Lo dicono anche i ‘ribelli’: i cristiani di Idlib, espropriati delle loro abitazioni e delle loro terre, umiliati ed uccisi dai padroni di Idlib

Lo dicono anche i 'ribelli': i cristiani di Idlib, espropriati delle loro abitazioni e delle loro terre, umiliati ed uccisi dai padroni di Idlib 1

Il seguente articolo fa riferimento a la rete ”Human Story”, Orient TV ed alla  Rete siriana per i diritti umani (SNHR), si tratta di tre organismi che con varie gradazioni appoggiano i ribelli cosiddetti ‘moderati’ secondo la retorica occidentale e dall’occidente sono finanziate. Quindi non si può dire davvero che la fonte ”Human Story” sia pro- governativa, anzi è vero esattamente il contrario.

Tuttavia ciò che è interessante è l’articolo conferma chiaramente la sorte delle minoranze cristiane in Idlib soggiogate dagli islamisti: una parte di essi sono fuggiti, altri sono stati arrestati o uccisi, tutti i rimanenti ricevono pressioni affinché lascino le loro case a favore dei miliziani e le rispettive famiglie.

Non so cosa voglia di più l’occidente per capire. Purtroppo sappiamo che l’occidente sa benissimo e che i media statali però hanno ricevuto l’incarico di fare delle fonti locali, financo siano anti-governative.

Il giornalista entra comunque almeno una volta in contraddizione quando riferisce che Assad ha mirato scientemente le chiese mentre è universalmente riconosciuto come il governo siriano sostenga e preservi le minoranze.

Ma che volete, altrimenti l’articolo sarebbe sembrato pro-governativo e qualche bugia quindi è da tener in conto. Ciò non inficia comunque il dato principali.

@vietatoparlare

[su_divider divider_color=”#81a6bd”]

Perché i cristiani di Idlib hanno scelto di emigrare dalla città?

Nel 2014, alcune fazioni militanti presero il controllo della campagna occidentale di Idlib, in cui vivono i residenti della comunità cristiana

Quando questo avvenne, “George Kamel” (usiamo uno pseudonimo)un ingegnere della città di Al-Ghassaniyeh (prov. Idlib), raccolse i suoi bagagli e partì verso il confine tra Siria e Turchia

La sua paura era di essere arrestato o di subire restrizioni a causa del suo disinteresse per la guerra contro il regime siriano e di stare comunque lontano dal conflitto.

La sua fuga tocco prima la Turchia, poi via mare raggiunse la Germania. Suo padre invece in città, dato che si rifiutò di essere sfollato nonostante le sue ripetute sollecitazioni a immigrare in Europa, ma Suo padre rifiutò ogni volta, per non perdere la propria casa e il sostentamento.

George così racconta quelle vicende: “Dall’inizio del conflitto armato, non abbiamo interferito con nessun partito, non importa se fosse con il regime o con l’opposizione armata che controllava le fazioni delle aree in cui erano presenti cristiani. In quelle circostanze iniziarono chiamate all’odio contro i cristiani da parte da alcuni elementi di fazione. I cristiani sono accusati di lealtà Regime, per cui le fazioni hanno preso il controllo di molte case per una serie di ragioni, incluso il tasbih. “

George Kamel ha aggiunto: “La maggior parte dei civili presenti nelle aree di Ghassaniyeh, Al-Quniya e Al-Jadida nella campagna occidentale di Idlib hanno più di 60 anni, tutti erano rimasti con l’obiettivo di preservare le loro case dai furti, ma nonostante ciò sono continuamente sottoposti a molestie da parte di membri delle fazioni islamiche, nel tentativo di spingerli a trasferirsi in Europa e a lasciare le loro case “.

Il quartier generale per la liberazione di Al-Sham ha confiscato la proprietà dei residenti appartenenti alla minoranza cristiana in Idlib, rispondendo alle segnalazioni emesse dal cosiddetto ufficio “beni immobili e bottino” supervisionato dall’autorità che controlla su gran parte di Idlib e delle sue campagne, la  “Commissione” anni fa ha confiscato le case ai proprietari ed ha espulso dalla città le famiglie cristiane , non prima però dopo di averne arrestato alcune e  assassinato altre.

Guarda il video: la mia gente rifiuta la decisione di “liberare il Levante” per confiscare la proprietà dei Cristiani Idlib

Sofia Samer (non è il suo vero nome), una ragazza cristiana di Medina che si è laureata al College of Education, ha lasciato la città dopo la conquista dell’esercito di Al-Fateh nel 2015 ed è emigrata in Turchia Da qui poi è emgrata nella città di “Mandal”, in Norvegia, al fine di trasferirvisi definitivamente.

Sofia dice ad Anna Insan: “Dopo che l’esercito di Al-Fateh prese il controllo della città di Idlib, non potemmo più lasciare la casa perché non ero velata e avevo paura di subire molestie da parte delle fazioni, soprattutto perché la maggior parte respinge l’idea di convivenza con altre religioni, quindi tutte le rassicurazioni per i cristiani non erano reali. Alcuni dei cristiani loro furono arrestati dopo che al Fateh prese il controllo della città.

