Ucraina: guerra ma anche land grabbing e OGM

In Ucraina, da 8 anni gruppi stranieri portano avanti le cosiddette riforme, volte a distruggere lo stato e la popolazione nel suo insieme. Le riforme mediche e pensionistiche e dell’istruzione, ne sono un esempio. L’economia ucraina è completamente distrutta, l’agricoltura, l’industria sono già state distrutte: le aziende di costruzione di macchine utensili, la scienza missilistica, la cantieristica navale, semplicemente non esistono più.

Tutte le leggi e le riforme disastrose per il Paese sono adottate da deputati e membri del governo, e queste iniziative sono sostenute e consolidate attraverso i media da organizzazioni pubbliche, agenti di influenza che da 8 anni servono fedelmente Soros, i Democratici statunitensi e la UE, che hanno aiutato a creare l’esperimento politico dell’Ucraina odierna.

Come per l’Italia la ‘modernizzazione’ dell’Ucraina passa per le ‘privatizzazioni’

Nel dopo Maidan, insieme alle riforme occidentali ben espresse dalle Open Society di Soros dal lato economico sono partite le privatizzazioni. Furono proprio per queste ultime che l’attuale classe politica fu portata al potere.

In merito all’influenza che i governi occidentali esercitano su Kiev, è interessante – come ricorda l’Istituto Oukland –  che l’indomani del ‘maidan’ “ tre dei più importanti ministeri sono stati assegnati a persone nate all’estero, ai quali la cittadinanza ucraina era stata concessa solo poche ore prima della loro nomina”.

 Per svendere il paese e l’ultima e più preziosa risorsa ucraina: la terra. Che questo sia già stato deciso dall’inizio e che l’attuale presidente Zelensky si sia battuto per contrastare è indifferente, abbiamo visto in Italia – con il Movimento 5 stelle e C. – , come certe personalità si sciolgono come neve al sole di fronte a lusinghe e ricatti (… e figuriamoci con una guerra in atto… ).

La maggior parte delle terre privatizzate in mano a CArgill, Dupont e Monsanto

Sta di fatto che oggi il profitto di una grandissima parte della terra fertile in Ucraina – pari a 17 miliardi di ettari di terreno agricolo coltivabile – è in mano principalmente a grandi imprese private straniere:  CArgill, Dupont e Monsanto. A loro volta gli azionisti di queste società sono Vanguard, Blackrock, Blackstone. Queste tre multinazionali controllano nello stesso tempo le più importanti banche e le maggiori industrie belliche del mondo. In merito, il partito tedesco Die Linke già nel 2015 aveva  denunciato   come “il conflitto ucraino venisse utilizzato per vendere le terre a profitto dei grandi consorzi”.

Anche la leader del partito Batkivshchyna, Yulia Tymoshenko, nel luglio avvertiva che 2021 che “lo stato ucraino perderà il controllo di gran parte dei suoi terreni agricoli” e, secondo l’ex ministro dell’Economia Viktor Suslov, “il settore agricolo cadrà nelle mani di società straniere, minacciando la sicurezza alimentare dell’Ucraina” (cit. Eadaily.com).

La situazione è quindi questa: della terra ucraina coltivabile pari a circa 60 milioni di ettari ( https://greenreport.it/news/inquinamenti/guerra-e-landgrabbing-ucraina-die-linke-terre-svendute-per-piantarci-ogm-proibiti-nellue/ ).  17 milioni di ettari sono in locazione ad aziende straniere.

L’istituto Oakland riferisce che ha esaminato questa scalata in due relazioni: The Corporate Takeover of Ukrainian Agriculture e Walking on the West Side : The World Bank and the FMI in the Ukraine Conflict.

Altri milioni di ettari tra i terreni adatti all’uso agricolo sono stati privatizzati da tempo. In Ucraina ci sono cinque o sei latifondisti qui che hanno il possesso di milioni di ettari. Tra questi, Andrey Verevsky (Kernel), Oleg Bakhmatyuk,  (Ukrlandfarming), Oleg Kosyuk (Myronivsky Hliboproduct). 

