Marzo 2019, 8° anniversario inizio guerra Nato/Libia anno 2011 – le forze di terra arabe e mercenarie coinvolte (parte 2)

PARTE 2  (parte 1 qui)

Lega dei paesi arabi

Pubblicità

Sudan

Per decenni, le relazioni tra Libia e Sudan sono radicalmente cambiate a seconda dei cambiamenti (prima di tutto) dell’umore del dittatore libico. Alla fine degli anni ’80, la Libia ha donato una grande quantità di armi al Sudan, compresi gli aerei da combattimento MiG-23, mentre alcuni anni prima dello scoppio della guerra in Libia, Gheddafi aveva già sostenuto i ribelli nel Darfur.

All’inizio dei disordini in libia, il regime sudanese, iniziò prontamente a fornire assistenza ai ribelli [libici], consegnando armi sovietiche e cinesi attraverso l’Egitto. Tuttavia, l’intervento militare diretto delle truppe sudanesi si è rivelato molto più prezioso, il che ha portato al sequestro della città libica di Kufra a più di 300 chilometri dal confine con il Sudan! Dopo l’inizio della guerra civile libica, la città di Kufra passò sotto il controllo delle forze di opposizione Gheddafi.  Tuttavia, il 28 aprile 2011, Kufra è stata di nuovo sotto il controllo delle forze fedeli al colonnello Gheddafi, senza molta resistenza da parte dell’opposizione. Dopo aver ricevuto informazioni sul grado di intervento sudanese, le autorità libiche hanno espulso il 1 maggio 2011 l’intero consolato sudanese di Kufra. Ma ciò non fermò in alcun modo il successivo intervento diretto delle truppe sudanesi. Kufra fu attaccata da tre lati e come risultato le forze lealiste furono sconfitte. Il 6 maggio 2011, Kufra e la vicina base militare furono catturate e trasferite sotto il controllo delle forze ribelli.

Un ulteriore intervento sudanese è stato condotto principalmente da agenti dei servizi segreti sudanesi, che si sono limitati a trovare e fornire alla NATO le informazioni più preziose sulle forze governative nella parte orientale e meridionale del paese. Inoltre, le informazioni fornite dai sudanesi hanno portato alla cattura di Saif Al Islam Gheddafi. È interessante notare che il servizio di sicurezza libico era considerato uno dei peggiori nel mondo arabo. Ad esempio, i domestici dei funzionari dei servizi segreti erano spesso stranieri, e molti appartamenti e case vacanza erano gestiti da visitatori provenienti dal Sudan. Si può solo immaginare quanti di loro fossero agenti dei servizi segreti sudanesi che hanno svolto un ruolo importante nella guerra civile.

Qatar

Il Qatar è stato il primo paese arabo a fornire aerei per le pattuglie autorizzate dalla zona no-fly ONU sulla Libia. Allo stesso tempo, equipaggiamento, cibo e armi per centinaia di milioni di dollari (e denaro!) Sono stati mandati dalla capitale del Qatar da Doha a Bengasi dall’inizio di marzo 2011. Le consegne del Qatar hanno coperto il 100% del fabbisogno di carburante della Libia orientale per un mese e mezzo, a maggio 2011, tramite Salah Fuad, un ingegnere petrolifero della città portuale di Tobruk.

L’apice di tutto è stato l’invio da parte dell’Emiro del Qatar di forze speciali e forze di terra regolari del Qatar per addestrare gli insorti e partecipare alle ostilità. Già dopo la vittoria della Coalizione, il capo dello stato maggiore del Qatar, il maggiore generale Hamad bin Ali al-Atiyah, ha dichiarato: Eravamo con loro (i ribelli) e centinaia di Qatarioti erano presenti in ogni regione libica. La formazione e le comunicazioni erano nelle mani del Qatar. Il Qatar ha guidato i piani dei ribelli, perché erano civili e senza la necessaria esperienza militare. Eravamo il collegamento tra i ribelli e le forze della NATO “. Il Qatar ha ammesso tutto questo dopo la fine della guerra.

Le cifre relative al numero di partecipanti dell’esercito del Qatar possono essere alquanto esagerate, ma è possibile che il Maggiore Generale abbia anche compreso nel totale numerico anche i mercenari del Qatar di altri paesi. Dopotutto, solo dalla Tunisia, nel 2011 sono state assegnate 400 persone alla polizia e alle truppe del Qatar. Si può solo immaginare quanti mercenari provenivano da altri paesi arabi e musulmani. È molto probabile che molti di loro siano andati in guerra in Libia.

