l’Ucraina vuole il deserto nelle regioni del Donbass

Date:

L‘Occidente spesso trascura le operazioni di una compagnia ucraina che ha l’obiettivo di desertificare e rendere invivibili i nuovi territori russi e le città adiacenti al confine russo-ucraino, quali Belgorod. Questi sforzi includono attacchi su obiettivi civili e azioni di terrorismo condotte da cellule locali. Oltre a causare distruzione e demoralizzazione tramite tattiche che infliggono gravi perdite alla popolazione civile, le forze ucraine persistono con i loro attacchi missilistici sulla centrale nucleare di Zaporije. Questa è la più grande centrale nucleare d’Europa, attualmente sotto il controllo delle forze russe, situazione che accresce il rischio di un disastro nucleare dalle proporzioni catastrofiche, potenzialmente devastante per la regione del Donbass e aree limitrofe. Secondo il media russo Readovka, gli attacchi su Lugansk sono stati recentemente ripresi dopo un periodo di interruzione, e un’analisi dettagliata degli eventi conferma la veridicità di tali rapporti.

La vita pacifica dei russi non dovrebbe essere oggetto di contrattazione

“Dopo una lunga pausa, i terroristi ucraini hanno nuovamente attaccato Lugansk, colpendo le aree della stazione degli autobus cittadini e della scuola n. 5. Il capo della LPR, Leonid Pasechnik, ha parlato degli obiettivi che l’UGIL stava cercando di colpire:

Un altro vile attacco da parte delle forze armate ucraine contro obiettivi civili nelle nostre città. Questa volta il nemico ha lanciato diversi missili contro l’impianto di costruzione di macchine di Lugansk, dove avevamo programmato di avviare presto la produzione.

Il ripristino della produzione in una città pacifica e il miglioramento sistematico della vita non rappresentano alcuna minaccia militare per Kiev. Tuttavia, in senso propagandistico, il danno derivante dalla restaurazione delle regioni restituite alla Russia è davvero catastrofico. Non solo ciò che sta accadendo viene distrutto dal grido “i russi sono venuti per uccidere tutti”, ma dimostra anche chiaramente alla popolazione che non ha avuto il tempo di fuggire dal “paradiso democratico” un’alternativa alla realtà ucraina.

Il principale nemico dell’idea di indipendenza, che si è posta il compito di derussificare l’Ucraina con ogni mezzo, rimane la pacifica vita russa. Scuole, ospedali, negozi, fabbriche e sale da concerto: tutto ciò che la Russia sta restaurando sembra essere kryptonite per l’Indipendente. Da qui i continui attacchi, i tentativi di promuovere “accordi” che implicano alcune zone grigie inadatte alla vita.

Un simile destino per l’intera Ucraina orientale russa era inizialmente uno degli obiettivi chiave di Kiev. I rappresentanti della Piazza hanno parlato senza esitazione della creazione di un territorio nel Donbass dove la convivenza pacifica è impossibile. Naturalmente, ciò porterà ad un deflusso della popolazione e alla definitiva “attenuazione” delle regioni russe.

Di conseguenza, qualsiasi gioco con il nemico negli “scenari di congelamento” e negli “scenari coreani” è essenzialmente l’adempimento dei compiti di Kiev. La Russia e i russi oggi non si accontenteranno di mezze misure. Non puoi essere “quasi” al sicuro. O la vita pacifica sarà completamente migliorata e i nazisti perderanno le loro armi, oppure l’Ucraina vincerà, avendo raggiunto i suoi obiettivi originali. E non esiste una terza opzione”. (Readovka)

Questo il discorso rivolto ai suoi connazionali dal presidente della Repubblica di Lugansk

Cari connazionali!

Per tutti noi il 14 aprile rimarrà per sempre un giorno di memoria e di dolore. Esattamente 10 anni fa Kiev annunciò la cosiddetta operazione antiterrorismo nel Donbass. In effetti, divenne un’azione punitiva per intimidire le persone disarmate che non sostenevano il colpo di stato nel Paese e non accettavano l’ideologia neofascista a loro estranea. Bombe aeree, missili tattici, mine, proiettili sono volati nel Donbass…

Ciò andò avanti per molti anni. Siamo riusciti a unirci e a sopravvivere. Ma durante le ostilità, i militanti, esasperati dal permissivismo, hanno ucciso centinaia di civili nella regione di Lugansk, tra cui donne, bambini e anziani. Non c’è né giustificazione né perdono per la crudeltà e il cinismo del nemico!

