La NATO compie 70 anni ed inventa altri compiti, al di fuori della mutua difesa

Titolo: “Mentre la NATO sempre più impopolare compie 70 anni, l’organizzazione ha raggiunto la sua età pensionabile?” – Mintpress

Pubblicità

L’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) si sta attualmente incontrando a Washington per celebrare il 70 ° compleanno dell’alleanza militare . Ma l’occasione è tutt’altro che festosa. Questa settimana i funzionari della NATO hanno identificato la Cina, non la Russia, come loro avversario numero uno, segnalando un nuovo accumulo militare contro la nazione più popolosa del mondo. “La Cina è destinata a diventare l’argomento del 21 ° secolo su entrambe le sponde dell’Atlantico”, ha dichiarato il ministro degli esteri tedesco Heiko Maas .

Lo spostamento dell’attenzione verso la Cina è una continuazione della consolidata politica estera statunitense. Nel 2011 il presidente Barack Obama ha annunciato un “perno in Asia” americano, che comporta il dispiegamento di quasi due terzi delle forze navali statunitensi nella regione entro il 2020 e un accumulo militare che ora vede oltre 400 basi militari americane – dal Medio Oriente e dall’Afghanistan , in Australia, Guam e Giappone – circondano la Cina.

Alla fine dell’anno scorso il vicepresidente Mike Pence condannato la Cina per il suo “impero e aggressione” nel Mar Cinese Meridionale, un commento chi ha familiarità con decodifica orwelliano politico-parlare saranno allarmati da. Più inquietante, il presidente Donald Trump ha chiesto ai membri della NATO europea di “tirare il loro peso” all’interno dell’organizzazione, una frase che implica un nuovo accumulo di armi. Era stato riferito che Trump stava considerando di ritirarsi dalla NATO. Tuttavia, dal summit di questa settimana sembra che la possibilità si sia ritirata mentre il presidente mercuriale ha rivolto la sua attenzione ad altre questioni.

NATO: a history

La NATO è stata ufficialmente fondata il 4 aprile 1949 e originariamente era un collettivo di 12 stati nordamericani e dell’Europa occidentale. Nel 1989 si era espansa un po ‘per includere Grecia, Turchia, Germania occidentale e Spagna. Il suo scopo dichiarato era quello di contrastare la possibilità di un’invasione sovietica nell’Europa.

L’URSS si è sciolta nel 1991, il che significa che non vi era più alcuna minaccia sovietica. Tuttavia, lungi dallo scioglimento, la NATO iniziò ad espandersi drasticamente, sia per dimensioni che per portata. Ciò era in completo contrasto con ciò che i funzionari occidentali avevano promesso al leader sovietico Mikhail Gorbaciov. Il Segretario di Stato James Baker gli aveva detto che, se l’Unione Sovietica avesse permesso la riunificazione tedesca, la NATO non si  sarebbe allargata nemmeno “un pollice verso est”.

Ignorando le promesse americane, oggi la NATO ha gonfiato le sue dimensioni di 29 stati membri ufficiali, tra cui le ex repubbliche sovietiche Estonia, Lettonia e Lituania. La spesa militare combinata dei membri dell’organizzazione costituisce circa il 70% del totale mondiale, secondo l’Istituto di ricerca per la pace di Stoccolma. Tuttavia, sono gli Stati Uniti ad essere di gran lunga il partner dominante, che spendono tanto in guerra quanto tutti gli altri paesi del mondo messi insieme. Recentemente Trump ha anche lanciato la possibilità di invitare Colombia e Brasile a diventare membri dello NATO, spostando ufficialmente l’organizzazione nel sud globale.

Dal cane da guardia a cane da attacco

Nel 1999, la NATO ha bombardato della Russia, la Jugoslavia e ne ha ricavato un pezzo di territorio per formare un nuovo paese, il Kosovo – la Federazione Russa, la Cina, e circa la metà delle nazioni del mondo non lo riconoscono. Da allora, l’organizzazione è stata in prima linea nel destabilizzare il mondo attraverso interventi militari. Nel 2001 ha attaccato ed occupato l’Afghanistan, portando alla devastazione del paese e alla guerra in corso fino ad oggi.

Pubblicità

I membri più bellicosi della NATO – Stati Uniti e Regno Unito – hanno condotto un’invasione e un’occupazione dell’Iraq nel 2003 sulla base di prove false, che hanno provocato circa un milione di morti e altri milioni di sfollati. La NATO è stata formalmente coinvolta nell’occupazione nel 2004. Nel 2011 ha iniziato a bombardare la Libia, esacerbando notevolmente una violenta guerra civile che ha portato al rovesciamento e all’esecuzione extragiudiziale del colonnello Muammar Gheddafi e alla caduta della più avanzata nazione africana nelle mani di jihadisti, che ora presiedono a uno stato fallito pieno di mercati di schiavi .

Membri della NATO come Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Paesi Bassi hanno anche svolto un ruolo chiave nel sostenere vari gruppi armati nella guerra civile siriana, estendendo e aggravando l’aspro conflitto sostenendo gruppi eufemisticamente descritti come “ribelli moderati” dalla nostra stampa. Qualsiasi pretesa che l’organizzazione [della NATO] sia puramente difensiva è finita.

