La guerra in Congo, dove i gorilla sembrano essere un modello di sanità mentale

La Repubblica Democratica del Congo è un luogo benedetto e maledetto allo stesso tempo. Da un lato, natura incredibilmente generosa: colline ondulate, terreno fertile e ricchi giacimenti minerari, dall’altro – il secondo paese più povero del mondo, sul cui territorio la guerra imperversa da 20 anni.

Il Congo fu sfortunato fin dall’inizio – la crudeltà, l’avidità e il cinismo delle autorità coloniali belghe sono state raccontate non solo dalla storia ma anche dalla letteratura. La famosa storia di Conrad, The Heart of Darkness, narra di un viaggio nelle profondità della giungla congolese, dove i cacciatori di avorio bianchi costruiscono campi di concentramento in cui gli aborigeni sono spietatamente sfruttati. Durante i primi 30 anni del regno dei belgi, gli indigeni del Congo si sono quasi dimezzati. La storia di Conrad, – che ha avuto anche un celebre riadattamento cinematografico nel film Apocalypse now (1979) di Francis Ford Coppola, che ambienta le vicende durante la Guerra del Vietnam (1960-1975)- si immerge gradualmente nell’atmosfera di totale follia. I belgi del Congo sono ormai lontani e la pazzia non è diminuita.

In questo contesto, nella parte orientale della Repubblica Democratica del Congo, decine di migliaia di donne e ragazze vengono violentate con quasi impunità e con l’uso di una forza brutale.

I criminali possono essere trovati in quasi tutti i lati del conflitto: civili, militanti, gruppi armati, gruppi armati stranieri e membri dell’esercito congolese. Nella maggior parte dei casi, le donne vengono violentate da diverse persone, spesso con l’uso di oggetti che vengono a portata di mano. Molto spesso, le donne vengono violentate proprio di fronte ai loro figli, mariti, parenti o vicini di casa.

Della drammatica e scandalosa situazione in Congo oggi ne ha riparlato oggi Tempi, in un articolo che riprende l’Osservatore Romano: «Stupri, massacri, violenze sui bambini. In Congo è in atto una catastrofe». Il giornale rilancia l’appello del premio Nobel per la Pace Denis Mukwege conosciuto in tutto il mondo anche come “il medico che ripara le donne” e uno dei simboli della lotta alla violenza sessuale.

Il famoso genocidio del 1994 in Ruanda fu la principale causa della guerra civile in Congo. Una breve escursione nella storia: mentre al potere in Ruanda, i rappresentanti della tribù Hutu provocarono un massacro di una minoranza etnica – il popolo Tutsi. In poche settimane, circa un milione di persone furono massacrate – gli hutu furono sterminati dai tutsi 800 volte più intensi di quanto fossero i tedeschi ebrei. Leggendo i dettagli agghiaccianti di questo conflitto, ci si meraviglia di quanto facilmente il processo di disumanizzazione abbia luogo. Alcuni mesi dopo, le forze ribelli Tutsi, con l’appoggio dell’Uganda, cacciarono gli assassini dal paese.

Da allora, il Ruanda è uno stato prospero e le folle di Hutu sono fuggite nella vicina Repubblica Democratica del Congo ( RDC ), dove hanno continuato a uccidere e stuprare, unendosi al gruppo FDLR. Un paio di anni dopo, le truppe ruandesi e ugandesi hanno anche attraversato il confine della RDC per assistere i tutsi locali. Il massacro che i ruandesi hanno scatenato sul territorio del Congo ha avuto le conseguenze più terribili per il paese. Congolesi organizzarono unità di autodifesa, che presto iniziarono a uccidere e stuprare nello stesso modo degli Hutu del Ruanda. A poco a poco, l’intera parte orientale della RDC si trasformò in una zona di combattimento, divisa tra vari gruppi armati. È così che è scoppiata la seconda guerra del Congo, dove sono stati uccise oltre cinque milioni di persone. Un paio di anni dopo, le truppe ruandesi e ugandesi hanno anche attraversato il confine della RDC per assistere i tutsi locali.