Moratoria sul divieto di vendita dei terreni nel 2021 ma prima locazioni a gogò

E’ interessante che uno dei principali fattori della crisi che ha portato alle sanguinose proteste e infine alla destituzione del Presidente Viktor Yanukovich a febbraio 2014 è stato il rifiuto di quest’ultimo di firmare l’accordo di associazione con l’Unione europea (UE), finalizzato allo sviluppo del commercio e all’integrazione con l’Unione europea. Legato a questo accordo era un prestito all’Ucraina del fondo monetario (FMI).

Dieci mesi prima che le truppe russe entrassero in Ucraina, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha firmato una legge che consente la vendita privata di terreni agricoli, revocando una moratoria in vigore dal 2001.

La precedente amministrazione dell’Ucraina ha imposto una moratoria per fermare l’ulteriore privatizzazione di comunità e piccole fattorie che sono state acquistate dagli oligarchi e concentrate in sempre meno mani. Come documentato in una serie decennale di rapporti critici dell’Oakland Institute con sede in California, la moratoria sulle vendite di terreni in Ucraina aveva lo scopo di impedire l’acquisizione e il consolidamento di terreni agricoli nelle mani della classe degli oligarchi nazionali e di società straniere.

Il fattore più importante che ha predeterminato il destino del suolo nero ucraino è la richiesta inequivocabile di revocare la moratoria sulla vendita di terreni da parte dei rappresentanti della missione del FMI, che nel 2019 è venuta a Kiev dettare condizioni per il prestito di 8 miliardi di dollari. Questo divieto è stato abolito nel 2020. ( https://www.ansa.it/nuova_europa/it/notizie/rubriche/altrenews/2021/07/02/ucraina-abolito-dopo-20-anni-divieto-di-vendita-dei-terreni_5f5e1d3a-d354-4dad-99b3-c2842304bea4.html ).

Introduzione di coltivazioni OGM in Ucraina

Inoltre, i termini del prestito del FMI richiedevano all’Ucraina di revocare anche il divieto sulle colture geneticamente modificate e di consentire a società private come la Monsanto di piantare semi OGM e irrorare campi con Monsanto Roundup. Pertanto, la Monsanto spera di rompere il boicottaggio di un certo numero di paesi europei contrari al mais e alla soia geneticamente modificati.

I successi agricoli dell’Ucraina sono fondamentali per la sua economia e la capacità di ridurre la dipendenza dalla Russia, come spiegato dal New York Times nel maggio 2014. Il Times continua: “Gli interessi occidentali stanno spingendo per il cambiamento… Come parte del (accordo di prestito del FMI), il governo deve attuare riforme aziendali che “permettano all’agrobusiness e ad altri settori aziendali di operare liberamente.

L’agricoltura statunitense si basa su due risorse primarie: il lavoro agricolo migrante e le monocolture in crescita di mais, soia e altre colture geneticamente modificate progettate per resistere e quindi essere saturate dall’erbicida Roundup della Monsanto che causa il cancro. Il processo di regolamentazione del governo è rotto se mai ha funzionato correttamente: aziende come Monsanto, Bayer, Dow, DuPont, Syngenta, Novartis, BASF e altri produttori di pesticidi e farmaceutici possono nascondere la verità sui pericoli dei loro prodotti. Inoltre, il grano non serve solo per pane e farina, ma anche per alcol, carburante e mangime per il bestiame. Poiché più della metà del tonnellaggio coltivato in Ucraina l’anno scorso non è mai stato destinato al consumo umano diretto, il deficit interesserà altre aree dell’economia

Altro aspetto: la Russia è contraria all’OGM.  nel giugno 2015, il vice primo ministro russo Arkady Dvorkovich ha annunciato che la Russia non avrebbe utilizzato la tecnologia GM per migliorare la produttività agricola. “La Russia ha preso una strada diversa. Non utilizzeremo queste tecnologie”, ha affermato Dvorkovich ( nel giugno 2016 la Duma di Stato russa ha approvato un disegno di legge del governo che vieta la coltivazione e l’allevamento di piante e animali geneticamente modificat).

