Politica estera (USA): gli abbracci di Xi Jinping con Vladimir Putin – ma solo per il momento

Washington ha motivo di preoccuparsi del riavvicinamento tra Russia e Cina, che considera i suoi rivali più pericolosi? Se sì, allora non tanto quanto assicurano gli allarmisti. La verità è che né Putin né Xi sono entusiasti della sua amicizia. Le alleanze dei superpoteri sono fugaci, e questo è particolarmente vero per la Cina, scrive l’autore. Il motivo principale dell’attuale riavvicinamento tra Russia e Cina sono le relazioni ostili con l’amministrazione Trump.

I cinesi, come nel classico romanzo Tre regni, affrontano le alleanze in modo pragmatico

2019/06/10 – Melinda Liu

La magnifica celebrazione del settantesimo anniversario della Repubblica popolare cinese, è stata nettamente nostalgica. Il momento clou del programma è stato Xi Jinping, il leader più potente della Cina dopo Mao Zedong, scomparso nel 1976. A casa, Xi chiese un glorioso risveglio della Cina – sotto processioni festive con coreografie provate con precisione. A livello internazionale, la sua guerra commerciale con Donald Trump ha raffreddato le relazioni sino-americane e ravvivato la paura di una nuova guerra fredda.

La cosa più sorprendente è che la Russia è tornata alle sue precedenti posizioni. Come nei primi anni della RPC, Mosca è ora il principale alleato di Pechino, ufficialmente riconosciuto. Sebbene le autorità cinesi abbiano mostrato per  nuove attrezzature militari avanzate alla parata del 1 ° ottobre, dai droni ai missili nucleari DF-41, che, se necessario, avrebbero raggiunto le città americane, Xi si è rivolto al suo buon vecchio vicino per coprire le retrovie.

Il riscaldamento sino-russo non è passato inosservato a Washington. “La Cina e la Russia non sono state così unite dalla metà degli anni ’50”, ha dichiarato Dan Coats, ex direttore dell’intelligence nazionale, in una valutazione delle minacce di gennaio. È interessante notare che le autorità cinesi sono d’accordo con questo. All’inizio di questa settimana, quando funzionari russi e cinesi hanno celebrato l’anniversario dell’istituzione di relazioni diplomatiche nel 1949, i media statali hanno definito i legami bilaterali “i migliori della storia”. (L’Unione Sovietica divenne il primo paese straniero a stabilire relazioni diplomatiche con la Repubblica popolare cinese. Mosca la riconobbe il giorno dopo la sua fondazione 70 anni fa.) Xi portò personalmente le relazioni al livello successivo – la sua visita di giugno a Mosca a giugno è stata la 26a riunione con Vladimir Putin per sei anni. Leader cinese, di solito low-key,

Washington ha motivo di preoccuparsi del riavvicinamento tra i due paesi, che considera il più pericoloso per gli Stati Uniti? In tal caso, non tanto quanto ci assicurano gli allarmisti. La verità è che né Putin né Xi sono felici della loro “forte amicizia maschile”. Non possono permettersi l’amore fino alla tomba. Le alleanze tra superpotenze sono fugaci, e questo è particolarmente vero per la Cina. Il motivo principale dell’attuale riavvicinamento tra Russia e Cina sono le tese relazioni imprevedibili e potenzialmente ostili con l’amministrazione Trump. Negli ultimi 70 anni, dalla nascita della RPC, la politica cinese è stata definita dal triangolo Cina-USA-Russia (o dall’allora URSS). La faida con Mosca, la divisione sino-sovietica e il riscaldamento delle relazioni tra Stati Uniti e Unione Sovietica tra la fine degli anni ’50 e l’inizio degli anni ’60 costrinsero Mao ad aprire le porte al presidente americano Richard Nixon. L’inaspettato viaggio di Nixon in Cina nel 1972 segnò un riavvicinamento con la Cina per diversi decenni. Washington e Pechino hanno anche provato insieme a frustrare l’occupazione sovietica in Afghanistan. Ufficialmente, Mosca e Pechino si sono riconciliati solo nel 1989. Ma dopo alcuni anni, l’URSS è crollata e i leader russi hanno ricominciato a cercare un riavvicinamento con l’Occidente.

