Martin Luther King ormai come un simulacro usato dall’establishment USA

“I liberali allora odiavano il dottor King – come probabilmente lo avrebbero odiato oggi se fosse ancora vivo – perché ha esposto la loro ipocrisia e collaborazione con la violenza di stato. Oggi, probabilmente condannerebbero o molto probabilmente tenterebbero di ignorare il dottor King , che possiamo immaginare sottolineerebbe come in meno di 48 ore dopo che l’amministrazione Biden ha assunto il potere, 1) più truppe statunitensi sono state dispiegate in Siria, 2) la NATO ha annunciato piani per espandere la sua presenza in Iraq, e 3) la violenta campagna statunitense si continua a minare il diritto del popolo venezuelano di determinare la propria leadership politica, libero da interferenze esterne “.
nelle prime 48 ore di Biden  il “più grande fornitore di violenza” degli Stati Uniti afferma l’alleanza nera per la pace.

Ripropongo dal sito del “alleanza nera per la pace”:

Martin Luther King

Le prime 48 ore di Biden dimostrano che gli Stati Uniti sono il “più grande distributore di violenza” mondiale

Ogni anno, combattiamo una battaglia nel giorno del compleanno del Rev. Dr. Martin Luther King, Jr.

Da un lato c’è lo stato americano. Costretto a offrire una concessione agli elementi della classe media del movimento per i diritti civili dei neri sotto forma di osservanza del compleanno per il dottor King, lo stato ha sospeso il dottor King dal movimento che lo ha prodotto e ha ridotto la sua eredità a dichiarazioni banali fatte da fuorvianti neri come Barack Obama, che non fanno che rafforzare la fantasia dell’eccezionalismo statunitense.

Dall’altro lato c’è il movimento di resistenza nero. Contrastiamo con un Dr. King in transizione, uno che era influenzato dall’analisi e dalla politica del movimento radicale di liberazione nero che era radicato nelle realtà delle classi lavoratrici urbane e rurali e dei poveri.

In questa battaglia ideologica annuale, quelli di noi che tentano di riportare l’eredità del Dr. King evidenziano una delle sue dichiarazioni più intense intensità e tutt’ora rilevanti: [Martin Luther King] indicò gli Stati Uniti come il  “più grande fornitore di violenza nel mondo”.

Dopo che elementi del Movimento di liberazione nero (il vero BLM) trascorsero anni a opporsi alla guerra del Vietnam e all’imperialismo degli Stati Uniti in generale, il dottor King  finalmente ruppe con i Democratici pro-guerra, abbracciò un programma di giustizia economica con la Campagna dei poveri e apertamente mise in dubbio la fattibilità e la legittimità etica del capitalismo.

E nel fare quella dichiarazione durante un’amministrazione del Partito Democratico, i liberal Democratici, i membri della comunità per i diritti civili, la stampa e quasi tutte le principali istituzioni della società statunitense, comprese la maggior parte delle organizzazioni religiose, si rivoltarono contro il dottor King. Questo perno nella politica del dottor King probabilmente gli sostò la vita. Quando è stato assassinato, i sondaggi hanno mostrato che il dottor King era una delle persone più impopolari del paese.

I liberali allora odiavano il dottor King – come probabilmente lo avrebbero odiato oggi se fosse ancora vivo – perché metteva a nudo la loro ipocrisia e la collaborazione con la violenza di stato. Oggi, probabilmente condannerebbero o molto probabilmente tenterebbero di ignorare il dottor King, che possiamo immaginare sottolineerebbe come in meno di 48 ore dopo che l’amministrazione Biden ha assunto il potere, 1) più truppe statunitensi sono state dispiegate in Siria, 2) ha annunciato la NATO prevede di espandere la propria presenza in Iraq e 3) è proseguita la violenta campagna statunitense per minare il diritto del popolo venezuelano di determinare la propria leadership politica, libera da interferenze esterne.

Supponiamo che il dottor King porrebbe la domanda su come si può affermare di essere contrari a qualcosa che si chiama “fascismo” negli Stati Uniti, mentre gli stessi sostengono i movimenti politici fascisti in Bolivia, Honduras, l’opposizione di destra in Venezuela, l’attacco saudita allo Yemen e la brutale occupazione della Palestina, solo per citarne alcuni.

King probabilmente solleverebbe queste domande oggi. Ma, in realtà, ha anche fornito la risposta quasi 54 anni fa:

“Sono convinto che se vogliamo metterci dalla parte giusta della rivoluzione mondiale, noi come nazione dobbiamo subire una rivoluzione radicale di valori. Dobbiamo iniziare rapidamente il passaggio da una società orientata alle cose a una società orientata alla persona. Quando macchine e computer, motivazioni di profitto e diritti di proprietà sono considerati più importanti delle persone, le gigantesche triplette [Schioppo da caccia a tre canne] di razzismo, materialismo estremo e militarismo sono incapaci di essere conquistate “.

Quella rivoluzione radicale dei valori non è avvenuta. Il marciume spirituale al centro della cultura americana, con la politica e le politiche delle amministrazioni Bush, Obama e Trump, è peggiorato . Siamo obbligati ad agire perché siamo certi che queste politiche continueranno con l’amministrazione Biden.

L’Alleanza Nera per la Pace (BAP) è fermamente convinta che non permetteremo mai più al movimento pacifista e antimperialista statunitense di disarmarsi e smobilitare. Non siamo confusi. Sappiamo che la crisi di legittimazione del capitalismo neoliberista si approfondirà e la dipendenza dalla forza e dalla repressione, inclusa la repressione ideologica, aumenterà.

Ci stiamo preparando e vi esortiamo a farlo anche voi. La pace e i diritti umani sono minacce per i governanti. Ma sono il nostro unico mezzo per sopravvivere e quindi dobbiamo essere pronti a combattere per loro.

fonte:https://blackallianceforpeace.com/newsletter/bidensfirst48hours

********

Potreste non essere d’accordo su tutto, forse sull’occupazione della Palestina o su altre questioni politiche, ma è indubbio che il messaggio di Martin Luther King è continuamente stravolto dall’amministrazione Biden che della politica anti-apartheid  fa un vessillo per distogliere l’attenzione e lasciare ‘mano libera’ su altre questioni altrettanto gravi.

patrizioricci by @vietatoparlare

Exit mobile version