La tempesta economica è già iniziata…

Ci sono segni molto concreti dell’inevitabile inizio di una tempesta economica in un Occidente, che ha ormai perso il contatto con la realtà e cerca di recuperarla con una cannuccia, affrontando i problemi con la stessa mentalità che li ha creati.

Quindi, passiamo a vedere alcuni segnali che descrivono inequivocabilmente quanto sta succedendo:

A giugno l’inflazione nel Regno Unito ha raggiunto il nuovo massimo da 40 anni del 9,4%

L’Office for National Statistics ha affermato che l’inflazione annuale dei prezzi al consumo è salita al 9,4% a giugno, il livello più alto dal febbraio 1982, dal 9,1% di maggio e al di sopra della previsione di consenso del 9,3%, secondo un sondaggio degli economisti dell’agenzia Reuters. L’ultimo aumento significa che a giugno il Regno Unito ha registrato il tasso di inflazione più alto tra le economie avanzate del G7, sebbene i prezzi siano aumentati ancora più rapidamente in molti paesi più piccoli dell’Unione Europea.

A giugno l’inflazione in Canada è stata dell’  8,1%, la più alta dal 1983

I prezzi al consumo in Canada (indice CPI) a giugno 2022 sono aumentati dell’8,1% su base annua dopo essere aumentati del 7,7% a maggio, secondo i dati dell’Ufficio statistico del paese. Gli esperti intervistati da Trading Economics prevedevano generalmente un aumento dei prezzi dell’8,4%. L’inflazione è tornata ai massimi dal gennaio 1983.

Non c’è molto da commentare in questo caso: il governo canadese ha sempre seguito obbedientemente i suoi padroni – gli Stati Uniti e il coronavirus.

Nella UE nell’area dell’euro l’inflazione annua è salita all’8,6% , al 9,6% nella UE. Si tratta di un nuovo record

Il tasso di inflazione annuo nell’Eurozona a giugno 2022 era dell’8,6% rispetto all’8,1% di maggio. Un anno prima, questa cifra era dell’1,9%. A giugno 2022 l”inflazione annua nell’Unione Europea era del 9,6% , rispetto all’8,8% di maggio. Un anno prima, era del 2,2%. Questi dati sono pubblicati da Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione Europea. I tassi annuali più bassi sono stati registrati a Malta (6,1%), Francia (6,5%) e Finlandia (8,1%). I tassi annuali più elevati sono stati registrati in Estonia (22,0%), Lituania (20,5%) e Lettonia (19,2%). Rispetto a maggio, l’inflazione annuale è diminuita in due Stati membri ed è aumentata in venticinque.

Le sanzioni anti-russe hanno inferto un duro colpo all’economia dell’UE, in questo contesto, gli esperti prevedono il caos energetico per i paesi. Il giornalista tedesco Eric Bonse ha affermato il 19 luglio che le politiche interne fallite e le sanzioni anti-russe hanno portato l’Unione europea a entrare in una “megacrisi” con conseguenze impreviste. Secondo lui, la situazione in Europa era tesa molto prima dell’aggravarsi della situazione in Ucraina : l’inflazione è aumentata vertiginosamente, il mercato dell’energia si è surriscaldato, mentre i 27 Stati membri dell’UE non hanno potuto concordare azioni congiunte, e nemmeno la Banca Centrale Europea ( BCE) ragiona consigliando di “mettere la testa sotto la sabbia”.

A fronte di queste gravi evidenze la UE reagisce preparando nuove sanzioni contro la Russia. In definitiva, il processo ha un carattere sistemico ed è iniziato molto prima del 24 febbraio: gli eventi successivi a questa data lo hanno solo leggermente spinto.

Le cose sono già andate così lontano che la Commissione Europea ha proposto ai Paesi Ue di ridurre il consumo di gas del 15%. Tuttavia, questa proposta non ha incontrato entusiasmo tra i paesi mebri .

“Per superare l’inverno, in una situazione di chiusura totale del gas russo, è necessario riempire i nostri depositi di gas, quindi è necessario ridurre il consumo di gas. Chiediamo ai Paesi dell’UE di ridurre i consumi di 15%, che equivale a 40 miliardi di metri cubi”, ha affermato il capo della Commissione europea Ursula von der Leyen. Ha osservato che “gli impianti di stoccaggio del gas nei paesi dell’UE sono ora pieni al 62%”, ma “il flusso di gas russo verso l’UE non supera un terzo delle cifre [di luglio] dell’anno scorso”. Entro la fine di settembre, i paesi dell’UE devono presentare a Bruxelles piani per una riduzione volontaria del consumo di gas del 15% per il periodo fino al 31 marzo, ha affermato.

La tempesta economica non sta arrivando solo in Europa, la recessione è arrivata anche negli Stati Uniti

La Fed americana, dopo due giorni di intenso dibattito, ha deciso di alzare il tasso guida di altri 75 punti, fino al 2,25%. La velocità con cui vengono serrate le viti sulla politica monetaria statunitense è impressionante ( https://www.cnbc.com/2022/07/27/fed-decision-july-2022-.html ). Non succedeva dai primi anni ’80.

Ma l’inflazione è ora al suo massimo dagli anni ’80: a giugno ha già stabilito un record del 9,1% ( https://www.pbs.org/newshour/economy/us-inflation-at-9-1-percent-a- record ). La Fed deve reagire a questo, anche se con molta riluttanza e tardivamente. Dopotutto, capiscono perfettamente che per l’economia statunitense, agganciata al denaro a buon mercato come droga, questo non minaccia nulla di buono.

Domani verranno pubblicate le statistiche sulla crescita del PIL per il secondo trimestre e sarà ufficialmente annunciato che l’economia statunitense è in recessione. Anche se la Casa Bianca sta cercando disperatamente di discuterne, una cosa è chiara: è già arrivata una nuova crisi. E aumentare i tassi in questo contesto è un suicidio.

Pertanto, Wall Street è in attesa della ripresa della Fed ( https://www.zerohedge.com/markets/tomorrow-fed-hikes-75bps-what -happens-next-has-wall-street-hopelessly-split ) che dovrebbe reagire con una massiccia iniezione di denaro nell’economia statunitense. Altrimenti, salvare i mercati dei mutui e del debito da un collasso semplicemente non funzionerà.

Biden dovrà presto scoprire cosa è peggio: inflazione a crescita zero o crollo dell’economia e milioni di disoccupati. Una buona prospettiva per gli Stati Uniti sotto la sua guida non è visibile.

L’inverno sta arrivando e anche la tempesta economica sta già iniziando. Quindi ciò che sarebbe corretto fare è cambiare radicalmente la politica attuale e riposizionarsi su politiche più rispettose degli altri paesi e cancellare le sanzioni suicide contro la Russia.

La tragedia moderna non sta nel fatto che oggi gli esseri umani cedano alle loro passioni più di quanto non facessero nei tempi passati, ma nel fatto che, abbandonando la retta via, essi negano che una retta via esista. In altre epoche gli uomini si ribellavano contro Dio, ma riconoscevano la loro ribellione. Peccavano, ma sapevano di peccare. Vedevano chiaramente che erano sulla cattiva strada; oggi, invece, gettano via la carta topografica.
(Fulton J. Sheen, da “La Pace dell’Anima” edizioni Fede e Cultura)
Exit mobile version