Marzo 2019, 8° anniversario inizio guerra Nato/Libia anno 2011 – le forze di terra occidentali coinvolte

Nel marzo 2019, il mondo celebra l’8 ° anniversario dell’inizio dell’aperto sostegno militare da parte dei paesi della Coalizione alla rivolta in Libia, che ha provocato il rovesciamento del leader libico Muammar Gheddafi, sconfitto in una sanguinosa guerra civile tra i ‘ribelli oppositori’ del suo regime con il determinante apporto della coalizione multinazionale.

Nonostante questo conflitto del 2011 sia stato in gran parte sbiadito sullo sfondo degli ultimi eventi in Siria, Yemen e Ucraina, e [benché sembra che la politica torni a ripetere gli gli stessi errori],  la guerra libica ha fornito materiale per spunti di riflessione e analisi ai governi, ai servizi militari e speciali di molti paesi e hanno certamente influenzato la tattica nelle operazioni militari in altri conflitti in tutto il mondo.Le caratteristiche militari e i dettagli di questo conflitto sono descritti abbastanza bene e in dettaglio.
L’idea generale quando si tratta la guerra civile in Libia nel 2011 è quella di descrivere la rivolta contro Gheddafi come parte della “primavera araba” che ha colpito il Medio Oriente, che ha fatto cadere il vecchio regime del vecchio dittatore. Gheddafi ha cercato di resistere attivamente, ma è stato sconfitto da ‘combattenti della libertà disinteressati’ con l’assistenza attiva dell’aviazione della Coalizione. La rivolta ha ricevuto il pieno appoggio dell’ONU e del mondo.
Secondo le memorie di uno dei funzionari americani, “gli eventi si sono sviluppati così rapidamente che pochissime persone hanno apprezzato la velocità con cui sono state adottate due risoluzioni ONU. Tutti si aspettavano un veto dai due membri permanenti del Consiglio delle Nazioni Unite … Tutti sono stati colti di sorpresa . ” Alla fine, come sempre, il bene ha trionfato e il male è stato sconfitto.Tra i molti studi e analisi degli eventi della guerra civile in Libia nel 2011, due dichiarazioni difficilmente possono essere seriamente messe in discussione in alcun modo:
1) Il supporto aereo della coalizione è stato un elemento cruciale nella sconfitta del regime di Gheddafi .
2) La fornitura di armi, cibo, carburante e finanziamenti dai paesi della Coalizione ha permesso ai ribelli di cambiare il corso della guerra.
Il compito principale di questo articolo è quello di confermare la terza affermazione molto importante (anche se inaspettata): la partecipazione delle Forze di Terra della Coalizione fu, forse, il fattore decisivo nella vittoria dei ribelli nella guerra civile. L’autore tenterà di mettere in evidenza alcuni fatti poco noti sulla partecipazione alla guerra di terra di soldati di oltre 10 paesi della Coalizione, che hanno addestrato attivamente le truppe dei ribelli e hanno anche combattuto nelle loro file.
I vincitori che avevano rovesciato Gheddafi  sottovalutarono o addirittura negarono in ogni modo il ruolo delle truppe straniere nel conflitto del 2011. Fortunatamente, i moderni mezzi di comunicazione, e soprattutto, i giornalisti onesti e leali non consentono loro di nascondere i fini delle operazioni più segrete. Di conseguenza, un sacco di foto e video sulle truppe straniere in Libia “sono emerse” sulla stampa nel 2011. In teoria, ciò potrebbe portare alle domande e alle ipotesi più spiacevoli.
Ad esempio, la Russia e la Cina potrebbero facilmente evidenziare una palese violazione della risoluzione ONU 1973. Tuttavia, né la prima né la seconda hanno mosso un dito per salvare il regime amico. È curioso che anche che tutte le bande  jihadiste  tacciono sulla partecipazione degli “infedeli” nella guerra sul suolo libico.  Il vecchio colonnello che negli ultimi anni ha speso un sacco di sforzi e denaro per la riabilitazione della sua immagine, improvvisamente si è trovato in completo isolamento e circondato da forze ostili (ad eccezione dell’Algeria). Le ragioni di questo fallimento meritano certamente uno studio separato.
Nel complesso delle forze che hanno partecipato al conflitto libico del 2011, le forze di terra della Coalizione possono essere facilmente divise in due componenti: i paesi della NATO e membri della Lega dei Paesi arabi. Diamo un’occhiata ai primi in modo più dettagliato.