La causa della crisi dei rifugiati inizia da casa

La regione mediterranea e del Medio Oriente è assalita da una vera e propria crisi dei rifugiati. Questa crisi è diventata una questione politica importante in Europa e nel mondo. Tuttavia, politici e media raramente discutono del legame che intercorre tra un gran numero di sfollati e le guerre dell’Occidente proprio in quei paesi. I primi tre paesi di origine dei richiedenti asilo nell’UE dal 2014 sono la Siria, l’Iraq e l’Afghanistan. Infatti, tra il 2014 e il 2017, quasi un milione di siriani ha presentato domanda di asilo negli stati membri dell’UE. Al contrario, non vi è esodo di massa da Stati come l’Iran o il Libano che la NATO non ha invaso. In effetti, l’Iran ospita circa un milione di rifugiati e il Libano, uno stato più piccolo del Connecticut, ne detiene 1,4 milioni.

I membri della NATO, in particolare gli Stati Uniti e il Regno Unito, sono i primi responsabili della distruzione dell’intera regione, e ciò ha portato a una crisi umanitaria di proporzioni epiche. Ma invece di assumersi la responsabilità di ospitare le vittime delle loro guerre, è stato fatto capitale politico  presentare i rifugiati e i migranti come una minaccia che deve essere fermata [si parla di paesi in guerra]. Un editorialista del giornale britannico più venduto li ha descritti come “scarafaggi”. Nel frattempo, il presidente Trump sta continuamente piantando l’idea che i rifugiati dall’America centrale siano stupratori, terroristi o altri criminali.

Da convenzionale a guerra informatica

Alla riunione del 70 ° anniversario della NATO ci  si concentra sui nuovi teatri di scontro, in particolare sulla guerra dell’informazione. Il Segretario di Stato Mike Pompeo ha chiesto all’organizzazione di “adattarsi” a una nuova era digitale e di passare alla guerra informatica. Allo stesso modo, l’ex comandante supremo alleato della NATO, James Stavridis, ha dichiarato che nei prossimi 10 anni la NATO sarà “molto più impegnata in … sicurezza informatica” e avrà “capacità di cyber offensive” molto più grandi “.

Questo è un presagio preoccupante per coloro che sono interessati alla libertà di parola e ai media online. La propaggine della NATO, il Consiglio Atlantico, sta già collaborando con Facebook per aiutare il gigante dei social media a distinguere tra ciò che è “affidabile” e ciò che sono “false notizie”, promuovendo il primo eliminando queste ultime. Il 45% degli americani riceve le notizie da Facebook, come del resto con-  numeri simili – fanno anche in altri paesi. Il fatto che  un’organizzazione guidata da Henry Kissinger, Condoleezza Rice, Colin Powell e registi ex-CIA come Leon Panetta e Michael Hayden stia decidendo cosa vedono e non vedono gli americani (e il mondo) nei loro feed, equivale a censurare lo stato [democratico].

Le modifiche all’algoritmo di Facebook hanno notevolmente ridotto il traffico verso i media progressivi e alternativi, come Common Dreams e MintPress News . Questo è uno dei motivi per cui, più che mai, i media alternativi devono essere supportati. Il gigante dei social media ha anche cancellato le pagine di proprietà dei nemici della NATO, come i media collegati ai governi iraniano e venezuelano . Al contrario, lavora a stretto contatto con il governo israeliano per concordare su quali voci palestinesi debbano essere censurate. Un rapporto di Intercept ha rilevato che Facebook ha rispettato il 95 percento delle richieste israeliane.

Crescente disincanto pubblico

Sembra, tutto ciò aumenti la disillusione pubblica nei confronti dell’organizzazione. Un’indagine di YouGov su sei principali Stati membri della NATO (compresi gli Stati Uniti) pubblicati questa settimana ha rivelato che il sostegno per l’organizzazione sta diminuendo, portando ad una crescente ambivalenza pubblica nei suoi confronti.

Meno del 50% degli americani ha risposto di aver sostenuto l’adesione del loro paese alla NATO, così come meno del 40% degli intervistati francesi. Questa ambivalenza, tuttavia, non si è trasformata in un’opposizione attiva, e non è noto se si tratti semplicemente di una tendenza alla crescente diffidenza popolare delle organizzazioni pubbliche, come il governo o i media.

Pubblicità

Mentre la NATO raggiunge il suo 70 ° compleanno, un numero crescente di commentatori ha riflettuto sul suo futuro incerto. “Se la NATO non esistesse, la inventeremmo? Sospetto di no “, ha chiesto il politologo del MIT Barry Posen, che ha chiesto una rivalutazione del ruolo degli Stati Uniti nell’organizzazione il mese scorso sul New York Times . Forse l’organizzazione ha finalmente raggiunto la sua età di pensionamento, data la sua storia di distruzione in tutto il mondo, non proprio esemplare. Tuttavia, come un serpente che perde la sua pelle, la NATO sta tentando di rimandare la fine di se stessa nel tentativo di rimanere al servizio dell’impero, ampliando notevolmente il suo mandato come fece dopo la caduta dell’Unione Sovietica. Se la NATO dovesse lasciare il palcoscenico, sarà probabilmente a causa di un rifiuto pubblico contro la guerra piuttosto che come risultato delle decisioni imprevedibili di Donald Trump. Quando tutto ciò che hai è un martello, tutto inizia a sembrare un chiodo. La Nato più a lungo continuerà ad esistere, tanto più causerà più guerre e distruzioni .

Alan MacLeod è un accademico e scrittore di  equità e accuratezza nei rapporti . Il suo libro, Le  cattive notizie dal Venezuela: vent’anni di notizie false e false dichiarazioni è  stato pubblicato ad aprile.

Il posto in cui la NATO diventa sempre più impopolare diventa 70, l’organizzazione ha raggiunto la sua età pensionabile? è apparso per la prima volta su MintPress News .

Source link

JOIN THE DISCUSSION

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.