Nel conflitto del 2014 in Donbass limitate forze russe sostennero le milizie nei momenti di maggiore difficoltà

Lo afferma Ruslan Pukhov, direttore del Center for Analysis of Analysis of Strategies and Technologies di Mosca

Nel conflitto del 2014 in Donbass limitate forze russe sostennero le milizie nei momenti di maggiore difficoltà 1

Ruslan Pukhov

Ruslan Pukhov, membro del Consiglio pubblico sotto il Ministero della difesa della Federazione Russa, membro del Consiglio di esperti sotto il governo della Federazione Russa, membro del Consiglio per gli affari internazionali russo (RIAC), direttore del Centro per Analisi delle strategie e delle tecnologie (CAST), ha riconosciuto l’ingresso di truppe russe in Ucraina nel 2014-2015:

Alla fine di agosto 2014, l’introduzione di un raggruppamento limitato (otto gruppi tattici di battaglione) ha permesso di sconfiggere l’avanzata delle truppe ucraine e ha costretto l’Ucraina a cessare le operazioni offensive contro DPR e LPR e a firmare gli accordi di Minsk. All’inizio del 2015, l’introduzione di un contingente molto ridotto ha consentito alle forze ucraine di costruire una caldaia a Debaltseve e ha costretto l’Ucraina ad accettare finalmente gli accordi di Minsk.

Ecco alcuni passaggi dell’intervista sulla pubblicazione russa ‘Fontanka’:

D – Ruslan Nikolaevich, le autorità russe fingono che non stia accadendo nulla di speciale con il ridistribuzione delle unità militari russe al confine con l’Ucraina. Tuttavia, il flusso di informazioni sul trasferimento di carri armati, obici e altre attrezzature a ovest viene costantemente alimentato. Cosa sta succedendo veramente?

R – La ragione del rafforzamento del raggruppamento militare russo al confine con l’Ucraina è ovvia: il motivo è l’aggressività nettamente aumentata dell’Ucraina nei confronti della DPR e della LPR negli ultimi anni. L’Ucraina si è effettivamente ritirata unilateralmente dall’accordo di cessate il fuoco adottato lo scorso anno, ha aumentato notevolmente l’intensità dei bombardamenti e ha iniziato una concentrazione attiva di truppe ucraine sulla linea di contatto. Ma ancora più ovvia è l’aggressiva retorica ucraina ai massimi livelli: dichiarano costantemente che gli accordi di Minsk sono inaccettabili per l’Ucraina e promuovono la disponibilità a risolvere la questione con la forza militare. Il comandante in capo delle forze armate ucraine, generale Khomchak, rilascia costantemente interviste ai media ucraini, in cui dichiara di essere pronto a conquistare con la forza la DPR e la LPR.

Poiché la Russia è di fatto il garante sia della DPR che della LPR, e degli accordi di Minsk nel loro insieme, è costretta a rispondere adeguatamente ai preparativi militari dell’Ucraina. Ma poiché, per ovvie ragioni, la Russia non può dichiarare direttamente quelle che sono le sue garanzie al rispetto dell’accordo, è costretta a nascondere e tacere le corrispondenti misure militari disponibili da parte sua.

La Russia, infatti, sta concentrando un significativo raggruppamento di truppe al fine di effettuare un’efficace operazione di controffensiva su larga scala in caso di attacco ucraino alla DPR e LPR per sconfiggere completamente il raggruppamento militare ucraino, almeno nel Donbass. , e molto probabilmente sull’intera riva sinistra dell’Ucraina.

l’intervista su Fontanka

D – Shoigu ha detto oggi che questi sono tutti esercizi e test , ce ne saranno 4.048 ad aprile Quanto è unica questa situazione?

