Fort Detrick: dove è stato possibile spingersi in nome della contrapposizione

La storia segreta di Fort Detrick, la base della CIA per gli esperimenti sul controllo mentale - Lo scopo della sua esistenza? In fondo solo aiutare a far mantenere la supremazia globale

Fort Detrick: dove è stato possibile spingersi in nome della contrapposizione 1

fort Detrick

Oggi è un laboratorio all’avanguardia. Negli anni Cinquanta e Sessanta fu il centro degli esperimenti più oscuri del governo degli Stati Uniti.

Di STEPHEN KINZER – 15 settembre 2019 – https://www.sott.net/

Nel 1954, un medico di una prigione nel Kentucky isolò sette detenuti neri e li nutrì con dosi “doppie, triple e quadruple” di LSD per 77 giorni di fila. Nessuno sa cosa ne sia stato delle vittime. Potrebbero essere morti senza sapere che facevano parte del programma altamente segreto della CIA per sviluppare modi per controllare le menti – un programma basato su una base dell’esercito poco conosciuta con un passato oscuro, Fort Detrick.

La periferia suburbana ha inghiottito Fort Detrick, una base dell’esercito a 50 miglia da Washington nella città di Frederick nel Maryland. Settantasei anni fa, tuttavia, quando l’esercito scelse Detrick come luogo in cui sviluppare i suoi piani super segreti per condurre la guerra biologica, l’area intorno alla base sembrava molto diversa. In effetti, è stato scelto per il suo isolamento. Questo perché Detrick, ancora fiorente oggi come base principale dell’esercito per la ricerca biologica e che ora comprende quasi 600 edifici su 13.000 acri, è stato per anni il centro nevralgico dell’impero nascosto della chimica e del controllo mentale della CIA.

Detrick è oggi uno dei laboratori all’avanguardia al mondo per la ricerca sulle tossine e antitossine, il luogo in cui si sviluppano le difese contro ogni piaga, dal fungo delle colture all’ebola. Il suo ruolo di leader nel settore è ampiamente riconosciuto. Per decenni, tuttavia, gran parte di ciò che accadeva alla base è stato un segreto strettamente tenuto  nascosto. I direttori del programma di controllo mentale della CIA MK-ULTRA, che utilizzavano Detrick come base chiave, distrussero la maggior parte dei loro archivi nel 1973. Ma alcuni dei segreti custoditi sono stati rivelati in documenti declassificati, attraverso interviste e come risultato di indagini del Congresso. Insieme, queste fonti rivelano il ruolo centrale di Detrick nell’MK-ULTRA e nella produzione di veleni destinati a uccidere i leader stranieri.

Nel 1942, allarmato dalle notizie secondo cui le forze giapponesi stavano conducendo una guerra batteriologica in Cina, l’esercito decise di lanciare un programma segreto per sviluppare armi biologiche. Quindi fu assunto un biochimico dell’Università del Wisconsin, Ira Baldwin, per eseguire il programma e gli fu chiesto di trovare un sito per un nuovo complesso di ricerca biologica. Baldwin scelse una base della Guardia Nazionale per lo più abbandonata sotto la montagna di Catoctin chiamata Detrick Field. Il 9 marzo 1943, l’esercito annunciò di aver ribattezzato il campo Camp Detrick, designato come quartier generale dei laboratori di guerra biologica dell’esercito e acquistato diverse fattorie adiacenti per fornire spazio extra e privacy.

Dopo la seconda guerra mondiale, Detrick perse di importanza. Il motivo era semplice: gli Stati Uniti avevano le armi nucleari, quindi svilupparne di biologiche non sembrava più urgente. All’inizio della Guerra Fredda, tuttavia, due sviluppi apparentemente non correlati su lati opposti del mondo sbalordirono la nuova Central Intelligence Agency e diedero a Detrick una nuova missione.

La prima missione fu il processo farsa al Primate Romano Cattolico d’Ungheria Joseph Cardinal Mindszenty per tradimento nel 1949. Al processo, il cardinale apparve disorientato, parlò in tono monotono e confessò crimini che evidentemente non aveva commesso. Poi, dopo la fine della guerra di Corea, fu rivelato che molti prigionieri americani avevano firmato dichiarazioni che criticavano gli Stati Uniti e, in alcuni casi, confessavano crimini di guerra. La CIA fornì la stessa spiegazione per entrambi i casi: lavaggio del cervello. I comunisti, concluse la CIA, devono aver sviluppato un farmaco o una tecnica che ha permesso loro di controllare le menti umane. Nessuna prova di ciò è mai emersa, ma la CIA si è innamorata della fantasia.