Un team di una squadra di 60 militari  del Qatar – ha testimoniato il colonnello stato maggiore del Qatar Hamad Abdullah Al-Marri – ha organizzato i ribelli nei centri di Bengasi, e in seguito, a Tripoli, . Il colonnello al-Marri ha anche detto che durante gli allenamenti dei ribelli, ha interagito con 30 ufficiali di collegamento della NATO , tra cui inglesi, francesi e diversi americani.

Mentre il Qatar giustamente merita un punteggio elevato per l’addestramento e l’armamento delle forze principali dei ribelli, viene confermata anche la sua partecipazione agli scontri diretti. Durante l’attacco decisivo del quartiere Bab Al-Aziziya , la base principale di Gheddafi a Tripoli, le forze speciali del Qatar sono state avvistate in prima linea. Un video ampiamente noto di diversi uomini armati del Qatar (vestiti da civili) che celebravano e aprivano la bandiera del Qatar all’ingresso dell’ambasciata del Qatar si vede nella città appena conquistata di Tripoli.

Forze speciali del Qatar che schierano la bandiera del Qatar presso l’ambasciata del Qatar a Tripoli

Giordania

Il paese, le cui forze armate sono meritatamente riconosciute come una delle migliori in Medio Oriente, ha inviato un certo numero di forze speciali in Libia. Nonostante la mancanza di dati accurati sul loro numero, secondo il Capo del Comitato britannico, il generale Sir David Richards, che, commentando la partecipazione dei combattenti delle forze speciali  nel conflitto, ha confermato che “l’integrazione di Qatar, Emirati e Giordania era molto importante”.

Inoltre, la Giordania ha inviato alcune armi pesanti al fronte libico, tra cui almeno due carri armati Centurion,

La prima foto è stata scattata il 09/08/2011 a El Hanfouz, a est di Sirte

La prima foto è stata scattata il 09/08/2011 a El Hanfouz, a est di Sirte

La seconda foto conferma che almeno parzialmente l’equipaggio del carro armato era giordano.

Oltre ai carri armati Centurion, la Giordania  ha inviato un certo numero di veicoli blindati Ratel 20 alla Libia . Diverse fotografie di questi Rathel sono apparse su Internet:

Inizialmente si presumeva che i dati del BTR (o dei BTR)fossero del Qatar, perché uno di questi era visibile la bandiera del Qatar.

Tuttavia, il Qatar non è mai stata possessore dei Ratel (s), al contrario della Giordania, che ha acquistato più di 300 veicoli blindati di questo tipo. È molto probabile che la Giordania abbia messo in campo i  Rathel e i giordani, insieme al Qatar e ai ribelli, li abbiano usati in battaglia.

Egitto

Vestito in abiti civili , in un numero non inferiore a  100, i commando delle forze speciali egiziane ” Distaccamento 777 ” non hanno ufficialmente partecipato al conflitto, ma hanno comunque addestrato i ribelli, dando loro preziose esperienze e abilità. Secondo la summenzionata corrispondenza tra H. Clinton e il suo consigliere infatti, leggiamo:

” Alla fine di febbraio 2011, il feldmaresciallo Hussein Tantawi, presidente del Consiglio supremo delle forze armate egiziane (SCAF) e il capo dello stato maggiore Sami Annan hanno ordinato alle forze speciali egiziane di iniziare il supporto segreto per le forze combattenti contro Muammar Gheddafi. 

” Queste truppe egiziane vengono usate con molta attenzione, perché Tantawi e gli altri membri del Consiglio Supremo delle Forze Armate Egiziane non vogliono rivelare questa assistenza ”

” Le forze speciali egiziane operano in piccoli gruppi e sono vestite come libici dalle aree confinanti con l’Egitto “.

” Ufficiali egiziani di alto rango nelle conversazioni private hanno confermato che le forze speciali egiziane hanno contribuito a molte vittorie dei ribelli ” .

