La nuova strategia degli USA per l’Asia centrale

Gli Stati Uniti lanciano una nuova strategia per l’Asia centrale

di MK BHADRAKUMAR

Ogni cinque o sei anni, all’incirca, gli Stati Uniti escono con una “nuova” strategia per l’Asia centrale. L’industria automobilistica indiana potrebbe chiamarlo “restyling”: cambiamenti estetici per creare un’aria di novità, come   una nuova griglia del radiatore, una modifica nel paraurti posteriore, opzioni di colore eccitanti e così via.

Il documento intitolato Strategia degli Stati Uniti per l’Asia centrale 2019-2025, che è stato rilasciato dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti il ​​5 febbraio, mantiene la tradizione.

Il documento afferma nella sua prefazione: “Il principale interesse strategico degli Stati Uniti in questa regione è quello di costruire un’Asia centrale più stabile e prospera che sia libera di perseguire interessi politici, economici e di sicurezza con una varietà di partner alle proprie condizioni; che sia collegata ai mercati globali e aperta agli investimenti internazionali; e abbia istituzioni forti, democratiche, stato di diritto e rispetto dei diritti umani. ” Queste parole non le abbiamo sentite nella prefazione del celebre saggio del 1995 di Strobe Talbott, la persona di punta di Bill Clinton per  la politica con le ex repubbliche sovietiche?

La nuova strategia identifica sei obiettivi: i) il rafforzamento della sovranità e dell’indipendenza degli stati dell’Asia centrale, individualmente e come regione; II) la riduzione delle minacce terroristiche in Asia centrale; III) la stabilizzazione dell’Afghanistan; IV) il promuovere la connettività tra Asia centrale e Afghanistan; v) riforma democratica, stato di diritto e diritti umani; e, VI) commercio e investimenti.

La compagnia di bandiera è la cosiddetta piattaforma diplomatica C5 + 1 di ministri degli esteri dei cinque Stati e degli Stati Uniti. Ma questo non è stato un lascito che nel 2015  l’ex segretario di stato John Kerry  ha lasciato alle spalle ?

La caratteristica affascinante del C5 + 1 è che la piattaforma esclude Russia e Cina. La settimana scorsa , nell’immediato avvio della strategia per l’Asia centrale americana, il segretario di Stato Mike Pompeo ha visitato il Kazakistan e l’Uzbekistan.

Comprensibilmente, il rinnovato interesse degli Stati Uniti può essere visto sullo sfondo di alcuni “importanti cambiamenti” che si sono verificati nella regione, come ha notato Lisa Curtis, Vice Assistente del Presidente e Senior Director per l’Asia centrale e meridionale presso il Consiglio di sicurezza nazionale, un briefing  presso la War Heritage Horse Foundation a Washington, durante la guerra fredda, la scorsa settimana.

Curtis ha elencato i “cambiamenti nelle dinamiche di leadership” in Kazakistan e Uzbekistan; approfondimento dell’influenza cinese nella regione; e “ha continuato la forte influenza russa”. Sia il Kazakistan che l’Uzbekistan sono in transizione e le loro politiche estere “multi-vettore” si stanno evolvendo.

Il neoeletto presidente kazako, Kassym-Jomart Tokayev si sta gradualmente spostando verso la definizione delle priorità della cooperazione con Mosca e Pechino. Chiaramente, il Kazakistan non resterà impigliato nella strategia indo-pacifica degli Stati Uniti contro la Cina, sebbene elementi vocali pro-USA continuino a suscitare sinofobia su questioni come il presunto maltrattamento di etnici kazaki in Cina o nello Xinjiang.

Tokayev, diplomatico di carriera di professione, aspira a trasformare il Kazakistan in un ponte tra Russia e Cina e creare sinergie da esso. Il Cremlino è ricettivo, come risulta dall’accordo di Tokayev con il presidente Vladimir Putin di modernizzare le infrastrutture di trasporto ai loro confini che potrebbero elevare la “One Belt One Road” e il corridoio di trasporto Nord-Sud.

Tokayev è un sostenitore dello yuan come valuta globale e promuove fortemente legami commerciali e di investimento con Russia e Cina. Tutto sommato, Washington sente un certo disagio per il fatto che  il “vettore occidentale” della politica estera kazaka sia diventato svogliato. Il principale punto di discussione di Pompeo con i leader kazaki era che se avessero lavorato con gli Stati Uniti anzichè con la Russia o la Cina, avrebbero guadagnato di più.