Nella primavera del 1949 l’esercito creò una piccola squadra super segreta di chimici a Camp Detrick chiamata Special Operations Division. Il loro compito era trovare un impiego militare per batteri tossici. L’uso coercitivo delle tossine era un campo nuovo e i chimici della Divisione Operazioni Speciali dovevano decidere come iniziare la loro ricerca.

Allo stesso tempo, la CIA aveva appena istituito il proprio corpo di maghi chimici. Gli ufficiali della CIA in Europa e in Asia catturavano regolarmente sospetti agenti nemici e volevano sviluppare nuovi modi per allontanare i prigionieri durante l’interrogatorio dalla loro identità, indurli a rivelare segreti e forse persino programmarli per commettere atti contro la loro volontà. Allen Dulles, che dirigeva la direzione delle operazioni segrete della CIA e che presto sarebbe stato promosso a dirigere l’agenzia, considerava il suo progetto di controllo mentale – prima chiamato Bluebird, poi Artichoke, poi MK-ULTRA – di suprema importanza, la differenza tra la sopravvivenza e l’estinzione degli Stati Uniti.

Nel 1951, Dulles assunse un chimico per progettare e supervisionare una ricerca sistematica della chiave per il controllo mentale. L’uomo che fuscelto, Sidney Gottlieb, non faceva parte dell’aristocrazia del cucchiaio d’argento da cui venivano reclutati la maggior parte degli ufficiali della prima CIA, ma un ebreo di 33 anni di una famiglia di immigrati che zoppicava e balbettava. Era vissuto in una capanna remota senza acqua corrente e si alzava prima dell’alba per mungere le capre.

Gottlieb voleva utilizzare le risorse di Detrick per spingere il suo progetto di controllo mentale a nuovi livelli. Così chiese a Dulles di negoziare un accordo che formalizzasse il collegamento tra i militari e la CIA in questa ricerca. Secondo le disposizioni dell’accordo, secondo un rapporto successivo, “la CIA acquisì la conoscenza, l’abilità e le strutture dell’esercito per sviluppare armi biologiche adatte all’uso della CIA”.

Approfittando di questa disposizione, Gottlieb creò un’enclave nascosta della CIA all’interno di Camp Detrick. La sua manciata di chimici della CIA lavorò così a stretto contatto con i loro compagni nella divisione operazioni speciali che sono diventarono una singola unità.

Alcuni scienziati al di fuori del gruppo sospettavano cosa stesse accadendo. “Sai cosa significa” operazione autonoma e pronta all’uso “?” uno di loro chiese anni dopo. “La CIA ne stava eseguendo uno nel mio laboratorio. Stavano testando sostanze psicochimiche e conducendo esperimenti nei miei laboratori e non me lo dicevano “.

Gottlieb cercava senza sosta un modo per spazzare via le menti umane in modo che ne potessero essere impiantate di nuove al loro posto. Ha testato una sorprendente varietà di combinazioni di farmaci, spesso in combinazione con altri tormenti come l’elettroshock o la deprivazione sensoriale. Negli Stati Uniti, le sue vittime erano soggetti inconsapevoli di carceri e ospedali, tra cui una prigione federale ad Atlanta e un centro di ricerca sulle dipendenze a Lexington, nel Kentucky.

In Europa e nell’Asia orientale, le vittime di Gottlieb erano prigioniere in centri di detenzione segreti. Uno di quei centri, costruito nel seminterrato di un’ex villa nella città tedesca di Kronberg, potrebbe essere stata la prima prigione segreta della CIA. Mentre gli scienziati della CIA ei loro ex compagni nazisti sedevano davanti a un camino di pietra discutendo delle tecniche di controllo mentale, i prigionieri nelle celle del seminterrato venivano preparati come soggetti in esperimenti brutali e talvolta fatali.

Questi furono gli esperimenti più raccapriccianti che il governo degli Stati Uniti abbia mai condotto sugli esseri umani. In uno di essi, sette prigionieri a Lexington, Kentucky, hanno ricevuto dosi multiple di LSD per 77 giorni di fila. In un altro, ai nordcoreani catturati venivano somministrati farmaci depressivi, poi dosati con potenti stimolanti ed esposti a calore intenso ed elettroshock mentre erano in uno stato di transizione indebolito. Questi esperimenti hanno distrutto molte menti e causato un numero imprecisato di morti. Molte delle pozioni, pillole e aerosol somministrati alle vittime sono state create a Detrick.