Questi estratti dalla corrispondenza forniscono un’idea eccellente di come gli egiziani hanno agito con abilità in questo conflitto, attirando un minimo di attenzione, contribuendo in realtà all’apertura del confine orientale della Libia al flusso di merci militari e truppe straniere. Ciò ha migliorato radicalmente la logistica per i ribelli a est, le cui forniture erano state precedentemente limitate al rilascio di merci dagli aerei e alla fornitura di rifornimenti via mare. Naturalmente, un altro punto importante era la partecipazione diretta delle truppe egiziane nelle battaglie una settimana prima dell’inizio dell’attacco della coalizione.

In gran parte a causa di accresciute misure di segretezza, si sa molto poco sulle altre azioni delle forze di terra egiziane. È stato riferito che nell’estate del 2011 sono state coinvolte nella protezione di alcune basi militari (compresi diversi depositi di munizioni) nell’area di Tobruk. Anche su Internet è stata pubblicata una fotografia del carro armato egiziano M60, presumibilmente vicino alla città di Derna.

Emirati Arabi Uniti

La posizione delle truppe degli Emirati Arabi Uniti era identificata  principalmente nella parte occidentale della Libia, ovvero nell’area di Zawiya.  Markus Molin , dell’Università svedese di Difesa , nella sua opera ” Cloak and Dagger: Libici rivoluzionari e il ruolo delle forze speciali alleate ” , riferisce che le forze speciali degli Emirati Arabi Uniti sono arrivate all’inizio della primavera 2011 alle montagne di  Nasuf  nella parte occidentale della Libia per fornire armi ai ribelli attraverso la Tunisia. In una fase successiva, gli Emirati sono passati all’addestramento dei ribelli. Successivamente, gli Emirati Arabi Uniti hanno mandato altri 20 uomini delle forze speciali, che hanno addestrato  i ribelli ad attaccare Tripoli. Quando questa operazione è iniziata, gli Emirati hanno condotto l’offensiva da Zawiya alla capitale libica.

Inoltre, notiamo che un messaggio è stato reso pubblico dalle forze fedeli a Gheddafi sulla cattura di un ufficiale dell’esercito degli EAU, ma non ci sono state conferme o fotografie indipendenti su questo episodio.

Parte 3

Oltre alle forze regolari  della NATO e alle truppe arabe, sulla terra della Libia c’erano altri due tipi di alleati ai ribelli  che non dovrebbero aver avuto un impatto decisivo sull’esito della guerra, ma senza una breve descrizione della loro partecipazione, l’articolo non sarebbe completo. Stiamo parlando di mercenari stranieri e jihadisti di altri paesi.

mercenari

Oltre ai rapporti sulla partecipazione delle truppe regolari della NATO nel conflitto, ci sono stati riferimenti nella stampa sui professionisti delle forze speciali in pensione della NATO che hanno addestrato i ribelli e preso parte alle battaglie.

Ad esempio, il giornale il Guardian ha rivelato la partecipazione al conflitto delle forze speciali britanniche in pensione, ingaggiate da compagnie private e finanziate da una serie di fonti, tra cui il Qatar. Chris Huge , redattore militare del MIRROW nel suo articolo “La guerra segreta britannica in Libia: le forze speciali britanniche viste nell’azione terrestre ” fornisce una descrizione più dettagliata:

” Sono britannici e sono pagati indirettamente dai contribuenti britannici attraverso una società privata, mentre il denaro viene pagato attraverso una catena di diverse società. Questi veterani sono mercenari (con una paga che va fino a 10 mila sterline al mese) con esperienza di operazioni militari in Iraq, Afghanistan, Colombia e Irlanda del Nord.

I loro stipendi non sono pagati direttamente attraverso un fondo speciale del governo britannico. Fanno parte di ciò che viene chiamato Contour– un’associazione informale di vecchi combattenti che “lavorano” nei luoghi più bui del mondo. 

I capi, lamentandosi della mancanza di esperienza dell’esercito insorto ribelle, composto principalmente da civili, hanno autorizzato ufficiosamente la sua formazione da parte di consulenti britannici. 

Questi soldati d’élite si specializzano in viaggi in punti caldi e conducono “addestramenti per addestratori” su come addestrare le truppe. I ribelli avevano disperatamente bisogno di loro, poiché il livello della loro formazione era terribile. Oltre ad addestrare i ribelli, questi consiglieri erano anche disegnatori di obiettivi  per le forze della NATO. Si sono anche occupati dell’identificazione di bersagli per elicotteri britannici e francesi sotto attacco durante il supporto diretto all’offensiva.