R – Questa situazione non è univoca, poiché nel 2014-2016 il raggruppamento militare russo al confine con l’Ucraina è stato continuamente supportato con un rafforzamento periodico che subentrava in caso di riacutizzazioni. Alla fine di agosto 2014, l’introduzione di un raggruppamento limitato (otto gruppi tattici di battaglione) ha permesso di sconfiggere l’avanzata delle truppe ucraine e ha costretto l’Ucraina a cessare le operazioni offensive contro DPR e LPR e a firmare gli accordi di Minsk. All’inizio del 2015, l’introduzione di un contingente molto ridotto ha consentito alle forze ucraine di costruire una caldaia a Debaltseve e ha costretto l’Ucraina ad accettare finalmente gli accordi di Minsk. Ora la situazione sta tornando di nuovo alla situazione del 2014-2015, dal momento che l’Ucraina ha apertamente intrapreso una rotta che va verso il siluramento definitivo degli accordi di Minsk e un tentativo di vendetta militare.

 

D – Dmitry Peskov ha dichiarato il 5 aprile: “L’esercito russo si sta muovendo sul territorio russo nelle direzioni in cui lo ritiene necessario, nella forma in cui ritiene necessario. Per garantire una sicurezza affidabile del nostro paese. Questo non dovrebbe causare la minima preoccupazione a nessuno. La Russia non rappresenta una minaccia per nessun paese al mondo “. Cioè, il passaggio di truppe attraverso il confine di stato della Federazione Russa è escluso?

R – – Peskov annuncia il trasferimento di truppe attraverso il territorio russo. Non ci sono “eccezioni all’ingresso di truppe” nel territorio dell’Ucraina secondo le sue parole.

Se valutiamo la probabilità di un’offensiva ucraina su DPR e LPR, allora, in effetti, un’offensiva su vasta scala con l’obiettivo di “risolvere la questione” questa è improbabile, poiché molto probabilmente sarà seguita da una risposta militare su larga scala da parte russa. Ma la probabilità di offensive locali da parte delle forze ucraine per conquistare determinate posizioni o insediamenti è molto alta. Tali offensive possono essere presentate alla società ucraina come “vittorie” e allo stesso tempo riducono al minimo la probabilità di un intervento russo.
(…)

D – Chi trae vantaggio dallo riscongelare la guerra con l’attraversamento dei confini e le linee di contatto adesso?

R – Il riscongelare è vantaggioso, ovviamente, in particolare per l’Ucraina, motivo per cui è stato il processo avviato dalle autorità ucraine. In effetti, l’approccio dell’Ucraina dopo il 2015 si è sempre ridotto, in generale, a una cosa: il sabotaggio completo degli accordi di Minsk e l’attesa del momento in cui questi accordi potranno essere completamente rivisti. Naturalmente, la base per un tale controllo può essere solo la creazione di una situazione de facto più vantaggiosa, cioè la vendetta militare per il 2014 e la sconfitta militare e l’occupazione delle repubbliche filo-russe. L’Ucraina non si è mai preparata per uno scenario diverso e per qualsiasi tipo di soluzione pacifica.

D – Cosa è cambiato dalla primavera del 2021?

R – Ora, come si può giudicare, Kiev ha visto una “finestra di opportunità” per l’attuazione del suo scenario desiderato, che è associato, prima di tutto, con l’ascesa al potere negli Stati Uniti dell’amministrazione del presidente Joe Biden, il curatore di lunga data e più anziano di “Affari ucraini” a Washington. A quanto pare, la parte ucraina ritiene che l’aumento del coinvolgimento degli Stati Uniti aumenterà la pressione americana sulla Russia e garantirà contro l’intervento militare russo in caso di un’offensiva ucraina nel Donbas.

Inoltre, aggravando la situazione nel Donbass, Kiev spera di provare a costringere la nuova amministrazione statunitense a impegnarsi più da vicino dalla parte ucraina. Forse questo fattore è generalmente il fattore principale dell’attuale crisi, poiché l’Ucraina è oggettivamente interessata all’internazionalizzazione del conflitto e il coinvolgimento degli Stati Uniti come “parte dell’accordo” (è di fatto un alleato). Quindi è possibile che si tenti di riprodurre una combinazione piuttosto primitiva – un aggravamento del conflitto, e poi un appello agli Stati Uniti per la “mediazione”, che consentirà a Kiev di seppellire i negoziati del “formato Normandia” e gli odiati accordi di Minsk, il che è scomodo. (…)

fonte: Fontanka

Exit mobile version