Parte 1

NATO

Pubblicità

Le forze terrestri della NATO erano rappresentate principalmente da varie forze speciali che eseguivano le seguenti importanti funzioni:

· Educazione e formazione ribelli (che era l’elemento più importante);

· Guida e identificazione degli obiettivi terrestri per l’aviazione;

· Missioni di intelligence, comprese quelle dietro le linee nemiche per mettere in evidenza le batterie di difesa aerea nemica allo shock dell’aviazione della Coalizione;

· La gestione delle operazioni offensive;

· Fornire ai ribelli informazioni di intelligence in tempo reale;

· Cecchini

Pubblicità

Per la prima volta, le Forze speciali della NATO sono sbarcate in Libia nel febbraio 2011 con una missione completamente umanitaria di evacuazione dei cittadini dell’UE da un paese coperto da una guerra civile. Le autorità libiche hanno chiuso un occhio su tali azioni, con l’eccezione di un singolo caso, quando il 27 febbraio 2011 un elicottero olandese “Lynx” con tre soldati che tentarono di evacuare un ingegnere olandese e un altro cittadino dell’UE fu catturato a Sirta. Gli olandesi detenuti sono stati tenuti in condizioni eccellenti e sono stati rilasciati dopo 2 settimane. Allo stesso tempo, l’elicottero stesso è stato confiscato, è sopravvissuto alla guerra, è stato restituito ai Paesi Bassi e poi smontato per le parti di ricambio.

 

L’elicottero della marina olandese “Lynx”, catturato dalle forze del fedele Gheddafi il 27 febbraio vicino a Sirte.

Tuttavia, quando ben presto la componente umanitaria delle forze speciali della NATO è finita e la seconda fase della loro partecipazione al conflitto è iniziata – dalla parte dei ribelli.
Consideriamo ora come questo intervento è stato compiuto da ciascuno dei paesi.

Gran Bretagna

È curioso che sia stata cancellata la partecipazione britannica alla guerra terrestre contro le forze di Gheddafi eppure (forse) è stata la più impressionante partecipazione  tra tutti i paesi della NATO. Allo stesso tempo, a differenza delle truppe di altri paesi dell’alleanza, la partecipazione britannica alla guerra terrestre è stata abbastanza ben riflessa dalla stampa.

La prima menzione seria delle truppe britanniche in Libia è avvenuta il 6 marzo 2011, quando l’inviato britannico (al seguito dei ribelli) e i membri delle forze specaili britanniche  SAS sono stati catturati dai libici ribelli eccessivamente vigili intorno a Bengasi.

Il Reporter Carolyn Gammell del Telegraph descrive questa vicenda nel suo articolo ” Libia: la storia di un’operazione SAS infruttuosa “: ” Quando l’elicottero è atterrato alla periferia di Bengasi, venerdì mattina presto, i soldati della SAS a bordo sapevano di essere diretti verso una pericolosa zona di conflitto. Il loro compito era quello di accompagnare un diplomatico che doveva incontrare i ribelli e valutare la situazione umanitaria “sul campo”, quindi non si aspettavano un ricevimento ostile da parte dei ribelli.

In una situazione in cui il governo britannico aveva apertamente denunciato l’autorità del colonnello Gheddafi e aveva avviato un dialogo con i ribelli, era difficile aspettarsi problemi con quella visita. Tuttavia, il loro arrivo – a tarda notte, con armi ed esplosivi, con uomini vestiti di nero spaventava seriamente la popolazione locale. E non appena il distaccamento britannico di 7 militari della SAS e un rappresentante dell’MI6 sbarcarono a venti miglia da Bengasi, sono stati accolti da colpi di avvertimento da parte dei residenti locali.