Il flirt di oggi con Mosca può essere altrettanto fugace. C’è una grande possibilità che Pechino lascerà spazio alle manovre. In effetti, il triangolo Washington-Pechino-Mosca ricorda il classico romanzo storico cinese The Three Kingdoms. L’epopea multi-volume del 14 ° secolo Luo Kuanzhong racconta lo scontro di tre stati cinesi duemila anni fa. Formati dopo la caduta della dinastia Han, i regni di Shu, Wu e Wei si scatenarono in una danza frenetica di alleanze, tradimento, ostilità e riforma. Il romanzo gigante parla di vanità e crudeltà, descrivendo in dettaglio il carattere di ciascuno dei sovrani e i metodi tradizionali di lotta che emergono costantemente nella diplomazia cinese, nei negoziati aziendali e nei popolari giochi online. Sicuramente nei suoi pensieri, C torna spesso alle leggendarie linee di apertura del romanzo: “Le grandi forze dell’Impero Celeste, dopo essere state unite da molto tempo, si sforzano di unirsi di nuovo e dopo una lunga unità si disintegrano di nuovo – è sempre stato così. Né l’unità né l’inimicizia sono eterne, ma si nutrono costantemente e si completano a vicenda, sia in politica che ovunque.

Finora, Xi sembra essersi concentrato sulla minaccia americana, e Putin è attratto dal vecchio detto: “il nemico del mio nemico è mio amico”. “Nessun potere può impedire al popolo cinese e alla nazione cinese di avanzare”, ha detto Xi da una tribuna della Città Proibita che si affaccia su Piazza Tiananmen martedì. Le sue parole – e le schiere dei 15.000 soldati che scandivano il passo – sono rivolte sia a Washington che a Hong Kong, perché i media cinesi hanno accusato le forze “straniere”, principalmente gli Stati Uniti, di proteste di massa contro Pechino. “Raggiungeremo la prosperità e la stabilità di Hong Kong”, ha promesso Xi.

Ma poche ore dopo, i manifestanti, i cocktail con la spada Molotov, si sono scontrati con la polizia di Hong Kong. Per la prima volta in 17 settimane, la polizia ha aperto il fuoco con munizioni vere. Per completare l’allarmante scoppio di violenza, le autorità di Hong Kong hanno emanato una legge di emergenza a lunga scadenza vietando ai manifestanti di indossare maschere. Ciò contribuirà ad abilitare la tecnologia di riconoscimento facciale.

Secondo la visione del mondo di Xi, le minacce interne ed esterne vengono risolte allo stesso modo: non appena il Partito Comunista Cinese indebolisce il suo potere, nel 1991 cadrà a pezzi come l’Unione Sovietica.

“Senza una mano di comando unita e forte, la Cina si muoverà nella direzione della scissione e della disintegrazione, che si concluderà in un disastro per tutto il mondo“, ha affermato il documento politico del governo cinese, che è apparso pochi giorni prima della parata.

La Cina e la Russia hanno entrambe subito una forte pressione economica dagli Stati Uniti. L’economia russa è pesantemente colpita dalle sanzioni per l’annessione della Crimea ucraina nel 2014 e dall’interferenza del 2016 nelle elezioni statunitensi. Pechino è coinvolta in una guerra commerciale con Washington, dente per dente. Ufficialmente, le attuali relazioni sino-russe sono descritte come “una partnership strategica globale della nuova era”. Tradotto dal cinese per “missione diplomatica”, ciò significa che Xi ha deciso di ripristinare i legami tra compagni e quindi di entrare nella storia. A questo punto, le parti stanno cercando di non ricordare i momenti spiacevoli dell’ex scissione sovietico-cinese, incluso il sanguinoso conflitto di frontiera del 1969 (sull’isola di Damansky, il più grande conflitto armato nella storia dell’URSS e della Cina, circa. Transl.).

pubblicità

Nell’ultimo anno, i funzionari di Pechino hanno promesso di unire le forze con Mosca in tutto, dall’intelligenza artificiale e la robotica alla partecipazione alle istituzioni multilaterali, tra cui le Nazioni Unite e l’Organizzazione mondiale del commercio. Le parti possono anche collaborare per “prevenire il rischio di sanzioni da parte dell’Occidente”, ha affermato un editoriale nel numero di settembre del China Daily . (Quindi Mosca e Pechino sono già impegnate nella dedollarizzazione, stimolando gli sforzi per passare al rublo e allo yuan anziché alla valuta americana). “Poiché l’attuale modello di cooperazione sino-russa è essenzialmente generato dall’isolamento dall’Occidente, non sorprende se i nostri paesi agiscono insieme contro il protezionismo dal mondo monopolare”, conclude l’articolo.

