Le conclusioni della commissione OPCW per l’incidente chimico di Duma non ha trovato gas nervini

La relazione degli esperti incaricati di rilevare sull’incidente chimico di Duma (Damasco) del 7 aprile 2018, hanno presentato oggi la loro relazione. Dal report si evince che non sono state trovate tracce di gas nervini che i ‘soliti noti sul posto’ (i White Helmet) e  gli Stati Uniti inizialmente hanno rivendicato (per cui è partì la rappresaglia USA con 105 missili Tomawak ).
Inoltre, delle centinaia di vittime denunciate come tali, non è stata trovata nemmeno una vittima di un attacco chimico.

Questa la conclusione:

“Non sono stati rilevati né gli agenti nervini organofosforici né i loro prodotti di degradazione nei campioni ambientali o nei campioni di plasma dalle presunte vittime [due decessi e due feriti NDR].

Per contro, si dice che sono stati trovati in loco due cilindri di cloro utilizzati per uso industriale. In altri termini, il rapporto ribadisce ciò che già si era concluso nel giugno 2018: 

“A parte la trietanolamina chimica Schedule 3.B.17 e una sostanza chimica Schedule 2.B.04 nota come” AmgardV19 “, la cui presenza è stata spiegata in modo soddisfacente, nessun altro prodotto chimico elencato nell’allegato alla Chemicaltothe Chemical onze Welding onvention, o i loro prodotti di degradazione, sono stati rilevati nei campioni ambientali analizzati. “

Quindi, non c’erano agenti nervini organofosfati come il sarin o qualcosa del genere, 

Invece, per la presenza di cloro il rapporto dice :

“… Resoconti di testimoni, risultati di analisi di campioni ambientali e biomedici, analisi tossicologiche e balistiche da parte di esperti, ulteriori informazioni digitali da testimoni – forniscono ragionevoli motivi per l’utilizzo di una sostanza chimica tossica come arma. La sostanza chimica tossica era probabilmente il cloro molecolare. ”

… Che si adatta bene alla lunga narrativa generalmente concordata. Il cloro è stato rilasciato e le prove dimostrano che proveniva da due cilindri gialli di cloro standard industriale. Le prove sul posto mostrano che probabilmente i cilindri sono stati abbandonati dalla stiva di un elicottero SAAF. “

Ma anche  l’OPCW conclude che le scene sono state manomesse prima dei rilievi, per cui la parola ‘probabilmente’ la dice lunga sulla polarizzazione dell’indagine, per cui si giunge forzatamente ad una conclusione non lineare con ciò che si è postulato.

Ricapitolando:

1. Non esiste nessun ferito o ucciso da sostanze chimiche  cioè, non una persona o un cadavere con tracce di sostanze chimiche nel corpo . Letteralmente: non uno solo.

2. Nessuna traccia di sostanze vietate dall’OPCW nei campioni prelevati – Trovati solo due prodotti chimici usati nella pulizia a secco e una manciata di esplosivo. Le conclusioni sul cloro sono fatte su un paio di bastoncini di legno, che a quanto pare potrebbero essere entrati in contatto con esso. Allo stesso tempo, la metà dei campioni sono stati presi direttamente dalla famosa bottiglia di cloro giallo  (Appendice 5). E il cilindro stesso, si scopre, cadde in un altro posto e poi rimbalzò sul letto. Ciò è difficile da dimostrare e dimostra che in generale, che il rapporto contiene più elementi di balistica che di chimica.

3. Gli “Investigatori” hanno intervistato  34 persone. Di loro solo 13  a Damasco. Di questi sono è compreso il personale dell’ospedale, che, senza battere ciglio,  ha ripetuto quello che aveva detto prima: non c’erano cadaveri. 21 persone si sono presentate in qualche altro posto (e dove – non è detto). Furono questi “testimoni” anonimi a raccontare dei cadaveri (quelli che non sono stati mai trovati). Nello stesso tempo nel rapporto lampeggia l’abbreviazione familiare – SCD. Protezione civile siriana. Cioè, è chiaro di che si tratta.

4. In questo contesto, il fatto che metà dei video “girati durante l’attacco” e le foto non coincidano con i metadati è già  ‘insignificante.

Questo in sintesi il contenuto del rapporto e la sua valenza ma il ministro britannico Jeremy Hunt in visita in Oman ha detto che Londra ” alla luce delle risultanze dell’OPCW” è ancora favorevole a punire i responsabili degli eventi nella Duma. Ovviamente non si sa che logica lui insegua…

E dopo questo, i titoli di Sky,: “OPCW, Siria nel 2018 ci sono stati attacchi chimici”…

A voi le debite conclusioni, qui comunque c’è tutto il rapporto completo, distribuito oggi primo marzo: relazione OPCW su incidente chimico di Duma

@vietatoparlare

Pubblicità