La Turchia minaccia di distruggere un campo profughi in Iraq perchè sarebbe la base dei terroristi del PKK

Date:

Il presidente turco Tayyip Erdogan ha avvertito l’Iraq che la Turchia “cancellerà” il campo profughi di Makhmur  – che secondo Erdogan è un rifugio sicuro per i militanti curdi del PKK – , minacciando di condurre la sua lunga campagna militare in profondità nel territorio iracheno.

Ricordiamo che il 15 giugno 2020, le forze armate turche hanno lanciato l’operazione aerea “Eagle Claw” e due giorni dopo, un’operazione di terra chiamata “Tiger Claw”. Entrambe le campagne militari mirano a combattere i combattenti del PKK nel nord dell’Iraq, che, secondo Ankara, minacciano la sicurezza della Turchia. Da allora, Baghdad ha già convocato tre volte l’ambasciatore turco per fornire spiegazioni in merito alla distruzione dei villaggi curdi e alla morte di civili.

Ora, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan afferma che il Paese è pronto ad espandere l’area di ‘stabilizzazione nel nord dell’Iraq. In un’intervista alla televisione turca, ha criticato le azioni delle autorità irachene contro il Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK). Secondo il presidente turco, il campo profughi di Makhmur – un campo 180 km a sud del confine turco che ha ospitato migliaia di rifugiati turchi per più di due decenni –  è diventato un punto di reclutamento per il gruppo e un terreno fertile per i terroristi. Erdogan ha invitato le Nazioni Unite a ristabilire l’ordine lì, altrimenti la Turchia , che è uno stato membro delle Nazioni Unite, ristabilirà l’ordine autonomamente.

È improbabile che non solo la stessa organizzazione internazionale, ma anche le autorità irachene siano d’accordo con una così strana interpretazione dei diritti dei membri dell’ONU.

In precedenza, Baghdad ha ripetutamente condannato le azioni delle forze armate turche sul territorio dell’Iraq. A volte civili iracheni hanno messo in atto ricolte contro i militari turchi dopo i bombardamenti subiti dai turchi.

L’ultimo aggravamento nei rapporti tra i Paesi si è verificato all’inizio di maggio, quando il ministro della Difesa turco ha visitato i militari nel nord dell’Iraq. Poi il ministero degli Esteri iracheno ha consegnato una nota di protesta all’ambasciatore turco. Tuttavia, il ritiro delle forze armate turche da una zona di trenta chilometri nel nord dell’Iraq per ripulire un campo profughi, a centottanta chilometri dal confine, potrebbe portare a qualcosa di più di uno scandalo diplomatico.

In un articolo scritto da Bakhtiyar Chale, membro del Consiglio del popolo dell’amministrazione autonoma democratica di Makhmur viene rivelato che il Partito democratico del Kurdistan (KDP), che lavora a stretto contatto con il partito turco Giustizia e libertà al potere. Il KDP perseguirebbe anche l’obiettivo di chiudere il campo in modo che i suoi residenti possano essere reinsediati. Per raggiungere questo obiettivo, ha messo sotto blocco il campo, in cui la gente vive da quasi due anni.

Dall’articolo di Bakhtiyar Chale si apprende che ci sono state ripetute richieste ai Peshmerga di tornare nella regione in cui si trova il campo. Sono particolarmente spesso ascoltati dai circoli del KDP nel governo regionale del Kurdistan. I Peshmerga hanno lasciato la regione il 16 luglio 2017, quando sono stati attaccati dall’ISIS, lasciando cadere le sue difese sulle forze di mobilitazione popolare. Ora citano i recenti attacchi dell’ISIS nelle aree di Kirkuk e Mahmur come pretesto per la loro intenzione di tornare. L’ISIS ha recentemente iniziato a riprendere vita nella regione. Ha attaccato le forze peshmerga a Kirkuk ei soldati iracheni nella regione di Mahmur e ha iniziato a riscuotere le tasse dalla popolazione locale in alcune aree. Questo sviluppo fa il gioco delle recenti richieste di consentire alle forze peshmerga di entrare nelle regioni colpite da questi attacchi.

Ma in realtà “sono stati il ​​KDP e la Turchia a consentire all’ISIS di prendere piede nella regione di Mahmur, consentendo loro di utilizzare i loro centri logistici. I combattenti dell’ISIS usano nascondigli sicuri vicino al monte Karadag, a poche centinaia di metri dalle basi peshmerga del KDP. La montagna stessa si trova a 3-4 chilometri dal campo profughi di Makhmur. Nelle profondità di questa catena montuosa, i combattenti dell’ISIS hanno allestito i loro campi. Da lì, negli ultimi anni, hanno costantemente attaccato la popolazione del campo. Rappresentano una minaccia costante per la popolazione di Makhmur, incombendo sul campo con la spada di Damocle”. (…)

L’aumento degli attacchi dell’ISIS nelle aree contese, i recenti sviluppi nella regione e l’insistenza del KDP sull’invio di truppe nella regione rendono chiaro che la regione di Mahmur diventerà molto più instabile nel prossimo futuro. Pertanto, la popolazione del campo di Makhmur vede la possibilità del ritorno dei Peshmerga del KDP nella regione come uno sviluppo allarmante degli eventi.