In confronto, il livello di convincimento di Washington con il nuovo uomo forte uzbeko che è succeduto a Karimov come presidente, Shavkat Mirziyoyev, è palesemente più alto. La visione riformista e progressista di Mirziyoyev (mentre attualmente presiede un regime autoritario) fa appello a Washington, e le ambizioni uzbeke di radunare altri Stati potrebbero avere anche i suoi usi geopolitici. L’iniziativa C5 + 1 è un ottimo esempio.

L’Uzbekistan ha un atteggiamento positivo nel voler allacciare una rotta di trasporto alternativa con gli Stati Uniti per trasportare forniture militari in Afghanistan. Washington apprezza che il Kazakistan segna una certa distanza da Mosca – non troppo vicino, non troppo lontano – e opta per un impegno selettivo. L’Uzbekistan – a differenza del Kazakistan – tiene a distanza la CSTO guidata da Mosca e ha un atteggiamento ambivalente nei confronti dell’Unione economica eurasiatica.

Detto questo, Mirziyoyev ha mostrato un certo interesse per i progetti di integrazione guidata dalla Russia, il che è preoccupante per Washington. Curtis aveva una formulazione interessante: “La Russia ha sempre avuto un’enorme influenza in questa regione. Non ci aspettiamo che cambi. Non stiamo cercando di abbinare questa influenza. Vogliamo solo essere presenti. Vogliamo fornire alternative per questi paesi “.

Tutto questo sembra positivo ed amichevole ma in realtà il grande gioco nelle steppe post-sovietiche può diventare duro. Gli analisti statunitensi hanno condotto una campagna sostenuta negli anni Novanta, giocando un potenziale scontro di interessi tra Russia e Cina in Asia centrale, proponendo persino timidamente che un alleanza USA-Cina potrebbe essere “vantaggiosa per entrambi” per ripristinare l’influenza russa nelle steppe.

Ma né Mosca né Pechino si sono lasciati andare; al contrario, hanno iniziato ad armonizzare le loro strategie in Asia centrale, con la Russia che ha apprezzato il ruolo chiave della Cina nello sviluppo della regione e la Cina consapevole degli interessi storici della Russia nella regione e del suo ruolo preminente come fornitore di sicurezza.

Oggi gli Stati Uniti si stanno inserendo in un nuovo paradigma in cui la Russia rimane ancora la rivale archetipica mentre c’è anche il “fattore cinese” con cui confrontarsi.

Curtis non riuscì a spiegare come gli Stati Uniti sperano di navigare: “guarda, la Cina fornisce infrastrutture, assistenza, assistenza allo sviluppo tanto necessaria. Ma l’unica cosa di cui siamo preoccupati è che questo finanziamento delle infrastrutture rimanga trasparente. Che non vediamo paesi indebitarsi eccessivamente e quindi perdere la loro sovranità. Quindi questo è il tipo di cosa di cui siamo preoccupati. ”

Le possibilità del Kazakistan o dell’Uzbekistan di fare un giro in carrozza con la strategia indo-pacifica degli Stati Uniti sono nulle. Nessuna delle due centrali regionali sarà propensa a diventare un partner americano a scapito delle relazioni con Russia e Cina. Per loro, relazioni costruttive con la Russia e / o la Cina non sono un’opzione ma una necessità. Gli Stati Uniti detestano ammettere questa realtà geopolitica.

Le leadership dell’Asia centrale sono abituate a ciò che il noto studioso dell’Eurasia presso il Navy War College degli Stati Uniti ed ex redattore della rivista di interesse nazionale, il professor Nikolas Gvosdev definisce il “gap-do-do” nelle politiche regionali degli Stati Uniti – “l’abisso che incombe tra le dichiarazioni retoriche di sostegno e ciò che Washington è effettivamente disposto a fornire concretamente ”.

In una critica incisiva, qui, delle politiche inefficaci degli Stati Uniti nello spazio post-sovietico, il Prof. Gvosdev sostiene che le strategie regionali statunitensi in Eurasia sono più “aspirazionali e simboliche” e non hanno più il sostegno di uno “Sforzo euro- atlantico  unito, concordato  ”.

Gvosdev ha scritto: “Non vi è alcuna particolare base di sostegno pubblico all’interno degli Stati Uniti per rendere lo spazio eurasiatico il punto focale della” grande competizione di potere “.” Soprattutto, “Anche all’interno del governo degli Stati Uniti, siamoguardano ai problemi burocratici e alle battaglie di bilancio prima di decidere su cosa dovrebbe concentrarsi il focus degli sforzi americani “.

Gvosdev conclude che Pechino e Mosca hanno “significativamente più change nel gioco”, come risulta dalla quantità di risorse che portano sul tavolo. È una valutazione realistica di come la nuova strategia americana andrà fino al 2025.

Fonte: The Indian Punchline

traduzione Vietato Parlare