Russia e Cina hanno già intensificato la cooperazione in materia di sicurezza. Un anno fa, Mosca ha tenuto le più grandi esercitazioni militari dal crollo dell’Unione Sovietica sotto il nome di “East-2018”. I cinesi vi presero parte, avendo l’opportunità di esercitarsi fianco a fianco con i militari esperti in battaglia. Pechino ha partecipato per la prima volta a giochi militari sotto la guida di Mosca (prima c’erano solo esercitazioni antiterrorismo insieme a forze armate e forze dell’ordine dalla Russia e dall’Asia centrale). Per la Russia, questo è stato un punto di svolta e un segno di fiducia in Cina, ha affermato Alexander Gabuev, ricercatore senior presso il Carnegie Moscow Centre, in un articolo del Moscow Times. In parte, è stata una palla di prova: la Russia ha cercato di scoprire se “le istituzioni finanziarie cinesi e gli investitori privati ​​saranno in grado di mostrare maggiore fiducia in un partner strategico, carico di sanzioni occidentali”, Gabuev crede. In altre parole, la Russia segnalò a Trump che se gli Stati Uniti avessero continuato a portarla in un angolo, si sarebbe precipitata tra le braccia della Cina. E saranno più forti di quanto gli sarebbe piaciuto.

La Cina e la Russia sperano anche di concordare strategie per sviluppare l’ambiziosa iniziativa di Pechino “One Belt, One Road” e l’Unione economica eurasiatica guidata da Mosca, che comprende Armenia, Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan e Russia. Questo coordinamento sarà cruciale se le parti riescono a evitare un conflitto di interessi.

Un’altra parola d’ordine che appare spesso quando Pechino e Mosca discutono dell’Artico è sinergia. La Cina ha già dichiarato le sue ambizioni – almeno a livello retorico – di creare la via della seta polare. All’inizio di quest’anno, durante una riunione del Consiglio artico in Finlandia, il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha criticato il “modello cinese di comportamento aggressivo” e ha affermato che la pretesa di Pechino di essere “quasi artico” non gli conferisce “assolutamente nessun diritto” nell’Artico. La costa più vicina della Cina dall’Artico è di mille e mezzo chilometri. L’appartenenza al Consiglio artico, che oltre agli Stati Uniti comprende Canada, Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia, Russia e Svezia, non ha la Cina, ma ha lo status di osservatore. La Cina ha già aperto le sue stazioni meteorologiche in Islanda e Norvegia.

Dopo un fantastico incontro in Finlandia (dove gli Stati Uniti si sono rifiutati di firmare una dichiarazione comune sulle priorità dei cambiamenti climatici), la Cina ha tenuto la propria conferenza sull’Artico a Shanghai – e si è svolta in un’atmosfera più amichevole. Nel frattempo, Pompeo e altri funzionari statunitensi hanno avvertito che la presenza di scienziati cinesi avrebbe permesso a Pechino di prendere piede nell’Artico. Un rapporto afferma che “la ricerca civile potrebbe rafforzare la presenza militare cinese nell’Oceano Artico, incluso lo spiegamento di sottomarini”.

Pertanto, entrambi i paesi cercano cooperazione in ogni occasione. Cercano di stimolare il commercio bilaterale, il cui fatturato l’anno scorso ha superato per la prima volta i $ 100 miliardi e quasi raddoppierà entro il 2024. Mosca ha le materie prime di cui Pechino ha tanto bisogno. Tre anni fa, la Russia ha spinto l’Arabia Saudita fuori dalla sua posizione di principale fornitore di petrolio greggio alla Cina.