Sei anni fa, il presidente russo Vladimir Putin ha cercato di sfruttare le opportunità economiche associate alla coltivazione di cibo opponendosi all’agricoltura geneticamente modificata e all’erbicida Roundup della Monsanto, l’erbicida più utilizzato al mondo; ha avviato un programma per eliminare i pesticidi e le colture geneticamente modificate nei campi della Russia. L’obiettivo era superare gli Stati Uniti e il Canada come numero uno e due esportatori di grano al mondo passando alla produzione biologica, che è particolarmente importante in Europa con le sue leggi più severe sull’importazione e la coltivazione di OGM.

Leticia Goncalves, che ha guidato le operazioni della Monsanto in Europa e Medio Oriente per un decennio, non si è preoccupata delle nuove leggi russe che vietano gli OGM ei pesticidi. “Continuiamo a vedere l’Ucraina e la Russia come opportunità a lungo termine per la nostra attività e vogliamo assicurarci di essere in grado di accelerare la crescita della nostra attività nonostante le sfide geopolitiche e macroeconomiche a breve termine”. (Reuters)

L’ex segretario di Stato Henry Kissinger, autore di molti articoli sulla politica estera degli Stati Uniti, ha descritto gli aiuti americani in questo modo: “Dare aiuti alimentari a un paese solo perché sta morendo di fame è una ragione piuttosto debole”. Per Kissinger, l’elusione del cibo e la distribuzione selettiva dovrebbero essere usate come armi per raggiungere gli obiettivi di politica estera degli Stati Uniti. (Fonte: newyorker.com)

Negli Stati Uniti, figure potenti come Hillary Clinton, Bill Gates, l’ex presidente Barack Obama e l’attuale presidente Joe Biden hanno respinto le richieste della coalizione anti-OGM.

Da parte sua Putin ha affermato di vedere un futuro in cui la Russia diventerà “il più grande fornitore mondiale di alimenti biologici di alta qualità e rispettosi dell’ambiente”.  Ha esortato il Paese a diventare completamente autosufficiente nella produzione alimentare: “Non siamo solo in grado di sfamare noi stessi data la nostra terra e dalle  risorse idriche; La Russia è in grado di diventare il più grande fornitore mondiale di prodotti alimentari sani, rispettosi dell’ambiente e di alta qualità, che i produttori occidentali hanno perso da tempo, soprattutto considerando che la domanda di tali prodotti sul mercato mondiale è in costante crescita”.

Sullo sfondo di tutto questo,  la risposta ucraina – che ha acconsentito all’OGM –  è stata una risposta completamente diversa . Il 31 marzo 2021 la Verkhovna Rada ha approvato una legge sulla circolazione dei terreni agricoli, che prevede ai soli ucraini il diritto di acquistare terreni . Tuttavia – come è successo con i ministri menzionati all’inizio di questo articolo-  non credo che sia cosa difficile servirsi di prestanome in paese in cui la corruzione è ancora così dilagante (nel 2016 l’Ucraina era al 117° posto su 176 paesi esaminati, dopo Sierra Leone e Nepal).

Per quando riguarda la Monsanto, alla fine di febbraio 2017, meno di due anni dopo che la coltivazione di piante e animali geneticamente modificati era stata vietata in Russia, il primo impianto della Monsanto poteva aprire nella regione di Kirov vicino al villaggio di Oktyabrsky (distretto di Zuevsky).