Secondo alcuni rapporti, circa 100 “tiratori ” britannici hanno preso parte alla guerra dalla parte delle forze di opposizione libiche, che è paragonabile al numero di forze speciali britanniche SAS e di altre unità coinvolte nel conflitto.

Ci sono state anche notizie della presenza in Libia di una delle più grandi compagnie militari private francesi, Secopex . Nel maggio 2011, uno degli organizzatori di questa compagnia, un ex paracadutista Pierre Martiali, è stato ucciso dai ribelli a Bengasi durante uno strano e controverso arresto di lui e di diversi dipendenti della compagnia.

Alcuni casi erano piuttosto divertenti. The Globe and Mail riferì che ” Charles Barlow, un ex soldato canadese che dirige una società di sicurezza privata, consegnò ai ribelli un drone acquistato dal produttore Ontario Robotics. Tale attività fu approvata dal governo canadese, che fungeva da organizzatore, collegando i rappresentanti dei ribelli e la compagnia canadese Irion Lebs. Alla fine di luglio 2011, Barlow è volato a Malta, dove lo ha caricato a bordo dell’ex peschereccio della Corea del Sud, utilizzato dai rappresentanti del Consiglio nazionale di transizione (PNS). 

Dopo un viaggio di 18 ore via mare, ha raggiunto Misurata, da dove è stato portato all’aeroporto, dove ha iniziato a scaricare la sua attrezzatura. Ha insegnato ai ribelli a usare il drone Scout per trovare l’artiglieria di Gheddafi a 4 chilometri di distanza. » PNS (oi suoi sponsor) pagati per l’addestramento di scout e gestione dei droni, e dopo 2 giorni Charles Barlow andò a casa.

Nonostante il fatto che la loro partecipazione sia stata effettivamente organizzata e finanziata dalle forze della Coalizione, i mercenari non possono essere considerati truppe straniere “ufficiali”, ma il loro ruolo nella vittoria delle forze che hanno rovesciato Gheddafi non può essere sottovalutato, dato che erano consiglieri e almeno non peggiore degli ufficiali della NATO, mentre potevano essere usati più liberamente in prima linea.

jihadisti

Gli islamici radicali in Libia hanno notevolmente rafforzato le loro posizioni negli anni ’90 con l’aiuto dei “veterani” della guerra afgana che hanno combattuto contro le truppe sovietiche (i cosiddetti “arabi afghani”).

Già nel 1995, formarono il gruppo militante islamico libico , che iniziò a combattere attivamente il regime di Gheddafi, organizzando anche il fallito tentativo di assassinio sul colonnello. La loro roccaforte era la parte orientale del paese, la Cirenaica.

Insieme ad altri gruppi islamisti, principalmente i Fratelli Musulmani, furono attivamente sottoposti alla repressione delle autorità libiche, l’apoteosi della quale fu la soppressione della rivolta nella prigione di Abu Salim, durante la quale morirono circa 1.200 prigionieri (per la maggior parte islamisti radicali) e fino a 200 poliziotti . Inoltre, dozzine (se non centinaia) di islamisti sono fuggiti da Gheddafi all’estero e si sono uniti volontariamente alle organizzazioni terroristiche più radicali, “per praticare”, principalmente ” Al Qaeda”“.

È noto che tra gli islamici libici che hanno combattuto in Iraq è stata la più grande percentuale di kamikaze rispetto ai fanatici di altri paesi. Negli anni successivi, parte degli islamisti furono rilasciati dalle prigioni libiche, principalmente a causa della politica di riconciliazione, che il figlio del colonnello Saif al-Islam Gheddafi cercò di perseguire..

Tuttavia, furono gli islamisti radicali a diventare una delle principali forze dei ribelli nel 2011, avendo dimenticato tutte le loro promesse di riconciliazione e, forse, erano la parte più pronta al combattimento dei ribelli.

Quasi immediatamente, radicali e terroristi di tutto il Medio Oriente hanno iniziato a venire in loro aiuto, volendo vendicarsi del regime di Gheddafi per le sue politiche riguardanti gli islamisti. Sfortunatamente, a differenza delle guerre in Iraq e in Siria, non si sa molto sul numero di islamisti stranieri in Libia. Possiamo solo confermare che la maggior parte di loro proveniva dall’Egitto e dalla Tunisia, unendosi, rispettivamente, i gruppi ribelli orientali e occidentali.

