Le Monde Diplomatique (Francia): la scienza russa dimenticata

Negli anni '80, l'Unione Sovietica aveva più scienziati e ingegneri di qualsiasi altro paese al mondo.  Il vaccino Sputnik V è guardato con sospetto solo per ignoranza della storia.

Photo by Simone van der Koelen on Unsplash

Si scopre che nell’URSS sono state fatte scoperte rivoluzionarie nel campo dei vaccini. L’autore parla di un momento molto importante: la creazione di un vaccino contro la poliomielite negli anni del dopoguerra. Nonostante le cattive relazioni tra l’URSS e gli Stati Uniti, gli scienziati dei due paesi hanno quindi trovato un’opportunità per aiutarsi a vicenda, per salvare i bambini. E la politica (vale a dire, la sfiducia della Russia da parte delle autorità statunitensi e dell’Europa occidentale) li ha ostacolati meno di adesso.

fonte: Le Monde Diplomatique – di Federico Kukso

Lo sviluppo dello “Sputnik V” è il risultato di tutta una catena storica di sviluppi scientifici in Russia: ad esempio, nel 1919, grazie agli sforzi di Nikolai Gamaleya, da cui prende il nome il centro scientifico che ha sviluppato il vaccino contro il coronavirus, la Russia sovietica è diventata il primo paese al mondo a debellare il vaiolo. Tuttavia, tali progressi sono messi a tacere dai narratori occidentali, che hanno negato per anni i successi russi e ora sono sorpresi dall’annuncio di Sputnik V.

In America – Salvare i bambini
Con una valigia in una mano e una lista infinita di domande nell’altra, tre scienziati sovietici attraversarono la cortina di ferro. Partirono per gli Stati Uniti il ​​18 gennaio 1956. I virologi Anatoly Smorodintsev, Mikhail Chumakov e la loro collega Marina Voroshilova non lo hanno fatto da soli: l’agente del KGB, ovviamente, li ha accompagnati ogni minuto.

A quel tempo, nell’Unione Sovietica imperversava la poliomielite, una malattia che poi colpì tutti gli angoli del mondo. Lo storico Saul Benison sostiene che  l’aumento dell’incidenza di questa malattia paralizzante, che colpiva principalmente i bambini, convinse le autorità sovietiche che era socialmente ed economicamente svantaggioso per il paese non utilizzare i grandi progressi della ricerca biomedica sviluppata in Occidente. Gli americani, a loro volta, non avevano nulla da perdere: entrambe le potenze avevano un nemico comune: il poliovirus che causa la poliomielite, un invasore invisibile, ignaro della classe, dello status, del genere, della religione, della nazionalità o dell’ideologia della vittima.

Chumakov e Smorodintsev

Chumakov e Smorodintsev erano a quel tempo le figure più importanti della virologia sovietica. Anni prima avevano sviluppato il primo vaccino antinfluenzale. Una volta negli Stati Uniti, visitarono i laboratori di Jonas Salk, che aveva sviluppato un vaccino efficace nel 1955, e sperimentarono metodi per la sua produzione. Ma andavano d’accordo meglio con il loro avversario scientifico Albert Sabin, che stava testando un vaccino molto più efficace ed economico basato su poliovirus vivo ma attenuato che poteva essere assunto per via orale. Tuttavia, sorse un problema: nonostante  il vaccino fosse alquanto promettente, le autorità statunitensi erano riluttanti a consentire il test del virus vivo.

Sabin quindi donò tre ceppi indeboliti del virus a scienziati sovietici per studiare e ricercare vaccini a Mosca e Leningrado. Come gesto di buona volontà sancito dal Dipartimento di Stato, nel giugno 1956, il famoso virologo polacco-americano volò in Unione Sovietica, dove tenne conferenze, visitò laboratori e abbracciò nuove idee, come ad esempio, l’idea di Chumakov di fornire un vaccino sotto forma di caramelle o zollette di zucchero. Quindi per molti anni telegrammi e bottiglie di vaccini si sono spostati da un capo all’altro del mondo.