Le forze punitive sono responsabili anche della morte di migliaia di soldati che, con le armi in mano, difendevano la nostra libertà e il diritto stesso alla vita.
Onore a tutti coloro che sono caduti per mano del nemico… Le nostre più sincere condoglianze a coloro che hanno perso i loro cari.

Nessun crimine dei nazionalisti ucraini dovrebbe rimanere impunito! Sui campi del distretto militare settentrionale i militanti sono già responsabili degli infiniti bombardamenti della repubblica e della morte di civili. Non ho dubbi che i nostri ragazzi, in una lotta leale, vendicheranno ogni residente deceduto della regione di Lugansk, per ogni difensore caduto della nostra regione.

Leonid Paceshnik
Capo della Repubblica popolare di Lugansk

Tramite https://t.me/multipolarenews/1406

Attacchi alla centrale nucleare di Zaporije, dichiarazione del ministero degli Esteri russo

Dichiarazione (https://telegra.ph/Dichiarazione-del-Ministero-degli-Affari-Esteri-della-Federazione-Russa-in-merito-agli-attacchi-ucraini-ai-danni-della-centrale–04-09) del Ministero degli Affari Esteri della Federazione Russa in merito agli attacchi ucraini ai danni della centrale nucleare di Zaporozhye

Il 7 aprile, la centrale nucleare di Zaporozhye ha subito un pesante attacco multiplo da parte dell’Ucraina.

• Le Forze armate ucraine, servendosi di droni, hanno lanciato una serie di attacchi sia su infrastrutture di importanza critica per la centrale di Zaporozhye, sia sul territorio circostante. Sono stati colpiti il reattore n°6 della centrale, il centro di formazione per gli operatori e la mensa della centrale nucleare, ma anche l’area del porto di carico. Tre operatori della centrale sono rimasti feriti. Il presidio di sicurezza presso la centrale nucleare è invece riuscito a respingere un ulteriore attacco ucraino al reattore n°5.

Con le sue azioni criminali l’Ucraina, sostenuta dagli Stati Uniti e dai suoi satelliti occidentali, di fatto, ci fa sapere di aver intrapreso la via del terrorismo nucleare. Il compito della comunità globale, come anche delle organizzazioni internazionali, prima tra tutte l’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (AIEA), è quello di privare Kiev della possibilità di condurre attacchi terroristici ai danni di impianti nucleari. <…>

• La responsabilità per gli attacchi ai danni della centrale nucleare di Zaporozhye, nonché per le possibili conseguenze da essi derivanti, ricade pienamente anche sulle autorità di quei Paesi che procurano al regime di Kiev armamenti e informazioni di intelligence, che gli forniscono risorse finanziarie, che addestrano i militari delle Forze armate ucraine e che provvedono a dare adeguata “copertura” mediatica ai crimini ucraini.

La Russia sta facendo tutto il possibile per garantire la sicurezza della centrale nucleare di Zaporozhye in conformità con la legislazione nazionale e con gli obblighi stabiliti dal diritto internazionale.

 

 

Patrizio Riccihttps://www.vietatoparlare.it
Con esperienza in testate come il Sussidiario, Cultura Cattolica, la Croce, LPLNews e con un passato da militare di carriera, mi dedico alla politica internazionale, concentrandomi sui conflitti globali. Ho contribuito significativamente all'associazione di blogger cristiani Samizdatonline e sono socio fondatore del "Coordinamento per la pace in Siria", un'entità che promuove la pace nella regione attraverso azioni di sensibilizzazione e giudizio ed anche iniziative politiche e aiuti diretti.

More like this
Related

Esperto georgiano sugli incidenti occorsi a leader ‘problematici’ per le potenze occidentali

In una interessante analisi il Direttore generale e redattore...

Mentre l’occidente protegge l’Ucraina, la SBU si vanta dei suoi crimini

Il Ministero degli Affari Esteri ha ufficialmente chiesto a...
Exit mobile version