per molti, dal momento che Damasco difficilmente si sarebbe affrettato a inviare aiuti umanitari a Idlib. Cioè dietro il rifiuto di fornire gli aiuti umanitari, le autorità siriane potrebbero utilizzarli per fare pressione su una delle ultime zone che non è soggetta al proprio controllo (resta solo la zona di Idlib, eccezione dei territori curdi nell’est del Paese, dove continua la simbiosi con le truppe americane , ma almeno non c’è collusione diretta con gruppi come Al-Qaeda, cosa che non si può dire di Idlib).

Vi ricorderò solo brevemente che quando le truppe siriane si sono rafforzate e si sono mosse per liberare il paese quelle battaglie non furono le ultime poche delle battaglie furono “le ultime”. In altri termini, le più grandi roccaforti degli estremisti furono liberate, ma gli estremisti stessi non furono mai distrutti. I combattimenti in genere si concludevano con le forze siriane che garantivano ai militanti un passaggio sicuro attraverso il quale potevano fuggire, portando con sé i loro familiari (oltre, a quanto pare, una certa aliquota di popolazione che non voleva essere di nuovo sotto il controllo governativo). Tutti questi corridoi portavano in un solo luogo: Idlib.

Attraverso questi corridoi liberi passavano “tutti e tutto”, e quindi Idlib presto fu sotto il controllo totale dei gruppi più estremisti. Sono proseguiti anche i conflitti interni e contro le forze siriane, le quali – con un significativo sostegno russo – tentarono di dare il colpo di grazia alle forze estremiste a Idlib. Il loro tentativo fallì, principalmente a causa del fatto che la Turchia è stata attivamente coinvolta negli eventi ed inviò le proprie sue truppe a Idlib, dando manforte agli estremisti. Un ulteriore confronto divenne praticamente impossibile, poiché se il conflitto avesse continuato a intensificarsi, avrebbe portato a un conflitto militare diretto tra Russia e Turchia. E questo, ricordo, sarebbe un conflitto armato tra Russia e NATO.

Con il tempo la situazione si è alquanto disinnescata. Putin ed Erdogan sono riusciti ancora una volta a mettersi d’accordo sulla quasi-cooperazione, annunciando le cosiddette “zone di de-escalation” a Idlib. Inoltre, realizzarono pattuglie congiunte per  controllare le strade principali. Eppure Idlib per tutto questo tempo sembra essere esattamente quello che è: un affare incompiuto.

L’escalation è possibile in qualsiasi momento e si verifica periodicamente. Un esempio sono gli attacchi aerei russi sulle posizioni dei gruppi terroristici, cioè quelli che anche la Turchia, seppur a malincuore, è costretta a riconoscere come terroristi.

Il corridoio umanitario attraverso il valico di frontiera di Bab al-Hawa

Ma torniamo al corridoio umanitario attraverso il valico di frontiera di Bab al-Hawa. Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres sostiene pienamente l’idea di estendere il corridoio, poiché ritiene che la sua abolizione farebbe precipitare gli abitanti di Idlib in una profonda crisi umanitaria (l’Onu stima che ci siano circa 3 o 4 milioni di persone).

Passiamo a ciò che l’altra parte, il governo siriano, dice su questo problema. Il ministro degli Esteri siriano Faisal Mikdad ha rilasciato un’intervista al canale televisivo russo RT, in cui ha commentato la questione. A suo avviso, sostenendo l’estensione di questo corridoio, gli americani sono ipocriti. Perché? Lo ha spiegato in questo modo:

Il loro desiderio di mantenere aperto il valico di frontiera è solo un altro tentativo di aiutare i terroristi e fornire loro tutto ciò di cui hanno bisogno per prolungare la guerra terroristica contro la Siria che è in corso dal 2011. Ciò che gli Stati Uniti e la Turchia stanno facendo al confine viola direttamente la sovranità del nostro Paese. Ai militanti vengono inviate armi nell’ambito del cosiddetto “aiuto umanitario”. A Idlib c’è “Jabhad al-Nusra” . “