Le ragioni economiche sono state aggiunte gradualmente alle cause etniche del conflitto. Il minerale di tantalite viene estratto nel Congo orientale, il suo prodotto finale – tantalio – viene utilizzato nei telefoni cellulari. Molti depositi sono controllati da militanti. Quindi, acquistando minerale a buon mercato, le multinazionali finanziano il macello in Congo. In Occidente, la campagna “Nessun sangue sul mio cellulare!” È andata avanti da molto tempo, ma il mercato del “conflitto minerale” è ancora in crescita.

Secondo i rapporti delle Nazioni Unite, circa 40 donne vengono stuprate ogni giorno nella provincia del Sud Kivu, ma questo è solo un dato ufficiale, almeno 10-20 casi di stupro non vengono semplicemente segnalati. Dal 2005 al 2007, nella provincia sono stati segnalati 14.200 casi di stupro. Nel Nord Kivu, non ci sono statistiche complete, anche se una media di 350 casi sono segnalati ogni mese.

Si fa fatica a parlare di ciò che accade in Congo da 20 anni e non c’è fine in vista. Nella guerra ancora in corso non esiste nessuna vera rivendicazione se non solo l’inumanità e odio. I delitti che compie chiunque abbia un’arma sono indicibili. Tanta efferatezza di massa è inspiegabile e va al di la della violenza sessuale che spesso avviene nelle guerre.

Ora siamo nel 2019 e tutto ciò continua inesorabilmente senza che la Comunità Internazionale intervenga. Mentre in Italia in prima pagina esiste solo Cesare Battisti che è stato catturato in Bolivia ed ora può scontare la pena a cui è stato condannato. Segno che l’informazione e le tecniche psicologiche di massa monopolizzano l’attenzione dove vogliono, come non mai. Davvero l’intervento contro la Libia per il dittatore brutale – mentre il Congo sprofondava nell’abisso – è la misura della falsità che imperversa nel mondo. Davvero il vero problema è nel cuore dell’uomo: senza sentirsi figli di un unico Destino, tutto è possibile.

Chi è il premio Nobel 2018 Denis Mukvege

Denis Mukvege, dopo essersi laureato in Francia con una laurea in ginecologia e ostetricia è tornato nel suo paese natio, il Congo orientale nativo per combattere l’alta mortalità durante il parto. Ma dalla metà degli anni ’90, le donne hanno iniziato a venire da lui con tracce di stupro mostruosi. Il primo di questi pazienti dopo lo stupro di gruppo è stato colpito alla vagina q questa metodica è diventata poi una metodica costante in migliaia di casi. Una volta, le persone armate hanno fatto irruzione nell’ospedale dove lavorava e hanno sparato ai malati nei loro letti – chi erano gli assassini e perché i poveri pazienti erano stati uccisi, il medico non l’ha mai scoperto. Tutti i sensi sono scomparsi da tempo e Mukwege, figlio di un pastore pentecostale, non può comprendere la logica satanica della guerra civile. Il medico si trasferì a Bukavu, dove, insieme alla Missione Pentecostale Svedese, fondò l’Ospedale Panzi. Il flusso delle vittime di stupro stava aumentando. Nel 2011, 1,152 stupri si sono verificati ogni giorno nell’est del Congo, il che significa 48 stupri all’ora.

Foto TPI: Mukwege

Il paese ha ricevuto il titolo di “peggior posto sulla terra per le donne”. Ogni anno le ferite sono diventate sempre più sadiche e l’età delle vittime è diminuita. La più giovane paziente del dottore aveva solo sei mesi. Di conseguenza, Mukwege è diventato il miglior specialista al mondo in lesioni ginecologiche pediatriche e uno dei migliori nel ripristinare le mutilazioni genitali causate dallo stupro di gruppo nelle donne adulte.

Dopo un po ‘di tempo, il medico ha iniziato a ricevere vittime per la seconda, per la terza volta. Quando ha dovuto ricucire una bambina di otto anni violentata che era nata da una sua paziente dopo lo stupro, si è reso conto che si trattava “di una sorta di circolo vizioso di violenza che non può essere interrotto solo con l’aiuto della medicina”. Il medico ha iniziato a richiamare attivamente l’attenzione sul problema, accusando pubblicamente le organizzazioni internazionali e le autorità locali di non agire. Ha lanciato una lotta contro il commercio illegale di minerali, ha criticato il sistema giudiziario corrotto e ha proposto di sciogliere l’esercito regolare in connessione con la sua completa demoralizzazione. (Takiedela)

 

Pubblicità