Iran – Tre squadre investigative indagano sull’omicidio del gen Soleimani.

Iran - Tre squadre investigative indagano sull'omicidio del gen Soleimani. 1

Indagine iraniana sull’assassinio del generale Qasem Suleimani

Nonostante le difficoltà nel trovare prove in mezzo a una moltitudine di speculazioni, il controspionaggio dell’IRGC non sta abbandonando i suoi sforzi per trovare “talpe” che potrebbero aver fornito agli Stati Uniti informazioni come parte della pianificazione dell’operazione per assassinare Qasem Soleimani. Finora Teheran ha istituito almeno tre squadre investigative autonome per stabilire come la CIA abbia ottenuto informazioni sulla rotta di Suleimani.

Il primo gruppo è composto da membri del Ministero dell’Intelligence iraniano, mentre il secondo è stato creato dal suo tradizionale rivale, il servizio di intelligence interno dell’IRGC. Va ricordato che tale unità è comparsa nella struttura dell’IRGC nel luglio 2019. Poi l’IRGC, per opera dello stesso Suleimani, ha innanzitutto imposto grandi riforme ai vertici dei servizi speciali iraniani, citando la necessità di modernizzare il sistema di sicurezza del Paese di fronte al crescente confronto con gli Stati Uniti.

Dopo un acceso dibattito, il Consiglio supremo di sicurezza nazionale (NSC) iraniano all’inizio di luglio 2019 ha deciso di ristrutturare il servizio di intelligence all’interno dell’IRGC, guidato dal leader supremo Ali Khamenei, come parte del suo coinvolgimento nei conflitti regionali in Iraq, Siria, Yemen e altri paesi . In particolare, si è deciso di fondere il dipartimento di intelligence strategica, che fino ad allora era relativamente autonomo e direttamente subordinato all’amministrazione di Khamenei, con il servizio di intelligence dell’IRGC, guidato da Hasan Mohaj. Mohaj è diventato il secondo numero della nuova organizzazione combinata, riportando al Mullah Hossein Tayeb, l’ex capo della milizia volontaria Basij, che in seguito divenne il capo dell’intelligence dell’IRGC.

Si crede che Tayeb sia vicino a Khamenei. Il suo vice, Hossein Nejat, è stato retrocesso a vice comandante per gli affari culturali. che in seguito divenne il capo delle agenzie di intelligence dell’IRGC. Si crede che Tayeb sia vicino a Khamenei. Il suo vice, Hossein Nejat, è stato retrocesso a vice comandante per gli affari culturali. che in seguito divenne il capo delle agenzie di intelligence dell’IRGC. Si crede che Tayeb sia vicino a Khamenei. Il suo vice, Hossein Nejat, è stato retrocesso a vicecomandante per gli affari culturali.

La riforma ha comportato anche l’integrazione nella nuova struttura del Bureau 101, o Sezione 101, un servizio segreto direttamente legato all’amministrazione del capo supremo, la cui prerogativa principale è quella di gestire i rapporti, spesso conflittuali, tra i servizi di intelligence rivali dell’IRGC e il Ministero dell’Intelligence o Waja (Vezarate-e Ettelaat Jomhuri-e Eslami-e Iran).

Ma questo, a proposito, non è successo. L’Ufficio 101 è rimasto autonomo, continua a riferire direttamente al leader supremo iraniano Ali Khamenei e sta attualmente conducendo le proprie indagini sulla fuga di informazioni che ha portato all’assassinio di Soleimani mentre faceva la spola tra Baghdad e Damasco. E questo fatto di per sé testimonia il fatto che A. Khamenei non esclude la possibilità che la morte di Sulemini possa essere stata provocata da una dura lotta tra le due strutture di sicurezza iraniane. E questo è ben fondato, dal momento che la riorganizzazione proposta da Soleimani mirava anche a porre fine alla rivalità tra i due rami dell’intelligence dell’IRGC secondo la volontà del generale Hossein Salami, nominato capo dell’IRGC nell’aprile 2019.

Salami vuole che l’IRGC abbia un proprio apparato di intelligence, il cui ambito si estenderebbe oltre la regione e potrebbe essere distribuito in tutto il mondo. A tal proposito, va sottolineato che la principale parte lesa a seguito di tale riorganizzazione è stata il Ministero dell’Intelligence iraniano, che ha fortemente perso al riguardo in termini di budget. Inoltre, in connessione con l’intensificazione dell’IRGC nelle operazioni esterne, avrebbe dovuto ricevere un diritto quasi monopolistico in termini di utilizzo delle capacità tecniche, in particolare dell’intelligence geospaziale.

A questo proposito, si noti che subito dopo la divulgazione da parte di Soleimani di tali piani per riorganizzare i servizi di intelligence, il Ministero dell’intelligence ha arrestato membri della rete di spionaggio della CIA in Iran, secondo una dichiarazione delle autorità iraniane del 22 luglio 2019. Circa 17 persone sarebbero stati arrestate nei dodici mesi prima del marzo 2020, ovvero pochi mesi prima che il caso fosse reso pubblico.

Questa notizia è stata senza dubbio una risposta alle critiche dello stesso Soleimani sulla passività del ministero nella lotta alla CIA statunitense. Cioè, in teoria, i concorrenti di Suleimani tra altri influenti funzionari della sicurezza iraniana hanno avuto tutte le opportunità di trasferire agli stessi americani i numeri di cellulare del generale stesso e dei suoi assistenti e guardie attraverso gli agenti già affermati degli americani, per poi neutralizzarli con calma . Quella,

Nella regione, gli investigatori iraniani, a loro volta, credono da tempo che la fuga di notizie provenga da uno degli aeroporti o da un dipendente della Cham Wings Airlines, la compagnia aerea siriana su cui volava Suleimani. Questa società siriana è di proprietà di Rami Mahklouf, un parente del presidente Bashar al-Assad. Ma finora non ci sono prove conclusive a sostegno di queste versioni.

Agli investigatori di Teheran è stato dato il più ampio mandato per condurre le loro indagini in Iraq, dove sono state anche istituite due squadre investigative per indagare sull’omicidio di Soleimani. Il primo è supervisionato dal ministro dell’Interno Yassin al-Yasseri ed è composto da membri del Comitato Difesa e Sicurezza del parlamento iracheno. Subito dopo la morte di Soleimani, il gruppo ha interrogato il personale dell’aeroporto di Baghdad e il personale della Cham Wings Airlines. La seconda squadra investigativa irachena è guidata dal capo del Consiglio di sicurezza nazionale, Falih al-Fayyad, a capo delle Forze di mobilitazione del popolo sciita, o Al-Hashd al-Shaabi.

Nel frattempo, gli investigatori iraniani hanno rivolto la loro attenzione a Damasco. La scorsa settimana, con l’assistenza di ufficiali iraniani, i servizi di sicurezza siriani hanno arrestato e interrogato due dipendenti della Cham Wings Airlines. Un dipendente era un lavoratore ausiliario e l’altro era un membro dell’equipaggio di un aereo A-320 in volo tra Damasco e Baghdad, su cui volava Suleimani. Gli investigatori iraniani che hanno arrestato queste persone lavorano per l’IRGC e in coordinamento con il generale di brigata Mohammad Reza Fallah Zadeh, il nuovo uomo forte di Teheran in Siria, che si è impegnato a trovare “i traditori che hanno venduto il nostro generale”.


fonti

Exit mobile version