Israele ha bombardato i ‘propri’? Un articolo di Grey zone porta elementi nuovi

Date:

Non ho esattamente la posizione dell’articolo “US State Dept’s favorite celebrity chef builds Gaza aid dock with stolen rubble “ di  The Grayzone, ma è comunque un bene leggere altre informazioni, in questo tempo difficile per la verità. Quindi, direi che l’articolo che vi segnalo fornisce informazioni nuove, ma attenzione alle conclusioni affrettate.
Il fatto principale è che la WCK ha fornito cibo giornalmente a 150.000 palestinesi. Poi sì, la politica del suo fondatore è quella di acquisire appalti, certo. Ma ci sono sfumature nella realtà, non è tutto bianco o nero. Ben vengano quindi ulteriori informazioni che chiariscono ed inquadrano con più dettagli, ma questa non è la verità assoluta: 

“US State Dept’s favorite celebrity chef builds Gaza aid dock with stolen rubble – The Grayzone”

L’articolo del Grayzone getta luce su un’iniziativa tanto controversa quanto simbolica nel cuore del conflitto israelo-palestinese. José Andrés, un celebre chef spagnolo e ambasciatore culinario del Dipartimento di Stato USA, emerge come figura centrale in un’operazione di aiuto a Gaza, in coordinamento con il governo israeliano e l’amministrazione Biden, che ha sospeso i finanziamenti all’UNRWA, principale fornitore di aiuti all’enclave.

La costruzione di un molo da parte dell’organizzazione di Andrés, World Central Kitchen, utilizzando i detriti di Gaza – con la macabra possibilità che contengano resti umani a seguito dei bombardamenti israeliani – rappresenta non solo un atto di resilienza ma solleva anche interrogativi profondi sull’etica e sulla politica degli aiuti umanitari. L’operazione, denominata “Blue Beach Plan”, si pone come misura temporanea di sostegno alla popolazione affamata di Gaza, in attesa della costruzione di un molo militare USA nel Mediterraneo:

Grey Zone: Sia gli (Stati Uniti) che Israele hanno dato il consenso alla creazione della World Central Kitchen (WCK) perché finanziata da loro, l’obiettivo della (WCK) è quello di prendere il posto dell’UNRWA. Al famoso chef spagnolo José Andrés, legato al dipartimento USA, è stato permesso di costruire un molo al largo della costa di Gaza utilizzando le macerie dell’edificio di Gaza che contiene resti umani”.

Il sostegno mediatico occidentale verso Andrés, contrapposto alla sua accettazione di lavorare sotto l’esplicita autorizzazione militare israeliana, svela una complessa trama di ipocrisia, politiche di potere e una dissonante narrativa umanitaria:

Grey Zone: “L’operazione sembra concepita per servire come misura tampone per fornire quantità minime di cibo alla popolazione di Gaza colpita dalla carestia fino a quando l’esercito americano non finirà di costruire un molo nel Mar Mediterraneo, e un oscuro appaltatore gestito da ex marines americani e funzionari della CIA sarà in grado di per attuare un programma di aiuti chiamato “Piano Blue Beach”. “

L’articolo del Grayzone, pertanto, non si limita a raccontare la storia di un’iniziativa di aiuto; piuttosto, si addentra nelle contraddizioni e nelle sfide morali che caratterizzano l’era contemporanea, dove cibo e l’umanitarismo si intrecciano con la geopolitica in modi inaspettati e talvolta inquietanti:

Grey Zone: “Andrés ha collaborato strettamente con il governo degli Stati Uniti. Dall’inizio del 2023, il celebre chef collabora con il Dipartimento di Stato americano come membro del cosiddetto “American Culinary Corps”, una nuova partnership tra Foggy Bottom e la James Beard Foundation”.

In questo contesto, la figura di José Andrés e le sue azioni diventano un prisma attraverso il quale esplorare le complesse relazioni tra potere, resistenza e l’eterna ricerca di umanità in mezzo al conflitto.

In definitiva, l’articolo di Gray Zoneporta nuove informazioni che sfidano narrazioni convenzionali e espongono interessi nascosti, ma è essenziale valutare tali affermazioni in modo critico e considerare diverse prospettive per ottenere una comprensione completa:

US State Dept’s favorite celebrity chef builds Gaza aid dock with stolen rubble

Patrizio Riccihttps://www.vietatoparlare.it
Con esperienza in testate come il Sussidiario, Cultura Cattolica, la Croce, LPLNews e con un passato da militare di carriera, mi dedico alla politica internazionale, concentrandomi sui conflitti globali. Ho contribuito significativamente all'associazione di blogger cristiani Samizdatonline e sono socio fondatore del "Coordinamento per la pace in Siria", un'entità che promuove la pace nella regione attraverso azioni di sensibilizzazione e giudizio ed anche iniziative politiche e aiuti diretti.

More like this
Related

Attenzione ai reati di diffamazione e di cronaca, l’informazione è a rischio

Il Giornalista Pasquale Napolitano condannato per Diffamazione: un segnale...

Ucraina: nuova mobilitazione stride tra ‘alti principi’ e pratiche meschine

La mobilitazione forzata e la riduzione dell'età minima per...

Che senso hanno le Elezioni Europee?

La UE è un sistema oligarchico. Nel corso della...

Sindaco di Tbilisi: I ministri dell’UE che sono venuti da noi meritavano un “calcio nel culo”

Martedì scorso, il Parlamento della Georgia ha adottato una...
Exit mobile version