Dopo che quando  gli inglesi hanno cercato di raggiungere il punto più vicino dei ribelli, sono stati circondati dalle unità locali di autodifesa, che hanno chiesto di identificarsi e di spiegare lo scopo della loro visita. Gli inglesi hanno cercato allora di superare in astuzia la popolazione locale dichiarando di essere disarmati, ma ciò non ha fatto altro che esasperare la loro situazione, dal momento che le loro armi sono state facilmente rilevate. Rendendosi conto che la situazione poteva diventare irreparabile e la loro missione segreta falliva, gli inglesi si sono arresi senza resistenza e sono stati arrestati. Successivamente, a mezzogiorno di domenica i soldati sono stati rilasciati, ma le loro armi sono state confiscate. “

Pubblicità

Ma, naturalmente, un inizio così insignificante non incide in alcun modo sull’ulteriore cooperazione delle parti, e presto i primi distaccamenti delle forze speciali inglesi iniziarono ad atterrare in Libia.

Mark Urban , editor internazionale e militare della BBC, nel suo articolo ” Scoprire la segreta missione segreta britannica per sconfiggere Gheddafi ” scrisse: ” Nonostante i ricordi freschi del fallimento di marzo, il governo britannico accettò di inviare un numero limitato di consiglieri in Libia, il cui compito principale era la formazione e la guida del Consiglio nazionale di transizione in Libia. È stato riferito che dallo squadrone D del 22 ° reggimento SAS sono stati inviati 24 soldati.

Svolsero i loro compiti fino alla fine di agosto 2011. Nello stesso tempo, la missione iniziale della SAS di addestrare i ribelli scorreva dolcemente nel compito e accompagnata dai comandanti dei ribelli (da uno o due ufficiali SAS). Gli inglesi erano, di regola, vestiti da libici e rimanevano indistinguibili dai membri dei distaccamenti ribelli che avevano patronato.

Secondo uno studio del Royal United Institute of Defence Studies , nel giugno 2011 in Libia c’erano già circa 40 combattenti e ufficiali del MI6 d’élite britannici. I loro compiti principali erano la formazione, la raccolta di informazioni e l’identificazione di obiettivi per l’aviazione della Coalizione.

Il personale militare britannico ha partecipato non solo a mettere in evidenza gli obiettivi per l’aviazione, ma ha anche partecipato attivamente nella pianificazione delle offensive. Uno di questi gruppi, composto da 6 europei, è stato visto dai giornalisti di Al-Jazeera vicino alla città di Daphnia alla fine di maggio 2011, nella parte più occidentale (vicino alla linea del fronte) a ovest di Misurata.

Cinque di loro erano armati e vestiti in mimetica color sabbia, con i loro berretti e sciarpe arabe di cotone. Il sesto, apparentemente il più anziano del gruppo, era disarmato e indossava una maglietta rosa senza maniche. Molto probabilmente, era un ufficiale dei servizi segreti. Questo gruppo di forze speciali stava attivamente comunicando con i ribelli, ma immediatamente scomparve alla vista, non appena fu chiaro che erano stati visti dai giornalisti.

Mmebri della SAS (o, secondo altri dati, ex-SAS – mercenari) “catturati” dai giornalisti di Al-Jazeera vicino a Misurata.

Nnell’articolo “The Libyan Conflict: soldati britannici e francesi aiutano i ribelli nell’organizzazione dell’attacco a Sirt ” Cito le parole di Muhammmed Subka, specialista delle comunicazioni della brigata ribelle Al Watum (My House): ” Siamo con la squadra inglese. Sono i nostri consulenti. Subka ha insistito sul fatto che i rapporti con la squadra inglese erano molto buoni e che il loro aiuto era necessario per coordinare i distaccamenti ribelli diretti a Sirtu da ovest da Misurata e da est da Brega.

Si sa molto poco sulla partecipazione delle forze speciali britanniche agli scontri diretti con le truppe di Gheddafi a causa della comprensibile segretezza . Tutto ciò che si sa è che gli inglesi hanno preso parte alla cattura di Tripoli nell’agosto del 2011. Gli insorti erano segretamente armati per una rivolta nella capitale, mentre gli inglesi si infiltrano segretamente a Tripoli per installare apparecchiature radio per indirizzare in modo più preciso gli aerei della coalizione allo scopo di  ridurre le vittime civili. Inoltre, gli inglesi hanno preso parte alla guerra dei cecchini.

Oltre ai combattenti SAS e  ufficiali dell’MI6 , i soldati dello Special Boat Service (SBS) e dello Special Intelligence Regiment (SRR) operavano anche nelle retrovie  del nemico in Libia. Per esempio “The Express” ha riferito che dopo la morte del colonnello Gaddaffi, l’unità del Reggimento speciale di intelligence , che aveva precedentemente partecipato alla ricerca del colonnello defunto , passò alla ricerca dei rimanenti membri del clan Gheddafi.