Una delle vittime più famose degli esperimenti MK-ULTRA fu Frank Olson. Olson era un ufficiale della CIA che aveva trascorso tutta la sua carriera a Detrick e ne conosceva i segreti più profondi. Quando ha iniziato a pensare di lasciare la CIA, i suoi compagni hanno visto una minaccia alla sicurezza. Gottlieb convocò la squadra a un ritiro e fece in modo che Olson fosse drogato con l’LSD. Una settimana dopo, Olson morì buttandosi dalla finestra di un hotel a New York. La CIA lo chiamò suicidio. La famiglia di Olson credeva che fosse stato gettato dalla finestra per impedirgli di rivelare cosa stava preparando all’interno di Camp Detrick.

Un decennio di intensi esperimenti ha insegnato a Gottlieb che ci sono davvero modi per distruggere una mente umana. Tuttavia, non trovò mai un modo per impiantare una nuova mente nel vuoto risultante. Il Graal che cercava gli sfuggiva. MK-ULTRA finì con un fallimento all’inizio degli anni ’60. “La conclusione di tutte queste attività”, ha ammesso in seguito, “era che era molto difficile manipolare il comportamento umano in questo modo”.

Tuttavia Fort Detrick – come fu ribattezzato nel 1956 – , rimase la base chimica di Gottlieb. Dopo la fine di MK-ULTRA, fu usata per sviluppare e immagazzinare l’arsenale di veleni della CIA. Nei suoi congelatori, teneva agenti biologici che potevano causare malattie tra cui il vaiolo, la tubercolosi e l’antrace, nonché una serie di tossine organiche, tra cui veleno di serpente e veleno di molluschi paralizzanti. Lì furono sviluppati veleni destinati a uccidere il leader cubano Fidel Castro e il leader congolese Patrice Lumumba.

Durante questo periodo, il profilo pubblico di Fort Detrick è aumentato a problematico. Nessuno sapeva che la CIA produceva veleni lì, ma il  ruolo di centro principale del paese per la ricerca sulla guerra biologica e anti-colture divenne chiaro. Dalla metà del 1959 alla metà del 1960, i manifestanti si riunivano una volta alla settimana al cancello. “Nessuna razionalizzazione della ‘difesa’ può giustificare il male della distruzione di massa e delle malattie”, hanno scritto in una dichiarazione.

Nel 1970, il presidente Richard Nixon ordinò a tutte le agenzie governative di distruggere le loro scorte di tossine biologiche. Gli scienziati dell’esercito obbedirono. Ma Gottlieb esitò. Aveva passato anni ad assemblare questa micidiale farmacopea e non voleva distruggerla. Dopo aver incontrato il direttore della CIA Richard Helms, accettò con riluttanza di non avere scelta.

Però un lotto, un veleno di molluschi estremamente potente noto come saxitossina,  sfuggì dalla distruzione. Due contenitori contenenti quasi 11 grammi di sassitossina, sufficienti per uccidere 55.000 persone, erano nel deposito di Gottlieb a Fort Detrick. Prima che i tecnici dell’esercito potessero rimuoverli, due ufficiali della divisione operazioni speciali li caricarono nel bagagliaio di un’auto e li portarono al Navy Bureau of Medicine and Surgery a Washington, dove la CIA gestiva un piccolo magazzino chimico. Uno degli assistenti di Gottlieb in seguito testimoniò di aver ordinato questa operazione senza informare il proprio capo. Quando la sassitossina fu scoperta e distrutta nel 1975, Gottlieb si era ritirato.

Gottlieb fu l’americano più potente sconosciuto del 20 ° secolo, a meno che non ci fosse qualcun altro che condusse esperimenti brutali in tre continenti e avesse una licenza di uccidere rilasciata dal governo degli Stati Uniti. Detrick, la sua base, contiene ancora storie non raccontate della crudeltà iniziata in quel posto, a soli 50 miglia dal centro del governo degli Stati Uniti che le ha tenute sigillate per decenni.


 

Il nuovo libro di Stephen Kinzer è Poisoner in Chief: Sidney Gottlieb and the CIA Search for Mind Control.

correlato:

Exit mobile version