Il nucleo dei jihadisti tunisini erano i radicali seguaci di quei 2500 islamisti che furono liberati dalle prigioni dopo la rivoluzione di Tunisi del 2011. Anche molti islamisti arrivarono dal Sudan e dall’Arabia Saudita.

Dopo il rovesciamento del regime di Gheddafi e la vittoria delle forze di opposizione, la Libia divenne un “importatore netto” di radicali islamici provenienti da tutto il Medio Oriente, ma il movimento andò nella direzione opposta. Un sacco di radicali (sia libici che nuovi arrivati) partirono per combattere in Siria con le truppe governative, alcuni andarono in altri punti caldi. Ad esempio, due jihadisti che hanno combattuto dalla parte dei ribelli contro le forze di Gheddafi, il saudita Abu Hudhaif Al-Hazali e l’egiziano Khaled Saled sono stati eliminati dall’esercito israeliano durante il fallito attacco nel sud di Israele il 18 giugno 2012. È così che Israele, il peggior nemico di Gheddafi, lo “vendicò” contro altri nemici.

Conclusione

Alla fine dell’articolo, si riconosce che l’argomento in discussione è ancora in attesa di più ricercatori professionisti e un possibile accesso ufficiale o non ufficiale agli archivi, allo scopo di rendere più esauriente la ricerca. L’articolo stesso è completamente basato su fonti basate su Internet, molte delle quali hanno la sfortunata caratteristica di scomparire nel tempo. È anche estremamente difficile trovare foto e video pertinenti, ad esempio, l’autore non è riuscito a trovare un video della parata dei “veterani” della guerra in Libia, che si è svolta un paio di anni fa a Doha.

E tuttavia, anche le informazioni fornite in questo articolo sono sufficienti a suffragare le seguenti conclusioni:

1) Grazie all’addestramento di diverse centinaia di forze speciali della NATO, l’esercito ribelle si è evoluto da una folla di “carne da cannone” destinata a sconfiggere una forza relativamente combattiva, che alla fine è stata in grado di sconfiggere le truppe di Gheddafi. Naturalmente, il ruolo dell’aviazione della Coalizione era estremamente importante, ma la guerra fu vinta sul terreno.

2) Senza il supporto delle forze speciali della NATO (cecchini, artiglieri e, soprattutto, coordinatori), così come i soldati della Legione straniera francese , l’assalto a Tripoli sarebbe statomolto più prolungato. Lo stesso si può dire delle unità speciali del Qatar, della Giordania e degli Emirati Arabi Uniti.

3) Le forze speciali egiziane assicurarono il controllo sulla parte orientale della Libia entro la fine di febbraio 2011, attraverso il quale il flusso principale di armi passò per i ribelli. Possiamo anche supporre che sia stato questo sostegno a giocare un ruolo decisivo nella vittoria dei ribelli, dal momento che le truppe di Gheddafi senza questo apporto avrebbero preso Bengasi in pochi giorni ,  prima dell’inizio degli attacchi della Coalizione. È possibile che gli egiziani abbiano “rubato” questi pochi giorni.

4) L’esercito sudanese e i servizi speciali hanno fornito il controllo sul confine sud-orientale e parzialmente meridionale della Libia, che ha complicato e ridotto l’afflusso di alleati e mercenari di Gheddafi dal Ciad, Niger e Mali.

5) Le truppe del Qatar e della Giordania, con il supporto di carri armati e veicoli blindati, hanno preso parte alle battaglie decisive per Tripoli e Sirte guidando e sostenendo i ribelli.

6) Il morale generale dei ribelli è aumentato significativamente a causa della presenza delle forze di terra della Coalizione.

PS E per suscitare interesse nel tema della ricerca degli amanti delle teorie del complotto, l’autore raccomanda di vedere almeno l’inizio del fantastico film d’azione del 1994 Escape is impossible ( No Escape) . Il protagonista del film, l’ex capitano della marina John Robbins, è stato condannato all’ergastolo per l’omicidio di un alto ufficiale che ha ordinato la sparatoria di civili a Bengasi (Libia) nel … 2011. Incredibile coincidenza.

autore: Tupolev

Facebook Comments