Home Attualità Generale Wesley Clark nel 2007 sulla politica estera degli Stati Uniti

Generale Wesley Clark nel 2007 sulla politica estera degli Stati Uniti

0

L‘ex comandante delle forze della NATO in Europa, il generale Wesley Clark – nel 2007 sulla politica estera degli Stati Uniti:

Immediatamente dopo l’11 settembre 2001, circa dieci giorni dopo l’11 settembre, ho attraversato il Pentagono e ho visto il segretario alla Difesa Rumsfeld e il vice segretario alla Difesa Wolfowitz. Sono andato al piano di sotto solo per salutare alcune delle persone dello stato maggiore congiunto che lavoravano per me e uno dei generali mi ha chiamato e mi ha detto “signore dovrebbe venire a parlarmi un secondo” ho detto “beh, Lei è troppo occupato“, ha detto, “No, no, abbiamo deciso di entrare in guerra con l’Iraq“. Era intorno al 20 settembre. Ho chiesto: “Perché combatteremo contro l’Iraq?” Ha risposto: “Non lo so. Penso che non sappiano cos’altro fare”.

Poi ho chiesto: “Hanno trovato qualche informazione che colleghi Saddam ad al-Qaeda?”, Ha detto: “No, no, niente di nuovo, hanno appena deciso di entrare in guerra con l’Iraq. Penso che sia come se non sapessimo cosa fare con i terroristi, ma abbiamo un buon esercito e possiamo distruggere i governi. Penso che se l’unico strumento che hai è un martello, ogni problema dovrebbe sembrare un chiodo”. Quindi sono tornato da lui qualche settimana dopo e a quel punto stavamo bombardando l’Afghanistan, ho detto “Combatteremo ancora in Iraq?” e lui ha detto “Oh, è anche peggio” si è avvicinato alla sua scrivania e ha preso un pezzo di carta, ha detto: “Ho appena ricevuto questo oggi da una riunione al piano di sopra nell’ufficio del Segretario della Difesa. Questo è un memorandum che descrive come distruggeremo 7 paesi in 5 anni, a partire dall’Iraq, poi Siria, Libano, Libia, Somalia, Sudan e finendo con l’Iran”. Ho chiesto se fosse classificato, ha detto “sì, signore”

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Exit mobile version