Il capo dell’esercito israeliano (IDF) riconosce che Israele ha fornito armi ai militanti siriani

Il comandante uscente dell’esercito israeliano, Gadi Eisenkot ha ammesso apertamente che Israele ha supportato e pagato dei gruppi terroristici sul confine israeliano e a sud della Siria (gruppi come Fursan al-Jawlan ed altri come il gruppo “Jaish Khalid Ibn Walid”, affiliato ad Isis, di cui l’articolo stranamente non parla). Ricordo che precedentemente era già stato comunque accertato che l’esercito israeliano (Idf) ha fornisce ai terroristi logistica, equipaggiamenti, munizioni, supporto sanitario ed in alcuni casi ha dispensato il salario (Wall Street Journal). Tutto ciò è abbondantemente provato: esiste un dettagliato rapporto stilato nell’arco di 18 mesi dalle forze di mantenimento della pace dell’Onu (Undof) dislocate nelle alture del Golan occupate. Nel report viene descritto chiaramente che l’esercito israeliano ha avuto “contatti regolari con i ribelli siriani, compresi i militanti dello stato islamico” (vedi qui e qui). Queste collaborazioni sono state documentate finché le forze Onu non sono state cacciate nel 2014 perché testimoni scomodi.
L’interesse più grande per Israele è la presa di Israele sulle alture del Golan, in particolare se i nativi siriani e popolazione drusa accettassero la cittadinanza israeliana su una scala più ampia. L’articolo che segue comunque – una traduzione che riprende un articolo del Sunday Times- 
affronta solo l’ammissione del supporto ai terroristi. Chi volesse affrontare in modo specifico questo tema, il mio blog  ed altre fonti se ne sono occupate in precedenza. Alcuni hanno commentato che Israele stesso è terrorista, lascio ad ognuno le valutazioni personali: è indubbio che atti illegali come omicidi extragiudiziali attacchi a paesi sovrani (l’ultimo attacco aereo su Damasco ieri), l’occupazione delle alture del Golan ( invalidata dalla risoluzione 497 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite il 17 dicembre 1981), conseguente depredazione delle risorse come  (scoperta del petrolio sulle alture del Golan e risorse idriche) e altro, non possono essere considerati diversamente.  Ma – a mio giudizio – su questi argomenti si può cambiare qualcosa solo facendo informazione, ed un passo è l’ammissione pubblica del comandante IDF. 

@vietatoparlare

Guerra in Siria/23 febbraio 2020

In un’intervista con il britannico Sunday Times , il comandante uscente dell’esercito israeliano, Gadi Eisenkot, ha riconosciuto  per la prima volta che – durante la guerra civile che è durata più di otto anni –  Israele aveva effettivamente fornito armi ai gruppi ribelli siriani sulle alture del Golan.

Fino a domenica, Israele aveva solo ufficialmente riconosciuto di aver fornito aiuti umanitari ai gruppi di opposizione siriani oltre confine, negando o rifiutando di commentare le notizie secondo cui avrebbe anche fornito loro come aiuti, armi.

Questa settimana, in  un’intervista con il British Sunday Times, prima di terminare il suo mandato come capo di stato maggiore , Eisenkot ha affermato che Israele aveva effettivamente fornito armi leggere ai gruppi ribelli lungo il confine, dicendo che era  “per autodifesa”.

La fornitura di armi da parte di Israele a questi gruppi di opposizione è stata segnalata per anni (sia dall’esercito siriano, mirato a screditare i ribelli come tirapiedi sionisti, sia dai gruppi di opposizione interessati estendere la loro cooperazione con Israele nella lotta contro il leader siriano Bashar al-Assad) ma non è mai stato confermato da funzionari israeliani.

La confessione di Eisenkot sul Sunday Times sembrava far parte di un movimento più ampio all’interno dell’establishment militare e di difesa israeliano per dimostrarsi più aperto sulle attività dell’esercito israeliano contro l’Iran in Siria.

Mentre il capo dell’esercito uscente conduce interviste con media israeliani e internazionali, sono emerse sempre più informazioni precedentemente classificate sulla lotta dell’IDF contro l’asset militare iraniano in Siria.

Nelle sue apparizioni sui media, Eisenkot ha riconosciuto che l’IDF aveva effettuato centinaia di incursioni in Siria (in alcune interviste, il numero indicato era 200, in altre 400) e aveva lanciato 2000 bombe su soli obiettivi iraniani nel 2018.

” Abbiamo effettuato migliaia di attacchi [negli ultimi anni] senza assumerci la responsabilità e senza chiedere il riconoscimento ” , ha dichiarato il capo dell’esercito israeliano al Sunday Times .