Dal punto di vista di Xi, un più stretto coordinamento con Putin aiuterà la Cina a rispondere meglio alla natura instabile del sentimento di politica estera degli Stati Uniti. Poiché la cultura burocratica della Cina prevede una preparazione scrupolosa, Trump ha scioccato i funzionari cinesi con le sue maniere spontanee e propensione per tweet di fortuna, incontri personali e contatti diretti. Le stesse “belle” lettere del leader nordcoreano Kim Jong-un a Trump possono cambiare radicalmente il corso degli eventi nella penisola coreana – e lì sia Mosca che Pechino hanno i loro interessi.

Quando il ministro degli Esteri cinese, Wang Yi, si stava preparando per incontrare Putin e il ministro degli Esteri russo a maggio, proprio un giorno prima dell’incontro russo con Pompeo, il suo messaggio era ovvio. Le relazioni sino-russe “non hanno eguali”, ha detto, mentre “caos e disordine” regnano ovunque. “Unilaterale è minaccioso e contrario al sistema esistente e alle norme fondamentali delle relazioni internazionali”, ha avvertito Van I. “Voci e calunnie diventano uno strumento di attacco contro altri paesi, come se una bugia ripetuta mille volte diventi un fatto”.

Nel lungo periodo, la presidenza di Trump, con i suoi alti e bassi, si adatta perfettamente a Pechino, come aveva previsto l’ex primo ministro australiano Kevin Rudd in un discorso dell’anno scorso alla Asian Society di New York. I discorsi anti-globalisti di Trump e l’incoerenza delle sue politiche aprono opportunità senza precedenti per Pechino. Minano il prestigio internazionale dell’America, minano le sue alleanze militari, rovinano l’immagine della democrazia in stile occidentale e distruggono la rete di istituzioni multilaterali emerse dopo la seconda guerra mondiale e dove Washington ha spesso un ruolo da protagonista. “Strategicamente, [i funzionari cinesi] vedono enormi opportunità nell’amministrazione Trump”, ha detto Rudd. “Vedono che si sta creando un vuoto in tutto il mondo e si stanno aprendo vuoti, il tutto in assenza di un’efficace diplomazia americana e istituzioni chiave”. Ad esempio, le Nazioni Unite, i cui consigli di sicurezza Russia e Cina sono posti il ​​veto. L’imprevedibilità di Trump Rudd ha definito “consolazione strategica e mal di testa tattico” per Pechino.

Tuttavia, Pechino è strategicamente interessata a un sistema multilaterale: alla fine, è a lui che deve la sua ricchezza. L’economia cinese è molto meglio integrata a livello globale rispetto alla Russia. Due anni fa, il PIL cinese ha superato le otto volte della Russia: 12,2 trilioni di dollari contro 1,6 trilioni di dollari. Ma nel 1992, immediatamente dopo il crollo dell’URSS, il PIL cinese ammontava a soli 427 miliardi di dollari, un po ‘meno della Russia a 460 miliardi. A differenza di Pechino, “la Russia ha poche speranze di reintegrazione nell’ordine mondiale postbellico. Invece, Mosca sembra aver concluso che sarebbe meglio usare la sua influenza per destabilizzare questo sistema ”, osserva un recente rapporto del centro di ricerca strategica RAND. Sebbene la Cina stessa non sia un angelo nell’arena internazionale,

Xi ha un motivo in più per tenere Putin a debita distanza, ma per non lasciarlo avvicinarsi troppo: la sfiducia. La Cina non può permettersi un inaspettato riavvicinamento tra Washington e Mosca. (Nonostante la diffusa opposizione, Trump ha recentemente proposto formalmente di accettare la Russia nel G7, rendendo Putin non più un paria.) “È chiaro che, sebbene la Cina e la Russia stiano al passo con gli Stati Uniti, la loro vicinanza è tutt’altro che universale”, ha dichiarato Raffaello Pantucci, direttore della ricerca sulla sicurezza internazionale presso il think tank londinese della RUSI. Quindi, il Vietnam e l’India, di fronte ai conflitti di confine contro le forze di Pechino, sono ancora diffidenti nei confronti del loro grande vicino e continuano ad acquistare armi da Mosca.