La stessa ha poi aggiunto: “Gli elementi dell’esercito di Al-Fateh hanno confiscato le proprietà dei cristiani nella città di Idlib, in particolare gli appartamenti che venivano dati principalmente ai loro elementi armati e alle loro famiglie che li possedevano”.

E Sofia ha indicato che la percentuale di cristiani nella città di Idlib non era più del 2% della loro popolazione prima della rivoluzione del 2011 ″.

I cristiani idlib sono concentrati nel quartiere cristiano che circonda la chiesa, la maggior parte dei quali sono “greci-ortodossi”, il cui numero raggiunge circa i duemila , mentre quelli di altri riti non supera al massimo mille, e lavora per la  maggioranza nel commercio, e buona parte di essi lavora negli ambienti ufficiali.

Il funzionario delle violazioni della Rete siriana per i diritti umani (SNHR) Sumaya Haddad ha spiegato al sito Web (io sono un essere umano): “La presenza della comunità cristiana nel Governatorato di Idlib è un po ‘concentrata nella città di Idlib e in alcuni villaggi della campagna occidentale, e con le fazioni dell’opposizione armata, in particolare Ahrar al-Sham, hanno attaccato queste aree , colpendo le loro proprietà e impedendo loro di consumare alcolici, che ha portato la maggior parte dei cristiani a migrare o essere sfollati verso le aree controllate dalle forze del regime siriano, che ha portato le fazioni ad affittare la maggior parte delle loro proprietà (negozi e case) attraverso contratti con civili ”.

Ha aggiunto: “Durante il controllo dell’esercito di Al-Fateh, i contratti sono stati firmati dall’esercito di Al-Fateh e hanno garantito i diritti dei cristiani e i salari sono stati ricevuti direttamente dagli inquilini, ma dopo il controllo del quartier generale per la liberazione di Al-Sham, l’autorità ha annullato tutti i contratti .”

Ha sottolineato che “Attualmente, non sono rimasti cristiani tranne i pochi e la maggior parte di loro residenti nei villaggi di Al-Qenya, Jdideh Al-Tahtani, Al-Fawqani e Al-Yaqoubi. I cristiani non furono sottoposti a arresti da parte della commissione, ma nella maggior parte dei casi gli fu impedito di celebrare i loro riti religiosi.

È stato riferito che la Rete siriana per i diritti umani ha accusato il regime di Assad di essere responsabile del 61% degli attacchi che hanno preso di mira le chiese, il che lo rende una delle maggiori minacce all’eredità cristiana in Siria e Ma il  rapporto rileva che le violazioni contro chiese e luoghi di culto cristiano includevano anche gli attacchi da parte delle fazioni antigovernative che hanno lanciato bombe ai luoghi di culto civili, senza che fosse alcun accampamento o presenza militare vicino a loro: ciò indica che intendevano colpire e distruggere i luoghi di culto , il che è una violazione del diritto internazionale.

fonte: https://www.iamahumanstory.com/

[su_divider divider_color=”#81a6bd”]

nota a margine:

Chi si nasconde dietro la “Rete Siriana dei Diritti umani”?

Rete Siriana dei Diritti umani.” Nella sua pagina di presentazione, appare come un’organizzazione “indipendente” che investiga sulle “violazioni commesse da qualunque parte” nel conflitto siriano dal 2011. Questa organizzazione, come l’Osservatorio Siriano dei Diritti umani oggi completamente screditato, è registrata nel Regno Unito – dato che di per sé non è neutro. Tuttavia, assicura che si appoggia su “decine di ricercatori ed attivisti” in Siria. Quale è il maggiore problema di questa pagina di informazione? Che non dice niente sui finanziamenti. E’ evidente che un lavoro così ha bisogno di molti fondi e che nessuno è abbastanza pazzo da finanziare un’organizzazione che va contro i propri interessi. Pertanto, scoprire chi finanzia il SNHR vi permetterà di comprendere quali sono gli interessi di questa organizzazione. Come già segnalato in precedenza, il SNHR evita di precisare chi sono i suoi donatori di fondi. Invece, il sito web ci dice che quella “rete siriana” è membro dell’ICRtoP (International Coalition for the Responsability to Protect) .
Questa “coalizione internazionale” si rifà ad una norma che prevede la “responsabilità di proteggere” e che serve a giustificare l’ingerenza militare in paesi stranieri. Questa norma che è stata adottata insieme col documento finale del vertice mondiale delle Nazioni Unite del 2005, è di per sé molto discutibile, poiché, secondo le forze coinvolte e gli interessi dei differenti attori, autorizza ad attaccare un paese terzo. In questo senso è in contrasto col diritto internazionale e al principio di non ingerenza, che impone il “rispetto della sovranità politica di un Stato mediante il non intervento nei suoi affari interni”.