Secondo la pubblicazione del Ministero della Difesa britannico ” Dead British soldiers: la morte durante le operazioni dopo la Seconda Guerra Mondiale ” solo un soldato inglese morì durante la compagnia libica. È interessante notare che non è morto in scontri diretti, ma per altri motivi (un incidente).

Francia

Secondo una corrispondenza e-mail trapelata tra Hillary Clinton e il suo consigliere Sidney Blumenthal , i servizi segreti francesi ” hanno iniziato una serie di colloqui segreti ” con i leader ribelli a Bengasi nel febbraio 2011 e hanno fornito ” finanziamenti e le raccomandazioni ” per l’istituzione del Consiglio (che significa il Consiglio nazionale di transizione  (CNT ) ), la cui formazione è stata annunciata il 27 febbraio. Gli ufficiali dei servizi segreti francesi “si riferivano alla promessa di Sarkozy di riconoscere il PNS come nuovo governo del paese non appena lui (il Consiglio) sarebbe stato formato ”

Jean – Christophe Notin nel suo libro “La verità sulla nostra guerra in Libia” descrisse dettagliatamente il ruolo dei piccoli distaccamenti delle forze speciali francesi in diversi punti importanti della compagnia libica, che non furono confermati ufficialmente. I compiti principali dei francesi furono ridotti a missioni di ricognizione, oltre al compito di formare e assistere le forze dei ribelli.

Secondo il quotidiano algerino il KhabarI distaccamenti delle forze speciali francesi sono sbarcati in una remota parte desertica della Libia sudoccidentale all’inizio della primavera del 2011. Il giornale citava l’esercito algerino, che riferiva che droni francesi e aerei militari per diversi giorni cercarono unità di forze speciali francesi perse nel deserto . Successivamente, i soldati francesi sono stati trovati e evacuati in sicurezza. I giornali hanno suggerito che questi distaccamenti partecipassero a un’operazione contro le truppe fedeli a Muammar Gheddafi.

Durante la guerra in Libia, la Francia ha impegnato almeno 50 uomini delle forze speciali nelle operazioni di terra, tra cui almeno 20 soldati del Comando delle operazioni speciali  (COS) , nonché personale militare della Direzione generale della sicurezza esterna (DGSE) e rappresentanti del Gruppo di intervento nazionale Gendarmeria di Francia (GIGN). Alcune fonti evidenziano la partecipazione di soldati della Legione straniera francese . Soldati di origine araba e berbera (principalmente dei paesi del Maghreb e del Sahel) della Legione hanno preso parte a diverse battaglie importanti, tra cui l’assalto a Tripoli. Secondo alcuni rapporti, il loro numero in Libia ha raggiunto i 150.

L’apice della partecipazione francese alla guerra sono i rapporti secondo cui le forze speciali francesi hanno preso parte alla cattura e all’omicidio di Muammar Gheddafi. Mahmoud Jibril , un portavoce del Consiglio nazionale di transizione , che è stato primo ministro del governo transitorio libico nel 2011, ha dichiarato in un’intervista che Gheddafi è stato ucciso da un ufficiale dei servizi segreti francesi.

Parlando alla televisione egiziana, Djibril ha dichiarato che “questo agente si era infiltrato nelle” brigate rivoluzionarie “e ha lanciato due proiettili alla testa da Gheddafi con una pistola. Le rivelazioni di Djibril sono avvenute esattamente due giorni dopo uno dei principali quotidiani italiani del Corriere della Sera ha pubblicato un rapporto che il presunto agente francese ha agito sugli ordini diretti del governo francese. Il giornale ha detto che l’ordine proveniva direttamente dall’amministrazione di Nicolas Sarkozy.

Secondo l’articolo, Sarkozy ha fatto del suo meglio per evitare il processo pubblico su Gheddafi, specialmente alla luce del fatto che il leader libico ha minacciato di far luce sui suoi rapporti finanziari con il presidente francese. Molto probabilmente non sentiremo mai conferme ufficiali di questa versione, ma l’alta probabilità della presenza di agenti francesi al momento della cattura di Gheddafi è confermata indirettamente dal fatto che è stato un Mirage 2000 francese che ha colpito il convoglio di pick-up che trasportavano Gheddafi e il suo seguito prima della cattura.