Un altro motivo per cui Xi non sarà vicino a Putin è l’enorme divario nelle dimensioni e nel tasso di crescita delle loro economie. Le relazioni tra Pechino e Mosca rimarranno asimmetriche. La Cina, la seconda economia mondiale, la Russia ha bisogno di molto più della stessa Cina. Inoltre, nel cuore delle relazioni sino-russe “rimane una comunità di problemi, non opinioni”, afferma il rapporto RAND. E se la Cina cerca di cambiare gradualmente l’ordine mondiale del dopoguerra al fine di rafforzare il suo ruolo, la Russia non avrà una tale influenza economica – ha solo “l’esperienza tattica di un cacciatorpediniere opportunista”, afferma il rapporto. Ciò significa che gli Stati Uniti devono rispondere in modo diverso a “una superpotenza emergente focalizzata sulla superiorità economica e tecnologica” (Cina) e “un potere indebolente volto a incitare al caos militare e ideologico” (Russia).

Così, come nel romanzo “Tre regni”, intrighi e puro pragmatismo domineranno la palla. All’esterno, l’alleanza di Xi e Putin sembra essere piena di amicizia, persino di romanticismo, ma Pechino e Mosca “si distinguono per il duro realismo”. “Sembra sia che siano assediati dall’Occidente con la sua sporca democrazia e l’incitamento alle proteste”, ha detto Pantucci, riferendosi alle “rivoluzioni cromatiche” filo-occidentali che hanno cambiato il volto del mondo post-sovietico, così come la primavera araba e le recenti manifestazioni che hanno colpito Hong Kong e Mosca. “Vedono che tutto questo viene dall’Occidente e si vedono da un lato delle barricate.”

Dietro le quinte, tuttavia, si sta dicendo un altro. “Quando funzionari di Pechino si incontrano con colleghi americani in privato, dicono:” Maledetti russi, guarda cosa hanno fatto in Ucraina, è un disastro “. E i funzionari russi ammettono: “Non ci fidiamo di queste cinesi. Dopotutto, siamo ancora europei ”, ritiene Pantucci. “La Russia si immagina di essere una potenza europea e crede che alla fine dovrebbe essere da questa parte della medaglia, e non dai cinesi”.

Le autorità cinesi lo hanno già visto. Quasi 60 anni fa, il primo ministro sovietico Nikita Krusciov era un ospite d’onore alla celebrazione del decennio della Repubblica cinese. Il deterioramento delle relazioni è stato mascherato da complimenti politici e forti brindisi per il vino di riso e il maotai (vodka cinese, considerata una bevanda nazionale e diplomatica, circa. Transl.) . Secondo il giornalista britannico Christopher Dobson, Krusciov consigliava ai maestri cinesi, che emanavano schiuma di odio dagli Stati Uniti, di calmarsi. Ad un funzionario cinese, ha detto che a proposito della guerra “ha cantato come un gallo da combattimento”. In una conversazione privata con i suoi assistenti, ha chiamato Mao “le vecchie galosce” – in russo, questa espressione gergale significa il preservativo usato (come nel testo – circa. Transl.).

Può sembrare che l’ultimo cinese abbia riso, perché l’URSS è crollata nel 1991. Ma C non sta affatto ridendo. Successivamente, ha spiegato il crollo del Partito Comunista dell’Unione Sovietica: “I loro ideali e credenze sono stati scossi. Alla fine, la bandiera del sovrano sulla torre della città è cambiata in una notte. < …> In proporzione, il Partito Comunista aveva più membri dei nostri, ma nessuno aveva il coraggio di resistere. ”

Per Xi, un uomo ossessionato dalla propria eredità, nessuna delle lezioni obsolete del passato cinese avrebbe importanza se il Partito comunista cinese avesse subito la stessa sorte del suo “fratello maggiore” sovietico. La presenza di Putin accanto a lui è incoraggiante, ma ricorda anche che Mosca e Pechino alla fine andranno per la propria strada.

Fonte: FP

Melinda Liu è a capo dell’ufficio di Newsweek di Pechino e co-autrice del libro Beijing Spring sugli eventi di aprile-giugno 1989.

JOIN THE DISCUSSION