Pompeo: la situazione del riconoscimento della Crimea russa, differisce dal riconoscimento del Golan israeliano

Pubblicità

La situazione del riconoscimento della penisola di Crimea in Russia differisce dal riconoscimento della sovranità israeliana sulle alture del Golan. Questa è opinione  espressa dal Segretario di Stato americano Michael Pompeo in un’intervista a Sky News . La trascrizione della conversazione è stata pubblicata sabato dal Dipartimento di Stato.

Il giornalista ha ricordato che Washington ha imposto sanzioni contro Mosca in relazione alla riunificazione della Crimea con la Russia, e ora gli Stati Uniti dicono che riconosceranno il Golan come israeliano. Il giornalista ha chiesto al segretario di stato se questa non fosse una “doppia politica standard”. “No, non del tutto Le azioni del presidente [degli Stati Uniti Donald Trump] in relazione alle alture del Golan sono un riconoscimento della reale situazione sul terreno e della situazione di sicurezza necessaria per la protezione di Israele, è così facile”, ha affermato il Segretario di Stato americano.

Ha anche respinto le affermazioni secondo cui tale riconoscimento viola le risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell’ONU. “Questo è pienamente coerente con la realtà sul campo, con fatti sul terreno”, ha ripetuto Pompeo, aggiungendo che Washington vuole “lavorare per raggiungere la stabilità in Medio Oriente”. “Gli Stati Uniti sono una forza del bene nella regione, le nostre intenzioni sono nobili e la decisione presa dal presidente amplierà le possibilità di stabilità nell’intera regione”, ha detto il capo del Dipartimento di Stato, commentando le dichiarazioni di Trump secondo cui gli Stati Uniti dovrebbero riconoscere la sovranità israeliana sul Golan.

Prima che fosse pubblicizzata l’opinione di Pompeo, il capo del comitato del Consiglio della Federazione Russa per gli affari internazionali, Konstantin Kosachev, ha sottolineato che dopo le parole di Trump sulla necessità di riconoscere la sovranità di Israele sulle alture del Golan, qualsiasi demagogia sull’annessione della Crimea dovrebbe essere considerata infondata. Ha notato che la dichiarazione del leader americano non è sorprendente, data la “non dissimulata posizione pro-Israele del capo della Casa Bianca”, che ha già riconosciuto Gerusalemme come capitale di Israele, contrariamente alla posizione della comunità mondiale e dell’ONU.

Pubblicità

Le colline del Golan furono catturate da Israele durante la Guerra dei Sei Giorni nel 1967. Nel 1981, il Parlamento israeliano approvò una legge che proclamava unilateralmente la sovranità israeliana sulle alture del Golan. L’annessione fu invalidata dalla risoluzione 497 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite il 17 dicembre 1981.

In definitiva secondo Pompeo la Crimea dove si è svolto positivamente un referendum tra gli abitanti, sarebbe una situazione illegale mentre la sottrazione del Golan ove l’Onu e la Comunità Internazionale si sono espresse  chiaramente contro, sarebbe legale.

Se in queste dichiarazioni di Pompeo non è evidente il doppio standard che gli USA applicano correntemente con totale disprezzo del diritto internazionale, ditemi voi cosa serve di più ancora per dimostrarlo…

@vietatoparlare

Pubblicità