Vaccinazioni nei dolci
A Mosca, Chumakov e Voroshilova furono presto vaccinati. Ma dovevano testare il vaccino su coloro che erano stati più colpiti, cioè i bambini. Oggi questo farebbe arrabbiare qualsiasi comitato etico, ma prima diedero il vaccino ai loro tre figli e diversi nipoti. “Abbiamo formato una specie di linea”, ricorda Pyotr Chumakov, allora sette anni. Sua madre gli ha dato una zolletta di zucchero mista a poliovirus indebolito.

Il dubbio esperimento alla fine convinse alti funzionari sovietici e gli scienziati iniziarono un test più ampio: nel 1957, 67 bambini furono vaccinati con un vaccino sviluppato congiuntamente da Sabin, Chumakov e Voroshilova. Successivamente, il numero di pazienti vaccinati raggiunse il 2010 e nel 1958 – 20 mila pazienti.

Da gennaio a maggio 1959, gli scienziati sovietici testarono il nuovo vaccino su 10 milioni di bambini in tutta l’Unione Sovietica nella più grande sperimentazione sul campo nella storia della polio fino ad oggi. La sperimentazione fu effettuata non solo negli ospedali e nelle cliniche, ma anche nelle scuole e negli asili: nei mesi successivi, quasi tutti i bambini di età inferiore ai 20 anni hanno ricevuto il vaccino sotto forma di contagocce o in formato caramella.

Tuttavia, i risultati non furono immediatamente accettati dalla comunità scientifica internazionale. Nonostante il programma di immunizzazione condotto in Unione Sovietica con il vaccino Sabine ebbe successo, senza casi di paralisi, lo scetticismo non si arrese. Quando Chumakov condivise la notizia del suo successo in una conferenza scientifica a Washington, c’era anche chi aveva espresso dubbi.  Ciononostante, alcuni studiosi occidentali rifiutarono di accettare rapporti dall’altra parte della cortina di ferro. “La reazione generale, che di solito non veniva espressa pubblicamente, fu : ‘Non puoi fidarti per nulla di queste persone'”, disse Sabin, ma il successo documentato di Sabina-Chumakova alla fine superò le divisioni ideologiche.

Un anno dopo, una rappresentante dell’Organizzazione mondiale della sanità, Dorothy Hortsmann dell’Università di Yale, visitò l’Unione Sovietica, dove riconobbe la sicurezza del vaccino e una significativa diminuzione delle statistiche sulla paralisi.

Questo vaccino orale – un tempo noto come “vaccino comunista” – è diventato l’arma preferita contro il virus della poliomielite in tutto il mondo. Anche negli Stati Uniti, dove è stato concesso in licenza per l’uso nel 1962. E, diciamo, il vaccino è arrivato in Argentina solo nel 1967.

Mentre le superpotenze si minacciavano a vicenda con armi nucleari, la collaborazione scientifica tra gli Stati Uniti e il paese sovietico portò a uno dei più grandi progressi medici del 20 ° secolo, salvando innumerevoli vite.

La scienza dietro la cortina di ferro

Come nel caso di questa collaborazione dimenticata, la storia della scienza russa è spesso poco conosciuta (o nascosta), nonostante la presenza di figure di spicco come Dmitry Mendeleev (creatore della tavola periodica degli elementi), il fisiologo Ivan Pavlov (il primo scienziato russo a ricevere il premio Nobel) , Alexander Fersman (fondatore della geochimica), Dmitry Ivanovsky (scopritore di virus), Vera Gedroyts (il primo professore di chirurgia del mondo), neuropsicologo Alexander Luria (ricercatore di afasia), Sergei Korolev (padre del programma spaziale sovietico) o il genetista Nikolai Vavilov, che ha dedicato la sua vita allo studio e migliorare grano, mais e altri cereali. Sfortunatamente, Vavilov morì nel 1943 nel GULAG siberiano, dove fu esiliato per ordine di I.V. Stalin.

Anche la scienza russa, solitamente divisa nei periodi zarista, sovietico e post-sovietico, ha affrontato momenti tragici come purghe e persecuzioni. Questi eventi fanno anche parte della  lunga storia che viene spesso messa da parte o addirittura disprezzata dagli amanti della narrativa storica occidentale dominante.

