La nuova banca dei dati sull’inquinamento atmosferico – mappa le città più inquinate del mondo

[ad_1]

La banca dati più completa del mondo sull’inquinamento atmosferico è stata di nuovo aggiornata, mappando un’immagine di una crisi sanitaria globale che è disparata, mutevole e in alcuni luoghi poco chiara.

Compilato dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), le statistiche su 4.300 città rivelano livelli annuali di particolato, particelle minuscole nell’aria che possono portare a condizioni di salute come l’asma, il cancro ai polmoni o le malattie cardiache.

I dati sono raccolti da più fonti variabili e in alcuni punti non sono disponibili, quindi con questi avvertimenti in mente, questo è ciò che abbiamo imparato:

1) L’aria urbana è pericolosa quasi ovunque

Lo smog di Pechino e Delhi è spesso in prima pagina, ma questi dati mostrano che l’aria urbana è pericolosa quasi ovunque. L’OMS stima che nove su dieci persone in tutto il mondo respirino aria altamente inquinata. Nell’Unione europea, otto città su dieci con dati superano le linee guida raccomandate dall’OMS.

2) Pechino non è stata la capitale mondiale dello smog che era una volta

Pechino è stata la città che ha simboleggiato lo smog, ma non fa più nemmeno la lista delle 100 città più inquinate del mondo. Nel 2013, si è classificata come la quarantesima città peggiore per il particolato PM2.5, ma quattro anni al suo posto nella posizione 187. Nelle 62 città cinesi per le quali l’OMS dispone di dati sia nel 2013 che nel 2016, i livelli sono scesi di una media di 30 %.

Gran parte di questo è il piano d’azione nazionale per l’inquinamento atmosferico della Cina, che ha funzionato dal 2012 al 2017. Ora il governo sta preparando un nuovo piano triennale che stabilirà nuovi obiettivi e misure per “vincere la battaglia per difendere i cieli blu”, secondo al ministro dell’ambiente

3) Delle 20 città più inquinate del mondo, 15 sono in India

Subito dopo che la qualità dell’aria della Cina ha iniziato a migliorare, i livelli di PM2,5 dell’India hanno superato quelli della Cina e l’India è diventata il paese con il maggiore impatto sulla salute della PM2.5.

Confrontando gli ultimi dati disponibili sui livelli di PM2,5 per ogni città, le città settentrionali dell’India di Gwalior, Kanpur e Faridabad sono le peggiori, con gli ultimi livelli riportati che superano 170 μg / m3 nel 2012, 16 volte più alti delle ultime statistiche di Londra.

La buona notizia è che il governo indiano ha recentemente annunciato un piano nazionale per l’aria pulita, rafforzando il monitoraggio della qualità dell’aria e chiedendo alle 100 città più inquinate di elaborare i propri piani d’azione. Tuttavia, il progetto di piano non fissa obiettivi o scadenze per ridurre i livelli di inquinamento atmosferico. Il governo si sta finalmente muovendo per implementare gli standard di emissione per le centrali elettriche a carbone, dopo anni di ritardo.

Gli altri paesi con le voci nell’elenco delle 20 città più inquinate sono l’Arabia Saudita, il Bhutan, la Serbia, il Camerun e l’Egitto.

 

4) La  Polonia ha un grave problema di inquinamento

16 delle 20 città europee più inquinate sono nel bastione del carbone in Polonia. Il resto si trova in Bulgaria, anche se la Polonia ha molte più città che riportano cifre.

Di conseguenza, la Bulgaria ha la maggior parte delle città che violano l’obiettivo di qualità dell’aria UE del 2020, l’83%, seguita dalla Polonia al 72%. La situazione è ancora peggiore in Turchia, dove il 90% delle città supera l’obiettivo dell’UE.

La città più pulita di questo set di dati è Muonio nel nord della Finlandia, con un livello medio di PM2,5 di 2ug / m3.

Nell’UE non vi è alcun paese in cui tutte le città rispettano la direttiva sulla qualità dell’aria dell’OMS e solo Finlandia, Estonia e Svezia si avvicinano. Al di fuori dell’UE, nessun paese con stazioni di monitoraggio in più di una città aveva aria al di sotto delle linee guida.

 

5) Mancano molti dati

Per il database più completo di misurazioni della qualità dell’aria mai completato, la mappa dell’OMS lascia alcune aree vuote allarmanti. Vi è un’incredibile mancanza di monitoraggio della qualità dell’aria in Africa e nel sud e sud-est asiatico. L’OMS è stata in grado di ottenere dati sulla qualità dell’aria per solo 64 città nel sud-est asiatico. L’Africa subsahariana presenta un divario ancora maggiore, con solo 28 città che riferiscono; meno di quello che esiste solo per il Belgio.

Alcune parti del mondo hanno visto un sostanziale miglioramento recentemente, con i dati di oltre 1000 città aggiunte negli ultimi due anni, ma in Africa è stata aggiunta solo una singola città, mentre nel sud-est asiatico ci sono altre otto città sulla mappa.

Foto in alto | Un uomo cammina davanti a un impianto siderurgico a carbone a Tianjin, in Cina. (AP / Andy Wong)


Unearthed  è distribuito con licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0 International.

Il post Nuove mappe di inquinamento atmosferico Le città più inquinate del mondo sono apparse per la prima volta su MintPress News .

[ad_2]

Collegamento sorgente