Il primo ministro uscente Benjamin Netanyahu ha anche abbandonato la politica di “riconoscimento generale e ambiguità specifica” in Siria, in base alla quale Israele afferma di condurre operazioni in Siria, senza attribuirsi gli attacchi individuali.

Domenica Netanyahu ha dichiarato che due giorni prima l’IDF ha bombardato il deposito di armi iraniane all’aeroporto internazionale di Damasco.

Tuttavia, il riconoscimento del sostegno di Israele ai gruppi ribelli in Siria è stato molto irregolare, poiché per anni funzionari israeliani hanno ripetutamente affermato che il paese non è coinvolto in combattimenti interni in Siria. Si scopre ora – alla luce delle osservazioni di Eisenkot –  che questa era una menzogna manifesta .

Ma mentre il tema del sostegno ai gruppi di opposizione non è stato pubblicizzato nello stato ebraico, i media all’estero hanno riferito liberamente sulla questione.

A settembre la rivista Foreign Policy ha riferito  che Israele aveva segretamente fornito armi e fondi ad almeno 12 gruppi ribelli siriani  al fine di fare guerra preventiva contro le forze sostenute dall’Iran e i jihadisti dell’ISIS [come se gruppi armati non fossero tutti terroristi] a stabilirsi lungo il confine.

Il rapporto, citando interviste con molte figure ribelli, afferma che il sostegno israeliano includeva il pagamento di uno stipendio di $ 75 al mese ai combattenti come incentivo alla ribellione oltre alle forniture di armi e altro materiale ai gruppi.

Israele ha fatto queste affermazioni ma in quel momento non ha commentato il rapporto.

La politica estera ha affermato che il sostegno di Israele ai gruppi ribelli è iniziato nel 2013, sotto forma di finanziamento ai  gruppi in luoghi come Quneitra e Deraa. Questo sostegno sarebbe terminato quest’estate, poiché le forze governative stavano avanzando e guadagnando sempre di più nella Siria meridionale contro i ribelli. Le truppe del presidente siriano Bashar al-Assad hanno riguadagnato il controllo dell’area di frontiera a luglio 2018.

Nel 2013 l’ esercito siriano ha dichiarato di aver sequestrato armi israeliane.

Il rapporto afferma che Israele ha inviato armi ai gruppi ribelli, tra cui fucili d’assalto, mitragliatrici, lancia-granate e veicoli. Israele originariamente ha inviato fucili M16 fabbricati negli Stati Uniti ai ribelli che non avrebbero però identificato Gerusalemme come la fonte, e poi ha iniziato a fornire armi e munizioni del carico iraniano al gruppo libanese di Hezbollah che Israele ha sequestrato nel 2009.

Il rapporto ha osservato che il sostegno totale di Israele era basso rispetto al finanziamento e al sostegno che  altre parti interessate, tra cui Qatar, Arabia Saudita, Turchia e Stati Uniti, hanno mandato ai gruppi militanti.

Sebbene non abbia mai commentato gli aiuti militari ai ribelli, Israele ha rivelato l’anno scorso l’entità del suo aiuto umanitario in Siria , che includeva il trattamento di bambini con malattie croniche che non avevano accesso a ospedali, costruzione di dispensari in Siria e fornitura di centinaia di tonnellate di cibo, medicine e vestiti ai villaggi dilaniati dalla guerra oltre confine. [Ti farebbe quasi venire le lacrime agli occhi, se fossi abbastanza credulone da crederci.]

Inizialmente Israele dal 2013 ha fornito assistenza medica ai combattenti siriani feriti nella guerra, curando diverse migliaia di persone negli ospedali da campo al confine e negli ospedali pubblici, principalmente nel nord di Israele.

Ma i militari hanno rivelato che, da giugno 2016, ha lavorato discretamente all’operazione Bon Voisin, un’operazione umanitaria dalle molteplici sfaccettature, volta a rimuovere la carestia dalle migliaia di siriani che vivono lungo il confine e a fornire assistenza medica di base per coloro che non sono stati in grado di accedervi in ​​Siria a causa della guerra. [Non è uno scherzo.]

Il programma si sarebbe concluso quest’estate con il ritorno delle forze governative di Assad nell’area di confine.

fonte: il capo dell’IDF riconosce finalmente che Israele ha fornito armi ai ribelli siriani

traduzione: vietatoparlare

via https://lecridespeuples.fr/2020/02/22/syrie-israel-admet-officiellement-avoir-fourni-des-armes-aux-rebelles/