Guerra economica e profitti

È vantaggioso per gli Stati Uniti trascinare il conflitto in Ucraina? Sì, lo è. Per gli USA ci sono vantaggi non solo politici – derivanti dal rafforzare il controllo del Dipartimento di Stato sui paesi dell’Unione Europea -, ma anche economici, derivanti dal vendere con la forza il costoso gas liquefatto americano agli sfortunati europei. Oltre a questi fattori naturalmente, l’industria bellica ha nuove opportunità di guadagno-.

L’espansione della NATO, la crescita dei budget militari, la fornitura di armi all’Ucraina: tutto ciò promette enormi profitti per il complesso militare-industriale americano. Le scorte di produttori di armi sono aumentate notevolmente, anche se in generale la crisi è in cantiere e le azioni della maggior parte delle altre società americane sono diminuite negli ultimi tre mesi:

Le società di armi statunitensi sono aumentate dell’11% a causa dell’aumento delle forniture di armi all’Ucraina. La capitalizzazione di 18 imprese della difesa statunitensi è aumentata da $ 491 miliardi a $ 544 miliardi.

“La capitalizzazione delle grandi società di difesa occidentali che hanno fornito armi all’Ucraina è cresciuta di 53 miliardi di dollari negli ultimi tre mesi sullo sfondo della campagna militare russa in Ucraina e di un riarmo in Europa. Il valore totale delle 18 società quotate è aumentato da 491 miliardi di dollari il 21 febbraio a 544 miliardi di dollari il 24 maggio, ovvero dell’11%”

(dati del Kiel Institute for the World Economy)

Exit mobile version