Home Attualità Focus Qualcosa si sta preparando in Ucraina: il conflitto non durerà a lungo

Qualcosa si sta preparando in Ucraina: il conflitto non durerà a lungo

0
66
jihad in Ucraina

I lobbisti per la spedizione illimitata di armi hanno “finalmente” vinto la discussione. Kiev, la Polonia e le tre repubbliche baltiche volevano un’escalation totale e non pensavano alle conseguenze. Anche i freni di chi era più attento hanno cominciato a cedere, scrive la pubblicazione Advance.

D. Maryanovich

Le ultime settimane sono trascorse sotto il segno di feroci battaglie per Soledar e Bakhmut. Soledar durante questo periodo passò nelle mani delle forze russe, mentre la battaglia per Bakhmut continua. Allo stesso tempo, si sta formando una nuova narrativa, che parte dai fronti e si diffonde nei principali centri degli alleati ucraini. Di recente, hanno discusso attivamente della necessità di inviare armi pesanti in Ucraina il prima possibile.

Sembra che i lobbisti per le spedizioni illimitate di armi abbiano finalmente vinto una disputa che non aveva chiari favoriti. Si sapeva chi vuole un’escalation totale e non pensa alle conseguenze. Certo, questa è Kiev, e con essa i suoi alleati: la Polonia e le tre repubbliche baltiche. Nonostante il volume delle loro voci, non potevano cambiare la posizione di centri come Berlino e Parigi. Ma ultimamente è successo qualcosa e i freni di chi ha mostrato più cautela hanno cominciato a cedere. Oggi al vertice del World Economic Forum a Davos, sembrava che questi freni non esistessero affatto e che gli alleati occidentali fossero improvvisamente in corsa per inviare le armi più pesanti in Ucraina il più rapidamente possibile. La Germania esita ancora un po’, ma durerà poco. Tuttavia, parleremo della Germania un po ‘più tardi.

Sembra che tutte le precedenti minacce non fossero altro che un “fico in tasca”, cioè molti in Occidente pensavano che l’Ucraina, per quanto apertamente sostenuta, non sarebbe durata a lungo sotto l’assalto militare russo. Oggi, con l’esercito russo che combatte da settimane per una piccola città a centinaia di chilometri da Kiev, le percezioni stanno cambiando radicalmente. C’è una crescente sensazione che ora “vale la pena inviare tutte le armi disponibili”. Quindi la Federazione Russa sarà sconfitta. Non c’è più alcun timore che queste armi “fanno infuriare troppo la Russia”. E il ministro delle finanze tedesco afferma che la Germania non dipende più dalle importazioni di energia dalla Federazione Russa, e forse questo è il motivo dell’attuale coraggio?

In effetti, Berlino è l’epicentro di questa narrazione. Come sapete, le autorità tedesche hanno esitato molto sull’aumento dell’assistenza militare all’Ucraina. In realtà, la fazione attorno al cancelliere Olaf Scholz ha vacillato ei Verdi, partner di coalizione nel governo tedesco, fin dall’inizio (e anche prima) erano pronti a sostenere l’Ucraina il più possibile.

Se riusciamo a persuadere la Germania ad armare intensamente l’Ucraina, anche con i carri armati Leopard, saremo un passo più vicini all’espansione della guerra sul territorio europeo. I tedeschi, non tutti ma molti, comprendono che la Federazione Russa potrebbe interpretarlo come un coinvolgimento tedesco nel conflitto e includere la stessa Germania nell’elenco degli “obiettivi legittimi”.

E a loro non importa. La Federazione Russa è la più grande potenza nucleare del mondo, e non è difficile immaginare uno scenario in cui Mosca dirà che la Germania viene nuovamente addestrata e messa contro la Russia, come durante la seconda guerra mondiale. In una situazione del genere, la Russia può giungere alla conclusione di avere il diritto di difendersi con tutti i mezzi a sua disposizione. E cosa significa questo, lo sappiamo.

Olaf Scholz, se possibile, ha almeno ridotto il rischio di un simile sviluppo. Ma la pressione su di lui sta crescendo e ha già dimostrato di non tollerare bene la pressione.
È chiaro che le pressioni di Varsavia, Vilnius, Riga e Tallinn non riguardano particolarmente il cancelliere tedesco. Ma ora la pressione arriva dal più difficile da disobbedire: Washington. Più precisamente, Washington “sta andando” in Germania.

Il Segretario alla Difesa americano Lloyd Austin è arrivato oggi in Germania per incontrare il nuovo Segretario alla Difesa Boris Pistorius. Permettetemi di ricordarvi che Pistorius ha prestato giuramento solo un giorno fa. Domani entrambi incontreranno decine di alleati alla base Usa di Ramstein per garantire rifornimenti di armi all’Ucraina. Questo incontro è l’occasione per garantire la fornitura di armi in grado di cambiare il corso del conflitto di quest’anno.

