Forniture di Gas: per far dispiacere alla Russia l’Europa è disposta a distruggersi

Forniture di Gas: per far dispiacere alla Russia l'Europa è disposta a distruggersi 1

Il futuro distopico continua il suo corso: Europa si sta distaccando dalla Russia come il più grande fornitore di gas. Il distacco già si vede con una riluttanza alle richieste di gas russo. Ovviamente, non si tratta di un distacco completo ma nel futuro l’attuale tendenza politica di non utilizzare gas russo, avrà i suoi effetti. Nel frattempo, il consumatore si abitua psicologicamente al fatto che non ci sarà più gas a buon mercato. Molto probabilmente, il prezzo diminuirà gradualmente e ammonterà a $ 500-700 per mille metri cubi. Questo è un prezzo estremamente conveniente per i produttori di scisto americani, il cui livello di redditività è di circa $ 70-90 per mille metri cubi, a seconda del campo petrolifero. Di conseguenza, l’industria dello scisto statunitense potrebbe dover riavere una nuova spinta.
Intanto Putin sottolinea il bias cognitivo: il gasdotto North Stream 2 è pronto e pineo di gas, basterebbe da parte europea solo aprire il rubinetto ma la Germania non lo fa e frappone questioni di procedure burocratiche.  L’articolo che segue è di ZeroHedge:

Putin: Nord Stream 2 è carico di gas e pronto per la consegna

Di ZeroHedge – 30 dicembre 2021,

Il presidente russo Vladimir Putin ha notato che il gasdotto Nord Stream 2 verso la Germania è completamente pronto e pronto per iniziare a pompare le esportazioni di gas.
Putin ha annunciato per la prima volta che il secondo tratto del gasdotto di oltre 1.200 km è stato riempito di gas e, una volta approvato, avrà un impatto immediato sulla crisi energetica europea.
Il Nord Stream 2 è diventato uno degli oleodotti più controversi al mondo, con alcuni che accusano la Russia di usarlo come arma geopolitica.
Unisciti alla nostra comunità

Mercoledì il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato che il gasdotto Nord Stream 2 verso la Germania è completamente pronto e pronto per iniziare a pompare le esportazioni di gas, in mezzo a un continuo ritardo nell’approvazione normativa da parte tedesca.

Salutando il completamento del gasdotto da 11 miliardi di dollari che gli Stati Uniti hanno lavorato a lungo per bloccare, Putin ha detto a una riunione del governo a cui ha partecipato il capo di Gazprom Alexei Miller, “Vorrei congratularmi con Gazprom e i tuoi partner in Nord Stream 2 per il completamento dei lavori e la creazione di questa ulteriore grande strada principale e che sia pronta per il lavoro”, secondo Reuters.

Putin ha annunciato per la prima volta che il secondo tratto del gasdotto di oltre 1.200 km è stato riempito di gas e, in modo cruciale, ha affermato che la messa in linea ridurrà inevitabilmente i prezzi del gas in Europa – che di recente hanno raggiunto livelli record – anche in Ucraina. Ha detto che una volta che il gas inizierà a fluire, si sentirà un impatto positivo “immediato” sul mercato.

Questo, sicuramente, avrà un impatto immediato sul prezzo sul mercato, sul posto. E tutti i paesi, i consumatori in quei paesi che consumano il gas russo, ovviamente, lo sentiranno loro stessi”, ha spiegato Putin. Tuttavia, si prevede che il ritardo nella certificazione continuerà, non dovrebbe arrivare tramite i regolatori tedeschi prima della fine della prima metà del 2022, scrive Reuters.

Correlati: il petrolio si arricchisce con un altro prelievo di scorte di greggio

Lo stesso giorno, in un luogo separato e in un’intervista, un alto funzionario del Cremlino ha denunciato l’impennata dei prezzi del gas in Europa come una crisi di sua creazione, dovuta in gran parte alla sua scarsa pianificazione. Il vice primo ministro Alexander Novak ha dichiarato: “È difficile dire quando finirà il periodo dei prezzi elevati. A mio parere, ci deve essere una fornitura di gas che copra la domanda in Europa a pieno titolo. Devono essere create riserve adeguate negli stoccaggi sotterranei di gas, necessario per attraversare in modo affidabile la stagione invernale.

Ecco quando ha aggiunto: “Se la maggior parte del consumo in Europa è supportata da consegne a lungo termine da Russia, Algeria e Norvegia, allora la situazione con i prezzi sarà più stabile “, ha detto Novak. “Una delle ragioni della crisi energetica in Europa è la mancanza di pianificazione “, ha affermato il funzionario. I funzionari europei, ha detto, riponevano troppe speranze sul mercato, “sulle consegne di gas in loco, che oggi sono presenti e domani mancano”.

Nel frattempo, Washington potrebbe non aver finito con le sanzioni NS2 – dopo che Biden in precedenza aveva fatto marcia indietro sull’applicazione rigorosa delle sanzioni dell’era Trump dalla parte tedesca del progetto…

Facendo eco ai commenti di Putin, Novak ha sottolineato che la Russia è in questo momento fisicamente pronta a soddisfare la domanda: “La base di risorse disponibile in Russia consente di soddisfare le richieste dei consumatori europei in qualsiasi volume“. Ma ha anche sottolineato che Gazprom “ha bisogno di contratti a lungo termine perché sono necessari ingenti investimenti per aumentare la produzione, con un ritorno a lungo termine“, secondo TASS.

Di Zerohedge.com

Exit mobile version