Funzionari israeliani cercano sostegno degli Stati Uniti per il prossimo attacco all’Iran

Non che ci fossero molti dubbi su chi ci fosse dietro, ma due giorni dopo che aerei da guerra “nemici” hanno  attaccato una base militare siriana  vicino a Hama domenica, uccidendo almeno 11 iraniani e dozzine di altri, e nessuno aveva ancora “rivendicato la responsabilità” dell’attacco, Funzionari statunitensi hanno  detto alla Nbc  che si trattava effettivamente di aerei da combattimento israeliani F-15 che hanno colpito la base,  secondo quanto riportato da NBC News .

In modo minaccioso, i funzionari hanno detto che Israele sembra si stia preparando per una guerra aperta con l’Iran e sta cercando aiuto e sostegno agli Stati Uniti.

“Nella lista dei potenziali ostilità  in tutto il mondo, la battaglia tra Israele e le forze iraniane  in Siria è in cima alla lista delle più probabili in questo momento”, ha detto un alto funzionario degli Stati Uniti.

Funzionari statunitensi hanno  detto alla NBC  che gli F-15 israeliani hanno colpito Hama dopo che l’Iran ha consegnato armi a una base che ospita la 47a brigata dell’Iran, compresi i missili terra-aria. Oltre a uccidere due dozzine di militari, inclusi ufficiali, il raid ne ha ferito altre tre dozzine. Il rapporto aggiunge che i funzionari statunitensi ritengono che le spedizioni fossero destinate alle forze di terra iraniane che avrebbero attaccato Israele.

Nel frattempo, come riportato ieri, l’esercito siriano ha detto lunedì che i razzi “nemici” hanno colpito basi militari appartenenti all’esercito siriano. Secondo diversi fonti, gli attacchi hanno preso di mira la 47a base della brigata nel distretto meridionale di Hama, una struttura militare nel nord-ovest di Hama e una struttura a nord dell’Aeroporto Internazionale di Aleppo.

Nel frattempo, il ministro della Difesa israeliano Avigdor Lieberman ha detto martedì che Israele ha avuto quattro problemi, uno in più del giorno prima: “Iran, Iran, Iran e ipocrisia”. Il commento è arrivato un giorno dopo che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu “ha rivelato” una serie di documenti che il Mossad ha rubato dall’Iran. Questi documenti descrivono dettagliatamente il programma nucleare dell’Iran, che i critici hanno detto che erano 1) sono vecchi e 2) non sono più indicativi dei piani attuali dell’Iran.

“Questo è lo stesso Iran che reprime la libertà di espressione e le minoranze. Lo stesso Iran che ha cercato di sviluppare armi nucleari ed è entrato nell’accordo [nucleare] per benefici economici “, ha detto Lieberman.

“Lo stesso Iran sta cercando ora di nascondere le sue armi mentre tutti lo ignorano. Lo stato di Israele non può ignorare le minacce dell’Iran, l’Iran, i cui alti funzionari promettono di annientare Israele “, ha detto. “Stanno cercando di farci del male e avremo una risposta per loro.

Il ministro della Difesa iraniano Amir Khatami ha minacciato Israele martedì, dicendo che dovrebbe fermare il suo “comportamento pericoloso” e giurare che la “risposta iraniana sarà sorprendente e te ne pentirai”. Le osservazioni di Khatami sono state seguite dal discorso di Netanyahu che Khatami ha descritto come “azioni provocatorie” israeliane “E due giorni dopo gli attacchi in Siria.

Nel frattempo, in un possibile accenno al conflitto imminente,  Haaretz ha scritto che due settimane e mezzo dopo l’attentato in cui sette membri delle Guardie rivoluzionarie iraniane sono stati uccise nella base T4 in Siria, Israele si sta preparando per la rappresaglia iraniana per gli attacchi siriani.

Come scrive Haaretz, la risposta degli iraniani, nonostante le loro frequenti minacce di vendetta, è stata rinviata, così interferendo con la pianificazione della guerra in Iran. È anche possibile che, con il passare del tempo, Teheran stia diventando più consapevole delle possibili complesse conseguenze di qualsiasi azione. Tuttavia, le asserzioni dei funzionari della difesa israeliani rimangono ed è segno che tale risposta è altamente probabile.

Gli iraniani sembrano avere molte opzioni. La vendetta potrebbe arrivare sul confine siriano, dal confine libanese attraverso Hezbollah, direttamente dall’Iran con il lancio di missili a lungo raggio o contro un obiettivo israeliano all’estero. Negli ultimi decenni l’Iran e Hezbollah hanno preso parte, separatamente e insieme, a due attacchi in Argentina, un attacco suicida in Bulgaria e tentativi di colpire diplomatici e turisti israeliani in paesi come India, Tailandia e Azerbaigian “.

In ogni caso, il Libano sembra fuoti dal gioco, almeno fino alle elezioni parlamentari del 6 maggio, per evitare che Hezbollahsia ritratto come un burattino iraniano. Il lancio di missili dall’Iran esacerberebbe le affermazioni sul progetto missilistico di Teheran un attimo prima del  12 maggiodi quando potrebbe arrivare la possibile decisione statunitense  di abbandonare l’accordo nucleare. Inoltre, uno attacco contro un obiettivo lontano dal Medio Oriente richiederebbe una lunga preparazione.

Per ora, una guerra israeliana con l’Iran in Siria è tutt’altro che inevitabile, lo scontro di intenzioni è chiaro: l’Iran si sta stabilendo militarmente in Siria e Israele ha dichiarato che lo impedirà con la forza. La domanda, naturalmente, è se questo equilibrio instabile si trasformerà in un’escalation letale, o se sarà in qualche modo risolto attraverso una negoziazione pacifica. Sfortunatamente, nel contesto dei recenti eventi e della prossima interruzione dell’accordo nucleare iraniano, il primo sembra il risultato più probabile.

Foto in alto | Segretario di Stato americano Mike Pompeo. sinistra. e il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu interviene durante una conferenza stampa al Ministero della Difesa a Tel Aviv, domenica 29 aprile 2018. (Thomas Coex, AFP via AP)

© ZeroHedge.com

[ad_2]

Collegamento sorgente

Pubblicità