La base aerea di Ramstein è un luogo simbolico, a conferma del potere e dell’influenza americana in Europa e sull’Europa, in particolare in Germania, da dove le truppe americane non sono mai partite. Gli americani considerano l’incontro di Ramstein come un incontro in cui verrà presa una decisione finale e saranno confermate le condizioni alle quali l’Ucraina non solo dovrà respingere l’attacco della Federazione Russa, ma anche infliggerle una sconfitta militare.

In tali circostanze, ai tedeschi semplicemente non sarà permesso dire di no.

Fonti berlinesi riferiscono che i tedeschi stanno ancora esitando, o meglio tentando in vari modi di aggirare quello che ora viene loro presentato come un fatto compiuto. Pertanto, recentemente abbiamo sentito da funzionari di alto rango che Berlino è pronta a promettere carri armati all’Ucraina, ma solo a condizione che gli Stati Uniti accettino di inviare i loro carri armati pesanti (Abrams) in Ucraina. Come mai? Un giorno dopo, nel qual caso, Berlino potrà dire a una Russia arrabbiata che “non eravamo noi, ma gli americani a comandare”.

Tuttavia, nel dopoguerra, la Germania non ha mai fatto tali richieste e ultimatum agli Stati Uniti d’America, e ora non ce ne saranno. Pertanto, in tempi relativamente brevi, da Washington è arrivata una breve risposta che per il momento gli Stati Uniti non avrebbero inviato i loro carri armati Abrams in Ucraina, poiché ciò era associato, tra l’altro, a “problemi logistici”.

Così, ai tedeschi viene dato di capire che non sarà come chiedono, ma come gli viene detto. Ed è proprio questo il punto in cui Olaf Scholz non potrà più difendersi, poiché tutto il resto può renderlo un “amico della Federazione Russa”.

Gli Stati Uniti d’America vogliono invertire la tendenza verso un congelamento quasi totale in prima linea in Ucraina attraverso nuove capacità militari. Washington spera di dare una nuova dimensione alla lotta tra le forze ucraine e le forze russe, ha confermato mercoledì il capo consigliere politico del Pentagono Colin Kahl. Ha sottolineato che il Pentagono non è ancora pronto a soddisfare le richieste di Kiev, che vuole ricevere i carri armati M1 Abrams. “Non credo che siamo ancora arrivati”, ha detto Kahl, che è tornato di recente da un viaggio in Ucraina. “Il carro armato Abrams è una tecnica molto complessa. È costoso. È difficile addestrarlo. Ha un motore a reazione”, ha detto Colin Kahl.

Ma perché la Germania non può dire qualcosa di simile? Certo, la domanda è retorica. La Germania vive sotto la stretta supervisione degli Stati Uniti d’America, e infatti questa situazione non è cambiata dalla fine della seconda guerra mondiale. I cambiamenti sono avvenuti solo a est, dove Mosca ha esercitato una stretta supervisione. Poi l’Unione Sovietica è crollata e la Germania è stata unita. Tuttavia, in materia geopolitica, ciò non le ha fornito autonomia, il che conferma quanto sopra, così come i dati sullo spionaggio americano totale in Germania.

Per quanto riguarda l’attuale situazione dei carri armati, alla Germania è stato detto che non ha opzioni. Solo i suoi “Leopardi” si adattano. Come mai? Perché la Germania li ha prodotti in gran numero durante la Guerra Fredda, e oggi, almeno secondo Washington, questi carri armati sono l’unico carro armato accettabile, e in quantità sufficiente, che può essere inviato sul fronte ucraino.

Supponiamo che la Germania acconsenta alla domanda americana oggi o domani. Cosa poi? Quanto velocemente questi carri armati raggiungeranno l’Ucraina è una grande domanda. Ma si ha l’impressione che l’escalation più forte debba ancora arrivare: o sotto forma di un’offensiva delle forze russe, o sotto forma di un’offensiva delle forze ucraine dopo aver ricevuto seri rinforzi. Sembra che sia in arrivo un grande scontro, che questa volta inizierà senza indugi e senza rifiutare le armi all’Ucraina. Fonti affermano che domani a Ramstein, in Ucraina, è garantita la consegna di centinaia di carri armati e veicoli da combattimento di fanteria. Sotto l’occhio severo del Segretario alla Difesa degli Stati Uniti, i paesi europei daranno più che mai e saranno così coinvolti in un conflitto armato che dura da quasi un anno.

Questo grande scontro avrà luogo quest’anno, forse già nella prossima primavera, e la portata dei preparativi suggerisce una possibile fine anticipata di questo conflitto armato. Dopotutto, l’obiettivo è infliggere un tale colpo al nemico in questo scontro da non poter continuare a combattere o decidere che è inutile. L’unico problema è che ora, a quanto pare, entrambe le parti sono sicure che sarà il nemico a cadere in ginocchio, e non loro stesse.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.