L’ICRtoP è molto esplicito rispetto al suo finanziamento e, come nel caso del SNHR, è possibile risalire ad un’organizzazione correlata grazie al suo sito web. Infatti la corrispondenza dell’ICRtoP dovrebbe andare verso il “World Federalist Movement – Institute for Globale Policy”, come si rileva da questa immagine:
l “World Federalist Movement Institute for Globale Policy”, invece, è il più loquace delle due organizzazioni di copertura precedenti per quel che riguarda il suo modo di finanziarsi. Nella sua pagina “chi siamo – chi ci finanzia”, una lista esaustiva di donatori di fondi ci mostra gli “indipendenti” e i “non governativi” che sono le organizzazioni che finanziano il movimento.

Un’indagine dettagliata di ognuna di queste fonti di finanziamento sarebbe, senza dubbio, molto illuminante, ma ciò non è l’oggetto di questo articolo. Che cosa vediamo? In primo luogo che molti governi, a differenze di quello che Abdul affermava, finanziano il SNHR, attraverso l’ICRtoP ed il World Federalist Movement. Dire che questa organizzazione non è finanziata da fondi governativi è, pertanto, una bugia evidente. È interessante, inoltre, constatare che quei governi (tra essi la stessa Unione Europea) stanno tutti nella parte “occidentale.” Non c’è, per esempio, finanziamento russo o venezuelano. Così, il gruppo di donatori di fondi mostra una chiara uniformità ideologica. Orbene, dobbiamo ricordare che nessuno desidera finanziare un’organizzazione che agisce contro i propri interessi.

I governi non sono l’unica fonte di finanziamento del World Federalist Movement (e senza dubbio, neanche la maggiore, benché non siano incluse le cifre). In prima posizione c’è la fondazione Ford e un po’ più sotto, l’Open Society Foundations dello speculatore miliardario statunitense, di origine ungherese, George Soros. Questo investitore che si presenta come un filantropo, si fece conoscere nel 1992 dirigendo un attacco speculativo contro la lira sterlina, che fece sprofondare l’Inghilterra nella recessione, con terribili conseguenze sociali. Un anno dopo, Soros fondò l’Open Society Foundations che, come ci ricorda Bruno Drweski, “difende contemporaneamente la liberalizzazione dell’economia e la frammentazione del tessuto sociale mediante una politica che favorisce, col pretesto della tolleranza, l’emergere di identità culturali, etniche, religiose, morali parallele ed opponibili, l’une alle altre”. Strettamente vincolato al gruppo Carlyle ed al complesso militare industriale, “Soros coopera e cofinanzia iniziative promosse da organismi come Human Rights Watch, Freedom House, National Endowment for Democracy”.

In realtà, sono molte le fonti che denunciano il grado a cui queste organizzazioni, collegate al Dipartimento di Stato statunitense, hanno partecipato alla destabilizzazione di vari paesi del mondo, formando e finanziando l’opposizione con un totale disprezzo del principio di non ingerenza . Pertanto, stiamo lontano, molto lontano, da organismi indipendenti il cui obiettivo sarebbe fornire informazioni sulle violazioni commesse da tutte le parti coinvolte.

E che cosa sappiamo dei due protagonisti che hanno diffuso questa informazione su Twitter? Kenneth Roth, come ho segnalato all’inizio, è precisamente il direttore di Human Rights Watch, un’organizzazione finanziata anche da George Soros (9). Mentre Abdul è l’autore di un blog che si dedica a “screditare i mezzi di comunicazione assadisti”.

L’iconografia utilizzata nel suo blog, in concreto l’immagine di un pugno alzato, non è innocente. Questa icona, che identificò inizialmente il movimento serbo Otpor! (finanziato, a sua volta, da George Soros), fu utilizzata successivamente durante le rivolte arabe da giovani attivisti che, come dimostra l’autore Ahmed Bensaada nel suo libro Arabesque américaine, erano stati formati e finanziati da differenti organismi vicini alla Cia. Così, il militante di Twitter @al_7aleem, è vincolato agli interessi degli Stati Uniti o in qualsiasi caso, sostiene quella paternità.

L’esercito ed i servizi di intelligenza siriani hanno commesso abusi e probabilmente, proseguono nel commetterli. Non esiste guerra “pulita” (basta vedere gli USA in Iraq). Tuttavia, i grafici ingannevoli avallati dalla stampa occidentale, tendono a presentare la parte siriana come la principale responsabile dei massacri. Così si nasconde l’appoggio della NATO e dei suoi alleati ai gruppi fanatici e la rapida usurpazione del movimento popolare. Come allo stesso modo viene occultato il fatto che in Siria, come in Libia, l’obiettivo non è, come sostiene l’Open Society Foundations, “rafforzare la legge, il rispetto dei Diritti umani, delle minoranze, la diversità di opinioni ed i governi eletti democraticamente”, bensì, al contrario, seminare il caos.

fonte: Investig’Action

 

Exit mobile version