Stati Uniti

Secondo un articolo di Mark Hosenbola, pubblicato da Reuters nell’aprile 2011, i primi agenti della CIA erano già in Libia prima che il presidente Barack Obama firmasse un decreto sull’inizio dell’assistenza ai ribelli. Due funzionari statunitensi hanno confermato che i dipendenti della CIA sono stati inviati per stabilire contatti con i rappresentanti dell’opposizione armata, nonché per valutare le loro capacità. Successivamente, furono raggiunti da un piccolo numero di forze speciali e marines. A marzo e aprile, gli istruttori americani avevano già addestrato i ribelli nella Libia orientale e erano impegnati nell’intercettazione elettronica dei messaggi. Inoltre, hanno preso parte al salvataggio dei piloti da combattimento F-15E che si sono schiantati (o sono stati abbattuti) sulla Libia nel marzo 2011.

Canada

Nel 2011 la canadese “Post media news” , ha stata confermato la partecipazione della seconda unità operativa congiunta delle forze speciali canadesi ( JTF2), che venne inviata nella regione di conflitto. Inizialmente, i canadesi erano in Libia in missione umanitaria, evacuando i loro diplomatici e cittadini comuni. Successivamente, le forze speciali canadesi hanno svolto principalmente missioni di ricognizione e il compito di evidenziare gli obiettivi in Libia. Di norma, il personale militare canadese ha agito insieme ai colleghi della SAS inglese.

Oltre alle Forze Speciali 2 ° Joint Task Group soldati Canadian Regiment Special Operations (CSOR) ha anche notato la partecipazione al conflitto libico.

Italia

La partecipazione italiana agli attacchi aerei della Coalizione  è abbastanza ben descritta in varie fonti. Nello stesso tempo, non si sa molto sulla partecipazione delle forze di terra italiane. Una delle poche, ma estremamente interessanti “rivelazioni” di tale partecipazione è stata fatta dal quotidiano L’Espresso, che ha pubblicato le rivelazioni di Ale delle forze speciali italiane – un incursore sommozzatore italiano (COMSUBIN). L’articolo descrive la partecipazione del commando italiano nella battaglia di Tripoli, dove lui, insieme a due marines americani, un legionario francese e un ufficiale della SAS, formò uno speciale gruppo anti-cecchino della NATO.

Per le normali battaglie di strada, il distaccamento era armato con fucili d’assalto AR15 standard, nello stesso tempo per la guerra da cecchino, ognuno aveva con sé la sua arma personale, nel caso di Ale era il Remington 700 Police. Questa squadra si è rivelata eccellente nella lotta contro i cecchini d’elite di Gheddafi (armati con i fucili sovietici di Dragunov), che in precedenza avevano frenato con successo gli insorti.

Secondo il giornale La Stampa già nell’aprile 2011, i combattenti del Reggimento Paracadutisti d’Assalto Col Moshin  sono arrivati ​​segretamente in Libia . Il loro compito principale era quello di evidenziare gli obiettivi dell’aviazione italiana e per la formazione  dei ribelli .

Sono arrivati ​​segretamente a Bengasi via mare, probabilmente dalle navi da guerra italiane di stanza nel Mediterraneo di fronte alla Libia. Secondo alcune informazioni, il loro numero ha raggiunto 40 combattenti. Successivamente furono raggiunti da due ufficiali del Comando Operativo Unificato (COI – Comando Operativo Interforze).

Altri paesi della NATO e Svezia

Nel suo numero del 15 settembre 2011, il quotidiano turco Today’s Zaman , che è stato pubblicato in inglese (il giornale è attualmente chiuso per ordine speciale del presidente Resip Erdogan), ha pubblicato un curioso articolo che informava che le truppe di opposizione libiche venivano addestrate con l’aiuto delle forze speciali turche. Secondo l’articolo, le registrazioni e le fotografie fornite dalla Cihan Istanbul News Agency indicano che i ribelli libici erano addestrati da ufficiali delle forze speciali in pensione giunti nel paese devastato dalla guerra dalla Turchia.

