Perché alcuni ospedali scozzesi non dicono ai genitori il sesso del loro bambino

Alcuni ospedali in Scozia hanno smesso di dire ai genitori in attesa il sesso del loro bambino non ancora nato a causa dei timori di azioni legali in caso di errori, la possibilità di incoraggiare l’aborto selettivo a causa del sesso o di condizioni come la sindrome di Down, e l’ostilità dei genitori nei confronti del personale ospedaliero.

Quattro dei 14 comitati del Servizio Sanitario Nazionale (NHS) in Scozia, che possono stabilire le proprie pratiche, non rivelano il sesso del nascituro, riporta il quotidiano scozzese The Sunday Post. Questi includono gli operatori dell’ecografia del NHS Forth Valley, così come quelli degli ospedali di Orkney e Shetland.

Le differenze tra le località sono state notate da Annie Wells, ministro del parlamento scozzese e portavoce del partito conservatore per la salute mentale, la salute pubblica e le pari opportunità, che ha detto che “i genitori saranno confusi in questa apparente lotteria con codice postale”.

Ci sono timori che alcuni genitori possano abortire i bambini non ancora nati sulla base del risultato dell’ecografia, ciò ha condotto ad alcuni rifiuti nel comunicare il sesso del bambino. Anche i genitori a cui è stato detto il sesso sbagliato del loro bambino hanno minacciato un’azione legale.

Alcuni ecografisti del personale ospedaliero hanno dovuto affrontare “violenza verbale” da parte dei genitori quando non sono stati in grado di determinare il sesso del bambino, portando il comitato di NHS Grampian a fermare il servizio nella sua regione, che comprende Aberdeen. Le sale d’attesa dell’ospedale informano i pazienti di questo fatto. Sta cambiando la politica della documentazione per comunicare che “il sesso non è determinato” a meno che il bambino non abbia una condizione medica identificata nel grembo materno.

Elizabeth Duff, consigliere politico senior della National Childbirth Trust charity, ha detto che molti genitori cercano di conoscere il sesso del loro bambino.

E’ emozionante, permette loro di pianificare e può aiutare con il legame,” Duff ha detto al Sunday Post.  “Tuttavia, a causa di molti fattori come la chiarezza delle immagini e la posizione del bambino, l’ecografista non può garantire che identifichi accuratamente il sesso del bambino”.

I cambiamenti [attuati] hanno significato che alcuni genitori stanno facendo eseguire scansioni ecografiche private per identificare il sesso del bambino.

Ci sono state minacce di azioni legali per potenziali errori”, ha detto al Sunday Post un’ostetrica, che ha chiesto di mantenere l’anonimato. “E alcune donne non hanno proseguito la gravidanza quando è stato detto loro che era una bambina”.

Gli errori capitano”, ha detto un’altra ostetrica, parlando in modo anonimo. “Ho avuto un caso in cui a una coppia è stato detto che avevano una bambina e tutto quello che avevano era rosa, la scuola materna era decorata di rosa, e poi hanno avuto un maschietto”.

L’anno scorso i politici britannici preoccupati che i test prenatali stavano portando ad aborti selettivi a causa del sesso hanno richiesto una revisione della disponibilità di test di rilevamento precoce del sesso per le donne incinte.

Hanno espresso particolare preoccupazione per il fatto che le donne, specialmente quelle delle comunità asiatiche del Regno Unito, sono sottoposte a pressioni o costrette ad abortire se incinte di una ragazza.

Nel marzo 2017 il Nuffield Council on Bioethics, un think tank finanziato dal governo, ha pubblicato un rapporto in cui si afferma che l’uso del test prenatale non invasivo sembra aumentare l’aborto selettivo del sesso.

Il test del sangue viene somministrato alla madre alla nona settimana di gravidanza, quando il DNA del bambino è rilevabile nel sangue di una madre incinta.

L’aborto selettivo basato sul sesso può essere una pratica statisticamente rilevabile in comunità con una preferenza per un figlio maschio o contro una femmina. Alcuni paesi in cui la pratica è comune hanno vietato il rilevamento del sesso prenatale. L’India lo ha vietato nel 1994.

I test per identificare il sesso di un bambino non ancora nato sono a disposizione dei genitori e possono essere acquistati in una clinica per un costo che varia da £150 a £200, da circa $195 a $260.

Nel sobborgo londinese di Slough, che ha una consistente popolazione di discendenza asiatica meridionale, le pubblicità su strada commercializzano esplicitamente il test per la sua capacità di determinare il sesso del bambino.

Alcuni politici hanno chiesto che tali annunci fossero vietati.

Mentre l’aborto per la selezione del sesso è tecnicamente illegale nel Regno Unito, le donne possono fornire altre ragioni per giustificare un aborto in Inghilterra, Scozia e Galles. Una richiesta di aborto deve avere l’approvazione di due medici e di solito non può essere eseguita dopo 24 settimane di gravidanza.

L’esame del sangue prenatale è attualmente somministrato dal Servizio Sanitario Nazionale del Regno Unito per controllare le condizioni genetiche, come la sindrome di Down. Il novanta per cento dei bambini con una diagnosi prenatale della sindrome di Down viene abortito.

Fonte: Catholic News Agency

L’articolo Perché alcuni ospedali scozzesi non dicono ai genitori il sesso del loro bambino proviene da Il blog di Sabino Paciolla.

Source link

JOIN THE DISCUSSION