Quindi oltre alle motivazioni che conosciamo molto scarne c’è stata ed è tuttora una battaglia globale altrettanto grande ma nascosta sul grano OGM, la proprietà della terra e il suo uso, nonché la scarsità ed il predominio alimentare.

Basti pensare che nel maggio 2013, la Monsanto ha annunciato l’intenzione di investire 140 milioni di dollari in una pianta di semi di mais non OGM in Ucraina, e Vitaliy Feschuk, rappresentante della Monsanto in Ucraina ha confermato che ” lavoreremo con semi regolari”. solo perché “solo i semi ordinari sono consentiti per la produzione e l’importazione in Ucraina”.

Ma poco prima del mese di novembre 2013, sei grandi associazioni agrarie ucraine hanno preparato bozze di emendamento alla legge, insistendo sulla “creazione, test, trasporto e uso di OGM in termini di legalizzazione dei semi OGM”.

Il rapporto dell’Auckland Institute e l’articolo di Nelson’s Ecologist sono devastanti e rivelano l’intensa rivalità USA – Russia che si è trasformata in una guerra aperta in Ucraina.

E non finisce qui. L’organizzazione no-profit americana Food & Water Watch ha analizzato i cavi quinquennali dal 2005 al 2009 pubblicati da WikiLeaks, che mostravano che il Dipartimento di Stato americano stava facendo pressioni sui governi di tutto il mondo per conto della Monsanto e di altre società biotecnologiche come DuPont, Syngenta, Bayer e Dow… Il 14 maggio 2013 è stato pubblicato il programma Ambasciatori della biotecnologia: come il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti sta portando avanti l’agenda globale dell’industria delle sementi (vedi: foodandwatereurope.org).

2021, non sono inseriti i contratti di locazione per 17 milioni di ettari

Ucraina in vendita

Ma torniamo al divieto di vendita dei terreni alle multinazionali. Quindi prima del 2020 le multinazionali private era precluso il possesso e lo sfruttamento del terreno agricolo ucraino? No, non esattamente. Come riferisce l’organizzazione Landmatrix che raccoglie dati del land grabbing in tutto il mondo, sebbene il land grabbing fino al 2021 era vietato, le multinazionali hanno potuto evitare le restrizioni attraverso i contratti di locazione (vedi qui:  https://landmatrix.org/resources/country-profile-ukraine/ ). Poi successivamente, con la abolizione della moratoria, le vendite sono aumentate esponenzialmente.

Oggi, le strutture di Soros – e gli stati e i gruppi di interesse che lavorano in sinergia con esse – controllano la maggior parte delle risorse mediatiche ufficiali e non ufficiali dell’Ucraina (https://www.opensocietyfoundations.org/newsroom/the-open-society-foundations-in-ukraine) e una parte significativa, se non la maggioranza, sia dei deputati del Parlamento ucraino (Verkhovna Rada) che dei membri del governo.

Alla luce di questi fatti, la vendita del frumento all’esterno dell’Ucraina è in gran parte ad esclusivo vantaggio economico dei privati stranieri e delle politiche da loro portate avanti.  E l’Istituto Oukland diceva già nel 2015 che “Tutti gli aspetti della filiera agricola, dalla produzione di sementi e altri fattori fino all’effettiva spedizione dei prodotti stessi all’estero, sono  sempre più sotto il controllo di aziende occidentali”.

Alla luce di questa breve disamina, appare tristemente curioso l’enfasi con cui i media trattano l’argomento ‘grano ucraino’, senza nulla dire di questa situazione.
Molto probabilmente le lotte commerciali e le biotecnologie (vedi anche qui: https://theecologist.org/2014/sep/11/ukraine-opens-monsanto-land-grabs-and-gmos ) – anche se non ne esauriscono da sole le spiegazioni – non sono aliene rispetto agli eventi in corso.

VPNews

***

informazioni su introduzione OGM in Ucraina: covertactionmagazine, wikleaks e varie fonti 

 

Exit mobile version