Alcune forze politiche in Turchia hanno accusato il presidente Erdogan di simpatia per Gheddafi, ma i dati forniti del Cihan hanno dato l’immagine opposta degli eventi. Le fotografie mostrano come gli ufficiali delle forze speciali in pensione addestrano le truppe del Consiglio nazionale di transizione : su come usare le armi, fornire sicurezza, ispezionare automobili, edifici e persone, oltre a come sorvegliare alti funzionari.

La formazione si è svolta principalmente a Bengasi. Uno degli ufficiali turchi in pensione, sotto lo pseudonimo E.A. ha raccontato come ha passato la sua ventennale esperienza ai ribelli libici. ” Sono stati molto contenti di noi. E hanno persino pianto quando siamo partiti. A Bengasi ero ospite del  comandante Ibrahim.  Aveva 25 mila persone. Li abbiamo addestrati. Abbiamo formato un gruppo di giovani appositamente selezionati. Siamo andati a Bengasi e Homs. “Secondo EA, la formazione è durata 17 giorni. In questo caso, le forze speciali sono andate in Libia a proprie spese, pagando tutto, compreso i biglietti aerei. Nello stesso tempo, nota “le autorità turche sapevano di noi. Non abbiamo fatto nulla che potesse causare loro problemi . ”

L’ufficiale in pensione ha espresso la versione che le forze di Gheddafi stavano dando la caccia a lui e ad altri ufficiali delle forze speciali in pensione. Considerando le voci secondo cui i soldati di Gheddafi stavano progettando di ucciderlo, E.A. ha detto: “Loro (gli ufficiali delle forze ribelli) non volevano dire nulla, dato che eravamo in un paese dove c’era la guerra. Abbiamo condotto il nostro addestramento in completa segretezza in modo che nessuno fosse ferito. Abbiamo sentito voci che volevano allontanarci, ma abbiamo preso questo rischio “.

EA ha detto che insieme a loro c’erano agenti sotto copertura di molti paesi, tra cui Polonia , Norvegia e Svezia . ” Erano con i giornalisti. Sono arrivati ​​in modi diversi. Persino i Polacchi addestrarono le forze di opposizione. Gli italiani hanno inviato illegalmente molti comandanti. Hanno addestrato i soldati. Ma solo noi (i turchi) abbiamo addestrato soldati delle forze speciali . ” EA ha anche aggiunto che i generali britannici e francesi si trovavano in Libia con il pretesto di uomini d’affari.

È piuttosto divertente osservare il tentativo dell’ufficiale turco di presentare il suo viaggio in Libia con un’iniziativa privata, poiché le sue ulteriori parole sull’addestramento dei ribelli in cooperazione con l’attuale personale militare di vari paesi della NATO ci fanno dubitare di questa versione.

Ma le sue informazioni su altri “allenatori” sono estremamente istruttive: era noto che la Polonia riforniva i ribelli di GdR e veicoli blindati, quindi i consiglieri polacchi non sono particolarmente sorprendenti. La Norvegia faceva parte del Coalition Air Group, che fu bombardato dalle truppe di Gheddafi, ma la presenza di svedesi “neutrali” non è una sorpresa.

L’autore nell’articolo ” la NATO non invierà truppe in Libia “, ha riferito che ” secondo un al quartier generale della NATO a Bruxelles, erano segretamente presenti truppe delle forze speciali da Qatar, Francia, Gran Bretagna e alcuni paesi dell’Europa orientale che forniscono  un aiuto importante come la logistica, controllori di volo a distanza supporto dell’aviazione, oltre a scout, analisti di valutazione dei danni e altri esperti .”

Sfortunatamente, l’articolo non fornisce informazioni più dettagliate sulle forze speciali dell’Europa orientale se non dei consiglieri polacchi già menzionati, e forse dei bulgari. Secondo uno studio del Royal United Institute of Defense Studies “eroi inaspettati: Gran Bretagna, Francia e l’operazione libica “” La Bulgaria ha fornito 12 membri delle forze speciali marittime nel periodo da aprile a luglio per frustrare le operazioni delle forze di Gheddafi nelle acque costiere e l’assistenza ai ribelli nell’uso di costa del paese per il trasporto di persone e armi (tra cui il quartiere di Tripoli) “.

fonte: “Tupolev”

Facebook Comments