Come ho scritto prima, la presenza di al-Qaeda a Idlib è innegabile. Questo fatto è utile a Damasco, che cerca di riprendere il controllo di Idlib? Ovviamente. La guerra continua e ciascuna parte utilizzerà gli strumenti di propaganda a proprio vantaggio. Damasco dirà che Idlib rimane l’unica grande roccaforte terroristica, mentre l’altra parte dirà che ci sono esclusivamente civili innocenti che temono l’aggressione del regime (le attività dei cosiddetti “Caschi Bianchi” sono un tipico esempio di tale propaganda ).

Vero, come sempre, ma la verità sta nel mezzo. La presenza di estremisti, moltissimi a Idlib, è innegabile, così come il fatto che la Turchia cooperi direttamente con molti di loro. Infatti, una parte considerevole dei militanti è arrivata in Siria dalla Turchia, anche attraverso “mezzi umanitari”. I conflitti interni a Idlib si verificano spesso tra coloro che sono stati espulsi da altre regioni siriane e coloro che hanno attraversato il confine turco.

Se l’obiettivo di Damasco è abolire il corridoio per fare pressione su Idlib e prenderla finalmente sotto il suo controllo, allora va notato che gli Stati Uniti hanno scelto la stessa tattica, che mantiene le sanzioni contro la Siria. Chiudono anche i “corridoi” per fare pressione sulle autorità locali, e il popolo siriano soffre.

Questo è esattamente ciò che aveva in mente Mikdad quando parlava dell’ipocrisia americana:

Se i paesi occidentali sono davvero così preoccupati per il popolo siriano, allora che le sanzioni vengano revocate. Non ci permettono di importare forniture mediche, cibo e beni di consumo, ma non se lo ricordano nemmeno! Le misure che gli Stati Uniti e altri Paesi occidentali hanno scelto stanno uccidendo il popolo siriano e colpendo il 95 per cento della popolazione del nostro Paese”, ha affermato il ministro.

In ogni caso, gli Stati Uniti, ovviamente, si batteranno per preservare il corridoio attraverso il valico di frontiera di Bab al-Hawa. Il rappresentante degli Stati Uniti alle Nazioni Unite Linda Thomas-Greenfield ha affermato che è “una questione di vita o di morte”. Ha anche affermato che il voto per estendere l’esistenza di questo corridoio sarà “uno dei voti più importanti del Consiglio di sicurezza dell’ONU sulla Siria; il popolo siriano conta su di noi”.

In altre parole, se la Russia pone il veto, sarà punita e i recenti attacchi aerei americani durante la notte al confine tra Siria e Iraq confermano che gli Stati Uniti continueranno a usare la forza militare senza esitazione per raggiungere i propri obiettivi in ​​Siria.

Il mandato conferito a questo corridoio scade il 10 luglio. La Russia porrà il veto al prossimo voto al Consiglio di sicurezza dell’ONU? Sembra di sì. Questa conclusione si suggerisce dopo un commento del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, che ha recentemente affermato che la Russia non è d’accordo con le affermazioni occidentali secondo cui gli aiuti umanitari possono essere consegnati a Idlib solo attraverso la Turchia. “Le consegne sono possibili anche attraverso la Siria”, ha affermato. Inoltre, secondo lui, gli organismi delle Nazioni Unite si stanno già preparando per la chiusura di Bab al-Hawa e stanno valutando percorsi alternativi. “Puoi fare a meno della Turchia”, ha detto Lavrov.

Tutto questo fa pensare che quasi sicuramente la Russia porrà il veto, e significa anche che Idlib sarà di nuovo sotto i riflettori, probabilmente in connessione con un’altra escalation, poiché la chiusura del corridoio sarà interpretata come preparazione ad un’altra offensiva siriana, il cui scopo è – prendere il controllo di Idlib. Molto probabilmente sarà proprio così.

Exit mobile version