Il campo profughi di Makhmur è sottoposto da oltre 20 anni a gravi pressioni militari, politiche, psicologiche e logistiche da parte del KDP. Gli eventi recenti non fanno che aumentare questa pressione. 

Ufficialmente, Mahmour è sotto la responsabilità del governo centrale iracheno. Tuttavia, non riceve alcun sostegno da Baghdad. Anche lo status ufficiale di asilo per i rifugiati politici non aiuta la sua popolazione a ottenere alcun sostegno dall’Iraq. Da maggio 2018, le Nazioni Unite hanno smesso di sostenere il campo a causa delle pressioni della Turchia e del KDP. Da allora, Makhmur non ha ricevuto alcun sostegno dalle Nazioni Unite. La popolazione del campo ha affrontato le condizioni più sfavorevoli. Le persone sono state costrette a garantire la propria sopravvivenza con i propri sforzi. Molti dei residenti di Mahmur lavorano in diverse parti dell’Iraq per coprire le proprie spese di soggiorno.

Nonostante i recenti sviluppi nella regione, che indicano tempi difficili per i residenti di Makhmur in futuro, la popolazione del campo continua a seguire la propria strada. La Mahmur Society, con le montagne del Kurdistan alle spalle, che garantiscono protezione, ha fatto la storia più di una volta nella sua vita di resistenza. Continuerà ad essere un esempio per i popoli della regione in futuro grazie al suo stile di vita autonomo.

La Turchia accusa il PKK di utilizzare il campo come base di addestramento militare. Il quotidiano turco Anadolu afferma che l’organizzazione del PKK ha ripreso gli attacchi armati in Turchia dal luglio 2015.
Da quel momento avrebbero ucciso circa 500 civili e 800 membri delle forze di sicurezza turche.

In un’intervista con KDP-info, Zebari ( Il coordinatore per la propaganda internazionale del governo regionale del Kurdistan, KRG), ha avvalorato la versione turca: “Ci sono oltre 11.000 persone nel campo profughi di Makhmur. Dal 2003, questo campo è sotto il controllo internazionale in quanto è stato utilizzato per l’addestramento militare, come campo semi-militare, ed è il luogo in cui si svolge il movimento organizzativo del partito. Il campo si è essenzialmente trasformato in un campo militare, non in un insediamento civile“.

Il PKK è attualmente considerata un’organizzazione terroristica dalla Turchia, dagli Stati Uniti e dall’Unione europea.

A partire dal 1999, il leader incarcerato Abdullah Öcalan ha abbandonato il marxismo-leninismo, rimuovendo il simbolo della falce e martello dalla bandiera del PKK, portando il partito ad adottare la nuova piattaforma politica del confederalismo democratico (ispirato dalle letture, maturate durante la sua prigionia, dell’opera del pensatore anarchico Murray Bookchin, inerenti alle teorie del municipalismo libertario e dell’ecologia sociale).

Il gruppo, tuttavia, è stato da più parti accusato di terrorismo per i suoi metodi di lotta (come l’uso di attentati dinamitardi e kamikaze contro obiettivi civili e militari turchi – questi ultimi ritenuti oppressori del popolo curdo, specie in seguito alle sanguinose repressioni del governo di Ankara – o anche a sequestri di occidentali). È stato accusato dal regime turco e da ambienti filo-turchi di essere un vero e proprio sindacato criminale, implicato soprattutto nel traffico di stupefacenti, tramite il quale finanzierebbe la propria attività insurrezionale.

@vietatoparlare

 

Patrizio Riccihttps://www.vietatoparlare.it
Con esperienza in testate come il Sussidiario, Cultura Cattolica, la Croce, LPLNews e con un passato da militare di carriera, mi dedico alla politica internazionale, concentrandomi sui conflitti globali. Ho contribuito significativamente all'associazione di blogger cristiani Samizdatonline e sono socio fondatore del "Coordinamento per la pace in Siria", un'entità che promuove la pace nella regione attraverso azioni di sensibilizzazione e giudizio ed anche iniziative politiche e aiuti diretti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

More like this
Related

Il destino politico di Ursula von der Leyen è nelle mani del primo ministro Giorgia Meloni

L'attuale presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen,...

Risposta a Cascioli: La critica agli USA nella guerra russo-ucraina non può essere ignorata

Desidero fare alcune osservazioni alla risposta del direttore della...
00:02:00

Macron dichiara guerra ai francesi

Dopo la sconfitta elettorale annunciata, il presidente della Repubblica...
Exit mobile version