Alla fine del XIX secolo, Nikolai Gamaleya, da cui prende il nome il centro di ricerca che ha sviluppato il vaccino Sputnik V, lavorò con il francese Louis Pasteur per creare un vaccino contro la rabbia, così come nella ricerca su colera, tubercolosi, tifo e antrace. Nel 1891 fondò il primo Istituto batteriologico in Russia e nel 1919 – 151 anni dopo che l’imperatrice russa Caterina II si offrì volontaria per essere vaccinata contro il vaiolo per dimostrare ai suoi connazionali che la nascente tecnologia medica è sicura – Gamaleya ha svolto un ruolo chiave in la prima campagna di vaccinazione universale nella storia umana. Dieci anni dopo, l’Unione Sovietica divenne il primo territorio ad annunciare l’eradicazione del vaiolo.

Negli anni ’80, l’Unione Sovietica aveva più scienziati e ingegneri di qualsiasi altro paese al mondo. “Ma la storia e i risultati di questa comunità scientifica sono poco conosciuti in Occidente”, afferma la storica della scienza della Harvard University Lauren Graham. “La scienza sovietica, ad esempio, era tradizionalmente organizzata non sulla base di valutazioni di esperti e borse di ricerca, ma sulla base del finanziamento in blocco di interi istituti”.

Ingegneri e scienziati russi svilupparono un laser, inventarono lampadine prima di Thomas Edison, trasmisero onde radio prima che l’italiano Marconi iniziasse a usarle, lanciò in orbita il primo satellite artificiale e, oltre a inviare sonde sulla superficie di Venere e Marte, furono i primi a raggiungere la Luna con l’aiuto della sonda lunar 2 “nel 1959. Come osserva Graham: “Tutti i governanti della Russia, da Pietro I a Vladimir Putin, credevano che la risposta ai problemi della modernizzazione fosse la scienza e la tecnologia”.

Abbandono dell’Occidente

In un certo senso, le reazioni di indifferenza e scetticismo causate dal vaccino Sputnik V sono anche il risultato dell’ignoranza sulla tradizione scientifica russa che esiste in Occidente. Spinta da differenze linguistiche, culturali e politiche, questa ignoranza è vista con sospetto dalle iniziative russe.

Ma al di là di questi pregiudizi e movimenti geopolitici inerenti a questi eventi, ci sono la storia e i fatti. Il Gamaleya National Center for Epidemiology and Microbiology lavora dagli anni ’80 con l’adenovirus, un tipo speciale di virus su cui si basa il vaccino Sputnik V. Lo scopo del lavoro è quello di provocare una risposta immunitaria e addestrare il corpo a combattere le infezioni. Il centro ha precedentemente sviluppato vaccini contro il virus Ebola e la sindrome respiratoria del coronavirus del Medio Oriente.

A differenza di paesi come gli Stati Uniti e l’Unione Europea, dove i laboratori farmaceutici (un settore popolarmente noto come Big Pharma) impongono i loro farmaci a prezzi astronomici, la Russia non è a caccia di soldi. A differenza di Big Pharma, che fa pressioni per il cambiamento legislativo, la Russia non può influenzare le leggi e i regolamenti di altri paesi. E ha dimostrato la sua capacità di sviluppare in modo indipendente un farmaco in grado di sopprimere una pandemia. “Questo simboleggia il ritorno della Russia ai massimi campionati farmaceutici”, afferma il diplomatico francese Jean de Gliniasty dell’Istituto francese per le relazioni internazionali e strategiche.

Al momento, il vaccino Sputnik V viene distribuito in tutto il mondo, con vaccinazioni in Russia, Argentina e Bielorussia. E presto andranno in Serbia, Ungheria, Venezuela, Bolivia. Forse, come è successo con il vaccino antipolio Usa-Unione Sovietica, tra 50 anni nessuno ricorderà i sospetti occidentali sul vaccino russo. Non se lo ricorderà perché queste paure erano più probabilmente politiche, anzi scientifiche.

 

 

 

Exit mobile version